automobilisti Vs ciclisti (ancora - parte 2)

Spartano

Apprendista Velocista
19 Aprile 2007
1.698
126
Prato
Visita sito
Bici
Daccordi blè, Tommasini rossa, Olmo bordò, mtb bigia
In Belgio lo fanno praticamente tutti, è considerata una forma di cortesia.
Quando attraverso le strisce faccio sempre un cenno veloce verso l'automobilista, forse lui pensa che ringrazi e non sarebbe sbagliato mail sottotitolo è "occhio che attraverso, non far caxxate"
 

sembola

Velocista
22 Aprile 2004
5.817
6.230
Siena
www.sembola.it
Bici
verde

lechuzo2008

Apprendista Passista
24 Gennaio 2018
986
1.249
61
sassuolo
Visita sito
Bici
colnago
ieri giro a campo imperatore, chi lo conosce sa che è uno dei posti più belli per un'uscita in bicicletta!
dopo essere passato da castel del monte, il ritorno l'ho fatto da Rigopiano, noto soprattutto per la triste vicenda della slavina qualche anno fa!
in totale la discesa è di 19 km e nel primo tratto ,(nonostante asfalto e bosco si fanno di media i 60 all'ora) , ho incontrato nell'ordine:
1) due "pirla" a piedi in mezzo alla mia corsia mentre dall'altra parte arrivava una macchina. gli ho fatto un paio di urla per poi passargli abbastanza vicino da farli sobbalzare...spero per loro avessero un pannolino perchè secondo me qualche traccia indelebile dopo il mio passaggio gli è scappata!:roll:
2) dopo qualche km, in un dritto , una macchina che proveniva in senso contrario al mio ne ha passata un'altra occupando interamente la corsia e ignorandomi completamente! nonostante tutto sono riuscito a stare sull'asfalto per una ventina di cm presumo mentre la maccchina che sorpassava mi è passato accanto a meno di mezzo metro!!
se avessi potuto rincorrerlo, quello giuro, lo avrei menato con una ruota sullo scroto!
3) ero ancora lì che bestemiavo e dopo pochissimo un autoarticolato ( di quelli lunghi più di 12 metri) che trasportava un macchinario agricolo stava svoltando su una curva a gomito e l'ha chiusa completamente. Anche lì me la sono cavata per mezzo metro e sangue freddo perchè conosco bene la problematica avendo lavorato per anni in un magazzino di carico piastrelle! L'unica scusante è che posso capire che mi abbia visto all'ultimo vista la velocità, ma porca kapzo, fermati!!!

quindi mi viene sempre da sorridere quando mi capita di sentire le persone che se la prendono con i ciclisti! ma purtroppo non c'è nulla da fare. Le persone si sono uniformate con il pensiero dominante del momento, qualunque aspetto sociale tocchi, e mettono il cervello in stand by, perchè così si fa meno fatica e si sta insieme con il gregge a belare!
 

iban

Apprendista Passista
26 Maggio 2011
1.098
198
Visita sito
Bici
Merida Scultura 6000\Giant tcr composite 1\Giant tcx slr 2
Penso che molti pagano lo scotto di non essere mai andati in bicicletta. Per noi è una cosa naturale e quindi la sottovalutiamo, ma andare in bici ti porta a comprendere dinamiche che ti influenzano quando sei in auto e incontri un ciclista. Ad esempio, lasciare spazio durante il sorpasso o non affiancarsi in curva. Inoltre, andare in bici sviluppa i sensi, permettendoti di fiutare situazioni di potenziale pericolo anche quando sei in macchina e tentare di prevenirle. La maggior parte degli automobilisti presta attenzione solo alla strada davanti al proprio cofano, fino a 50-60 metri più avanti, dalla striscia di mezzeria fino alla striscia destra. La zona d'attenzione di chi va in bici è molto più ampia e spazia quasi a 360°, incluse le intersezioni che si incontrano. Ad esempio, una macchina che buca uno stop, per un automobilista, sarebbe un evento inaspettato, percepito solo quando la macchina è già in mezzo alla strada. Un ciclista, grazie a questo senso sviluppato, riesce a fiutare il potenziale pericolo quando la macchina è ancora a 4 o 5 metri dalla linea dello stop, potendo anticipare la situazione senza panico.
Quindi secondo me il grosso del problema è che la maggior parte delle persone che sta in strada non ha la minima idea di come si ci comporta su strada e non ha assolutamente la percezione del potenziale pericolo che fa correre alle persone che incontra nel proprio tragitto quindi andrebbe semplicemente educata allo stare in strada, cosa che in teoria dovrebbero fare le autoscuole, che a questo punto avrebbero bisogno di una radicale riforma, così come l'esame per la patente.
Poi c'è una minima parte che è perfettamente conscia dei pericoli che fa correre e lo fa comunque, ma questi sono solo da bastonare.
 

