Cosa fare perché ogni uscita non sia una scommessa con il destino?

Discussione in 'Emozioni & Imprese' iniziata da alfa2701, 23 Aprile 2017.

  1. dagos

    dagos Maglia Rosa

    Registrato:
    19 Maggio 2013
    Messaggi:
    9.251
    Mi Piace Ricevuti:
    293
    Appunto... il codice vieta l'uso di entrambe gli auricolari... men che meno per ascoltare musica.

    Per il resto concordo.
     
  2. mag

    mag Maglia Rosa

    Registrato:
    19 Agosto 2012
    Messaggi:
    9.987
    Mi Piace Ricevuti:
    437
  3. routa bucata

    routa bucata Pedivella

    Registrato:
    13 Marzo 2017
    Messaggi:
    466
    Mi Piace Ricevuti:
    15
    Mi sa che intendevi altro.

     
    #123 routa bucata, 25 Aprile 2017
    Ultima modifica: 25 Aprile 2017
  4. mach1

    mach1 Passista

    Registrato:
    4 Marzo 2010
    Messaggi:
    3.716
    Mi Piace Ricevuti:
    295
    meg hai preso una toppa ed è sotto gli occhi di tutti, capita, dammi retta fai più bella figura a riconoscerlo che ad arrampicarti sugli specchi, mica ti resta la macchia sul curriculum del forum.
     
  5. marcenix

    marcenix Pignone

    Registrato:
    7 Maggio 2014
    Messaggi:
    140
    Mi Piace Ricevuti:
    2
    Se può essere utile, ecco il decalogo della mia sicurezza:
    1) sto sempre a destra, anche a costo di rallentare per prendere buche (mai zig zag tra le auto o impegno della mezzeria)
    2) mi fermo ai semafori rossi
    3) nelle rotonde mi sposto leggermente più verso il centro strada
    4) quando vengo superato da un'auto a bassa velocità rallento per prevenire improvvise svolte a destra
    5) guardo sempre in faccia gli automobilisti per assicurarsi che mi abbiano visto e prevedere (per quanto possibile) le loro intenzioni
    6) faccio ampi gesti agli automobilisti per comunicare le mie intenzioni (svolto, aspetta che passo io, passa pure tu ecc)
    7) maglia chiara e talvolta luci lampeggianti (che forse però dovrei usare più spesso)
    8) evito i tragitti con gallerie anche brevi (ne ho una paura matta)
    9) uso molto l'udito: dunque niente cuffie o auricolari
    10) vado piano in discesa e rallento molto nei tornanti

    In realtà ne seguo un undicesimo: prima di cominciare il giro mi affido al Padre Eterno.

    Con tutto ciò, a volte sono arrivato a un pelo dall'incidente.
     
  6. danym

    danym Cronoman

    Registrato:
    5 Gennaio 2016
    Messaggi:
    758
    Mi Piace Ricevuti:
    14
    mah...le cuffie, bel tema...pero' perdonatemi, non esageriamo. Chiaro che se uno è imbecille ad andare per strade trafficate con la musica a tutto volume che non permette di sentire...è un pirla...null'altro da asserire.
    C'è poi pero' quel fantastico bottone che regola la forza con cui esce la musica..si chiama volume...ora, io personalmente alcune volte sento musica sempre regolata ad un'intensità che al massimo non mi permette di sentire la musica ma di sentire i rumori esterni. La stessa intensità fa si che quando pero' sono in strade vuote mi permette di sentire la musica liberamente...
    Insomma, come tutto, servirebbe la testa e, di conseguenza, un po' piu' di rispetto....per non farsi male...ma non voglio tornare sul tema
     
  7. vadopianovunque

    vadopianovunque Novellino

    Registrato:
    17 Aprile 2017
    Messaggi:
    89
    Mi Piace Ricevuti:
    7
    anch io lo ammetto, ascolto a volte la musica, ma uso anche lo specchietto retrovisore, guardandolo spesso mi accorgo delle macchine che sopraggiungono.
     
