Categoria: Test

[Test] Isaac Proton Di2 Ultegra

Fondato in Olanda nel 2001, il marchio Isaac deve il proprio nome al celebre luminare Isaac Newton, forse il più grande precursore della scienza moderna. Inizialmente votata alla produzione di materiali compositi in carbonio come forcelle e componenti vari, Isaac non ha mai smesso di procedere lunga la via dell’innovazione, abbracciando anche il segmento dei telai e delle biciclette complete, comprendendo non solo carbonio ma anche alluminio. Il modello Proton da noi testato appartiene alla fascia alta del listino della Casa, preceduto solo dal leggerissimo Proton FW. In questo caso Isaac ha messo a nostra disposizione la versione con...

Continua a leggere

[Test] Wilier Zero.7

[img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=94437&s=576[/img] Oggetto di questo test è la Wilier Zero.7 montata con Campagnolo Superrecord a 11 velocità. Il nome dovrebbe già dire tutto: si tratta di un telaio in monoscocca di carbonio dal peso inferiore agli 800 grammi. Praticamente una piuma. Unica cosa che abbiamo scelto del montaggio è la versione Compact 50×34 della guarnitura, visto che il tester (io) si muove sopratutto in montagna. Il pacco pignoni è un 11×25. La bici senza pedali pesa 6.26 chilogrammi (peso rilevato da noi) e monta normali copertoncini Michelin PRO3 montati su ruote Fulcrum Racing Zero. [img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=94432&s=576[/img] Qualche informazione sul tester: peso...

Continua a leggere

[Test] Trek Madone 6.7 SSL

Il nome Madone non è certo nuovo in casa Trek. I primi telai così denominati videro la luce nell’anno 2000, e da allora colsero innumerevoli successi in tutte le competizioni più prestigiose. Nel corso del tempo i materiali costruttivi si sono evoluti, fino a giungere all’attuale configurazione in carbonio OCLV serie 700, uno dei moduli più leggeri e resistenti nel mondo del ciclismo, realizzato per il settore militare e disponibile solo nei paesi NATO. La fibra utilizzata è di tipo HexSL, cioè carbonio aerospaziale, che secondo Trek massimizza il rapporto tra rigidità e resistenza. Il telaio vanta sofisticati accorgimenti...

Continua a leggere

[Test di durata] Canyon Aeroad CF

[img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=44286&s=576[/img] Oggetto di questo test è la Canyon Aeroad CF, ormai sotto torchio della redazione di bdc-forum.it da 6 mesi e di cui ci sentiamo di proporvi un test di durata, visti i 3500 km percorsi e il lungo arco di tempo durante cui abbiamo potuto valutarla. Si tratta del modello 2011, quindi con la componentistica della passata stagione. Da notare, comunque, che il telaio del 2012 è rimasto immutato, così come il gruppo Shimano Durace, presente in ogni sua sfaccettatura sulla nostra Aeroad. È la bici su cui Philippe Gilbert ha vinto la prima tappa del Tour de...

Continua a leggere

[Test] Bianchi Oltre Ultegra Di2

[img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/albums/1/thumbs_576/44289.jpg[/img] Dopo avere provato con grande soddisfazione la Oltre equipaggiata con gruppo Shimano Dura Ace meccanico – qui trovate il nostro test – Bianchi ci ha proposto di saggiare la Oltre con il nuovo gruppo elettronico Shimano Ultegra Di2. Occasione ghiotta, che non ci siamo certi lasciati sfuggire, ideale per valutare le funzionalità del nuovo gruppo elettronico della casa nipponica e per misurare la Oltre con un wheelset diverso da quello già utilizzato in precedenza. Alle sei misure di telaio in produzione, Bianchi ha aggiunto per il 2012 una misura più piccola, 47 cm, andando così a comporre un...

