[Test] Ruote DT Swiss PR 1400 DICUT® OXIC

Le ruote in alluminio con piste frenanti nere sono state una novità apprezzata dalla loro introduzione per l’estetica “simil-carbonio”, ma hanno anche portato con se alcuni difetti come la “scoloritura” delle piste o fischi in frenata piuttosto fastidiosi, Mavic Exalith su tutte.

IMG_3101-5

DT Swiss ha introdotto le proprio ruote della categoria, le PR 1400 DiCut Oxic, puntando sulla soluzione di questi problemi, grazie ad un trattamento delle piste frenanti denominato Oxic. Questo trattamento è ottenuto tramite l’immersione dei cerchi in una soluzione elettrolitica con la quale si applica una tensione elettrica tra il cerchio ed il contenitore. La differenza decisiva tra una comune anodizzazione ed il procedimento OXiC risiede nei milioni di scariche plasmatiche che intervengono tra elettrolita e cerchio, applicando nel contempo alta temperatura e pressione sullo strato di ossido che si sviluppa nel procedimento. Come risultato lo strato ossidativo fonde, scorre sulla superficie e si solidifica nuovamente. Durante questo processo la struttura microscopica dell’ossido cristallizza raffreddandosi. Lo strato di ossido cristallizzato ha una migliore adesione all’alluminio dei trattamenti di anodizzazione tradizionali, garantendo un’adesione migliore su forme complesse.

IMG_3107-11

Questo dichiara DT Swiss, sottolineando che non si tratta quindi solo di un trattamento estetico, ma di una soluzione che consente una frenata estremamente potente e costante in ogni condizione. La superficie OXiC è così dura che l’usura delle piste frenanti è di gran lunga inferiore a quella possibile con ruote normali. Deformandosi assieme al cerchio il  trattamento OXiC mantiene le sue proprietà anche sotto carichi meccanici altissimi. Il trattamento OXIC non utilizza mescole organiche o metalli pesanti, rendendolo una tecnologia ecologicamente compatibile, ed infine l’OXIC non contiene alcun inchiostro, vernice o altro, pertanto è totalmente stabile sotto i raggi UV, non scolora e o sbiadisce al sole.

Caratteristiche tecniche

Le Oxic hanno un canale interno da 18mm (esterno 22mm) come vuole la tendenza attuale, per accoppiarsi al meglio con pneumatici di almeno 25mm. Pur con questi cerchi allargati il peso del set è di 1430gr, davvero ottimo, se si pensa anche che fanno uso di normali raggi DT aero comp, con nipples DT ProLock in alluminio, nel numero di 20 all’anteriore e 24 al posteriore.

IMG_3108-12

I raggi straight-pull si inseriscono nei mozzi radialmente. I mozzi sono i DiCut con meccaniche interne dei celebri 240s, con ruota libera con 36 cricchetti per un ingaggio immediato e sicuro.

IMG_3103-7

I cerchi sono Tubeless-Ready e vengono forniti con la valvola apposita, oltre che ovviamente con gli ottimi sganci rapidi RWS.

IMG_3102-6

Prova

Sulla qualità meccanica dei mozzi DT Swiss di questa serie non c’è molto da aggiungere essendo un punto di riferimento sul mercato da anni, utilizzati da un numero notevole di marchi di componenti.

IMG_5290

La grande incognita riguardava l’usura, i fischi e l’efficacia delle piste frenanti. Dopo l’utilizzo invernale con circa 16.000mt di dislivello con anche strade sporche di brecciolino, sale oltre che pioggia, non posso che dirne bene. La frenata è molto buona da subito, coi pattini blu in dotazione, senza essere molto aggressiva. Nessun fischio. Né da nuove né dopo rodaggio. Le Oxic si sono rivelate veramente silenziose, senza nemmeno produrre “suoni” propri, forse cosa dovuta anche al fatto che le piste frenanti presentano microscopiche righe longitudinali alla pista stessa.

IMG_3105-9

Per quanto riguarda l’usura, forse kilometraggio e durata non sono probanti, ma c’è da dire che a fine test le piste sono praticamente immacolate.

I cerchi non li ho mai montati tubeless, ma sempre utilizzati con vari copertoni. Il canale da 18mm, pur non essendo tra i più larghi in commercio, mi sembra essere un compromesso ideale. Ad esempio con copertoni Schwalbe One 25mm hanno una sezione effettiva di 26,8mm, mentre con i Michelin Power allSeason, sempre 25mm, sono 25,5mm.

