20ª Tappa 2017: Marseille / Marseille 22.5KM (cronometro)

Discussione in 'Tour de France' iniziata da prestemere, 15 Luglio 2017.

  1. Dave64

    Dave64 Pignone

    Registrato:
    27 Settembre 2012
    Messaggi:
    231
    Mi Piace Ricevuti:
    5
    Concordo, almeno quando il mondiale era in ottobre c'erano più corridori in forma. Purtroppo ora ci arrivano già in disarmo.

    Inviato dal mio P01T_1 utilizzando Tapatalk
     
  2. bradipus

    bradipus Maglia Iridata

    Registrato:
    23 Luglio 2009
    Messaggi:
    13.774
    Mi Piace Ricevuti:
    417
    Ottobre? Veramente un tempo il mondiale si correva tra fine agosto e la prima metà di settembre...
    Ad ottobre si è corso solo una decina scarsa di anni a cavallo del 2000
     
    #122 bradipus, 24 Luglio 2017
    Ultima modifica: 24 Luglio 2017
  3. john.player

    john.player Apprendista Cronoman

    Registrato:
    31 Agosto 2013
    Messaggi:
    3.566
    Mi Piace Ricevuti:
    110
    Torniamo ai discorsi del picco di forma. Possibile che Merckx non abbia mai avuto usato problema???
     
  4. samuelgol

    samuelgol Schützen Biker Moderator

    Registrato:
    24 Settembre 2007
    Messaggi:
    27.097
    Mi Piace Ricevuti:
    737
    Merckx correva tutta la stagione. Ma lo faceva contro avversari che facevano altrettanto. Se avesse corso contro avversari che preparavano solo 2/3 eventi avrebbe avuto più problemi. È fisiologia eh. Al top 10 mesi non ci puoi stare. Nemmeno 4 mesi consecutivi. Specie ora che ogni preparazione è molto più mirata di un tempo non essere al top cioè al 100%,contro gente che lo è, lascia poche chance. Chi ha corso x la classifica entrambe le corse in questi anni, avvalora questo assunto. L'ultimo Quintana quest'anno. Un Tour così anonimo non lo aveva mai fatto.
     
    #124 samuelgol, 25 Luglio 2017
    Ultima modifica: 25 Luglio 2017
  5. Scaldamozzi ogni tanto

    Scaldamozzi ogni tanto Apprendista Velocista

    Registrato:
    23 Ottobre 2015
    Messaggi:
    1.498
    Mi Piace Ricevuti:
    55
    Tralasciando farmacie ed aiutini vari, credo che al tempo di Merckx le conoscenze su performance e preparazione fossero molto inferiori di quelle attuali. Questo significa che probabilmente non si era in grado di raggiungere un picco di forma vero e proprio, ma un livello inferiore che si poteva mantenere per un tempo molto più lungo.

    Inviato dal mio Lumia 950 usando mTalk
     
  6. Airone del Chianti

    Airone del Chianti Uisp Italian Champion

    Registrato:
    9 Dicembre 2004
    Messaggi:
    18.726
    Mi Piace Ricevuti:
    719
    Esattamente.
    Merckx per la netta superiorità rispetto agli avversari vinceva anche quando era al 70% della forma. Con il livellamento delle prestazioni è logico che per vincere si debba essere al 100% e quindi programmare uno o due picchi di forma corrispondenti agli obiettivi stagionali.

    Poi negli anni 70 la stagione iniziava con Paris-Nice o Tirreno-Adriatico, salvo qualcuno che faceva il Laigueglia a fine febbraio. Non c'erano TDU in Australia e le corse degli sceicchi. In generale c'erano molte meno gare e più concentrate geograficamente. Anche viaggiare molto alla lunga stanca...
     
  7. danieletesta79

    danieletesta79 Apprendista Cronoman

    Registrato:
    1 Settembre 2012
    Messaggi:
    2.841
    Mi Piace Ricevuti:
    125
    Ma il picco di forma di Michał Kwiatkowski quando è? A Marzo ha vinto strade bianche e Milano Sanremo, al tour continuo a sostenere che sia stato il gregario più forte che Froome ha avuto a disposizione, per finire ciliegina sulla torta ha fatto il fenomeno anche a crono arrivando 2° nell'ultima tappa praticamente a pochi decimi dal primo.
    Altro che hamburger con birra, si merita una parte del premio di Froome
     
  8. dinute

    dinute Passista

    Registrato:
    13 Maggio 2009
    Messaggi:
    4.602
    Mi Piace Ricevuti:
    138
    E soprattutto non facevano i ritiri al caldo alle Canarie e alle Baleari cominciando la preparazione il 15 dicembre...
     
