Freni a disco: diteci la vostra !

Discussione in 'Canyon' iniziata da Canyon Italia, 4 Maggio 2016.

Status Discussione:
Chiusa ad ulteriori risposte.
  1. Canyon Italia

    Canyon Italia Marchio ufficiale
    Marchio Ufficiale

    Registrato:
    9 Giugno 2008
    Messaggi:
    442
    Mi Piace Ricevuti:
    9
    Gentili utenti,

    a seguito della caduta di Francisco Ventoso (Team Movistar) alla recente Parigi-Roubaix, i freni a disco sono tornati ad essere oggetto di discussione e dibattito.
    L'Unione Ciclistica Internazionale ha sospeso momentaneamente la sperimentazione.

    Ora, vogliamo conoscere la vostra opinione. Lavoriamo fianco a fianco con i grandi campioni del ciclismo mondiale che scrivono la storia del nostro amato sport, ma non basta. Il ciclismo e' vostro e di tutte quelle persone che con passione montano in sella per vivere momenti di vera liberta'.

    Cliccando qui -[FONT=&quot] [/FONT][FONT=&quot][FONT=&quot]po.st/DiscSurvey[/FONT] [/FONT]-; avrete la possibilita' di esprimere il vostro parere riguardo l'utilizzo dei freni a disco.
    Tutti i partecipanti a questo sondaggio parteciperanno all'estrazione di un buono sconto del valore di 500 euro da spendersi per l'acquisto di una bicicletta Canyon.

    Ringraziamo in anticipo tutti i partecipanti.
    [FONT=&quot][/FONT][FONT=&quot] [/FONT]
     
  2. patek

    patek Apprendista Passista

    Registrato:
    21 Agosto 2007
    Messaggi:
    919
    Mi Piace Ricevuti:
    16
    appena ho tempo partecipo nella sede indicata. io uso dischi idraulici sulla mtb e di recente li ho messi anche su una gravel artigianale che ho fatto realizzare ( più o meno come la vostra Inflite da ciclocross)

    dopo averli provati non tornerei mai più indietro per potenza dolcezza e soprattutto modulabilità.

    detto questo sulla bdc sono inutili e pericolosi. le soluzioni tecniche per limitare la pericolosità si possono trovare ma di fatto sono un ulteriore aggravio di peso di costruzione delle bici antiestetici a vedersi e abbastanza inutili con copertura da 23 o 25 perchè la potenza in più non può esprimersi.
     
  3. nemme1881

    nemme1881 Novellino

    Registrato:
    18 Novembre 2015
    Messaggi:
    41
    Mi Piace Ricevuti:
    1
    Buongiorno,

    Sono perfettamente d'accordo con quanto scritto da Patek. Ho una mtb con freni a disco che sono utilissimi in una discesa fuori strada. Ho 2 bici da corsa con freni tradizionali ( Campagnolo e Shimano ) che rispondono benissimo alle esigenze del 99% dei ciclo amatori. Non acquisterò mai una bici da strada con i freni a disco, in quanto aggiungono peso inutile, hanno qualche problema di surriscaldamento nelle lunghe discese, se è vero che nelle condizioni di bagnato aiutano è anche vero che il 99% dei ciclo amatori se è bagnato non escono in bici.

    Questo è il mio punto di vista.

    Saluti a tutti.
    Nux

    Inviato dal mio Asus. Saluti Nux
     
  4. Ipercool

    Ipercool Scalatore

    Registrato:
    13 Agosto 2012
    Messaggi:
    6.928
    Mi Piace Ricevuti:
    284
    Ora vado e compilo... :mrgreen:

    Poi:
    Io spero che i dischi si diffondano in fretta.

    - Del peso attuale degli impianti non mi interessa nulla, mezzo kg sposta talmente pochi watt che il 99,99% degli amatori in concreto se ne accorge solo perché lo sa ma in realtà non perde un bel niente. Poi per chi ci tiene nei prossimi anni il peso scenderà sostanzialmente;
    - La maggiore modulabilità (non potenza) è utile sempre;
    - Ad impatto visivo le bdc disc sono molto più "moderne" delle tradizionali perché l'impianto freni contribuisce a sveccchiare un poco l'immagine di un oggetto che nella sostanza da oltre 100 anni è sempre troppo simile a se stesso;
    - A me le bdc disc piacciono molto di più;
    - Se proprio servono, la realizzazione ed installazione di protezioni in carbonio (in plastica per le bdc economiche) mi pare piuttosto banale, con aggravio di peso (sempre per chi pensa che sia importante) di pochi grammi e nessun impatto estetico negativo.
    - Attualmente direi che un aspetto negativo (spero presto affrontato) sia l'incertezza sui sugli standard di fissaggio delle pinze e sui sistemi di vincolo delle ruote. Si rischia di investire dei soldi e poi in breve trovarsi con oggetti dal valore molto ridotto a causa dell'introduzione di nuovi standard.

    Ciò premesso io ho una ammiraglia con i freni antidiluviani a tacchetti di sughero che frenano più che sufficientemente ed un muletto con impianto idraulico Shimano che frena meglio nel senso che è molto più "facile" e posso dedicarmi maggiormente ad altri aspetti della guida.

    La mia ammiraglia ha ancora i freni vecchi sia perché la marca che utilizzo non propone ancora quel modello per impianti a dischi e sia perché Shimano non ha ancora presentato un gruppo completo elettroidraulico di classa DA.

    Io uso solo medio ed alto profilo in carbonio (anche sulla cx con i dischi) e quando posso uscire non guardo neanche fuori prima, quindi esco anche se piove o grandina (come ieri).

    Sul bagnato (ma questo almeno per sentito dire lo sanno più o meno tutti) con i dischi la frenata è la stessa che sull'asciutto (l'aderenza ovviamente no) con i freni tradizionali no.

    Saluti.
     
Status Discussione:
Chiusa ad ulteriori risposte.

Condividi questa Pagina