Visita ad Antonio Taverna -Vetta-

Ser pecora

Diretur
Membro dello Staff
16 Aprile 2004
15.830
3.646
94
dove capita


Da quando il carbonio è diventato un problema esistenziale per gli appassionati di biciclette, divisi tra l'attrazione per questo materiale "veltroniano" (rigido,comodo, ma anche....:-)) e la repulsione per la globalizzazione ed il sole radioso a levante a far da contraltare alle paure di un crepuscolo sul fronte occidentale, molti si sono scordati di cosa avveniva per i nobili (+ o -) metalli nel passato.
Il che è pure naturale, visto che dimenticare serve ad andare avanti. Anche se, come ognuno di noi ha ben imparato prima a scuola e poi giorno dopo giorno, a dimenticarsi proprio tutto si rischia di (ri)fare certi errori o perlomeno di ripetere sempre le stesse cose.
Ebbene, nella retorica ormai canonica, nel passato i telai li facevano i telaisti. Bonjour Monsieur Lapalisse! Il punto è che moltissimi telaisti non hanno fatto telai solo per la propria gloria personale di maghi di lima e cannello, ma pure (anzi) per campare. E per campare spesso hanno fatto telai anche per terzi.
Anzi, alcuni hanno fatto nella loro carriera soprattutto telai per terzi. Costoro si chiamano terzisti non a caso.
Antonio Taverna fa parte di questa nutrita schiera di telaisti che hanno fatto un sacco (molto grande) di telai per terzi.
O meglio, lui, suo padre e pure suo nonno. Dato che è dal 1947 che la famiglia Taverna si cimenta nel fare telai.



Oggi, con tutta la tecnologia di cui disponiamo, compresa questa che state usando, è diventato davvero difficile nascondere "trucchi" e "tarocchi", come telai ruote e componenti rimarchiati. Mi riferisco in particolare a quelli usati dai tanto osannati e screditati professionisti. Anzi, poter sciorinare un paio di bufale fa parte del bagaglio dell'appassionato introdotto.
Una volta invece, senza macchinette digitali, internet e forme strane dei tubi, era ben più difficile venir a sapere cosa usava tizio o caio.Se non coi soliti improbabili passaparola e cuggini. Financo il telaio che si usava se medesimi. Che una volta apposte le decalcolmanie ed un paio di mani di vernice diventava "branded" nè più nè meno di quello che succede oggi, o si presume succeda oggi, con scorno delle anime belle ed a gloria e trionfo dei complottisti.

Per quanto riguarda i telai usciti dall'officina meccanica di Padova della famiglia Taverna, la cosa si può riassumere abbastanza brevemente: pensate un marchio italiano famoso. Pensatene due. Pensatene tre. Ecco, un qualche telaio di quei marchi è uscito da questa officina.
Magari uno, magari più di uno, magari molti. Magari un campione, o una misura particolare o un intero range della gamma a catalogo.
Ecco che questa ordinata e pulita officina padovana comincia ad assumere le sembianze di un posto più importante di quel che sembra nell'economia del piccolo mondo italico a 8 tubi.



In particolare c'è una cosa che colpisce di questo luogo: il fatto che non vi si vedano solo i soliti set di tubi usciti dalle fabbriche dei soliti nomi noti della trafilatura. Si possono vedere delle vere e proprie sbarre di metallo pieno, o delle lastre intere.



Da queste sbarre e lastre Taverna ci ricava quello che molti altri comprano già fatto, ovvero tutto quello che viene normalmente considerato "minuteria", come forcellini, fermaguaine, perni vari, calotte, etc.. fino ad arrivare a scatole movimento e tubi sterzo.





Per fare questo c'è la necessità di avere i macchinari adatti, che non mancano, e la capacità di progettare ed utilizzare queste macchine.
Ecco perchè il termine "officina meccanica" mi sembra in questo caso così azzeccato.



Oltre a questo c'è ovviamente tutta la parte "telaistica" vera e propria. Con le postazioni di saldatura, i cavalletti dove rifinire i telai ed i forni per i trattamenti delle leghe. Che qui sono trattate in tutte le loro declinazioni di tipologia e lavorazione. Tranne il titanio. O meglio, non più il titanio. Visto che in passato si è lavorato anche quello, ma che oggi ha una sua nicchia di costi e tempi per cui si è preferito abbandonarlo.





Come potete vedere dalle foto qui si fabbricano praticamente tutti i modelli di bici per i vari utilizzi: dalle mtb, alle bdc, ai tandem, al ciclox, fino alle mtb 29" o a quello che vi salta in mente. Fossero bici da "bike polo" o triplette o bici per portatori di handicap.





Durante la mia visita si stavano approntando in particolare proprio dei tandem e le loro "forcellone". Oltre agli eccentrici ricavati dal pieno e che utilizzano un sistema inventato e brevettato dal sig. Antonio, il quale me ne ha spiegato i pregi rispetto a quello classico di brevetto Cannondale.





Ovviamente, molti di questi telai escono da qui col marchio di famiglia, ovvero il conosciuto Vetta. Ma ne restano comunque da fare molti che andranno a fornire altri marchi, anche all'estero. E molti significa qualche migliaio l'anno. Il tutto fatto da un'azienda a conduzione famigliare in cui si occupano 5 persone, con la capacità di venire incontro a qualunque esigenza, personalizzazione o richiesta strana venga fatta, compresa la verniciatura che però è delegata all'esterno.
Col massimo della flessibilità, apertura mentale e pure celerità.



