[Test] SRAM Force 1 + Zipp 404 disco

SRAM ci ha offerto la possibilità di provare il gruppo Force 1 con dischi idraulici e le nuove Zipp Firecrest 404 disc.

Per fare questo ci ha inviato direttamente una bici montata con il suddetto gruppo e ruote, oltre alla varia componentistica Zipp (sempre di casa SRAM quindi). Il telaio da loro scelto è lo Specialized Roubaix SL4 (provata qui), ma il test si riferisce solo a gruppo trasmissione e ruote.

IMG_1665-1

Particolarità del gruppo Force 1 è quello di essere monocorona, soluzione ormai consolidata nel mondo MTB e Ciclocross. SRAM infatti ha lanciato per primo il gruppo Force CX, da cui è stato mutuato questo Force 1. La guarnitura del Force 1 in test, in versione con misuratore di potenza Quarq,  era dotata di corona da 44 denti.

IMG_1667-2

Cuore del sistema monocorona è il deragliatore posteriore, il quale non deve solo permettere lo spostamento della catena sui vari pignoni, in dotazione avevamo una cassetta 11-36, ma anche la corretta tensione della stessa. Per fare questo il deragliatore è dotato di una frizione a cuscinetti che mantiene la gabbia del cambio più ferma impendendo alla catena di sbattere sul fodero del carro e saltellare anche su terreni accidentati. Oltre a questo i denti delle pulegge (da 12 denti) sono più lunghi del normale, idem quelli della corona anteriore, oltre ad essere alternati con uno spessore più stretto e più largo, in modo da tenere la catena ben salda ed impedire deragliate indesiderate, scarsa precisione della stessa o cadute di catena. Il deragliatore posteriore è disponibile in tre lunghezze di gabbia: lunga per pacchi pignone 11-32 o 10-42 denti; media: 11-26 o 11-36 denti; corta 11-26 o 11-28 denti. Le corone disponibili sono: 38-40-44-46-48-50-52-54.

Altra particolarità di questo deragliatore è la funzione Cage Lock, che grazie ad un pulsante posto sul cambio blocca la gabbia dello stesso dopo averla spinta in avanti mantenendola in posizione. Questo per facilitare l’estrazione della ruota posteriore in caso di manutenzione o forature.

IMG_1668-3

Schermata 2016-08-04 alle 15.10.59

Funzionamento Cage Lock

Chiaramente il deragliatore anteriore non è presente.

IMG_1670-5

Quindi anche il relativo comando sinistro non presenta il meccanismo e la levetta per cambiare rapporto.

IMG_1678-13

Per quanto riguarda i freni, i Force idraulici sfruttano evidentemente tutto il know-how di casa Avid, sempre parte del gruppo SRAM. Nella versione in test disponevano di due rotori da 160mm. La Roubaix non era predisposta per perni passanti, quindi il sistema di chiusura era tramite sgancio rapido.

IMG_1676-11 IMG_1673-8

Ora questi freni sono disponibili anche per standard FlatMount Shimano, che sembra essersi imposto nell’uso stradale.

IMG_1682-17

Le ruote montate erano le Firecrest 404 di Zipp in versione disco. Queste ruote si basano sui cerchi in carbonio per copertoncino già utilizzati dalle 404 Firecrest “normali”, ovvero cerchi da 58mm, larghi 26,53mm all’esterno e canale interno da 16,25mm. Questi a loro volta sono montati sui mozzi 77/177D tramite 24 raggi Sapim Cx-ray. Peso massimo consentito del ciclista 114kg. Pressione massima 8bar. Ruote wide come impone la tendenza attuale quindi.

Le ruote sono compatibili per quick-release e perno passante 12x100mm o 15x100mm all’anteriore e 12x135mm o 12x142mm al posteriore. Sono inoltre compatibili con i corpetti XD per poter montare il pignone da 42 denti SRAM (mentre per montare il 40 delle cassette Shimano non è necessario).

Il peso della coppia è di circa 1750gr.

IMG_1672-7  IMG_1674-9

Le ruote erano gommate Zipp Tangente Course R28, da 28mm, ma che montati diventavano quasi 30mm reali. 270gr il peso cadauno.

IMG_1675-10  IMG_1671-6

A completare il tutto gli accessori Zipp Course Sl e Speed in carbonio: attacco manubrio e reggisella. Mentre il manubrio era la versione in alluminio. Così come i portaborraccia modello Alumina.