bad

Apprendista Cronoman
22 Novembre 2006
3.004
2.697
nord ovest
Visita sito
Bici
BMC Teammachine slr01
Penso che molti pagano lo scotto di non essere mai andati in bicicletta. Per noi è una cosa naturale e quindi la sottovalutiamo, ma andare in bici ti porta a comprendere dinamiche che ti influenzano quando sei in auto e incontri un ciclista. Ad esempio, lasciare spazio durante il sorpasso o non affiancarsi in curva. Inoltre, andare in bici sviluppa i sensi, permettendoti di fiutare situazioni di potenziale pericolo anche quando sei in macchina e tentare di prevenirle. La maggior parte degli automobilisti presta attenzione solo alla strada davanti al proprio cofano, fino a 50-60 metri più avanti, dalla striscia di mezzeria fino alla striscia destra. La zona d'attenzione di chi va in bici è molto più ampia e spazia quasi a 360°, incluse le intersezioni che si incontrano. Ad esempio, una macchina che buca uno stop, per un automobilista, sarebbe un evento inaspettato, percepito solo quando la macchina è già in mezzo alla strada. Un ciclista, grazie a questo senso sviluppato, riesce a fiutare il potenziale pericolo quando la macchina è ancora a 4 o 5 metri dalla linea dello stop, potendo anticipare la situazione senza panico.
Quindi secondo me il grosso del problema è che la maggior parte delle persone che sta in strada non ha la minima idea di come si ci comporta su strada e non ha assolutamente la percezione del potenziale pericolo che fa correre alle persone che incontra nel proprio tragitto quindi andrebbe semplicemente educata allo stare in strada, cosa che in teoria dovrebbero fare le autoscuole, che a questo punto avrebbero bisogno di una radicale riforma, così come l'esame per la patente.
Poi c'è una minima parte che è perfettamente conscia dei pericoli che fa correre e lo fa comunque, ma questi sono solo da bastonare.
vero tutto,
aggiungerei però che ci sono anche dei ciclisti che non vedono oltre un metro dal proprio naso....
infatti, al netto della sfiga che possiamo avere tutti, ci sono quelli che hanno molti più incidenti/cadute di altri,
c'è chi intuisce il possibile problema e lo anticipa e chi ci sbatte contro
 

Andrè86

Gregario
5 Giugno 2020
686
560
37
Macerata
Visita sito
Bici
Fuji Sportif
in totale la discesa è di 19 km e nel primo tratto ,(nonostante asfalto e bosco si fanno di media i 60 all'ora) , ho incontrato nell'ordine:
1) due "pirla" a piedi in mezzo alla mia corsia mentre dall'altra parte arrivava una macchina. gli ho fatto un paio di urla per poi passargli abbastanza vicino da farli sobbalzare...spero per loro avessero un pannolino perchè secondo me qualche traccia indelebile dopo il mio passaggio gli è scappata!:roll:


quindi mi viene sempre da sorridere quando mi capita di sentire le persone che se la prendono con i ciclisti! ma purtroppo non c'è nulla da fare. Le persone si sono uniformate con il pensiero dominante del momento, qualunque aspetto sociale tocchi, e mettono il cervello in stand by, perchè così si fa meno fatica e si sta insieme con il gregge a belare!
Non so se te ne rendi conto, ma ti sei comportato tale e quale a quegli automobilisti impazienti che fanno il pelo ai ciclisti.
No comment!
 

