Contraffazione un po' di chiarezza

Discussione in 'Cina e dintorni' iniziata da pietro1973, 24 Gennaio 2013.

  1. pietro1973

    pietro1973 :angrymod:

    Registrato:
    13 Aprile 2011
    Messaggi:
    5.367
    Mi Piace Ricevuti:
    147

    la cina è uno stato estero con le sue leggi, anche se li' la contraffazione è cmq un reato, magari viene tollerata maggiormente venendo vista come ulteriore fonte di ricchezza economica. L'Italia non è che non vuole combattere il problema alla fonte ma non puo', pertanto non addossa tutta la colpa di questo sistema illecito al consumatore finale xche' ti avverte che nel nostro paese acquistare beni contraffatti è un reato penale e pertanto facendolo tu te ne assumi le tue responsabilita'. E' un concetto abbastanza semplice secondo me.
     
  2. Deciso

    Deciso Apprendista Cronoman

    Registrato:
    27 Settembre 2005
    Messaggi:
    3.607
    Mi Piace Ricevuti:
    99
    Concordo, è sempre colpa dei controllori...

    E così si continua a fare i furbi.

    La parola educazione civica dice niente?
     
  3. DeivSaiborg

    DeivSaiborg Apprendista Passista

    Registrato:
    5 Luglio 2011
    Messaggi:
    869
    Mi Piace Ricevuti:
    238
    Se uno si compra un telaio Chinarello secondo me il reato lo commette lo stesso (lo dico a naso e senza aver consultato una raccolta giurisprudenziale, in questa od altre materie, per 7 anni).

    Motivo secondo me e' questo: il design di un telaio e' coperto da brevetto, per cui chi lo copia e lo riproduce anche senza metterci gli adesivi, con verniciatura diversa dalla Pinarello, o addirittura lasciandolo grezzo viola il brevetto / copywright, dunque produce un bene contraffatto e chi lo compra, anche se arriva senza alcuna pretesa di essere originale, potrebbe commettere il reato di cui sopra.

    Sempre a spanne, eh? Su questa non sono affatto sicuro, volevo piu' che altro buttarla li' e vedere se c'era qualche altro leguleio con la materia piu' fresca di quanto ce l'abbia ora io.
     
  4. turbotre

    turbotre Pignone

    Registrato:
    25 Maggio 2010
    Messaggi:
    234
    Mi Piace Ricevuti:
    4
    Oggi è molto difficile acquistare online in sicurezza, sulla baya ho acqustato un faretto per bici, il venditore registrato in germania scrive che il prodotto si trova in germania, mi arriva il pacco era stato spedito da Hong kong, bisogna stare veramente attendi, a volte veramente si può finire nei guai in buona fede, ma il caso attual è diverso comprare qualcosa che palesemente non è originale, la legge parla chiaro, non credo che chi voglia acqustare un telaio o quantaltro di un brand famoso (quindi Costoso), si rivolga al cinese di turno, ma ad un negozio ufficiale, se non altro per toccare con mano il prodotto, chi lo compra online dal cinese di turno lo fa in modo consapevole, sapendo sicuramente di acquistare un prodotto contraffatto, arrecando danni economici e di immagine alle aziende italiane, perciò è giusto che siano puniti a norma di legge.
     
  5. turbotre

    turbotre Pignone

    Registrato:
    25 Maggio 2010
    Messaggi:
    234
    Mi Piace Ricevuti:
    4
    Certo se il brevetto è depositato, ma solitamente i contraffatti, non riprendono tutte le caratteristiche del brevetto depositato, ma solo alcune quindi vendendo senza marchio e mancando alcune caratteristiche del brevetto depositato, riescono a cavarsela, ma proprio per la ragione descritta sopra, quanto conviene in termini di SICUREZZA acquistare un telaio o quant'altro contraffatto?............... giriamoci pure intorno ma l'oggetto non sarà mai uguale all'originale in todo.
     
  6. DeivSaiborg

    DeivSaiborg Apprendista Passista

    Registrato:
    5 Luglio 2011
    Messaggi:
    869
    Mi Piace Ricevuti:
    238
    Oh questo senz'altro no - non saranno mai uguali. Ma se gli elementi in comune sono a sufficienza - pensa anche solo il carro ondulato del Dogma ...