IMG_1677-12  IMG_1679-14 IMG_1680-15 IMG_1681-16

Sul campo

Protagonista principale del test è chiaramente il gruppo monocorona, una novità in campo stradale, che pertanto desta curiosità. L’aspetto principale per quanto mi riguarda è il funzionamento, ed in questo caso se ne può parlare solo bene. La cambiata è molto secca, ma precisa, mentre il gruppo è molto silenzioso. Anche su strade rovinate o strade bianche la catena resta sempre molto ferma e non si sentono colpi sul fodero basso. In realtà la grande curiosità da parte delle persone incontrate per strada che notavano la soluzione monocorona riguardava i rapporti. Questo aspetto però non mi pare valutabile in assoluto, in quanto a monte ci deve essere una scelta dei rapporti più adeguati all’utilizzo ed alle proprie capacità. Quindi è bene armarsi di tabelle o calcolatrici e valutare gli sviluppi metrici di cui necessitiamo prima di ordinare il gruppo.

IMG_1683-18

In assoluto si può invece dire che la disponibilità di rapporti è inferiore alle soluzioni classiche con doppia corona, idem per la spaziatura dei rapporti, che, dipendentemente dalla combinazione di pignoni e corona montata, può arrivare ad un 3% in più, al massimo, rispetto il salto medio tra due denti di una combinazione per doppia. Questo lo si avverte soprattutto nelle situazioni in cui si fanno velocità più elevate, dove a volte si sente nettamente il “buco” tra due pignoni.

IMG_1684-19

Questo ci riporta alla considerazione sulla scelta dei rapporti, che è fondamentale. Un ciclista incontrato per strada, che montava anche lui un monocorona, era molto negativo verso la soluzione, ma montava un bel 50 come corona (con massimo pignone 32) su un percorso con varie salite. E’ evidente che non sia la soluzione “monocorona” ad essere errata in quel caso, ma la scelta dei rapporti in base all’utilizzo e le proprie capacità. Scegliendo bene i rapporti non ci sono difficoltà di sorta. In particolare proprio in salita, dove la spaziatura tra pignoni può anche essere un po’ più abbondante.

Chiaramente si sacrifica qualcosa in termini di versatilità. E questo mi porta a concludere che la soluzione monocorona sia adatta ad utilizzi molto specifici: triathlon, cronometro, gare in circuito. O ad utilizzi come le randonnée o il turismo/Gravel, in cui non vi è la necessità di rapporti poco spaziati e raramente si fanno velocità “estreme” sia in piano-discesa, sia in salita.

IMG_1685-20

A questo punto però sorge la questione dei reali benefici della soluzione singola corona. Il risparmio di peso non è molto significativo (70gr circa), mentre la semplicità dell’operare un singolo deragliatore è una questione più che altro di abitudine e/o psicologica, nel senso che da un lato è una semplificazione non dover pensare ad incroci & c., dall’altra cambia un po’ con l’abitudine il dover maggiormente adattare la propria cadenza ai rapporti invece che smanettare continuamente per trovare quello adatto. Ma anche questo credo sia soggettivo.

IMG_4273

Per usi specifici come gare in circuito credo che il beneficio sia il minor rischio di cambiate sbagliate nella concitazione della gara e possibili cadute di catena. Per utilizzo tri/crono i vantaggi paiono essere maggiormente presenti dal punto di vista aerodinamico, in quanto il deragliatore è fonte di indesiderate e nocive turbolenze (fonte: Damon Rinard, ingegnere Cervélo), anche se questi argomenti sono sempre difficilmente generalizzabili e più spesso di scarso impatto verso i consumatori.

Trovo che sia un’ottima soluzione per un utilizzo come le randonnée, in quanto il sistema è molto robusto, c’è un pezzo in meno che si può rompere e sregolare, e con una rapportatura come quella del test è utilizzabile su praticamente qualunque percorso. Avendo una seconda cassetta è inoltre facilmente adattabile a percorsi tipo super-randonnée. Il fatto che questo gruppo fosse montato su una bici come la Roubaix può evidentemente aver condizionato questo giudizio, in quanto la bici, nel complesso, era una perfetta macchina per questo utilizzo.

IMG_4275

Con questo arrivo alle considerazioni sui freni a disco. Il Force 1 con rotori da 160mm offrono grande potenza e buona modulabilità. Rispetto Shimano, a parità di dimensione dei dischi, direi più potenza ed un po’ meno modulabilità, con qualche fischio e sfregamento in più però. Forse la causa di questo sono i dischi stessi. Gli Ice-Tech di Shimano in questo si confermano eccellenti prodotti.