IMG_3109-13

Nel complesso delle ruote in alluminio sono tra le migliori, se non le migliori, da me provate. Ottimo peso, robuste, ben costruite, frenata ottima in ogni circostanza ed estetica attuale. Ottimi anche gli sganci RWS, dall’utilizzo facile ed efficaci.

IMG_3110-14

Prezzo: 998eu

Sito DT Swiss

, ,

38 risposte a [Test] Ruote DT Swiss PR 1400 DICUT® OXIC

  1. ciclo12 20 marzo 2017 at 10:11 #

    Peso? Prezzo?
    Grazie!
    Luca

    Mi piace 0 Non mi piace 0
    • Andrea Sicilia 20 marzo 2017 at 10:39 #

      Il peso c’ è scritto nell’articolo. E anche il prezzo a fine articolo è indicato.

      Mi piace 1 Non mi piace 0
  2. pavlinko80 20 marzo 2017 at 12:36 #

    non e’ specificato come si comportan la frenata con la pista frenante bagnata, in caso di strada bagnata o leggera pioggia

    Mi piace 0 Non mi piace 0
    • Piergiorgio Sbrissa 20 marzo 2017 at 16:47 #

      Ho scritto che le ho usate anche con la pioggia e col bagnato in generale. La frenata è ottima, migliore di alluminio “normale”, anche se non aggressiva come con le piste Exalith di Mavic.

      Mi piace 0 Non mi piace 0
  3. flavio-resana 20 marzo 2017 at 14:08 #

    Senza dubbio sembra una soluzione interessante, il peso di 1430 grammi rientra nella media, sicuramente sono ruote molto solide, esteticamente gradevoli e senza troppi fronzoli; le avrei provate anche con un buon tubeless da 25 mm per saggiarne la miglior (sicuramente) performance nonché comfort su strade non tirate a biliardo.

    Nella mia esperienza posso dire di aver corso sia con bici disc che con caliper, ruote di alto livello per entrambe; senza dubbio la frenata disco è costante nel tempo, costante ad alta temperatura e mi annulla totalmente il rischio di trasmettere alla camera d’aria od al tubolare il calore in eccesso.
    Di pregio, il caliper, ha che le ruote presenti sul mercato sono NETTAMENTE superiori in termini numerici (offerta) e siamo ancora distanti come qualità percepita…nonché di peso globale (non parliamo di massa periferica ovviamente).

    Bella scelta di DT SWISS questa di avere una ruota alluminio molto simile esteticamente al carbonio, mantenendo la struttura del cerchio estremamente gradevole e tecnicamente “allargando” la sezione a 18C; a beneficio di estetica e di gestione ruote da 25 mm in su.

    La prova delle ruote è stata molto esaustiva, rimane da capire come si comportano con pioggia intensa o strada molto bagnata, inteso come asciugatura della pista frenante ed attacco frenata con pista bagnata…non è stato ben specificato.
    Per il resto ruote che sono (a mio avviso) auto-vendenti visto il marchio e la qualità.

    Mi piace 1 Non mi piace 0
  4. pavlinko80 20 marzo 2017 at 14:45 #

    appunto quello che chiedevo io. come si compoartano con la pista frenante baganta????

    Mi piace 0 Non mi piace 0
  5. C_dale 20 marzo 2017 at 15:34 #

    Davvero belle!

    Mi piace 0 Non mi piace 0
  6. C_dale 20 marzo 2017 at 15:36 #

    Sono le dirette concorrenti delle Fulcrum Racing Zero Nite?

    Mi piace 0 Non mi piace 0
    • Piergiorgio Sbrissa 20 marzo 2017 at 16:49 #

      Si, Fulcrum zero Nite, Shamal Mille, Mavic R-Sys.
      Le prime non le ho provate, mentre rispetto le Mavic sono migliori a mio avviso, sia come qualità dei mozzi che per la silenziosità (le mavic fanno fischi indecenti). Anche l’usura dei pattini è inferiore.