Continua a leggere

[Test] Boardman Road Air 9.2

[img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/albums/1/thumbs_576/37644.jpg[/img] Boardman. Proprio lui, il celebre Chris Boardman. Campione olimpico, tre volte campione del Mondo e detentore del record dell’ora, stabilito nel velodromo di Manchester il 7 settembre 1996 alla media di 56,375 km/h, record poi cancellato dall’UCI poiché realizzato con una bicicletta speciale, la cui aerodinamica posizione in sella era ritenuta eccessivamente favorevole alla prestazione. Ripresosi il record il 27 ottobre 2000 in sella a una bici tradizionale, Boardman si ritirò definitivamente dalle competizioni al termine di quell’anno, senza peraltro abbandonare il mondo del ciclismo. Negli ultimi anni si è dedicato alla produzione di biciclette, dalle specialissime stradali...

Continua a leggere

[Test] Cannondale Super Six EVO Sram Red

[IMG]http://www.mtb-forum.it/community/forum/picture.php?albumid=9365&pictureid=78170[/IMG] Eredita il codice genetico della omologa “Hi Mod”, ma questa Super Six Evo differisce dalla progenitrice sotto molti aspetti. Le geometrie e gli angoli sono i medesimi, tutto il resto è stato riprogettato per migliorare la già elevata efficienza del mezzo. Innegabile l’apporto ingegneristico di Peter Denk, autore di molti progetti di successo in casa Scott prima di accasarsi presso Cannondale. Dal momento in cui è nata l’idea della Super Six Evo a quello della sua realizzazione sono trascorsi due anni, con un grande contributo da parte degli atleti del Team Liquigas-Cannondale, che hanno lungamente testato i prototipi,...

Continua a leggere

[Test] Bianchi Oltre

[IMG]http://fotoalbum.mtb-forum.it/albums/1/thumbs_576/7807.jpg[/IMG] Bianchi. Basta questo per identificare la Fabbrica Italiana Velocipedi Edoardo Bianchi. Biciclette con le quali sono stati scritti interi capitoli della storia del ciclismo, grazie a eroi immortali quali Girardengo, Coppi, Gimondi (che gode tutt’ora di ottima salute), Pantani. Abbiamo avuto l’onore e il piacere di testare la creatura più prestigiosa e tecnicamente evoluta della Casa di Treviglio, il modello Oltre, destriero in forza al Team Androni Giocattoli per l’attuale stagione. Il telaio è in carbonio serie UMS40 ad alto modulo, nella cui matrice sono inserite delle nano polveri. Ecco spiegata la sigla Carbon Nano Tube che compare...

Continua a leggere

[Test] Possenti Asso

[IMG]http://fotoalbum.mtb-forum.it/albums/721/thumbs_576/4421.jpg[/IMG] Ultimamente qualcosa si muove nel made in Italy per quanto riguarda il  carbonio. Alcuni piccoli produttori stanno proponendo telai in carbonio  utilizzando la tecnica del fasciato. Una tecnica che consente di  rispondere alle esigenze dell’amatore medio italico in termini di  prestazioni e di quel “plus” dato da una lavorazione artigianale con  possibilità di fare geometrie “su-misura” e personalizzare la  verniciatura. La cicli Possenti ci ha cosi’ contattati per fornirci in test un suo modello: la [B]Asso[/B]. Pietro ed il figlio Fabio Possenti costruiscono bici dal 1993 in un  paese alle porte di Milano, ma hanno alle spalle una lunga tradizione di  restauri di auto d’epoca e soprattutto verniciatura. La bici ci é stata consegnata praticamente settata al millimetro per le  mie misure antropometriche, per cui non sono stati necessari  aggiustamenti prima dell’utilizzo. Avvenuto per più uscite dal ritmo tranquillo sulle montagne e pianure Bergamasche. [B]Geometrie[/B] [IMG]http://fotoalbum.mtb-forum.it/albums/721/thumbs_576/4622.jpg[/IMG] Il telaio è disponibile standard in 6 taglie sloping. Tra cui, non comune, una XXL per i “gambalunga”. La posizione di guida è piuttosto “comoda”, circa 1 cm più alta al manubrio rispetto la mia bici d’ordinanza. [B]Montaggio[/B] Il cuore della bici è il nuovo gruppo Shimano Ultegra. Impeccabile nel  funzionamento, praticamente perfetto. E personalmente credo addirittura  preferibile al Durace 7900 che uso d’abitudine. Sarà un’impressione, ma i  fili comandi esterni forse hanno il loro peso in questo. Le ruote sono le...

Continua a leggere