Domanda forse "banale" guarnitura 53/39

Discussione in 'Principianti' iniziata da mountainbiker, 21 Settembre 2017.

  1. abatta68

    abatta68 Scalatore

    Registrato:
    7 Novembre 2008
    Messaggi:
    6.183
    Mi Piace Ricevuti:
    285
    Non è tanto questione di agilità si oppure no... ti faccio un esempio: sabato scorso ho fatto il giro del Sestriere. La salita da Cesana non è nulla di cosi impegnativo (10km al 6/7%), ma sono salito col 34/26, perchè dovevo concludere un giro di 200km. Questo sabato abbiamo fatto il giro del colle del Lys con salita da Almese (13km all' 8%), quindi una salita più dura, ma sono salito con il 34/24 perchè il giro era lungo la metà, rispetto a quello del Sestriere. Questo per dire che "imballarsi le gambe" in un giro molto lungo o magari con più salite diventa controproducente, in altre situazioni più facili da gestire magari ti puoi permettere di spingere un pò più di rapporto. Ma questo vale per le salite come per la pianura... non credere che spingere un rapportone in pianura per tante ore produca effetti diversi dalla salita. Per allenare la forza devi usare la forza, però spesso in bici occorre fare anche i conti con la forza residua che ti deve consentire di terminare bene un giro, quindi ben venga anche pedalare in agilità. Imparare a gestirsi in bici è una cosa fondamentale.
     
  2. davidenegro

    davidenegro Pedivella

    Registrato:
    30 Maggio 2017
    Messaggi:
    309
    Mi Piace Ricevuti:
    4
    Io posso riportare la mia esperienza..

    Quest'anno ho ricominciato a pedalare, diciamo da zero, con la mia vecchia colnago sul quale montavo una 52-39. Facevo davvero fatica, la 52 non la mettevo praticamente mai. Tendevo comunque a mantenere una cadenza bassa perché mi sembrava che il cuore facesse meno lavoro. Però mi stancavo parecchio e dopo 20 km già non ce la facevo più. Le salite? Manco a parlarne, su una mi sono piantato a metà. Dopo 200m forse... un disastro.

    Poi ho preso una bdc nuova con la compatta. Altro pianeta. Sono riuscito a migliorare parecchio. Ora sono più allenato, è vero, ho fatto già 1200km solo con questa nuova. Ora però riesco a mantenere una pedalata più agile, con una cadenza maggiore, e questo mi permette di tenere i battiti più bassi e di sentire meno la fatica nelle gambe. Ora non riesco a fare giri di meno di 50 km e con almeno 400m di dislivello. Il "rapportone " 50/11 in pianura non riesco a tirarlo neanche adesso, altrimenti mi scoppia il cuore, proprio perché non riesco a tenere una pedalata agile. Però un 50/14 o 50/16 si mantenendo la pedalata fluida e leggera, e riesco a fare molti più km così.

    In conclusione: sono una schiappa? Assolutamente SI! Solo il re delle schiave e devo ancora pedalare parecchio. Però per quanto mi riguarda compatta tutta la vita!

    Questa però è la MIA esperienza... la questione quindi penso sia molto soggettiva
     
  3. drago.andre71

    drago.andre71 Pignone

    Registrato:
    14 Giugno 2016
    Messaggi:
    227
    Mi Piace Ricevuti:
    3
    Riporto la mia esperienza di schiappa dopo un anno di bdc, premetto che prima non ero fermo ho parecchi anni con MTB dalla 26 in acciaio rigida al front 29 che tuttora alterno...

    Non sono un frullatore mai stato,,,ho 46 anni, se faccio 85 rpm mi sembra già tanto...
    ho iniziato con il mio cancello usato 52/42/30 ant 11/25 post

    nel mio solito percorso non riuscio ad utilizzare bene i rapporti altro tipo di pedalata rispetto al mtb e se in painura spingevo il 52 il 42 mi disturbava parecchio....