Qualche dubbio viene sull’utilità di una soluzione per disco con cerchi ad alto profilo come sono le Zipp 404. Per gare in circuito i freni a disco non mi sembrano essere essenziali. Idem per tri/crono, dove addirittura penalizzano l’aerodinamica. Possono essere utili per randonnée su percorsi piatti e filanti, ma il profilo da 58mm mi pare essere persino esagerato, almeno per l’utente medio. In particolare in rapporto al peso non proprio piuma. Ancora di più se combinate con i copertoncini Tangente da 28mm, che offrono ottimo grip, grande comodità (pressioni min.-max: 4.8-6.9bar), ma ovviamente pagano qualcosa sempre dal lato ponderale.

IMG_1686-21

Menziono infine l’ottimo misuratore di potenza Quarq: mai un problema, misurazioni perfettamente in linea con SRM.

Conclusioni:

Il gruppo Force1 è un ottimo prodotto per quanto concerne il funzionamento, con una robustezza da mountainbike. Va valutata molto bene la rapportatura o considerato l’acquisto di due cassette da alternare. Tra tutti gli utilizzi possibili, forse il meno indicato è quello granfondistico, dove una più ampia scelta di rapporti consente di stare più tranquilli su qualunque tipo di percorso e situazione di gara.

Ottima anche la qualità delle Zipp 404, che nella versione disco lasciano qualche dubbio sull’utilizzo a cui possono essere destinate visto il profilo da 58mm.

Di ottimo impatto estetico i componenti Zipp Speed Sl. Efficaci nella tenuta, anche su strade bianche e pavé, i portaborraccia Alumina.

Prezzi

Zipp Firecrest 404 disc: 2500eu

SRAM Force 1 idraulico: 1539eu

Manubrio Zipp Service Course Sl70: 99eu

Attacco manubrio Zipp Speed Sl: 290eu

Reggisella Zipp Sl Speed: 290eu

Portaborraccia Alumina: 37eu

Copertoni Tangente R28: 57eu

 

, , , , , , , ,

24 risposte a [Test] SRAM Force 1 + Zipp 404 disco

  1. bomberos 4 agosto 2016 at 20:54 #

    Di queste americanate ne abbiamo le tasche piene!!!! Sram poi farebbe bene ad orientarsi nella mtb invece di proporre soluzione obbrobriose come il monocorona…
    E’ proprio vero..al peggio non c’e’ mai fine

    Mi piace 2 Non mi piace 3
    • Marco Toniolo 4 agosto 2016 at 20:56 #

      relax, è solo un’opzione in più sul mercato. Non la vuoi? Comprati la doppia.

      Mi piace 2 Non mi piace 0
    • gibo2007 5 agosto 2016 at 08:12 #

      Sulla MTB penso che Sram stia già facendo sfracelli. Ora cerca di guadagnarsi fette di mercato sulla strada (intesa in senso lato). Poi il consumatore è libero di spendere i soldi come vuole

      Mi piace 0 Non mi piace 0
  2. luciobike 4 agosto 2016 at 21:11 #

    Apprezzo molto lo sviluppo tecnologico. Però esteticamente è inguardabile, sia la corona, che il pacco pignoni oversize. Io non ho la gamba, sono di coscia debole, purtroppo mi devo accontentare di un50/34. Ma se potessi monterei, un bel 53/39. Esteticamente le bici , con il padellone sono belle e filanti, con il giro catena molto rastremato.

    Mi piace 0 Non mi piace 0
  3. Devastazione 4 agosto 2016 at 21:22 #

    Non mi abiturero’ mai alle ” torri idrauliche ” dei comandi Sram,comunque gruppo molto valido,mi sono ubn po’ pentito di aver preso la Diverge con il 105 anziche’ questo.

    Mi piace 0 Non mi piace 0
  4. Andrea Sicilia 4 agosto 2016 at 21:33 #

    Faccio un pò fatica a capire la loro scelta dell’1×11 quando già la mtb gli ha insegnato che è una coperta corta e loro stessi hanno introdotto il 12.
    Le tue considerazioni, mutuabili nella mtb, confermano che come qui per quelle in circuito va bene, così lì trova la sua naturale destinazione nelle xc. Entrambe gare ove le cambiate repentine (e a volte sbagliate) sono all’ordine del giorno. E qui come lì in GF o marathon, una doppia è più versatile.
    E’ anche vero che in mtb i salti di denti che qui “lamenti” sono meno fastidiosi.
    In sostanza penso che un 12v (ce lo ho in test ora) possa allungare di un tot la coperta coniugando versatilità e semplicità di uso, cosa in cui il monocorona è top. Il non cadere della catena, l’averla sempre in tensione, e il non dover adattare il pignone utilizzato allorchè si cambia corona, rendono il monocorona molto efficiente. E mi par di capire dalle tue considerazioni che sia così anche in bdc come in mtb.

