Van Avermaet vince la Roubaix 2017

Finale al cardiopalmo per la Paris-Roubaix 2017, con vittoria allo sprint del favorito e dominatore Greg Van Avermaet (BMC), che fa quasi poker dopo le vittorie alla Gent-Wevelgem, E3 Harelbeke ed il secondo posto al Fiandre.

Schermata 2017-04-09 alle 17.37.20

Nella volata finale il belga campione olimpico ha battuto Zdenek Stybar, 2° (Quick Step) ed un sorprendente Sebastian Langeveld (Cannondale) 3°.

Eccellente la gara di Gianni Moscon (Sky), primo degli italiani, 5° . 23enne che fa ben sperare per il futuro delle classiche per l’Italia.

Menzione per il grande lavoro di un altro italiano che ha contribuito alla vittoria di Van Avermaet, ovvero il suo compagno Daniel Oss.

Da segnalare che questa è stata l’edizione più veloce di sempre, complice anche il vento a favore, con la media di 45.204 km/h. Che batte lo storico primato (45,1km/h) di Peter Post del 1964.

 

, , , , ,

5 risposte a Van Avermaet vince la Roubaix 2017

  1. ibondio 10 aprile 2017 at 08:55 #

    Frnacesco Moser ospite Rai ha ribadito più volte che sono andati piano … ai nostri tempi andavamo più forte, saranno questi dei corridori?
    Hanno solo fatto il record di sempre … patetico!

    Mi piace 2 Non mi piace 0
    • carter851 10 aprile 2017 at 14:11 #

      ma tieni conto della media fatta nel ’64 con le bici dell’epoca, sono passati 50 anni e hanno aumentato la media di 0,1 km/h…mi sa che tanto torto non ce l’aveva Moser !!

      Mi piace 0 Non mi piace 0
      • ibondio 10 aprile 2017 at 15:59 #

        Ho paura che sopravvaluti il valore della bici quando si parla di prestazioni in pianura.
        Comunque sono andati più forte di tutti gli anni che sono passati dal 64 ad oggi, compresi quelli in qui correva Moser e quelli in cui sono state introdotte le superperformanti bici in carbonio, le ruote alto profilo, i telai aero ecc….

        Mi piace 1 Non mi piace 0
  2. ChristianR 10 aprile 2017 at 09:56 #

    D’altra parte cosa ti aspetti da uno che durante la gara commenta le coltivazioni di colza…solita mediocrità Rai con livelli talmente bassi che ti chiedi come facciano a non rendersi conto.
    Per fortuna c’è Eurosport col Magro e Salvo Aiello, che non sarà Andrea Berton ma è sulla buona strada.

    Mi piace 1 Non mi piace 0
  3. daybyday 10 aprile 2017 at 17:24 #

    hai perfettamente ragione ChristianR…meno male che c’è Eurosport …altrimenti internet su siti non italiani…….RAI senza speranza ormai

    Mi piace 1 Non mi piace 0

Lascia una risposta


Single Sign On provided by vBSSO