automobilisti Vs ciclisti (ancora)

Discussione in 'Emozioni & Imprese' iniziata da Lunghetto, 21 Settembre 2014.

?

Vi sentite meno sicuri ogni volta che uscite in bici rispetto al passato?

  1. Si

    306 valutazioni
    77,5%
  2. No

    89 valutazioni
    22,5%
  1. Manuel89

    Manuel89 Pignone

    Registrato:
    3 Gennaio 2010
    Messaggi:
    131
    Mi Piace Ricevuti:
    5
    Io ho una media di 1 incidente sfiorato ad uscita
    E' oggettivamente troppo elevata

    Sto seriamente pensando di passare all'allenamento in pista
     
  2. stambe

    stambe Apprendista Cronoman

    Registrato:
    9 Luglio 2014
    Messaggi:
    3.023
    Mi Piace Ricevuti:
    555
    Mi sembra una scelta saggia...
     
  3. marpiro

    marpiro Pignone

    Registrato:
    24 Giugno 2010
    Messaggi:
    284
    Mi Piace Ricevuti:
    7
    Oggettivamente si.
    Mi viene però da domandarmi se hai adottato gli accorgimenti del caso per diminuire la probabilità di incidente, partendo dal scegliere i percorsi e gli orari più idonei fino ad arrivare al moderare la velocità quando l'istinto te lo consiglia, prima di giungere ad una decisione così drastica.
     
  4. rapportoagile

    rapportoagile Moderatoren

    Registrato:
    20 Agosto 2008
    Messaggi:
    13.042
    Mi Piace Ricevuti:
    515
    Saggia? dipende. Certamente rischi di meno, ma per me girare come un criceto in una pista non sarebbe ciclismo.
    Per me il ciclismo è aria aperta, salite, boschi, prati, piogge improvvise, e rientro (quasi sempre) con il sorriso sulle labbra.
    Evito il più possibile strade trafficate, e se abitassi in zone in cui questo non è possibile, o mi dedicherei solo al fuoristrada (MTB o ciclocross), o cambierei sport. Ma di "rullare" o girare in pista non ne traerei piacere, e quindi lascerei perdere. Ma è una mia opinione.....
     
  5. Bettina

    Bettina Gregario

    Registrato:
    1 Luglio 2009
    Messaggi:
    627
    Mi Piace Ricevuti:
    62
    io penso di avere una media di 1 incidente sfiorato ogni 4-5 uscite, però la paura di essere investito o comunque toccato da una macchina mi accompagna sempre.
    Prima uscivo tranquillo e non avevo nessuna paura: da un paio di anni invece, quando una macchina mi si affianca o sorpassa in prossimità di una svolta, mi prende subito la paura che mi tagli la strada. Oppure l'altra grossa paura che ho è nelle rotonde che sempre più spesso vengono tagliate ad elevata velocità senza badare troppo alle bici.
     
  6. frejus82

    frejus82 Maglia Rosa

    Registrato:
    24 Novembre 2008
    Messaggi:
    9.481
    Mi Piace Ricevuti:
    349
    Io idem.
    Ma essendo bastion contrario di natura questo mi invoglia a uscire in bdc sempre più spesso.
    Con la differenza che prima stavo quasi sulla riga bianca, adesso sto 1 metro dentro la carreggiata per avere spazio di manovra quando mi fanno il pelo in sorpasso . Se la sono cercata....

    Sent from my F5321 using BDC-Forum mobile app
     
  7. frejus82

    frejus82 Maglia Rosa

    Registrato:
    24 Novembre 2008
    Messaggi:
    9.481
    Mi Piace Ricevuti:
    349
    Gli Orari il 99% della popolazione ciclistica li imposta in base al lavoro o agli impegni. Difficile avere possibilità scelta.

    Sent from my F5321 using BDC-Forum mobile app
     
  8. marpiro

    marpiro Pignone

    Registrato:
    24 Giugno 2010
    Messaggi:
    284
    Mi Piace Ricevuti:
    7
    Con l'orario fissato si sceglie la strada. O viceversa.
    Molto spesso è possibile.
     
  9. stambe

    stambe Apprendista Cronoman

    Registrato:
    9 Luglio 2014
    Messaggi:
    3.023
    Mi Piace Ricevuti:
    555
    In effetti a fare il criceto alla lunga mollerei la bici...
    Per fortuna dalle mie parti ci sono molte stradine consorziali (traffico quasi nullo) con notevole dislivello, mi "sfogo" quasi esclusivamente su quelle, ormai le strade principali le evito come la peste! Se non avessi alternativa cambierei sport.
     
  10. Shinkansen

    Shinkansen Moderatore Xeneize

    Registrato:
    20 Giugno 2006
    Messaggi:
    11.475
    Mi Piace Ricevuti:
    405
    Esiste sempre il fondo "Vittime della strada". I tempi sono lunghi, ma arrivano. Un mio amico, che è stato steso da un impasticcato, senza assicurazione, è stato risarcito dopo un po' di anni.
     
  11. Shinkansen

    Shinkansen Moderatore Xeneize

    Registrato:
    20 Giugno 2006
    Messaggi:
    11.475
    Mi Piace Ricevuti:
    405
    Da buon mancino ho la tendenza a non stare troppo sul bordo. Sinceramente, nessuno mi ha mai segnalato infastidito, anche se quando sento le macchine accosto sempre.
    In realtà stare più al centro possibile è molto più sicuro che stare ai lati. Ti vedono meglio.
     
  12. paolone8

    paolone8 Gregario

    Registrato:
    13 Giugno 2008
    Messaggi:
    521
    Mi Piace Ricevuti:
    31
    Se non ricordo male, il fondo copre solo i danni alla persona, tutti i danni materiali purtroppo non vengono coperti.
     