paolone8

Apprendista Passista
13 Giugno 2008
1.070
512
52
Lago maggiore
Visita sito
Bici
Casati laser chorus
ieri giro a campo imperatore, chi lo conosce sa che è uno dei posti più belli per un'uscita in bicicletta!
dopo essere passato da castel del monte, il ritorno l'ho fatto da Rigopiano, noto soprattutto per la triste vicenda della slavina qualche anno fa!
in totale la discesa è di 19 km e nel primo tratto ,(nonostante asfalto e bosco si fanno di media i 60 all'ora) , ho incontrato nell'ordine:
1) due "pirla" a piedi in mezzo alla mia corsia mentre dall'altra parte arrivava una macchina. gli ho fatto un paio di urla per poi passargli abbastanza vicino da farli sobbalzare...spero per loro avessero un pannolino perchè secondo me qualche traccia indelebile dopo il mio passaggio gli è scappata!:roll:
2) dopo qualche km, in un dritto , una macchina che proveniva in senso contrario al mio ne ha passata un'altra occupando interamente la corsia e ignorandomi completamente! nonostante tutto sono riuscito a stare sull'asfalto per una ventina di cm presumo mentre la maccchina che sorpassava mi è passato accanto a meno di mezzo metro!!
se avessi potuto rincorrerlo, quello giuro, lo avrei menato con una ruota sullo scroto!
3) ero ancora lì che bestemiavo e dopo pochissimo un autoarticolato ( di quelli lunghi più di 12 metri) che trasportava un macchinario agricolo stava svoltando su una curva a gomito e l'ha chiusa completamente. Anche lì me la sono cavata per mezzo metro e sangue freddo perchè conosco bene la problematica avendo lavorato per anni in un magazzino di carico piastrelle! L'unica scusante è che posso capire che mi abbia visto all'ultimo vista la velocità, ma porca kapzo, fermati!!!

quindi mi viene sempre da sorridere quando mi capita di sentire le persone che se la prendono con i ciclisti! ma purtroppo non c'è nulla da fare. Le persone si sono uniformate con il pensiero dominante del momento, qualunque aspetto sociale tocchi, e mettono il cervello in stand by, perchè così si fa meno fatica e si sta insieme con il gregge a belare!
Al punto 2 ti do ragione, hai beccato il pirla. Al punto 3, non è chiaro se tu arrivavi da dietro il bestione o dal davanti. Al punto 1 hai torto marcio, Rallentavi e aspettavi di avere via libera.
 

RicktheQuick

Apprendista Cronoman
30 Giugno 2013
2.773
1.101
Arezzo
Visita sito
Bici
wilier zero.7,wilier 501
Concordo...sono di ritorno da 10 giorni in Francia...mi sono portato anche la bici,e l'atteggiamento verso i ciclisti è proprio un altro pianeta...se non c'è spazio per sorpassarti in sicurezza non ti sorpassano.
Sulle strade di scorrimento veloce c'è la parte ciclabile che non viene invasa dagli automobilisti.
Nei centri abitati per fare rallentare tutti indistintamente, ci sono i dossi,non i velox che derubano i cittadini che fanno 31 o 51 km/h.
Poi anche lì ci sarà sicuramente il matto di turno che abbatte qualche ciclista...ma probabilmente è più facile che sia l'eccezione e non la regola.
Per non parlare dello stato delle strade che è davvero mediamente ottimo... E di tutti gli itinerari per le bici,segnalati che ti fanno evitare le strade più trafficate.
Qui siamo dei trogloditi,e il bello è che c'è ancora gente che pensa che siamo più furbi degli altri.
io sono contrario ai dossi e favorevole agli autovelox. qui da noi a 31 o 51 non multi, si comincia a 36 o 56, ma soprattutto i dossi non rallentano per niente i gipponi che ormai sono la maggior parte dei veicoli e invece rappresentano un problema sempre maggiore quanto più è piccolo e leggero il veicolo.
 