    Solo una cosa: se uno compra uno di questi oggetti contraffatti a mezzo asta pura (che non include dunque un prezzo compralo subito palesemente irrisorio) ed il prezzo alla fine rimane basso, non si configura alcun reato. Infatti l'unico elemento che dovrebbe mettere il compratore sul chi-va-la' (il prezzo, appunto) potrebbe esser rimasto basso per via di un'asta fortunata / sfortunata (a seconda dei punti di vista).

    La mera provenienza da paesi noti per il traffico di merce contraffatta (es. Cina) non sarebbe sufficiente.

    Uno potrebbe sempre dire: ah si' e' una replica? E io nemmeno me ne ero accorto, e' fatta proprio bene ... ed io che avevo pensato di aver fatto un affare.
     
  7. turbotre

    turbotre Pignone

    Registrato:
    25 Maggio 2010
    Messaggi:
    234
    Mi Piace Ricevuti:
    4
    Forse non è chiaro il reato non è il prezzo basso, ma l'articolo contraffatto, il prezzo basso è uno degli elementi e non solo, che induce chi controlla, ad effettuare maggiori accertamenti, se trovi chi te lo vende, per paradosso pui anche comprare un dogma completo a 100 euro, sicuramente il prezzo desta perplessità in chi effettua i controlli, se poi viene accertato che il prodotto è originale la documentazione è in regola, non c'è motivo di preoccuparsi.
     
  8. pietro1973

    pietro1973 :angrymod:

    Registrato:
    13 Aprile 2011
    Messaggi:
    5.367
    Mi Piace Ricevuti:
    147

    hai ragione anche in questo caso, ovvero se ha degli elementi comuni e tipici dell'originale si prefigura il reato di contraffazione.

    Stesso discorso x il "chinarello" è un marchio simile tale da trarre in inganno il consumatore finale.
     
  9. DeivSaiborg

    DeivSaiborg Apprendista Passista

    Registrato:
    5 Luglio 2011
    Messaggi:
    869
    Mi Piace Ricevuti:
    238
    sí ma il reato lo commetti nel momento in cui potevi accorgerti e non lo hai fatto ... Se ordini per corrispondenza (online) non è che puoi sapere che non ti arriveranno i documenti. Vinci un'asta, quando il pacco arriva ti accorgi dell'inghippo e non c'è reato.

    Riflettevo su quanto detto sin qui, e, in parte contraddicendomi, penso che se la replica non è "completa" (per esempio il telaio è venduto grezzo) e nell'aanuncio non c'è menzione del nome della casa "copiata" un'altra difesa da un punto di vista legale sarebbe il fatto di non aver riconosciuto gli elementi in comune con un telaio di un'altro produttore. Mica uno è costretto a conoscere tutti i telai del mondo. Ovvio che la condotta illecita del produttore / copiatore rimarrebbe, ma questo è un altro discorso.
     
  10. pietro1973

    pietro1973 :angrymod:

    Registrato:
    13 Aprile 2011
    Messaggi:
    5.367
    Mi Piace Ricevuti:
    147

    Esatto in questo caso i reati sono da ascrivere esclusivamente all'importatore/produttore/commerciante.
     
  11. bradipus

    bradipus Maglia Iridata

    Registrato:
    23 Luglio 2009
    Messaggi:
    13.775
    Mi Piace Ricevuti:
    420
  12. pool84

    pool84 Pignone

    Registrato:
    11 Gennaio 2010
    Messaggi:
    215
    Mi Piace Ricevuti:
    1
  13. Luca69

    Luca69 Maglia Amarillo

    Registrato:
    4 Novembre 2008
    Messaggi:
    8.072
    Mi Piace Ricevuti:
    660
    io se clikko si apre ;nonzo%
     
  14. bradipus

    bradipus Maglia Iridata

    Registrato:
    23 Luglio 2009
    Messaggi:
    13.775
    Mi Piace Ricevuti:
    420
    già, sono sempre lì, e quando l'inserzione scade viene tranquillamente rimessa...
     