  8. raccone

    raccone Apprendista Velocista

    Registrato:
    9 Maggio 2007
    Messaggi:
    1.534
    Mi Piace Ricevuti:
    71
    In alcuni anni ne ho fatti 70-75k in auto e 12k in bici, so che ci sono dei pericoli, sia in bici che in auto, questi pericoli si manifestano con manovre azzardate ai miei danni in maniera piuttosto rara, sia in bici che in auto. Probabilmente dipende anche da dove uno abita e quanto e' intenso il traffico in quella zona, nella mia ci sono poche auto e pochi ciclisti. Ieri invece ho pedalato in provincia di Bergamo, un altro mondo... non ho subito alcuna manovra pericolosa ne mi hanno strombazzato ma il traffico e' intenso e disturba non poco.
     
  9. Shinkansen

    Shinkansen Moderatore Xeneize

    Registrato:
    20 Giugno 2006
    Messaggi:
    11.399
    Mi Piace Ricevuti:
    364
    Se è vietato è vietato. Non è vietato ascoltare la musica a basso volume è vietato indossare gli auricolari, non importa che li stai usando o meno.
    Come è vietato passare col rosso, che poi lo facciamo quando non c'è nessuno e il rosso sembra che sia apposta per noi è un altro paio di maniche, ma se ci beccano ci paghiamo la contravvenzione e zitti.
    Non possiamo girarcela come ci fa comodo.
     
  10. danym

    danym Cronoman

    Registrato:
    5 Gennaio 2016
    Messaggi:
    758
    Mi Piace Ricevuti:
    14
    uè...sereno...ho scritto da qualche parte che sia vietato o meno????
    Non mi sembra, non era quello che volevo dire..
    Se mi vogliono multare...hanno ragione, mi multino..questo non vuol dire che sia una legge sensata nel 100% dei casi come del resto molte altre. Pago e sto zitto...e chiedo pure scusa se è per quello....
     
  11. corridore1

    corridore1 Cronoman

    Registrato:
    8 Ottobre 2016
    Messaggi:
    790
    Mi Piace Ricevuti:
    23
    io credo che il ridurre a ciclista ed automobilista sia approssimativo, il problema è che siamo persone sia a piedi, in auto o in bici. Vorrei vedere quanti di quelle che sono intervenuti utilizzando la bici rispettano le regole del codice stradale per ciclist.

    -In base al Codice della strada per poter circolare le biciclette devono essere obbligatoriamente dotate di campanello, luci anteriori, luci e catarifrangenti posteriori, catarifrangenti sui pedali e laterali.