      Mi piace 0 Non mi piace 0
      • andrea 21 marzo 2017 at 09:06 #

        grazie per l’articolo, ma una cosa che vorrei sapere da te che le hai provate è il livello di confort.
        Io ho avuto le mavic Slr che per come la vedo io sono dure e poco confortevoli. Anche le Zero (ruote da gara) sono poco confortevoli. Questo dipende dal cerchio ma soprattutto dai raggi molto spessi.
        Le Dt invece hanno raggi più fini, quindi mi chiedo se siano confortevoli come una ruota classica tipo Neutron Ultra o se invece il raggio straight-pull le rende anch’esse rigide e scorbutiche.
        Grazie
        Andrea

        Mi piace 0 Non mi piace 0
      • _Flavio_ 23 marzo 2017 at 14:42 #

        Son ruote molto interessanti ammetto, unico neo il profilo molto molto basso…

        Invece non mi trovo molto con i commenti sulle mavic a meno che non intendi la prima serie exalith…ho avuto due paia di exalith2 e dopo migliaia di km non ho mai avuto scolorimenti e nemmeno fischi, tolti i primi 3-400km per gommare la pista.

        Mi piace 1 Non mi piace 0
        • Piergiorgio Sbrissa 23 marzo 2017 at 16:40 #

          Si, mi riferivo alle exalith prima serie. Anche se pure le seconde qualche fischio lo fanno…da nuove poi…le Dt assolutamente no.

          Mi piace 1 Non mi piace 0
  7. BrunoDM 20 marzo 2017 at 15:41 #

    Belle anche se il profilo da 21mm a me non fa impazzire. Un piccolo rilievo sul peso: immagino vada aggiunto al valore indicato quello del nastro DT SWISS (para nipples/tubeless) per cui credo che il peso reale sia almeno sui 1470gr

    Mi piace 0 Non mi piace 0
  8. Simone.01 20 marzo 2017 at 23:35 #

    Ma appena sballate non dovrebbero avere già montato il nastro? Le varie DT Swiss che ho visto in negozio hanno tutte il nastro già montato.

    Mi piace 0 Non mi piace 0
  9. jack75 21 marzo 2017 at 07:16 #

    Cerchio identico alle mie ritchey zeta II logicote, stesso trattamento e confermo dopo molti km, nessun scolorimento. Le mi le danno anche qualche grammo meno delle dt, se non ricordo male sotto il kg e 4. Ottime ruote!

    Mi piace 0 Non mi piace 0
  10. andrea 21 marzo 2017 at 09:06 #

    grazie per l’articolo, ma una cosa che vorrei sapere da te che le hai provate è il livello di confort.
    Io ho avuto le mavic Slr che per come la vedo io sono dure e poco confortevoli. Anche le Zero (ruote da gara) sono poco confortevoli. Questo dipende dal cerchio ma soprattutto dai raggi molto spessi.
    Le Dt invece hanno raggi più fini, quindi mi chiedo se siano confortevoli come una ruota classica tipo Neutron Ultra o se invece il raggio straight-pull le rende anch’esse rigide e scorbutiche.
    Grazie
    Andrea

    Mi piace 0 Non mi piace 0
    • Piergiorgio Sbrissa 21 marzo 2017 at 21:55 #

      Difficile rispondere. Le Mavic R-sys per es. le ho sempre provate con 23mm, idem le neutron (oltretutto parecchio tempo fa). Direi che sono “mediamente” comode, ma sono sensazioni.

      Mi piace 0 Non mi piace 0
  11. BEM1974 21 marzo 2017 at 12:37 #

    Le ruote sono bellissime e ad un prezzo non esagerato comnsiderando la qualità…ma sembra di rivivere la stessa parabola della MTB dove come ultimo appiglio per continuare a vendere ruote non disc hanno applicato ai cerchi questi speciali trattamenti. Anche lo sgancio rapido ce l’ho identico nella MTB e devo dire che è comodissimo e permette regolazione millimetriche!

    Comunque sono veramente belle!!

    Mi piace 0 Non mi piace 0
  12. salomone 21 marzo 2017 at 13:25 #

    Vedo che sono fornite con dei pattini freno dedicati.
    Sono “veramente” particolari e psecifici, o sono pattini standard di qualche produttore rimarchiati DTSwiss?

    Mi piace 0 Non mi piace 0
    • Piergiorgio Sbrissa 21 marzo 2017 at 21:56 #

      Credo siano Swissstop. Sono blu e lasciano una specie di “alone” blu tra cerchio e copertone.