    Mi piace 2 Non mi piace 0
  5. C_dale 5 agosto 2016 at 07:15 #

    Francamente trovo difficile adattare tutte le motivazioni sull’utilizzo dell’ 1×11 che sono state usate per la mtb alla bdc. Credo più che altro che sia il disperato tentativo di introdurre qualcosa di nuovo in un mercato che è già saturo ed offre ben pochi spunti. Per quanto riguarda i dischi sui cerchi in carbonio ad altro profilo, secondo me vanno colmare un limite tecnico e cioè quello della frenata sul bagnato; Finalmente si riusciranno a sfruttare a pieno i benefici dell’aerodinamica con delle ruote che frenano sul serio!

    Mi piace 3 Non mi piace 0
  6. faberfortunae 5 agosto 2016 at 10:00 #

    Sui dischi si è già detto di tutto e di più sicchè non mi pare il caso di tornarci… quanto al monocorona non posso che parlarne bene in ambito ciclocross dove il fabbisogno di rapporti è notevolmente inferiore rispetto alla strada o alla MTB e l’eliminazione di un fattore di rischio caduta catena è soluzione quanto mai apprezzabile.
    Certo sulla strada le cose variano un bel po’, occorre avere una grande conoscenza delle proprie capacità, dei percorsi e della compagnia con la quale si pedala per scegliere di volta in volta la cassetta più adeguata o la corona più indicata. Non vedo quindi alcun reale vantaggio o beneficio rispetto al sistema tradizionale, se non per l’eliminazione di un componente da manutenere (statisticamente qual è poi la probabilità che si rompa il cavo deragliatore anteriore?), sempre che la regolazione della trasmissione sia corretta e che si evitino cambiate improbabili. Alla luce di ciò io l’avverto più come una (auto)limitazione piuttosto che un’agevolazione, ma mi rendo conto che il tema è molto soggettivo e può essere che altri la vedano, a ragione, in modo diverso.

    Mi piace 2 Non mi piace 0
  7. Zac36100 5 agosto 2016 at 12:47 #

    non sanno proprio più cosa inventarsi, e ogni giorno ne esce una nuova. Strano che i cerchi fossero ancora i “vecchi” 28pollici, ero sicuro introducessero i 27 + 3/8 con copertoni semitubeless tubolar clincher in trifluoro di grafene. Mi pare ci sia davvero molta confusione e le case produttrici tentino il tutto per tutto.
    La prova di questi prodotti è interessante e tutto sommato persino curiosa…

    Mi piace 0 Non mi piace 0
  8. claudio62new 5 agosto 2016 at 17:53 #

    Alt fermi. Perchè tutte queste risposte negative? Lo avete provato? Io nel mio telaio (pensate ancora di alluminio, ma forcella in carbonio ) che è diventato un laboratorio ho montato il fratello minore: il Rival 1. Corona da 46, poi ho acquistato un paio Dt Swiss R24 Spline usate e con un adattatore ho montato la cassetta 10-42. Non sono un scalatore, ma le salite che facevo prima con il 50/34 le faccio adesso con il monocorona: che orrore!! Scusate ma sperimentare non si può?

    Mi piace 1 Non mi piace 0
    • stambecco 5 agosto 2016 at 20:17 #

      Non c’è bisogno di provarlo per essere certi che il monocorona e i salti di 3 denti di pignoni per strada sono una cosa assurda, inutile e senza nessuna giustificazione logica o tecnica per esistere.
      Chi dice il contrario o è in cattiva fede o è un ciclista che passeggia allora può uscire con la olandese da donna monorapporto

      Mi piace 1 Non mi piace 2
      • Piergiorgio Sbrissa 5 agosto 2016 at 21:49 #

        Tanto per fare un es. con una corona da 50 ed una cassetta 11-36 si ha il 92% di copertura di rapporti di una semi-compact 52/36 con cassetta 11-28. Sulla doppia i salti tra denti vanno dal 9% al 12%, con la monocorona vanno dal 9% al 15%, col l’unico salto del 15% tra i pignoni 13 e 15.
        Una calcolatrice a volte basta a vincere la cattiva fede.

        Mi piace 2 Non mi piace 0
        • stambecco 5 agosto 2016 at 22:30 #

          Quei numeri che hai detto non dicono niente, sono solo percentuali teoriche che non rappresentano quel che senti nella pratica su strada. Un salto di tre denti, pianura o salita che sia, non è accettabile, è come guidare una macchina cambiando dalla prima alla terza e poi alla quinta….si è fattibile, ma come guidi??
          Se poi uno non ha tante pretese lo monti pure ma non venga a dire che è una soluzione pratica o vantaggiosa o chissà cos’altro

          Mi piace 1 Non mi piace 0
          • Marco Toniolo 5 agosto 2016 at 22:38 #

            Si vede che tu non hai neanche la pretesa di provarlo prima di sparare a zero. Vabè che sulla tua bici olandese non c’é manco il cambio, ma questo non è il sito degli hipster-fermoni.