    Art 68 - Caratteristiche costruttive e funzionali e dispositivi di equipaggiamento dei velocipedi
    1. I velocipedi devono essere muniti di pneumatici, nonché:
    a) per la frenatura: di un dispositivo indipendente per ciascun asse che agisca in maniera pronta ed efficace sulle rispettive ruote;
    b) per le segnalazioni acustiche: di un campanello;
    c) per le segnalazioni visive: anteriormente di luci bianche o gialle, posteriormente di luci rosse e di catadiottri rossi; inoltre, sui pedali devono essere applicati catadiottri gialli ed analoghi dispositivi devono essere applicati sui lati.
    2. I dispositivi di segnalazione di cui alla lettera c) del comma 1 devono essere presenti e funzionanti nelle ore e nei casi previsti dall’art. 152, comma 1.
    3. Le disposizioni previste nelle lettere b) e c) del comma 1 non si applicano ai velocipedi quando sono usati durante competizioni sportive.
    4. Con decreto del Ministro dei lavori pubblici sono stabilite le caratteristiche costruttive, funzionali nonché le modalità di omologazione dei velocipedi a più ruote simmetriche che consentono il trasporto di altre persone oltre il conducente.
    5. I velocipedi possono essere equipaggiati per il trasporto di un bambino, con idonee attrezzature, le cui caratteristiche sono stabilite nel regolamento.
    6. Chiunque circola con un velocipede senza pneumatici o nel quale alcuno dei dispositivi di frenatura o di segnalazione acustica o visiva manchi o non sia conforme alle disposizioni stabilite nel presente articolo e nell’articolo 69, è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da lire trentacinquemiladuecentocinquanta a lire centoquarantunomila.
    7. Chiunque circola con un velocipede di cui al comma 4, non omologato, è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da lire cinquantottomilasettecentocinquanta a lire duecentotrentacinquemila.
    8. Chiunque produce o mette in commercio velocipedi o i relativi dispositivi di equipaggiamento non conformi al tipo omologato, ove ne sia richiesta l’omologazione, è soggetto, se il fatto non costituisce reato, alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da lire cinquecentottantasettemilacinquecento a lire duemilionitrecentocinquantamila.
    Art. 69. Caratteristiche dei dispositivi di segnalazione e di frenatura
    dei veicoli a trazione animale, delle slitte e dei velocipedi.
    1. Nel regolamento sono stabiliti, per i veicoli di cui agli articoli 49, 50 e 51, il numero, il colore, le caratteristiche e le modalità di applicazione dei dispositivi di segnalazione visiva e le caratteristiche e le modalità di applicazione dei dispositivi di frenatura dei veicoli a trazione animale e dei velocipedi, nonché, limitatamente ai velocipedi, le caratteristiche dei dispositivi di segnalazione acustica.
    Art. 182. Circolazione dei velocipedi
    1. I ciclisti devono procedere su unica fila in tutti i casi in cui le condizioni della circolazione lo richiedano e, comunque, mai affiancati in numero superiore a due; quando circolano fuori dai centri abitati devono sempre procedere su unica fila, salvo che uno di essi sia minore di anni dieci e proceda sulla destra dell’altro.
    2. I ciclisti devono avere libero l’uso delle braccia e delle mani e reggere il manubrio almeno con una mano; essi devono essere in grado in ogni momento di vedere liberamente davanti a sé, ai due lati e compiere con la massima libertà, prontezza e facilità le manovre necessarie.
    3. Ai ciclisti è vietato trainare veicoli, salvo nei casi consentiti dalle presenti norme, condurre animali e farsi trainare da altro veicolo.
    4. I ciclisti devono condurre il veicolo a mano quando, per le condizioni della circolazione, siano di intralcio o di pericolo per i pedoni. In tal caso sono assimilati ai pedoni e devono usare la comune diligenza e la comune prudenza.
    5. E’ vietato trasportare altre persone sul velocipede a meno che lo stesso non sia appositamente costruito e attrezzato. E’ consentito tuttavia al conducente maggiorenne il trasporto di un bambino fino a otto anni di età, opportunamente assicurato con le attrezzature, di cui all’articolo 68, comma 5.
    6. I velocipedi appositamente costruiti ed omologati per il trasporto di altre persone oltre al conducente devono essere condotti, se a più di due ruote simmetriche, solo da quest’ultimo.
    7. Sui veicoli di cui al comma 6 non si possono trasportare più di quattro persone adulte compresi i conducenti; è consentito anche il trasporto contemporaneo di due bambini fino a dieci anni di età.
    8. Per il trasporto di oggetti e di animali si applica l’art. 170.
    9. I velocipedi devono transitare sulle piste loro riservate quando esistono, salvo il divieto per particolari categorie di essi, con le modalità stabilite nel regolamento.
    10. Chiunque viola le disposizioni del presente articolo è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da lire trentacinquemiladuecentocinquanta a lire centoquarantunomila. La sanzione è da lire cinquantottomilasettecentocinquanta a lire duecentotrentacinquemila quando si tratta di velocipedi di cui al comma 6.

    ora detto questo vorrei riportare le mie esperienze, io utilizzo casco, ho frontali luci da 6000 lumen, posteriore 2 luci rosse, una fissa una intermittente, campanello sul manubrio, sto anche pensando di utilizzare gli specchietti.
    Normalmente quando esco sia in bici che in auto vedo alcuni senza casco, luci e campanelli neanche l'ombra (con tutti i grammomaniaci...), ciclisti spesso in file di 3-4
    Poi vedo gente in auto al telefono o che non rispetta i segnali o che passa vicinissmo al ciclista.
    Sinceramente e scusate il termine ma io non dico mai "ma vedi questo idiota di ciclista (nel primo caso) o questo idiota di automobilista, penso sempre "ma guarda questo idiota".
    Saluti
     
  12. Shinkansen

    Shinkansen Moderatore Xeneize

    Registrato:
    20 Giugno 2006
    Messaggi:
    11.399
    Mi Piace Ricevuti:
    364
    Semmai è il contrario. Comunque, hai dato una tua visione personalizzata.