    Ora credo di essermi adattato e non sò se ho fatto più forza ma i muscoli girano diversamente, tuttavia credo che utilizzando questi rapporti si alleni la forza e per converso anche una certa agilità...

    Ora dopo un anno la salita al 4/5% la faccio tranquillamente con il 42 davanti ed avendo ora cambiato il pacco pignoni posteriore con un 13/29 posso salire anche a 70/80rpm ed è vero arrivo con la gamba meno appesantita ma con il fiato corto...al contrario se vado più duro con il mio passo e quindi sotto le 70 rpm certo più lento arrivo nel complesso meglio sia di faito che di gamba.

    Ora se ne ho voglia riesco a spingere anche il 42 su salite al 10% dove prima mettevo la piccola (30) e la salita del 4/5% se ho poco tempo e voglio forzare mi posso permettere di farla con il 52 anteriore...
    certo se la salita è lunga o la gamba non è in giornata avere un rapporto salvagamba è una bella sicurezza..

    Quando ora torno a pedalare con mtb grazie all'allenamento della bdc mi trovo a spingere mediamente rapporti più lunghi e ad esser più "resistente" poi ovvio se la pendenza chiama o io ho la giornata storta non ho problemi a metter le ridotte...;)

    Quindi più che l'obbligo della compact è obbligo l'allenamento...io per ora se non hai esigenze particolari penserei a star così, nel momento in cui deciderai per una "bici seria" valuterei con serenità avendo un pò più di esperienza al massimo cambi il pacco pignoni dietro.
     
  4. peppe59

    peppe59 Velocista

    Registrato:
    6 Luglio 2011
    Messaggi:
    5.603
    Mi Piace Ricevuti:
    238
    mi fa piacere che ci siano stati tre post di fila (non posso dare reputazione ad Abatta, gliene ho già data troppa) in cui invece di dare ricette assolute si è detto quali sono vantaggi e svantaggi delle varie soluzioni, anche secondo quello che uno deve/vuole fare...

    ogni tanto si riesce anche a discutere tranquillamente e costruttivamente!
     
  5. mountainbiker

    mountainbiker Pignone

    Registrato:
    1 Maggio 2016
    Messaggi:
    181
    Mi Piace Ricevuti:
    5
    Ultimamente ho fatto delle uscite in bdc con amici ben allenati e per mettermi in difficoltà oltre a scegliere un percorso più impegnativo al ritorno aumentavano il passo nei tratti più impegnativi...
    l'ho lasciati andare invece di farmi trovare "seduto sul guardrail" !!!!
     
  6. davidenegro

    davidenegro Pedivella

    Registrato:
    30 Maggio 2017
    Messaggi:
    309
    Mi Piace Ricevuti:
    4
    Begli amici che hai :))):
     
  7. peppe59

    peppe59 Velocista

    Registrato:
    6 Luglio 2011
    Messaggi:
    5.603
    Mi Piace Ricevuti:
    238
    "Imparare a gestirsi in bici è una cosa fondamentale".

    Ma anche scegliersi gli "amici" con cui si esce è importante !!!
     
  8. pepplesso

    pepplesso Apprendista Passista

    Registrato:
    13 Maggio 2013
    Messaggi:
    1.161
    Mi Piace Ricevuti:
    20
    a prescindere dagli amici poco amichevoli, per come la metti e giri, iniziare con la tua guarnitura non e' il massimo della vita per una infinità di motivi che troverai sparsi nel forum. Ma se hai intenzione di cambiare a breve non spendere soldi e a limite migliora il pacco pignoni (valutando la possibilità) aggiungendo come ti hanno gia detto un 28 0 29 miche.
     
