News Controllo analitico avverso per Matteo De Bonis (Vini Zabù)

gasht

Maglia Amarillo
6 Febbraio 2005
8.667
2.682
Bici
con gruppi shimano
2013- Di Luca e Santambrogio
2014-Rabottini
2015-Carretero
2020-Spreafico
2021-De Bonis
pare sistematico in questa squadra.

però:

le positività del 13/14 hanno dato qualche frutto.

quelli dopo perché lo hanno fatto?

e quelli che gli arrivano ore più davanti sono più talentuosi?
 

samuelgol

Flughafenwächter
24 Settembre 2007
40.855
15.361
Bozen
Bici
Canyon Ultimate SLX. Nome: Andrea
aspettando le controanalisi e aspettando le dichiarazioni del corridore……..

avanti un altro!!!!!!
che sfortuna però le squadre di Scinto………..bella cumpa
Scinto. Uno di quelli tirato in ballo il giorno del boicottaggio della tappa del Giro 2020, come esempio positivo per le sue dichiarazioni a favore dell'organizzazione e contro i corridori.
 

emilio78

Apprendista Passista
20 Novembre 2013
1.013
431
Bici
ex Moser Speed ex Canyon Ultimate ex Merida Reacto Bahrain, ora Trek 5200 USPS & Emonda SL 6 Disc
"Un indizio è un indizio, due indizi sono una coincidenza, ma tre indizi fanno una prova" ( Agatha Christie )

evidentemente la squadra ha un problema con il doping, un grosso problema che non può essere considerato in un'unica direzione (corridore) ma va esteso a tutto il team xè i dirigenti dopo tante positività non possono avere ancora le fette di prosciutto sugli occhi.
 

Bertoglio

Passione pura
17 Novembre 2016
541
520
colline pescaresi
Bici
colnago E1
...Penso che i Pro di oggi siano tutti cavie di laboratorio...sono troppi i parametri fisici e fisiologici da mettere in fila per vedere performance come quelle a cui assistiamo. A parità di cilindrata conta la benzina che usi e relativa carburazione sulle quali si può interferire con sistemi considerati leciti.... mentre qualcuno pensa ancora di al fai da te con additivi proibiti...:azz
 
  • Mi piace
Reactions: VIK72

pedalone della bassa

Otztaler inside
9 Ottobre 2013
8.408
8.047
40
modena, ma col cuore, ed originario, di Reggio Emi
Bici
(advanced pro nox, argon 18 gallium), ora Cervèlo S3
Scinto. Uno di quelli tirato in ballo il giorno del boicottaggio della tappa del Giro 2020, come esempio positivo per le sue dichiarazioni a favore dell'organizzazione e contro i corridori.
ecco, quello me lo ero perso

apposto, già "capito il tutto"
 

jan80

Maglia Iridata
3 Marzo 2008
13.971
4.096
bassano del grappa
Bici
Colnago
ovviamente i paracarri prendono sostanze facili da trovare,senza considerare che da paracarri prendono pure per stare nell'ambiente,visto che altrimenti come loro ne esistono a centinaia
 

gasht

Maglia Amarillo
6 Febbraio 2005
8.667
2.682
Bici
con gruppi shimano
Questo discorso non tiene. Ci sono amatori scarsissimi che si dopano e barano in modi vari. Dubitiamo di tutti quelli che gli arrivano davanti?
parliamo di professionisti dove teoricamente il livello tecnico ha una scrematura in entrata che gli amatori non hanno.
vulgo: un amatore scarso e dopato e una amatore professionista che fa 30 ore x sett (ammesso sia pulito) non si allenano allo stesso modo. fanno un altro sport.
alcuni amatori dopati non sono solo scarsi ma non c'entrano nulla con la bici.

i professionisti si sottopogono alla stessa gavetta.
froome passa con la barloworld non con saxo eppure...

quando diluca dice che non si vince il giro senza doping ti fa capire che pure i primi ricorrano alla cosa.

che gli ultimi a loro volta ricorrano per arrivare ultimi vorrebbe poter dire che il doping non fa differenza o che lo fanno tutti e che il livello di base faccia la differenza o che i primi si dopino meglio.



cosa sia vero con la v maiuscola non lo so. siamo nel campo delle possibilità.
 

Ser pecora

Diretur
Membro dello Staff
16 Aprile 2004
17.635
7.682
96
dove capita
pare sistematico in questa squadra.

però:

le positività del 13/14 hanno dato qualche frutto.

quelli dopo perché lo hanno fatto?

e quelli che gli arrivano ore più davanti sono più talentuosi?