    Sei stato chiarissimo, invece. Come devo interpretare le tue frasi?

    Si parla di una norma del CdS. Se c'è non stiamo esagerando. Stiamo parlando di un comportamento sanzionabile.

    Qui dici esplicitamente che se ascolti la musica in strade non trafficate ad un volume adeguato è una cosa che si può fare.

    Visto che si sta parlando di sicurezza dire che ascoltare la musica ad un volume adeguato (chi stabilisce che è adeguato? Sei sicuro che il volume che usi ti permetta di avvertire tutti i pericoli in cui puoi incorrere) non mi pare affatto un argomento appropriato.

    Per concludere: ritengo che ascoltare la musica con le cuffie sia molto più pericoloso che passare col rosso perché il passare col rosso comporterà al massimo una decina di secondi mentre le cuffie parliamo almeno di un'ora.
     
  13. bicilook

    bicilook Scalatore

    Registrato:
    15 Giugno 2008
    Messaggi:
    6.127
    Mi Piace Ricevuti:
    323
    Ma il velocipede non è quel mezzo con due ruote,senza i pedali e la trasmissione?...con la trazione data dai piedi?:mrgreen:
    Ho visto anche un sacco di ciclisti distratti e indisciplinati schiantarsi contro un'auto, sfasciando l'auto e uccidendo il conducente sul colpo...;nonzo%
    Io personalmente, da automobilista...anche se un ciclista,pedone,carretto coi cavalli, ha un comportamento stradale sbagliato,ma se so che urtandolo lo posso uccidere,sto attento tre volte tanto, perchè questo non accada...
    Bisogna mettersi nella testa che se urti un'auto,anche se questo ha fatto una manovra sbagliata, gli ammacchi un paraurti o una portiera,se urti un ciclista o un pedone,anche a 10km/h lo puoi uccidere...
    è questo che non entra secondo me nella testa della gente...
    Bisogna essere prudenti e attenti sempre,quando si è alla guida di un'auto,perchè si puo' uccidere ...un ciclista,un pedone o un motociclista,che non sono degli intrusi sulle strade,ma fanno parte delle normali dinamiche della vita quotidiana...c'è chi si muove in auto,chi in treno,chi in bici,chi a piedi,chi in moto...
    Quelli che si muovono in treno hanno le rotaie,quelli che si muovono in auto,in bici,in moto condividono le stesse strade...che durante attraversamenti o tratti senza marciapiede( e ce ne sono ancora molti) sono condivise anche dai pedoni.
    Quindi secondo me è proprio la cosa di mettersi nella testa che la strada non è solo delle automobili o dei bus o dei camion...è percorsa anche da altri mezzi e bisogna farsene una ragione...se c'è un ciclista rallento e aspetto di sorpassarlo quando c'è lo spazio per farlo in sicurezza...se c'è un pedone che aspetta di attraversare,rallento e lo faccio attraversare,invece la maggior parte accelerano, per togliere il pensiero al pedone di mettere giù il piede per attraversare la strada...è questo pensiero che l'auto è la padrona della strada e gli altri sono intrusi che deve cambiare...e invece non cambierà niente,passata la tempesta di Scarponi sarà tutto come e peggio di prima...
     