  9. tornoindietro72

    tornoindietro72 Pedivella

    Registrato:
    13 Ottobre 2015
    Messaggi:
    374
    Mi Piace Ricevuti:
    8
    io ho iniziato da 0 con 53/39 - 11/25, a piccoli passi senza eccedere sono giunto sempre ovunque, certo che una compact aiuta in particolare nelle salite a parità di pacco, ma ad oggi non ne ho sentito la necessità, solo questa estate ho voluto provare a cambiare 11/25 con 12/27, che dire, il 16 che prima non c'era lo utilizzo quasi nulla, utilizzo invece molto 21 e 24, ma sento mancanza dell'11 quando scendi e vai in pianura lanciato.
    Io straei sul 53/39 senza troppe pi...mentali, prova a cambiare magari il pacco se vuoi un aiuto in salite estreme, se hai 11v poi puoi fare belle scalette da utiulizzare a seconda del tipo di strada che prediligi.

    I tipi che sono usciti con te non sono amici, facile vincere facile con chi ha meno allenamento e secondo quando si esce in gruppo si esce per stare insieme, pedalare insieme e sudare insieme, certo normale magari se si ha gamba farsi la sparata ma non per mettere in difficoltà altri, sta gente lasciala con i loro pari.

    esci da solo che è meglio.
     
  10. drago.andre71

    drago.andre71 Pignone

    Registrato:
    14 Giugno 2016
    Messaggi:
    227
    Mi Piace Ricevuti:
    3
    condivido in pieno!!!
     
  11. davidenegro

    davidenegro Pedivella

    Registrato:
    30 Maggio 2017
    Messaggi:
    309
    Mi Piace Ricevuti:
    4
    Straquoto!!! Il mio AMICO, con il quale esco spesso (e quando non c'è ed esco solo mi manca da morire) è poco più grande di me ma va in bici da sempre, non come me che ho iniziato da pochissimo, le prime volte usciva con me e quando dopo 20 km ero esausto mi accompagnava a casa... lui poi magari continuava oppure si faceva un giro prima... e quando usciamo insieme sono sempre io davanti a tirare... non perché lui è cattivo o scansafatiche, ma perché rispetta i miei ritmi anche se soffre a starmi dietro... infatti ogni tanto mi da il cambio e si mette a tirare lui ma dopo un po' gli chiedo di rallentare... solo ora che sono migliorato un po' riesco ad essere più di aiuto!

    Comunque questi sono quelli che si possono chiamare AMICI o-o
     
  12. SuperCoppaCobram

    SuperCoppaCobram Novellino

    Registrato:
    11 Marzo 2017
    Messaggi:
    73
    Mi Piace Ricevuti:
    1
    In realtà questa domanda potrebbe scatenare un ginepraio di differenti risposte,dubbi,conclusioni,risposte,etc...poichè andrebbe a toccare il rapporto tra il "valore d'uso" di una bici e il suo "valore di scambio",termini per indicare semplicemente:ora come ora che ci faccio con la bici?vale la pena spendere soldi,considerando che le bici da corsa vengono considerate quasi alla stregua di un bene di lusso con un sempre più scadente rapporto qualità-prezzo soprattutto per la gamma media,medio-bassa e bassa.Tieniti la tua bici,pedala e cerca di capire se ti piace e quanto ti piace,quali sono i tuoi percorsi preferiti e quanto tempo-forza-voglia e denaro hai a disposizione e vuoi investire in tale attività.Dopo(e puoi lasciare passare il tempo che ti pare a meno di sostituzioni indispensabili per usura,rotture,etc)decidi,e dal mio punto di vista,gradatamente,senza regalare soldi in giro.Per quel che poco che può valere la mia esperienza è stata quella di iniziare 10 anni fa con una vecchia bici anni '80 con su il 41-22,ho pedalato,cercando di allenarmi in salita(poichè il mio piacere è l'andare in collina-montangna ,non tanto la bici)e impastandomi un bel po di volte poichè dove vivo io le salite collinari sono corte ma toste(ma questo è ciò che ho voluto io perchè il mio desiderio era di scalare salite sempre più dure e vedere bei panorami nel silenzio della montagna,anche se in lombardia è un pò difficile,il silenzio intendo).Poi vedendo che la cosa mi appassionava ho comprato una bici nuova con un 34-26 perchè altrimenti fare certe salite con in più i km di traferimento diventava arduo(non parliamo poi di fare 2 o più passi\cime).Adesso monto un 36-25 per la bici da "domenica" e un 39-25 per quella da allenamento:io vado su duro ma con bassa frequenza,non mi interessano VAM,Vo2Max,etc ma solo tentare di scalare pendenze toste con "certi rapporti".Sono un ciclopotamo(cit. presa in prestito da un altro utente del forum)bradipesco ma mi diverto così,tu magari avrai tutt'altre esigenze ed un'altra età e giustamente sceglierai di conseguenza.Un solo consiglio,è ovvio però...prima di spendere nella bici spendi nel tuo corpo,ossia nel mangiare bene e nel fare altre discipline aerobiche come corsa,nuoto o anche solo passeggiate a buon ritmo,sempre se hai voglia e tempo ovviamente.P.S.L'idea della tripla che ti hanno scritto non è affatto da scartare e i tuoi "amici" si sono comportati da pir.a:angrymod: .ciao
     