RicktheQuick

Apprendista Cronoman
30 Giugno 2013
2.773
1.101
Arezzo
Visita sito
Bici
wilier zero.7,wilier 501
Penso che molti pagano lo scotto di non essere mai andati in bicicletta. Per noi è una cosa naturale e quindi la sottovalutiamo, ma andare in bici ti porta a comprendere dinamiche che ti influenzano quando sei in auto e incontri un ciclista. Ad esempio, lasciare spazio durante il sorpasso o non affiancarsi in curva. Inoltre, andare in bici sviluppa i sensi, permettendoti di fiutare situazioni di potenziale pericolo anche quando sei in macchina e tentare di prevenirle. La maggior parte degli automobilisti presta attenzione solo alla strada davanti al proprio cofano, fino a 50-60 metri più avanti, dalla striscia di mezzeria fino alla striscia destra. La zona d'attenzione di chi va in bici è molto più ampia e spazia quasi a 360°, incluse le intersezioni che si incontrano. Ad esempio, una macchina che buca uno stop, per un automobilista, sarebbe un evento inaspettato, percepito solo quando la macchina è già in mezzo alla strada. Un ciclista, grazie a questo senso sviluppato, riesce a fiutare il potenziale pericolo quando la macchina è ancora a 4 o 5 metri dalla linea dello stop, potendo anticipare la situazione senza panico.
Quindi secondo me il grosso del problema è che la maggior parte delle persone che sta in strada non ha la minima idea di come si ci comporta su strada e non ha assolutamente la percezione del potenziale pericolo che fa correre alle persone che incontra nel proprio tragitto quindi andrebbe semplicemente educata allo stare in strada, cosa che in teoria dovrebbero fare le autoscuole, che a questo punto avrebbero bisogno di una radicale riforma, così come l'esame per la patente.
Poi c'è una minima parte che è perfettamente conscia dei pericoli che fa correre e lo fa comunque, ma questi sono solo da bastonare.
è il motivo per cui all'esame per la patente b dovrebbe sempre esserci la prova in bicicletta, anche e-bike, tanto per sentire l'effetto che fa.
 

lechuzo2008

Apprendista Passista
24 Gennaio 2018
986
1.249
61
sassuolo
Visita sito
Bici
colnago
Non so se te ne rendi conto, ma ti sei comportato tale e quale a quegli automobilisti impazienti che fanno il pelo ai ciclisti.
No comment!
provo a rispiegare perchè mi rendo conto che descrivere la situazione ad una persona che non l'ha vissuta è difficile
allora... discesa di circa il 7/8%....fondo stradale dissestato....corsie della strada strette.....curvo, sale una macchina e questi due in mezzo alla strada ( occupavano interamente la corsia di discesa ) a camminare e chiaccherare della fava....l'unica scusante che avrei potuto dargli è che la bici è silenziosa ma io gli ho BEN URLATO prima di passargli vicino...cosa dovevo fare , frenare violentemente per sbandare e andare sul guard rail?
 

lechuzo2008

Apprendista Passista
24 Gennaio 2018
986
1.249
61
sassuolo
Visita sito
Bici
colnago
Al punto 2 ti do ragione, hai beccato il pirla. Al punto 3, non è chiaro se tu arrivavi da dietro il bestione o dal davanti. Al punto 1 hai torto marcio, Rallentavi e aspettavi di avere via libera.
il punto 1 l'ho spiegato bene sopra.
ora ti spiego il punto 3
l'autoarticolato saliva....io scendevo....la curva a gomito, l'ha presa così stretta che la coda del camion ha quasi occupato interamente TUTTA la mia corsia!!!
visto che per 30 anni mi sono occupato di logistica conosco a menadito le problematiche di sterzo di questi bestioni e ho capito che sarei riuscito a passare al pelo!
non avrei potuto fare altro se non sbattergli contro in quanto mi sono trovato all'apice della curva nel momento esatto che lui iniziava a chiuderla....però il tipo mi ha visto, ma non si è fermato nè ha rallentato!
 

Andrè86

Gregario
5 Giugno 2020
686
560
37
Macerata
Visita sito
Bici
Fuji Sportif
provo a rispiegare perchè mi rendo conto che descrivere la situazione ad una persona che non l'ha vissuta è difficile
allora... discesa di circa il 7/8%....fondo stradale dissestato....corsie della strada strette.....curvo, sale una macchina e questi due in mezzo alla strada ( occupavano interamente la corsia di discesa ) a camminare e chiaccherare della fava....l'unica scusante che avrei potuto dargli è che la bici è silenziosa ma io gli ho BEN URLATO prima di passargli vicino...cosa dovevo fare , frenare violentemente per sbandare e andare sul guard rail?
Diciamo che si dovrebbe entrare in curva a una velocità che permetta di fermarsi in caso di ostacoli improvvisi, e non a bomba. Poi se in quel momento ormai eri troppo veloce e non avevi alternative, ok.
Ma da come avevi scritto precedentemente sembrava quasi che avessi fatto il pelo ai pedoni apposta per dargli una lezione, per quello ti ho criticato!