  13. EMAC

    EMAC Apprendista Scalatore

    Registrato:
    18 Gennaio 2010
    Messaggi:
    2.605
    Mi Piace Ricevuti:
    161
    si lo so, ma resta il fatto che i soldi li paghiamo sempre noi contribuenti e a chi delinque non succede niente. Inoltre se ti succede un incidente devi tirare fuori di tasca tua i soldi per riparare l'auto , se hai danni fisici per curarti e magari per l'avvocato,poi devi sperare che vada tutto bene e dopo un anno rientri con i soldi. E se per caso non ce li hai?
     
  14. SuperCoppaCobram

    SuperCoppaCobram Novellino

    Registrato:
    11 Marzo 2017
    Messaggi:
    65
    Mi Piace Ricevuti:
    1
    Bisogna comunque dire che ci son ciclisti(e non sono affatto pochi)che son matti,fan manovre senza testa,soprattutto se in grupponi:in 10 anni di uscite ne ho viste di tutti i colori e qualche cag.ta l'ho fatta anche io nei primi tempi per emulazione,poi mi son detto:"ma che caz.o sto a fà?";Per la mia esperienza il rispetto spesso non c'è da ambo le parti,così come la stupidità e l'arroganza sono abbastanza equamente distribuite,inoltre noi ciclisti siamo per la stragrande maggioranza anche motorizzati quindi dovremmo avere una visione più completa del corretto comportamento da tenere in strada,dato che viviamo entrambe le situazioni.
     
    #1774 SuperCoppaCobram, 9 Novembre 2017
    Ultima modifica: 9 Novembre 2017
  15. Bettina

    Bettina Gregario

    Registrato:
    1 Luglio 2009
    Messaggi:
    627
    Mi Piace Ricevuti:
    62
    ti quoto in pieno!!! o-o, non è questione di essere ciclisti oppure automobilisti od altro, e solo questione di testa. Se sei cretino lo sei in ogni ambito e con ogni mezzo che hai in mano.

    Però la macchina dovrebbe imporre, a chi la guida, una maggiore ragionevolezza e senso del pericolo: chi guida dovrebbe essere ben conscio di avere in mano un mezzo da minimo una tonnellata che lanciato anche a solo 50 km/h può far seri danni, soprattutto ad un pedone/ciclista/moticiclista.

    Per questo la bici la si da in mano subito ai bambini e ragazzi, mentre per le auto bisogna aspettare...aspettare una maggiore età che dovrebbe coincidere con una maggiore responsabilità e sale in testa, cosa che purtroppo attualmente non è così.
     
    A jacknipper piace questo elemento.
  16. RicktheQuick

    RicktheQuick Apprendista Velocista

    Registrato:
    30 Giugno 2013
    Messaggi:
    1.659
    Mi Piace Ricevuti:
    123
    è esattamente il motivo per cui stare affiancati è più sicuro che stare in fila. ma in italia chi ha scritto il codice è un cialtrone e gli automobilisti mediamente sono incapaci, se poi ci si mette che sedersi alla guida di un'auto taglia di per sé almeno 20 punti di q.i., si capisce perchè le strade siano piene di stupidi incapaci...
     
  17. ernia

    ernia Apprendista Velocista

    Registrato:
    28 Settembre 2005
    Messaggi:
    1.246
    Mi Piace Ricevuti:
    12
    Non è uguale, lui può spostarsi a dx quando arriva la macchina, in doppia fila se ti sposti mandi l'altro nel canale.
     
  18. sembola

    sembola Cronoman

    Registrato:
    22 Aprile 2004
    Messaggi:
    739
    Mi Piace Ricevuti:
    84
    Tu ed io compresi, immagino ;-)
     
  19. Manuel89

    Manuel89 Pignone

    Registrato:
    3 Gennaio 2010
    Messaggi:
    131
    Mi Piace Ricevuti:
    5
    Purtroppo non funziona il quote
    @marpiro
    Purtroppo non e' sempre possibile scegliere tutte le varianti:
    Abito nel centro di una citta' di ca 60'000 abitanti (Legnano) e qualsiasi percorso prevede quindi l'attraversamento della citta'.
    Ed e' qui che nel 90% dei casi me la vedo brutta:
    persone che aprono le portiere senza guardare, frecce inesistenti, la maggioranze delle persone guida col telefono in mano.
    Ad esso va poi aggiunto anche i pedoni che attraversano la ciclabile senza guardare..
    Quando il meteo, ma soprattutto il tempo lo permette "scappo" caricandomi la bici in treno verso i laghi e il mare, ma questo non e' sempre possibile.
    [​IMG]

    Quando vado in bici poi rispetto tutti i semafori/stop/precedenze e segnalo i cambi di direzione con le mani e evito le uscite in gruppo
    @rapportoagile
    Hai la mia stessa visione del ciclismo, anzi io sono piu' un cicloturista che un ciclista: sono pochissimi i percorsi che ho fatto piu' di 2/3 volte.
    La pista sarebbe un ripiego, anche se potrebbe avere il suo fascino.

    Al momento sto "assemblando" un telaio di "avanzo"" che montero' SS con gomme cicciotte per andare un po' per campi
     
  20. RicktheQuick

    RicktheQuick Apprendista Velocista

    Registrato:
    30 Giugno 2013
    Messaggi:
    1.659
    Mi Piace Ricevuti:
    123
    certo. e se uno parte già da basso, diventa uno che si incazza se i ciclisti stanno affiancati...o-o
     

Condividi questa Pagina