  15. Mauro1988

    Mauro1988 Apprendista Cronoman

    Registrato:
    31 Gennaio 2011
    Messaggi:
    2.843
    Mi Piace Ricevuti:
    35

    lascia perdere le segnalazioni ad ebay, non servono a niente e non fanno niente..tutte le misure che si inventato servono solo a dare fiducia ma poi loro hanno solo fretta di "lavarsene le mani". Se vieni truffato e lo comunichi a loro la prima cosa che fanno è eliminare tutto( venditore, inserzione e dati) e cosi sono solo affari tuoi.
     
  16. Mauro1988

    Mauro1988 Apprendista Cronoman

    Registrato:
    31 Gennaio 2011
    Messaggi:
    2.843
    Mi Piace Ricevuti:
    35
  17. Mauro1988

    Mauro1988 Apprendista Cronoman

    Registrato:
    31 Gennaio 2011
    Messaggi:
    2.843
    Mi Piace Ricevuti:
    35

    I cipollini tarocchi sono la novità, sui vari siti taiwan c'è pieno e piano piano stanno riempiendo anche ebay ecc.. però è ridicolo credere che siano originali, o credete veramente che uno vende un telaio da 5000€ di listino a meno di 2000€?

    In giro ci sono anche tanti pinarello( solitamente si riesce a distinguerli dal punto in cui la forcella si fissa allo sterzo) e tanti colnago difficili da beccare in quanto le forme sono abbastanza facili. Ci sono anche molti componenti attacchi, pieghe, reggisella ecc.. in particolare ritchey, fsa ecc.. ne hanno venduti moltissimi e mi fanno ridere i commenti positivi di quelli che pensano di aver fatto un affare su ebay e invece nemmeno sanno che è un falso strapagato.

    Occhio, la regola è sempre quella se il prezzo vi sembra troppo buono postate qualche foto e chiedete consiglio
     
  18. nemorino

    nemorino Ammiraglia

    Registrato:
    24 Febbraio 2009
    Messaggi:
    17.684
    Mi Piace Ricevuti:
    243
    Hai perfettamente ragione e non posso che sposare il tuo pensiero per quanto concerne l'aspetto morale/etico però, permettimi, dal punto di vista giuridico vanno precisate alcune cose.

    Chi produce, importa, detiene per la vendita telai contraffatti commette i reati previsti dagli artt 473 e 474 c.p.

    Chi vende ad un terzo uno di questi prodotti in modo da indurlo in errore sull'autenticità degli stessi incorre poi nel reato di truffa

    Chi acquista prodotti contraffatti da utilizzatore finale tuttavia NON commette ricettazione, sul punto la giurisprudenza è piuttosto univoca

    A mio avviso incorrerà nei reati sopra indicati chi, dopo aver usato un telaio ad esempio, lo metta sul mercatino.

    Ovvio come già scritto ciò non incide minimamente sul l'aspetto morale ed etico dei fatti, chi acquista merce confatta, oltre ad essere permettetemi il termine, uno sfigato, è moralmente ed eticamente complice di un comportamento deplorevole.

    Inoltre se pur non commette reato, chi acquista sappia che il bene contraffatto potrà sempre essere sottoposto a confisca (in dogana o in qualsiasi altro momento)
     
  19. pietro1973

    pietro1973 :angrymod:

    Registrato:
    13 Aprile 2011
    Messaggi:
    5.367
    Mi Piace Ricevuti:
    147
    X la giurisprudenza la linea di pensiero e' quella da me indicata ( o ricettazione o incauto acquisto) se poi ti riferisci alla sentenza di corte di cassazione di, mi sembra giugno 2012, e' vero che è stato "depenalizzato" a reato amministrativo (689/81 un quarto del massimo di euro 7000 da pagare) ma è una singola sentenza che è vero fa giurisprudenza ma sino ad adesso le procure italiane ( e ne ho girate parecchio) hanno fatto il mio stesso ragionamento ovvero quando tu consumatore finale vieni beccato il poliziotto/carabiniere/finanziere ti deferirà comunque all'ag
     

Condividi questa Pagina