Il tempo in queste occasioni passa veloce ed al momento di congedarmi, praticamente sull'uscio, mi viene mostrato un passaggio che non avevo mai visto e che mi ha affascinato. Un po' perchè stupidamente non mi ero mai chiesto come avvenisse, ed un po' perchè la soluzione è tanto semplice quanto così poco "tecnologica": la piegatura dei foderi delle forcelle





Semplice ed efficace.

http://www.vetta.it/index_altra.htm
 

 

Aqualung

Ammiraglia
21 Aprile 2004
16.406
135
Bici
sì e ci pedalicchio
Accidenti Ser, sei calato a Padova ed anche vicino a casa mia (1.5 km da Vetta) !
Interessante e bel servizio come sempre. o-o

Anche qui la pulizia delle saldature è un bel biglietto da vista per i Taverna.
Una volta avevano diversi operai in ditta, e costruivano telai per tantissimi marchi italiani. Ora sono rimasti padre e figlio, se non erro.
Tutta colpa del made in oriente.

A propsoito, avevano ancora i telai appesi con scritto "slupin" ? :-)
 

Emanuele

via col vento
16 Settembre 2005
10.403
63
48
www.borntorun.it
Bici
Tarmac S-Works
fra me e il mio babbo di Vetta ne abbiamo girate 4. Con una ho fatto oltre 60mila km senza neppure mai riverniciarla o dedicarmi alle parti cromate, nonostante abitassi al mare!
 

roberto79

Apprendista Scalatore
28 Maggio 2007
2.512
25
Sicilia
Bici
Ridley Fenix
la cosa mi interessa... un listino aggiornato???

;)
 

Ser pecora

Diretur
Membro dello Staff
16 Aprile 2004
15.830
3.646
94
dove capita
A propsoito, avevano ancora i telai appesi con scritto "slupin" ? :-)
Si, mi pare di averli visti. Grazie o-o

Ottimo e affascinante come sempre....hai mai pensato o ci sei già stato da il Derosa? o Pinarello?
DeRosa: http://www.bdc-forum.it/showthread.php?t=77355 ;nonzo%
Pinarello no.

la cosa mi interessa... un listino aggiornato???
http://www.bdc-forum.it/showpost.php?p=1801063&postcount=4
 

bradipus

Moderator
Membro dello Staff
23 Luglio 2009
19.907
3.857
Bugliano
Bici
qualunquemente
caspita, proprio in questo periodo sto finendo di allestire un telaio Vetta in acciaio che avevo preso per pochi euro perchè aveva la verniciatura rovinata, pensando di usarlo solo per i rulli... d'ora in poi lo guarderò con mooolto più rispetto... e lo porterò anche sulla strada, ogni tanto...:eek:

grazie, Ser Pecora per queste perle che ci regali... :hail:
 

80Nicola80

Passista
21 Novembre 2005
4.548
70
39
Verona
www.teamciclomania.com
Bici
da corsa
attenzione che non è sempre tutto oro quello che luccica, anche vetta ha fatto telai di alto livello ma anche tlai di medio basso, i mio da pista postato nella pagina precedente allestito e completo cosi fa la sua figura ma il telaio in se stesso non è un granchè, c'è di molto meglio
 

CAVALLO PAZZO

Maglia Iridata
1 Marzo 2006
12.563
814
71
CALABRIA DEL NORD
Bici
SPECIALIZED TARMAC VINER MAXIMA COLNAGO MASTER VINTAGE
Ho corso per una decina d'anni con telai costruiti da Ferruccio Taverna, andavo personalmente a Padova in V. Tunisi a ritirarlo e mi facevo montare il movimento centrale e la serie sterzo, l'ultimo, un bianco perlato con carro e forcella cromati, bellissimo, mi ha portato al traguardo decine di volte. Ho tanta nostalgia dei telai VETTA, come ho nostalgia degli anni che li montavo !!!!. Spero di comprarmi un ultimo telaio VETTA d'acciaio inox e poi il nulla................
 

micronauta

Scalatore
31 Dicembre 2008
6.146
157
Torino
micronauta.wordpress.com
Bici
Randonneuse in titanio; Bianchi Infinito; Olmo "eroica" in costruzione
Bravo Ser Pecora, ottimo reportage, come sempre!!! o-o
Per quato riguarda Vetta la mia unica esperienza è relativa ad una forcella "speciale" in acciaio che mi feci fare qualche anno fa per una bici touring. Ammortizzava così bene che sembrava di avere una Marzocchi da MTB. :eek:
 

Sergio Servadio

Apprendista Scalatore
23 Marzo 2006
2.341
43
A propsoito, avevano ancora i telai appesi con scritto "slupin" ? :-)
... e la borraccia tagliata con dentro il borace e la scritta 'borracce', pronta al tavolo da saldatore?

Proprio oggi mi sono affannato a scorciare e rifilettare una forcella per l'ultimo telaio Vetta, ritirato due anni fa.

Quanti ne ho avuti?
Un tandem da corsa, una Pinarello raddrizzata. una Frejus con la forcella storta e rimessa in piega, una Berma con il tubo superiore arrugginito e sostituito, un paio di Master con un forcellino rotto e l'altro con il collarino reggisella ricostruito ... .

Sergio
Pisa
 

Lanerossi

Maglia Iridata
22 Settembre 2004
14.982
255
39
Recoaro Terme (VI)
lanerossi.altervista.org
ho un bellissimo tandem da corsa marchiato vetta e una bici da pista,

ma sopratutto, chissà quanti hanno pedalato su un vetta senza saperlo :-)
Esatto.
Tempo fa portai una forcella a ricromare. Era la forcella di un grandissimo marco italiano.
Il cromatore la vide, la guardò un po' bieco, disse 2 parole. Guardò ancora e sentenziò: "Questa l'ha fatta Vetta". Perchè i fori per lo scarico era là invece di lì, messi in tal modo ecc.