Non lo so, ma nello specifico mi pongo delle domande:

questo De Bonis è passato professionista nel 2019, e si legge in giro, "per i risultati ottenuti da dilettante". Nel 2020 ha compiuto 25 anni. Quali siano stati i risultati da dilettante non lo so, ma presumibilmente li ha avuti tardi. Da quello che vedo un 4° posto al giro del casentino nel 2018...
Da pro ha un 21° posto al giro dell'Albania nel 2019, un 51° al Giro di Brescia stesso anno.
Nel 2020, passato alla Zabù: 127° al Colombia 2.1, e tre DNF a Druivenkoers - Overijse, Brussels Cycling Classic e SkodaTour.


Nel comunicato UCI parlano di "target control", quindi un controllo fatto su segnalazione. Ora, non voglio essere maligno, ma i risultati sopra non mi fanno pensare che il controllo sia dovuto a prestazioni anomale.
Quindi a cosa? Delazione bella e buona? Perché? Per dispetto a lui o alla squadra?

Fatto sta che sono andati a botta sicura a quanto pare. Mi viene da ipotizzare che quindi "si sapesse" che De Bonis facesse uso di sostanze. Alla Zabù non lo sapevano? Ovviamente no, ma SE si, perché prenderselo come neo-pro a 25 anni? Porta soldi? (mi pare che il caso di Carretero lo fosse).

Non so, ma mi sembra sempre un po' il solito ambiente con tanti *?*
 

tommo84

Pignone
11 Maggio 2009
107
92
...Penso che i Pro di oggi siano tutti cavie di laboratorio...sono troppi i parametri fisici e fisiologici da mettere in fila per vedere performance come quelle a cui assistiamo. A parità di cilindrata conta la benzina che usi e relativa carburazione sulle quali si può interferire con sistemi considerati leciti.... mentre qualcuno pensa ancora di al fai da te con additivi proibiti...:azz
però rifletti che le performance di oggi sono ancora inferiori alle prestazioni di metà anni 90-inizio 2000.

i record sul poggio, alpe d'huez, mortirolo etc sono ancora di fine anni 90, con bici da 8.5 kg in alluminio e senza power meter etc etc

per farti capire che comunque oggi vanno più piano nonostante le tecniche di allenamento, materiali etc etc

quindi meno dopati lo sono...
 
  • Mi piace
Reactions: PKMic

gasht

Maglia Amarillo
6 Febbraio 2005
8.667
2.682
Bici
con gruppi shimano
Non lo so, ma nello specifico mi pongo delle domande:

questo De Bonis è passato professionista nel 2019, e si legge in giro, "per i risultati ottenuti da dilettante". Nel 2020 ha compiuto 25 anni. Quali siano stati i risultati da dilettante non lo so, ma presumibilmente li ha avuti tardi. Da quello che vedo un 4° posto al giro del casentino nel 2018...
Da pro ha un 21° posto al giro dell'Albania nel 2019, un 51° al Giro di Brescia stesso anno.
Nel 2020, passato alla Zabù: 127° al Colombia 2.1, e tre DNF a Druivenkoers - Overijse, Brussels Cycling Classic e SkodaTour.


Nel comunicato UCI parlano di "target control", quindi un controllo fatto su segnalazione. Ora, non voglio essere maligno, ma i risultati sopra non mi fanno pensare che il controllo sia dovuto a prestazioni anomale.
Quindi a cosa? Delazione bella e buona? Perché? Per dispetto a lui o alla squadra?

Fatto sta che sono andati a botta sicura a quanto pare. Mi viene da ipotizzare che quindi "si sapesse" che De Bonis facesse uso di sostanze. Alla Zabù non lo sapevano? Ovviamente no, ma SE si, perché prenderselo come neo-pro a 25 anni? Porta soldi? (mi pare che il caso di Carretero lo fosse).

Non so, ma mi sembra sempre un po' il solito ambiente con tanti *?*
ma scusa ser ma debonis porta sponsor. carrettero porta sponsor.


oh, ma è così bello fare il ciclista alla zabù?
sì, almeno pare.

ossia arrivi dietro di tuo eppoi ti fai di epo e ti beccano e finisci sui giornali dove ti danno pure di scemo.
non mi pare una grande mossa...questo a logica.
poi l'animo umano...
 

Maiella

Biker Maiellensis
28 Gennaio 2015
295
165
39
Abruzzo
Bici
Focus Izalco Max
Capisco che é sempre la stessa squadra a "cascarci", ma bisognerebbe capire cosa spinge un ragazzo di 25 anni che é passato professionista da nemmeno un anno, a buttare via la carriera. Una delle mie teorie é che c'é una qualche relazione tra la pratica del doping e la "caccia al contratto". Per fortuna non é più di uso generalizzato il ricorso al doping, ma proprio perché i corridori oggi corrono puliti al 99%, mi viene da pensare che quell'1% fa ricorso al doping per una falsa convinzione psicologica. A conferma di ciò, potrebbe essere sottolineato che i residui casi di doping da un bel po' di tempo riguardano corridori con scarse prospettive agonistiche di squadre di seconda fascia.
 
  • Mi piace
Reactions: lucas2007