  9. Airone del Chianti

    Airone del Chianti Uisp Italian Champion

    Registrato:
    9 Dicembre 2004
    Messaggi:
    18.726
    Mi Piace Ricevuti:
    719
    Tutti gli Sky presenti al Tour programmano il picco di forma per il Tour. In tal senso sono un pò mancati rispetto alle aspettative Nieve e soprattutto Henao.
    Quanto a Kwiat dopo la primavera delle classiche (1° picco di forma) ha staccato di brutto per ripresentarsi al delfinato dove ha perfezionato la preparazione del Tour che ha fatto in crescendo di forma, mollando nei finali delle tappe di montagna tranne che a Foix.
    Nella crono (che è una sua specialità) non è che ha fatto il fenomeno, direi che ha fatto il suo. Anzi, ha perso di poco da un Bodnar che solo un mese prima aveva mazzolato al campionato polacco. Evidentemente il connazionale ha fatto meno fatica durante la corsa...
     
  10. danieletesta79

    danieletesta79 Apprendista Cronoman

    Registrato:
    1 Settembre 2012
    Messaggi:
    2.841
    Mi Piace Ricevuti:
    125

    Kwiat mollava negli ultimi km di montagna ma faceva un ritmo da paura; considerando che per caratteristiche non dovrebbe essere un fenomeno da lunghe salite è andato alla grande. Al tour sicuramente Bodnar aveva puntato la tappa e probabilmente s'è gestito nei giorni precedenti, Kwiat è arrivato dopo 3 settimane dove ha sempre fatto un egregio lavoro da gregario e arrivare 2° per meno di 1'' penso sia un bel risultato, e poi si tratta davvero di un inerzia, una traiettoria di una curva, mezzo colpo di pedale....
     
  11. samuelgol

    samuelgol Schützen Biker Moderator

    Registrato:
    24 Settembre 2007
    Messaggi:
    27.097
    Mi Piace Ricevuti:
    737
    Ma infatti, questo non lo nota nessuno. Farsi 20 minuti di fuorisoglia e poi mettere il piede a terra.....superficialmente si ricorda di quello che tirava come un matto, non che dopo è salito a piedi. Visti i watt che fanno, anche io potrei tirare il gruppo....per un paio di cento metri :mrgreen:...ma non è che bisogna ricordarsi che samuelgol tirava il gruppo al Tour. Bisogna ricordarsi anche quando si è spento serenamente a bordo strada :mrgreen:. Le differenze fra i prò di alto livello e Kiat lo è, sono nell'ordine di pochi punti percentuali (ecco perchè i distacchi ci sono in secondi e non i minuti come una volta), quindi anche un Kiat dando tutto per un tratto, può stare con i big dei GT...che però danno tutto tutti i giorni o quasi. La differenza magari sembra marginale, ma non lo è. Certo, un cavendish che facesse una cosa del genere già sarebbe meno normale....ma anche quando era in Sky al Tour non lo faceva mica.
    Anche qui c'è poca informazione. Come giustamente dici, la crono è una sua specialità. E' per l'appunto il campione polacco in carica, vinto un mese fa, proprio davanti a Bodnar, che a sua volta era il campione 2016 (e anche 2009-12-13). Kiat aveva vinto il campionato polacco anche nel 2014, sempre davanti a Bodnar. Quindi chi si stupisce di Kiat forte a crono, non è bene informato.
     
  12. uber

    uber Pedivella

    Registrato:
    29 Giugno 2014
    Messaggi:
    349
    Mi Piace Ricevuti:
    27
    Landa può essere considerato l'eccezione che conferma la regola oppure c'è effettivamente un'altra via?
    Ha centrato la preparazione sul giro (obiettivo stagionale dichiarato) e aveva indubbiamente una condizione eccellente, tanto che ha vinto la maglia blu e ha speso tantissimo entrando in tutte le fughe in tappe montane centrando piazzamenti e una vittoria, poi al tour te lo ritrovi con i migliori in salita finendo ai piedi del podio per un secondo, a poco più di due minuti dal vincitore, dimostrando che senza ordini di squadra e oneri di gregariato probabilmente gli sarebbe arrivato anche più vicino.
    Si può fare?
     
  13. samuelgol

    samuelgol Schützen Biker Moderator

    Registrato:
    24 Settembre 2007
    Messaggi:
    27.097
    Mi Piace Ricevuti:
    737
    No, secondo me. Landa al Giro, ha pascolato per 18 tappe su 21. Non per colpa sua, ma è successo. Nelle tappe in cui ha fatto bene, è anche vero che non essendo uomo di classifica aveva totale libertà. Ci sta che facesse meglio dei suoi compagni di fuga. Alla riprova della classifica, quindi di una gara tirata sempre, il discorso secondo me era ben diverso. Questo Giro a scartamento ridotto, gli ha consentito un ottimo Tour. Ove però, pur tutti convinti che ne avesse chissà quanto, (ero convinto anche io), alla riprova dell'ultima tappa, quando ha avuto chance di andare, è rimbalzato indietro subito. E anche quando è andato in fuga, recuperando 2 minuti alla gialla, se ne avesse avuto chissà quanto, staccava i suoi compagni e vinceva...cosa che non è successa. Eppur non era con i migliori del lotto.
    Ripeto, al giorno d'oggi le prestazioni in alto sono così livellate che un minuto sembra una inezia, invece è un solco bello grosso. I tempi dei 5/6/7/8 minuti è bello e finito da un pezzo, da un lato per fortuna, se questi erano frutto di chimica pesante.
    Quindi buon Giro di Landa, quanto buono era da vedersi. E ottimo Tour. Ma vincere o andarci molto vicino, imho è un grosso gradino superiore.
     