  13. mountainbiker

    mountainbiker Pignone

    Registrato:
    1 Maggio 2016
    Messaggi:
    181
    Mi Piace Ricevuti:
    5
    Parole sagge !!!!gandalfgandalf
    Con la 53 39 non trovo grandissime difficoltà e come già detto montando una cassetta 12 - 25 son costretto a pedalare con rapporti meno agili.
    La domanda era appunto sul tipo di rapporti da utilizzare per un principiante della bdc.
    Cmq son d'accordo con te prima di investire in bici è consigliabile investire in "conoscenze"...
     
  14. geb71

    geb71 Apprendista Passista

    Registrato:
    29 Agosto 2011
    Messaggi:
    1.132
    Mi Piace Ricevuti:
    43
    Il fatto che tu abbia imparato a pedalare piu agile ed che in questo modo riesci a fare piu km ha perfettamente senso.

    quello che non capisco è cosa ti impediva di farlo anche con la 53-39;nonzo%
    53/15 e 53/17 hanno all'incirca lo stesso sviluppo di 50/14 e 50/16.

    Pedalare duro o agile, lo decidi te, mica dipende dalla moltiplica che monti. Scusa se te lo dico ma post come il tuo generano solo confusione in molti principianti.
     
  15. davidenegro

    davidenegro Pedivella

    Registrato:
    30 Maggio 2017
    Messaggi:
    309
    Mi Piace Ricevuti:
    4
    Non avevo ne il 15 ne il 17... montavo un pacco pignoni 8v costituito da 13-14-16-18-20-22-25-28

    Cmq il punto è un altro... Quello che volevo dire più che altro è che la compatta mi ha aiutato parecchio nelle salite. Avere un 34/28 al posto di una 39/28 mi ha aiutato tantissimo, anche se sto dicendo una banalità.

    Quello che volevo dire è che, a parità di pignoni, una compatta ti permette di avere rapporti che ti permettono una maggiore agilità.

    Cmq hai ragione; io sono solo un novellino, non sono certo un esperto ciclista navigato e tecnicamente preparato. Volevo solo riportare la mia esperienza e nulla di più. Di certo non avevo la pretesa di insegnare niente a nessuno.

    Mi dispiace se ho detto cose non esatte o che possono aver generato confusione, non era mia intenzione. Mi scuso di questo
     
    #35 davidenegro, 25 Settembre 2017
    Ultima modifica: 25 Settembre 2017
  16. pepplesso

    pepplesso Apprendista Passista

    Registrato:
    13 Maggio 2013
    Messaggi:
    1.161
    Mi Piace Ricevuti:
    20
    dimenticavo, adesso leggerai una marea di "io con la guarnitura xxx/yyy salgo ovunque e non ho mai avuto problemi" dimenticando che sei tu che devi salire e non gli altri. A seconda della difficolta sara la tua gamba a chiedere il rapporto ed e' meglio avere un rapporto in piu che uni in meno. Saluti o-o
     

Condividi questa Pagina