  14. vadopianovunque

    vadopianovunque Novellino

    Registrato:
    17 Aprile 2017
    Messaggi:
    89
    Mi Piace Ricevuti:
    7
    condivido in pieno il tuo pensiero.
    purtroppo
     
  15. corridore1

    corridore1 Cronoman

    Registrato:
    8 Ottobre 2016
    Messaggi:
    790
    Mi Piace Ricevuti:
    23
    condividendo la paerte di porre attenzione, ti chiedo, tu rispetti il codice stradale seguendo queste regole?
    Se no sei in errore.
    Mi sembra di ascoltare i discorsi di quelli che dicono "eh ma qui va tutto male, i politici rubano, qullo fa questo e quello" e poi li vedi che nel loro piccolo comunque trasgrediscono le regole.
    E' inutile dire è ma quello ruba di più o dire eh ma quello è più pericoloso, entrambi stanno commettendo reati, quindi al pari di automobilisti che non rispettano le regole ci sono ciclisti o pedoni o quello che vuoi che non rispettano le regole.
    Chiaro?
     
  16. bicilook

    bicilook Scalatore

    Registrato:
    15 Giugno 2008
    Messaggi:
    6.127
    Mi Piace Ricevuti:
    323
    Quello che mi chiedo io innanzitutto ,è se quelli che non rispettano le regole è giusto ucciderli...io credo proprio di no...
    Pertanto,un ciclista che sta un po' in mezzo alla carreggiata o che non usa le luci,o cos'altro "reato" stia commettendo...io lo rispetto come se stesse rispettando le regole e cerco in tutti i modi di evitare l'incidente...c'è chi non lo fa,e da qui nascono i 250 ciclisti morti all'anno...
     
  17. edoardo3

    edoardo3 Apprendista Velocista

    Registrato:
    11 Settembre 2009
    Messaggi:
    1.768
    Mi Piace Ricevuti:
    33
    Sono d'accordo con te, la gravità delle conseguenze di un'infrazione determinano la severità della punizione, non il diritto di fregarsene della norma.
    Il concetto che in Italia non passa è che le leggi andrebbero rispettate tutte, non in base alla simpatia.

    Anch'io come credo molti ho migliorato il mio modo di guidare da quando vado in bici, ma prima non ho mai avuto un aiuto dall'ambiente circostante... Cioè se tutti si adeguano al caos io non sono incentivato a fare meglio, ma solo a trovare il modo per sopravvivere.
    Non è un caso che le nazioni che puntano sul trasporto su due ruote facciano un grande lavoro urbanistico a monte, perché l'ambiente che ci circonda ed il comportamento di chi ci circonda può condizionare anche il nostro modo di agire.
    Questo soprattutto in Italia è un concetto che non è mai stato promosso o insegnato.
     
  18. samuelgol

    samuelgol Schützen Biker Moderator

    Registrato:
    24 Settembre 2007
    Messaggi:
    27.096
    Mi Piace Ricevuti:
    737
    Appunto, quindi chi pedala con le cuffie non ha diritto di farlo:
    http://www.aci.it/i-servizi/normati...-determinati-apparecchi-durante-la-guida.html
    Chi le usa oltre che trasgressore è pure stupido invece, o se preferisci incosciente, visto che mette a repentaglio in primis la propria incolumità e poi quella altrui, stante il potenziale rischio a cui sottopone chi, a una propria manovra inconsulta o inappropriata, si vedesse costretto a propria volta a dover compiere una manovra di emergenza.
     
  19. Tapinaz

    Tapinaz Maglia Gialla

    Registrato:
    3 Giugno 2005
    Messaggi:
    10.299
    Mi Piace Ricevuti:
    257
    Il secondo comma del 173 precisa anche :
    è consentito l'uso di apparecchi a viva voce o dotati di auricolare purché il conducente abbia adeguate capacità uditive ad entrambe le orecchie (che non richiedono per il loro funzionamento l'uso delle mani)
    si dovrebbe trattare quindi telefoni cellullari con apparato Bluetooth o wireless ed in ogni caso con cavo microfonato
     
  20. danym

    danym Cronoman

    Registrato:
    5 Gennaio 2016
    Messaggi:
    758
    Mi Piace Ricevuti:
    14
    vabbè, non hai capito cosa intendevo...non fa nulla, spero che qualcun altro ci sia riuscito
     

Condividi questa Pagina