La Lampre-Merida diventa UAE Abu Dhabi

La squadra Lampre-Merida, data già per certa per la stagione 2017 come TJ-Sport, diventa invece UAE Abu-Dhabi.

In un’operazione dai risvolti pochi chiari, la Lampre doveva diventare cinese, ma i compratori hanno fatto dietrofront, ed alla fine sono degli arabi che hanno portato lo sponsor principale, assicurando quindi la licenza WorldTour.

4346_lampre-merida-2016-ulissi

, , ,

6 risposte a La Lampre-Merida diventa UAE Abu Dhabi

  1. rosso73 26 dicembre 2016 at 12:34 #

    E pensare che avevano fatto una presentazione in pompa magna con investimenti fino a Tokio 2020 e bla bla..ecc intervista di Saronni sulla gazza poi al momento di cacciare j soldi spariti!!!
    in questo caso grazie agli arabi e ai loro petroldollari!!!

    Mi piace 0 Non mi piace 0
    • micky 26 dicembre 2016 at 21:12 #

      La cosa è un po più complessa; proprio in questi mesi il governo cinese ha fatto delle nuove leggi sulle sponsorizzazioni che partono dalla Cina e vanno all’estero.
      Perchè questo? Perchè molto spesso le sponsorizzazioni sono delle coperture per riciclaggio di soldi e perchè il governo centrale cerca di limitare la “fuga di capitali”.

      Saronni aveva già ricevuto un anticipo della somma, ma i tempi andavano per le lunghe appunto per questa nuova normativa, e così Saronni ha dovuto guardare altrove.
      I finanziatori (TJ Sport faceva solo da tramite) avevano in programma un progetto che andava oltre la “semplice” squadra WT.
      E dagli stessi appassionati cinesi adesso ci sono diverse persone arrabbiate per la brutta immagina data dal Paese nel mondo del ciclismo.

      Mi piace 1 Non mi piace 0
  2. darrigade 26 dicembre 2016 at 16:15 #

    Non c’è proprio da fidarsi.Grazie agli Arabi che con il loro intervento forse Saronni riuscirà a salvare il TEAM.

    Mi piace 0 Non mi piace 0
  3. golance 27 dicembre 2016 at 12:28 #

    non so se son peggio questi o quelli che stanno comprando il milan da 4anni e mezzo e han pagato si e no le borracce

    Mi piace 0 Non mi piace 0
  4. johnny pedals 28 dicembre 2016 at 01:05 #

    E così la nazione che nel ciclismo ha dominato in ogni dove, la nazione dei campionissimi e dei gregari, la nazione dove Gino fe l’impresa e fermò la guerra, la nazione del testa bassa e pedalare tutti insieme, la nazione che ha insegnato a tutti a costruire biciclette, selle felpate e altri orpelli … quella nazione… non ha più una squadra degna di rappresentarla come si deve. L’Italia e i suoi eroi del pedale, sentitamente ringraziano tutti coloro, che negli ultimi vent’anni hanno contribuito a infangare irrimediabilmente l’immagine di questo sport.

    Mi piace 1 Non mi piace 0
    • POWDERFINGER 28 dicembre 2016 at 06:08 #

      I nostri “””grandi””” imprenditori pensano solo al calcio, se va bene, oppure a vendere tutto pur di prendere i soldi dall’estero e fare cassa, in particolare dalla Francia. Mentre i francesi, invece, vengono da noi e comprano. Perché i nostri non lo fanno? Perché si ritorna a quello che ho scritto all’inizio.

      Mi piace 0 Non mi piace 0

Lascia una risposta


Single Sign On provided by vBSSO