  14. Airone del Chianti

    Airone del Chianti Uisp Italian Champion

    Registrato:
    9 Dicembre 2004
    Messaggi:
    18.726
    Mi Piace Ricevuti:
    719
    Corretto.

    Aggiungo che Landa era andato al Giro non come capitano ma in appoggio a Thomas. Al povero Landa il capitano non glielo fanno mai fare... :mrgreen:

    Qui al Tour nelle ultime due tappe alpine ha sempre perso secondi preziosi nel finale di tappa dal gruppo di Froome, Bardet, Uran (anche a Serre Chev con l'arrivo in pianura). Evidentemente non ci è arrivato brillantissimo. Questi secondi gli sono costati il podio.
     
  15. Airone del Chianti

    Airone del Chianti Uisp Italian Champion

    Registrato:
    9 Dicembre 2004
    Messaggi:
    18.726
    Mi Piace Ricevuti:
    719
    Eppure dopo il 10° posto i distacchi sono più ampi che in passato.
    Pensa che il 15° in tutti i Giri e Tour degli ultimi anni è sempre oltre i 30' di distacco, segno che comunque davanti se le danno. Peccato che si fermano quando rimangono in 4-5.
    I distacchi risicati ci sono infatti solo nella top5.
     
  16. samuelgol

    samuelgol Schützen Biker Moderator

    Registrato:
    24 Settembre 2007
    Messaggi:
    27.097
    Mi Piace Ricevuti:
    737
    Il suo essere gregario al Tour si è sostanzialmente esplicato nel non andare via quando ne aveva. (ma a questo punto il dubbio è se ne avesse sul serio, visto che quando ha avuto modo di andare non è che ha sconquassato il mondo).
    Quando Froome ha bucato, lui lo ha aspettato veramente poco, non gli ha tirato la salita dall'inizio.......nè ricordo grosse tirate in altre tappe.
    Quindi il dubbio è che se avesse avuto tutte le energie che gli accreditavamo, almeno il podio se lo prendeva. Non dimentichiamo che quando Froome fece il paggetto a Wiggins, al Tour arrivò comunque secondo. E con 3 minuti di vantaggio sul terzo. Lui sì che dimostro, almeno in quella occasione che avrebbe potuto vincere....semmai non bastasse averlo fatto in 4 delle successive 5 edizioni. Per Landa, come direbbe mia madre....avoja a magnà patate!!!! :-)
    perchè il livellamento è in alto, secondo me. Ma oltre il 10 posto, la classifica conta poco sia personalmente che per i punti squadra e allora pascolano di più cercando piuttosto il colpo gobbo della singola tappa, approfittando del controllo reciproco dei big. Una volta quanto uno dei big partiva da lontano, anche la tappa per i rincalzi era utopia. Non potrebbe leggersi così?
     
  17. Airone del Chianti

    Airone del Chianti Uisp Italian Champion

    Registrato:
    9 Dicembre 2004
    Messaggi:
    18.726
    Mi Piace Ricevuti:
    719
    Può essere una spiegazione, ma in realtà oltre il 10° posto ci sono corridori forti che possono puntare al podio in altre corse a tappe (oltre a Quintana che qualcosina ha vinto). Inoltre c'erano i capitani delle squadre minori per le quali è importantissimo (al fine di accumulare punti UCI-WT) anche un piazzamento nei 25-30. Non a caso Feillu e G.Martin hanno tenuto ogni tappa per quanto hanno potuto, finendo 16° e 23°, e gente come Pauwels è andata in fuga nelle tappe medie per recuperare minuti: in tal senso un 19° posto è vitale per la DDD. E anche Nieve ed Henao, dopo aver tirato non mollavano mai completamente per garantire a turno il 3° elemento per la classifica a squadre cui la Sky teneva tantissimo. Quindi si molla ma solo oltre il 30° posto, per il resto i distacchi sono quelli e replicano i valori.
     
  18. john.player

    john.player Apprendista Cronoman

    Registrato:
    31 Agosto 2013
    Messaggi:
    3.566
    Mi Piace Ricevuti:
    110
    Interessante...
     
  19. john.player

    john.player Apprendista Cronoman

    Registrato:
    31 Agosto 2013
    Messaggi:
    3.566
    Mi Piace Ricevuti:
    110
    La chimica attuale la scopriremo tra una ventina d'anni.
     

Condividi questa Pagina