Il ciclismo continua a puntare sui (molto) giovani

 

sheikki

Pedivella
15 Gennaio 2009
403
44
Bici
Molte....tutte in acciaio
quanti fra quei 80 ragazzi sotto i 23 anni che corrono in squadre WT sono italiani? temo ben pochi, e questo dovrebbe farci riflettere.
 
  • Mi piace
Reactions: Super Ciuk

Petgold969

Passista
29 Dicembre 2010
4.558
1.614
Foligno
Bici
Caad 12 + MTB full 29"

Maiella

Biker Maiellensis
28 Gennaio 2015
188
70
38
Abruzzo
Bici
Focus Izalco Max
Il movimento in Italia non va male. É vero che manca una squadra WT, ma i nostri corridori si affermano e bene nelle competizioni vestendo le maglie delle squadre WT. Se devo essere sincero l'unica nazione che a livello di formazioni mi sembra meglio delle altre é la Francia, che oltre alle 3 WT (Cofidis, Ag2r e FDJ), annovera delle professional che per i valori delle rispettive rose sono di livello pari alle WT. A influire su certe scelte ci sono ragioni di bilancio.
 

Ser pecora

Diretur
Membro dello Staff
16 Aprile 2004
16.644
5.278
95
dove capita
10% non mi sembrano così pochi ma in italia siamo sempre disfattisti :mrgreen: o-o

Non solo, ma conta anche la "qualità" dei nomi direi, e quegli 8 li sono eccellenti prospetti (o realtà nel caso di Bagioli).

Senza contare il solito discorso di maturità fisica. Tra i più giovani in gruppo WT i colombiani hanno tanti corridori già a risultati top:

Ivan Sosa, Bernal, Higuita, Narvaez son tutti sotto i 23 anni.

E poi credo sia anche una questione di "ciclicità": ad esempio di spagnoli U23 già WT ce ne sono 3 (Rodriguez alla Ineos, Lopez alla Trek ed Elosegui alla Movistar), ma ce n'è un'infornata come neo-pro e stagisti.

Idem i belgi che ne hanno tanti e di qualità stratosferica (alcuni almeno sulla carta): Evenepoel, Vansevenant, Ujitsbroeck, Van Wilder e Jasper Philipsen.
 

Biofa84

Pedivella
19 Marzo 2008
485
9
36
Melzo
L'importante è che non si "brucino" nel giro di pochi anni come avviene in altri sport dove diventano campioni a 16 anni e a 20 sono già a fine carriera
 

jan80

Maglia Iridata
3 Marzo 2008
12.340
2.866
bassano del grappa
Bici
Colnago
L'importante è che non si "brucino" nel giro di pochi anni come avviene in altri sport dove diventano campioni a 16 anni e a 20 sono già a fine carriera
per me il rischio di bruciarsi c'e' eccome......uno di 20 anni non e' fisicamente pronto per un GT,anticipare le fasi secondo me alla lunga le paghi......
 

Biofa84

Pedivella
19 Marzo 2008
485
9
36
Melzo
per me il rischio di bruciarsi c'e' eccome......uno di 20 anni non e' fisicamente pronto per un GT,anticipare le fasi secondo me alla lunga le paghi......
Appunto, la preoccupazione è che vengano "spremuti" negli anni dello sviluppo, costringendoli a tralasciare tutto il resto, formazione scolastica compresa. Se poi a 20 anni hanno finito, che fanno?