Chiudi
Questo sito utilizza cookies. Chiudendo questa finestra acconsenti all'utilizzo dei cookies e approvi la nostra informativa sulla privacy.

e il nuoto?

Discussione in 'Altri sport - running & sport invernali' iniziata da riky76, 21 Maggio 2009.

  1. Gamba_tri

    Gamba_tri Scalatore

    Registrato:
    29 Marzo 2005
    Messaggi:
    6.027
    Mi Piace Ricevuti:
    385
    Dipende da cosa vuoi allenare, le ripetute brevi sono per la potenza anaerobica, ritmo più veloce e recupero incompleto, quelle lunghe per la potenza aerobica, passo più lento e recupero completo.

    Sent from my Moto G (5) Plus using BDC-Forum mobile app
     
  2. Marietto64

    Marietto64 Apprendista Velocista

    Registrato:
    14 Dicembre 2010
    Messaggi:
    1.477
    Mi Piace Ricevuti:
    152
    Esatto, se fai tutto l'esercizio vedrai che alla fine sei bollito!
    Tutto sta a trovare il passo giusto con cui fare le ripetizioni. Il libro che seguivo io se non ricordo male faceva fare un 400 massimale, un 200 massimale e poi faceva fare la media del passo delle due prove per trovare il ritmo a cui fare le ripetizioni aerobiche, che migliorano ad esempio i tempi sui 1500 mt.

    Sent from my HUAWEI VNS-L31 using BDC-Forum mobile app
     
  3. Bradipotamodimontallina

    Registrato:
    21 Giugno 2018
    Messaggi:
    166
    Mi Piace Ricevuti:
    35
    Mi han sempre detto che il nuoto è lo sport più completo che esista per mantenere in salute il fisico,ma la noia,la nooia,la noooooia:doh: che mi provoca il nuotare in piscina è sempre stato un ostacolo insormontabile al suo svolgimento con un minimo di regolarità.Ma come fate?Alle superiori avevo un compagno che faceva agonistica(allenamenti 4 volte alla settimana per 2 ore:wacko: ciascuno),è andato avanti fino ai 17 anni poi è sbarellato e ha iniziato a giocare a pallanuoto.
     
  4. AXA

    AXA Gregario

    Registrato:
    11 Settembre 2015
    Messaggi:
    689
    Mi Piace Ricevuti:
    49
    Se inizi a fare allenamenti più strutturati con diverse ripetizioni ti consiglio di tenere un tempo di riferimento totale (esercizio+recupero).
    Ad esempio in una eventuale serie da 6x100m, parti ogni 90 secondi. In questo modo se nuoti più forte avrai un po' di recupero in più mentre se ti gestisci arriverai meno affaticato ma dovrai ripartire quasi subito.
     
  5. AXA

    AXA Gregario

    Registrato:
    11 Settembre 2015
    Messaggi:
    689
    Mi Piace Ricevuti:
    49
    Penso sia la fine del 99% delle persone che fanno agonismo. Noi ci allenavamo dalle 14 alle 16 dal lunedì al venerdì e sabato mattina palestra se la domenica non c'erano gare. Ad una certa età iniziano anche altri interessi e se non arrivano risultati trovare la motivazione per continuare un tale supplizio è dura. Il tuo compagno è stato fin troppo bravo a rimanere nell'ambiente con la pallanuoto, io quando ho mollato ho proprio avuto una repulsione totale verso la piscina per anni.
     
  6. Bradipotamodimontallina

    Registrato:
    21 Giugno 2018
    Messaggi:
    166
    Mi Piace Ricevuti:
    35
    Immagino...
     
  7. Fitzcarraldo

    Fitzcarraldo Gregario

    Registrato:
    13 Novembre 2008
    Messaggi:
    687
    Mi Piace Ricevuti:
    23
    si capiva dalla ripartenza a 90" sulle serie da 100m che sei ex agonista :-)xxxx
     
    A d1ego piace questo elemento.
  8. pedalone della bassa

    pedalone della bassa Apprendista Cronoman

    Registrato:
    9 Ottobre 2013
    Messaggi:
    3.258
    Mi Piace Ricevuti:
    264
    si, infatti in 90 secondi manco li finisco i 100 mt :cry:. :mrgreen:
    magari allargo il discorso a 140 di secondi :doh::wacko:
     
  9. robeambro

    robeambro Pignone

    Registrato:
    25 Aprile 2018
    Messaggi:
    109
    Mi Piace Ricevuti:
    30
    Ahem. Salve! Negli ultimi due mesi ho cominciato a nuotare, sperando di riuscire un giorno lontano lontano a fare triathlon.
    Dico lontano perche' per ora, nonostante segua i milioni di consigli trovati in rete, piu' di un 100-150 metri senza fiatone e HR altissimi non riesco a farli..
    Speriamo bene per il futuro!
     