I due in mezzo alla strada erano ovviamente in torto, come sono in torto quelli che passeggiano beatamente nel mezzo delle piste ciclabili, ma non è che puoi rischiare di metterli sotto per questo. Freni, e poi eventualmente gli fai notare che stanno dove non dovrebbero...e se non vogliono capire, li mandi a quel paese.
 

paolone8

Apprendista Passista
13 Giugno 2008
1.070
512
52
Lago maggiore
Visita sito
Bici
Casati laser chorus
provo a rispiegare perchè mi rendo conto che descrivere la situazione ad una persona che non l'ha vissuta è difficile
allora... discesa di circa il 7/8%....fondo stradale dissestato....corsie della strada strette.....curvo, sale una macchina e questi due in mezzo alla strada ( occupavano interamente la corsia di discesa ) a camminare e chiaccherare della fava....l'unica scusante che avrei potuto dargli è che la bici è silenziosa ma io gli ho BEN URLATO prima di passargli vicino...cosa dovevo fare , frenare violentemente per sbandare e andare sul guard rail?
Lo sai vero che sei tenuto a mantenere una velocità che ti permette di fermarti in ogni condizione di visibilità? Se al tuo posto ci fosse stato un automobilista e al post dei pedoni eri tu, giustificavi il sorpasso al pelo?
 

EMAC

Scalatore
18 Gennaio 2010
7.181
5.078
54
italia
Visita sito
Bici
Trek Emonda
Lo sai vero che sei tenuto a mantenere una velocità che ti permette di fermarti in ogni condizione di visibilità? Se al tuo posto ci fosse stato un automobilista e al post dei pedoni eri tu, giustificavi il sorpasso al pelo?
Diciamo però che due che camminano in mezzo alla strada in discesa sono due imbecilli e che se un'auto , una moto o una bici li centra , se la sono anche un po cercata. Diciamo anche per correttezza che in discesa di ciclisti che vanno piano se ne vedono pochini.
 

lechuzo2008

Apprendista Passista
24 Gennaio 2018
986
1.249
61
sassuolo
Visita sito
Bici
colnago
Lo sai vero che sei tenuto a mantenere una velocità che ti permette di fermarti in ogni condizione di visibilità? Se al tuo posto ci fosse stato un automobilista e al post dei pedoni eri tu, giustificavi il sorpasso al pelo?
vabbè.....non capisco se tu sia un ciclista o meno! magari sei un professionista e questi " imprevisti" li "leggi" meglio. Beato te!

"allora... discesa di circa il 7/8%....fondo stradale dissestato....corsie della strada strette.....curvo, sale una macchina e questi due in mezzo alla strada ( occupavano interamente la corsia di discesa ) "....

p.s tra l'altro ho anche ben specificato nel primo messaggio che erano 19 km di discesa. Sfido chiunque sia un ciclista a dire che scende con i freni sempre tirati dall'inizio alla fine!!






Vado di Sole via Farindola - Profilo della salita
 
Ultima modifica:

fabiopon

Maglia Rosa
19 Novembre 2009
9.855
8.390
60
Genova
Visita sito
Bici
Specialized Roubaix SL2 + Olmo Zeffiro VCT + Rockraider 5.1
Quando mi fermo per far attraversare sulle strisce (ma spesso anche fuori...) tanti ringraziano e da una parte mi fa piacere ma dall'altra lo fanno per ringraziare come se gli avessi fatto una cortesia quando invece è un mio dovere e un obbligo!!!
Devo dire che a Genova, tra automobilisti, c'è la diffusa usanza di un cenno di ringraziamento quando è il caso. Con gli autobus sulle colline è praticamente d'obbligo, di sera due sfanalate per dire grazie e una per dire prego.
A volte anche con i pedoni che attraversano...
Quando vado in Sicilia i primi giorni che faccio un cenno con la mano per ringraziare di qualche manovra, mi guardano per un po' con aria interrogativa tipo "ma lo conosco che mi saluta?" :))):
 
  • Haha
Reactions: 4x16

fabiopon

Maglia Rosa
19 Novembre 2009
9.855
8.390
60
Genova
Visita sito
Bici
Specialized Roubaix SL2 + Olmo Zeffiro VCT + Rockraider 5.1
Diciamo però che due che camminano in mezzo alla strada in discesa sono due imbecilli e che se un'auto , una moto o una bici li centra , se la sono anche un po cercata. Diciamo anche per correttezza che in discesa di ciclisti che vanno piano se ne vedono pochini.
Diciamo che sono gli stessi discorsi che fanno certi automobilisti...