            Mi piace 0 Non mi piace 0
          • stambecco 5 agosto 2016 at 22:49 #

            Per Marco: l”ho provato sulla mtb e per me non è adatto alla strada

            Mi piace 0 Non mi piace 0
          • Piergiorgio Sbrissa 6 agosto 2016 at 10:04 #

            Forse dovresti parlarne pacatamente con questo qualcuno che ti ha cercato di convincere che sia la soluzione migliore del mondo.
            Qui è stato detto qualcosa di un tantino differente per cui non mi sembra valga la pena di avere crisi isteriche sulla cattiva fede e le olandesine da fighette contro il 53 da machoman.

            Mi piace 1 Non mi piace 0
          • stambecco 6 agosto 2016 at 19:51 #

            Piergiorgio la risposta è venuta sotto ho sbagliato a quotare

            Mi piace 0 Non mi piace 0
  9. claudio62new 5 agosto 2016 at 20:38 #

    Non condivido niente di quello che hai scritto. Cosa vuol dire cattiva fede? Ciclista che passeggia? Perchè dobbiamo esser tutti agonisti?

    Mi piace 1 Non mi piace 0
    • stambecco 5 agosto 2016 at 22:45 #

      Se ti trovi bene a pedalare ovunque con un 46 abbinato a un 10/42 buon per te.

      Mi piace 0 Non mi piace 0
    • stambecco 6 agosto 2016 at 19:49 #

      Guarda che io sono tranquillissimo, e come per altre novità che vengono spacciate per innovazione (e non solo nel settore bici) a mio giudizio gli unici che possono parlarne bene sono quelli che lo producono e lo vendono. Forse cattiva fede è eccessivo ma il concetto è questo.
      In diversi passaggi anche tu che lo hai provato hai (pacatamente) evidenziato qualche limite rispetto ad una doppia tradizionale.
      Infine il riferimento alla olandese non era per evidenziare il machismo ma era riferito al fatto che ha un solo rapporto non modificabile.
      A volte sembra che quel che testate non possa essere criticato, provate un sacco di cose interessanti ma non tutte sono essenziali

      Mi piace 0 Non mi piace 0
      • Piergiorgio Sbrissa 6 agosto 2016 at 22:00 #

        Puoi criticare quello che vuoi, ma un conto sono le critiche, un conto è l’usanza sempre più frequente di aggredire quello che non piace per un motivo o l’altro.
        Quello che penso del monocorona (dopo averlo provato) l’ho scritto e chiunque mi puo’ dire sono d’accordo, non sono d’accordo o quel che gli pare, e se ne puo’ discutere (stiamo parlando di giocattolini da adulti- se serve ricordarlo-), se invece uno parte con la crociata che è tutto un inganno, cattiva fede o truffe varie c’è poco da discutere. Se uno è infastidito dalle novità fa prima a chiudere il computer e ritirarsi in una malga in montagna.

        Ricordo anche che Sram non ha smesso di fare gruppi “normali” eh…offre solo una cosa in più, per chi la vuole.

        Mi piace 0 Non mi piace 0
  10. zippx53 5 agosto 2016 at 21:07 #

    la monocorona per utilizzo stradale è una cagata pazzesca.
    Troppi salti di denti e davanti trovare la giusta dentatura è impossibile..sarai sempre troppo duro o troppo agile.
    Già ho sentito una differenza abissale quando ho provato il 50 (normalmente uso il 53), figuriamoci pedalare con un 48 fisso..no no zero. mi dispiace ma su strada meglio decisamente la doppia.
    Il gruppo force 1 io l ‘ho montato sulla bici da cross e devo dire che è fantastico, ma è un utilizzo diverso.
    Zipp fenomenali niente da dire
    Telaio parecchio osceno o almeno cosi appare in taglia cosi grande.

    Mi piace 0 Non mi piace 0
  11. robydesign 6 agosto 2016 at 23:21 #

    Telaio ORRIDO…!
    Ruote fantastiche…! Ma carissime….!!!

    Mi piace 0 Non mi piace 0
  12. claudio62new 8 agosto 2016 at 00:08 #

    Bravo Piergiorgio!!!

    Mi piace 0 Non mi piace 0

Lascia una risposta


Single Sign On provided by vBSSO