      Mi piace 0 Non mi piace 0
  13. ska78 21 marzo 2017 at 18:36 #

    le ho avute in prova piu di un mese fa e le ho ordinate subito…..e finalmente 4gg fa sono andato a montarle….avevo le zero nite…ke dire queste son di gran lunga migliori…frenata ottima e un collega che le ha usate alle strade bianche mi ha confermato la bonta della frenata anche in condizioni meteo avverse…non fischiano e montate cn tubless sono scorrevolissime…. gran sensazione di sicurezza in discesa dovo io non sono un gran fenomeno ma ieri ha fatto i 72 all ora su una discesa dove di solito nojn raggiungo mai quella velocita,,,,eppure mi sentivo sicuro…. non per ultimo il prezzo molto concorrenziale…

    Mi piace 0 Non mi piace 0
    • lorenzoyzf 22 marzo 2017 at 07:23 #

      nemmeno alle strade bianche si sono scolorite le piste frenanti?
      grazie

      Mi piace 0 Non mi piace 0
      • ska78 22 marzo 2017 at 12:41 #

        no ho visto le ruote del mio socio dopo strade bianche e non si sono scolorite….dtswiss l aveva cmq dichiarato che non si scoloriscono…

        Mi piace 0 Non mi piace 0
  14. andytnt80 22 marzo 2017 at 11:42 #

    non si potrebbe aggiungere una foto della bici intera, giusto per capire l’effetto che fanno nell’insieme?
    Certo che se le piste non si sono scolorite nemmeno sulle strade bianche di quest’anno direi che vanno molto bene..

    Mi piace 0 Non mi piace 0
  15. ska78 22 marzo 2017 at 12:48 #

    Mi piace 0 Non mi piace 0
  16. ska78 22 marzo 2017 at 12:51 #

    [IMG]http://i68.tinypic.com/2iih99g.jpg[/IMG]

    Mi piace 0 Non mi piace 0
  17. ska78 22 marzo 2017 at 12:51 #

    [IMG]http://i68.tinypic.com/2iih99g.jpg[/IMG]

    Mi piace 0 Non mi piace 0
  18. zippx53 23 marzo 2017 at 08:35 #

    Veramente belle e da come sembra vanno anche molto bene.
    Peccato che chi come me alterna una coppia di ruote in carbonio, dovrebbe stare là a cambiare pattini ogni volta. MA questo problema si presenta con tutte le tipologie di ruote in alu con la pista frenante trattata..purtroppo.

    Mi piace 0 Non mi piace 0
    • ska78 23 marzo 2017 at 11:26 #

      anch io usavo ruote da allenamento e prima delle gf montavo le zipp 202 ( che usavo apounto solo in gare x preservarle dato il costo e la fragilita’)..ma mi sono rotto ogni volta di star li a montare e smontare cassette e pattini cosi volevo una ruota non troppo onerosa da usare in allenaemto e anke in gara ma di gamma medio alta e direi ke queste dt swiss si son rivelate la scelta migliore

      Mi piace 0 Non mi piace 0
  19. Versus 2 aprile 2017 at 09:56 #

    Cavolo, a leggere tutti i commenti e la recensione queste dt swiss sarebbero davvero le ruote perfette per me, che inizialmente volevo prendere le R0 nite.
    Ma cavolo esteticamente proprio non mi piacciono. So che è una sciocchezza, ma anche l’occhio vuole la sua parte.
    Mi sa che andró sulle R0 competizione, che costano solo 100€ in più, sempre 2way fit, ma esteticamente decisamente più belle

    Mi piace 0 Non mi piace 0
  20. bitterneess 4 aprile 2017 at 17:01 #

    ruote molto belle hanno una larghezza del cerchio interessante. Qualcuno sa dirmi se ci sono molte differenze con ruote tipo Paradigm elite Bontrage con cerchio ancora più’ largo?

    Mi piace 0 Non mi piace 0
  21. lap74 5 aprile 2017 at 10:56 #

    A livello di consumo dei pattini cosa può dirmi l’autore dell’articolo?

    Mi piace 0 Non mi piace 0
  22. livestrong72 18 aprile 2017 at 09:50 #

    I pattini dei freni li ha montati inclinati, come da indicazioni del produttore, oppure paralleli?

    Io le ho provate diverse volte che pattini paralleli ed in alcune situazioni fischiano ma DT SWISS sostiene che inclinando i pattini il problema si risolva

    Mi piace 0 Non mi piace 0

Lascia una risposta

Single Sign On provided by vBSSO