  10. Gamba_tri

    Gamba_tri Scalatore

    Registrato:
    29 Marzo 2005
    Messaggi:
    6.027
    Mi Piace Ricevuti:
    385
    La speranza non basta per migliorare, ingaggia un istruttore od iscriviti ad un corso di tecnica di nuoto.

    Sent from my Moto G (5) Plus using BDC-Forum mobile app
     
    A robeambro piace questo elemento.
  11. robeambro

    robeambro Pignone

    Registrato:
    25 Aprile 2018
    Messaggi:
    109
    Mi Piace Ricevuti:
    30
    Si, e' in programma! Ad agosto mi trasferisco quindi cambio piscina, e provo li'. Dovro' sperare che ci sia qualcuno che lo faccia in inglese..

    Per ora, prima di iniziare con l'istruttore, che posso fare da solo per migliorare la mia capacita' respiratoria? Per ora sto cercando di andare spesso anche se per brevi tratti (sui 4-500m).
    Mi conviene a) nuotare senza pause finche' lo gestisco bene, o b) continuare alla morte e respirando ogni due bracciate con la tecnica che va a farsi benedire per abituare il corpo*?

    *In vari siti o programmi tipo 0to1650 dicono che bisogna minimizzare il recupero e allenare il corpo a lavorare in carenza di ossigeno.
     
  12. Gamba_tri

    Gamba_tri Scalatore

    Registrato:
    29 Marzo 2005
    Messaggi:
    6.027
    Mi Piace Ricevuti:
    385
    Dove ti trasferisci, se posso chiedertelo. In questa fase un allenamento aerobico ti farà migliorare molto poco nel breve periodo, peggiorare nel lungo perché consolidi errori. Fai esercizi di tecnica basilare, quella Joe Friel chiama PDLC (posture, distance, length, catch) per una vasca da 25 e riposa fino a quando il fiatone è passato. Dimentica l'allenamento aerobico in questa fase.

    Sent from my Moto G (5) Plus using BDC-Forum mobile app
     
    A robeambro piace questo elemento.
  13. robeambro

    robeambro Pignone

    Registrato:
    25 Aprile 2018
    Messaggi:
    109
    Mi Piace Ricevuti:
    30
    Grazie, ci guardo a questi esercizi.

    Vivo già in Olanda, mi trasferisco da un paese all’altro (in periferia di Amsterdam).
    Non ho la minima intenzione di imparare l’olandese :D


    Sent from my iPhone using BDC-Forum mobile app
     
    A Gamba_tri piace questo elemento.
  14. Gamba_tri

    Gamba_tri Scalatore

    Registrato:
    29 Marzo 2005
    Messaggi:
    6.027
    Mi Piace Ricevuti:
    385
    Conosco la ragazza che si è classificata seconda ai nazionali di triathlon olandesi, Els Visser, ha passato l'inverno ad allenarsi in Australia nella piscina dove lavoro. Non dovrebbe essere un problema trovare un istruttore che parli inglese.

    Sent from my Moto G (5) Plus using BDC-Forum mobile app
     
  15. Tall

    Tall Pignone

    Registrato:
    4 Febbraio 2018
    Messaggi:
    264
    Mi Piace Ricevuti:
    124
    Consiglio di concentrarsi inizialmente sulla tecnica senza pensare alla resa fisica per due motivi:
    1 se si nuota "a caso" si finisce per memorizzare un movimento errato e diventa difficile correggerlo.
    2 nuotare con moventi sbagliati oltre a essere controproducente può causare infiammazioni e fastidi alle articolazioni delle braccia.
     
    A robeambro piace questo elemento.

Condividi questa Pagina