Chiudi
Questo sito utilizza cookies. Chiudendo questa finestra acconsenti all'utilizzo dei cookies e approvi la nostra informativa sulla privacy.

I mondiali con più dislivello

Discussione in 'Magazine' iniziata da Ser pecora, 13 Settembre 2018.

  1. Ser pecora

    Ser pecora Diretur
    BDC Staff

    Registrato:
    16 Aprile 2004
    Messaggi:
    13.326
    Mi Piace Ricevuti:
    859
  2. jan80

    jan80 Scalatore

    Registrato:
    3 Marzo 2008
    Messaggi:
    7.204
    Mi Piace Ricevuti:
    272
    visto cosi......potrebbe neanche essere assurdo che un Sagan in forma poteva puntare al titolo.......vediamo se si sta nascondendo.....ancora 17 giorni e sapremo
     
  3. marco

    marco Diretur
    BDC Staff [Zwift] Team BDC

    Registrato:
    16 Aprile 2004
    Messaggi:
    1.782
    Mi Piace Ricevuti:
    150
    Nurburgring nell'Eifel? Ma dove li hanno trovati 5.000 metri di dislivello?
     
  4. Ser pecora

    Ser pecora Diretur
    BDC Staff

    Registrato:
    16 Aprile 2004
    Messaggi:
    13.326
    Mi Piace Ricevuti:
    859
    273km dentro il circuito.
     
  5. marco

    marco Diretur
    BDC Staff [Zwift] Team BDC

    Registrato:
    16 Aprile 2004
    Messaggi:
    1.782
    Mi Piace Ricevuti:
    150
    in effetti non sapevo avesse tutto questo dislivello (300m a giro)

    [​IMG]
     
  6. Rag. Addict

    Rag. Addict Apprendista Cronoman

    Registrato:
    19 Giugno 2006
    Messaggi:
    3.487
    Mi Piace Ricevuti:
    50
    Benidorm in Spagna, nel 1992

    scusate ma mi viene da piangere... (il mio primo grande idolo)
     
  7. Gzaf

    Gzaf Cronoman

    Registrato:
    25 Giugno 2010
    Messaggi:
    793
    Mi Piace Ricevuti:
    25
    Ma quello di Montjuic vinto da Gimondi che dislivello aveva?
     
  8. Zac36100

    Zac36100 Pedivella

    Registrato:
    29 Settembre 2012
    Messaggi:
    441
    Mi Piace Ricevuti:
    17
    hanno recentemente corso una rando al nurburgring e alla famosa nordschleife si vedono i ciclisti che sputano sangue in salita...E pensare che in auto solitamente in quel punto si schiantano!!
     
    A biciklanto piace questo elemento.
  9. bianco222

    bianco222 Apprendista Cronoman

    Registrato:
    24 Giugno 2013
    Messaggi:
    2.923
    Mi Piace Ricevuti:
    322
    Ma quindi Sallanche non fa nemmeno top 10?
    Comunque leggere di circuiti con 5000 metri di dislivello o quasi e vincitori come Mussew, Altig, Olano, Dehansens... Tutti questi non è che siano passati alla storia come grandi scalatori... I mondiali sono sempre una corsa strana.
     
  10. Ser pecora

    Ser pecora Diretur
    BDC Staff

    Registrato:
    16 Aprile 2004
    Messaggi:
    13.326
    Mi Piace Ricevuti:
    859
    Il dislivello non dice moto sul tipo di percorso. Al Nurburgring fecero 20 giri. A Innsbruck ne faranno 6.
    Il Fiandre ad esempio non è una corsa con poco dislivello...
     
  11. bianco222

    bianco222 Apprendista Cronoman

    Registrato:
    24 Giugno 2013
    Messaggi:
    2.923
    Mi Piace Ricevuti:
    322
    Ma nemmeno tantissimo. Quest'anno 2200m. Meno della metà di alcuni mondiali. Poi certo un conto è fare 20 salite da 200m e un altro è farne 4 da 1000. Sono due tipi di sforzi molto diversi.
     
  12. rebus

    rebus Novellino

    Registrato:
    5 Luglio 2017
    Messaggi:
    44
    Mi Piace Ricevuti:
    20
    Molti di questi negli anni '90 (e uno nell'89), poi più niente fino a oggi... curioso.
     
  13. Doppiomisto

    Doppiomisto Apprendista Velocista

    Registrato:
    4 Aprile 2013
    Messaggi:
    1.609
    Mi Piace Ricevuti:
    206
    Negli ultimi anni i percorsi dei mondiali sono stati davvero ridicoli...
     
    A faberfortunae piace questo elemento.
  14. bianco222

    bianco222 Apprendista Cronoman

    Registrato:
    24 Giugno 2013
    Messaggi:
    2.923
    Mi Piace Ricevuti:
    322
    Firenze era un bel percorso. E anche quello in Spagna dove vinse Kiatkowski non era malaccio. Non si possono fare tutti mondiali da scalatori puri.
     
  15. berton70

    berton70 Novellino

    Registrato:
    7 Dicembre 2013
    Messaggi:
    66
    Mi Piace Ricevuti:
    4
    La frase più giusta per queste occasioni è " sono i corridori che fanno dura la corsa , non solo il percorso " , usata spessissimo.
    come in altre occasioni dove ci si attendeva sfracelli ma poi , per timore di saltare , si assisteva ad una lunga attesa del finale ,che a volte ha lasciato l' amaro in bocca . Il percorso di questo mondiale visto altimetricamente e la tipologia delle salite secondo me , non è esattamente per scalatori puri , anzi .
    ormai sono spariti .Se a vincere il TdF è stato un pistard , forse il modo di correre, prepararsi, controllare la corsa , è cambiato e anche scalare le montagne in una certa maniera ha agevolato sempre più i passisti scalatori che non gli scalatori puri .
    Poi è ovvio che sulla salita secca e dura sarà sempre favorito lo scalatore puro .
     
  16. berton70

    berton70 Novellino

    Registrato:
    7 Dicembre 2013
    Messaggi:
    66
    Mi Piace Ricevuti:
    4
    Ecco , sono daccordissimo ,
    e quast' anno potrebbe confermare .
    Poi , mi chiedo , ma quali sono gli scalatori puri ancora in circolazione che vincono molto .
     
  17. Doppiomisto

    Doppiomisto Apprendista Velocista

    Registrato:
    4 Aprile 2013
    Messaggi:
    1.609
    Mi Piace Ricevuti:
    206
    Si OK tranne alcune eccezioni, ma comunque nulla di rilevante...

    Poi dici che non si possono fare mondiali per scalatori puri, ma scusa negli ultimi 20 anni quanti mondiali per scalatori puri ricordi? ;nonzo%

    Io nessuno.
     
  18. bianco222

    bianco222 Apprendista Cronoman

    Registrato:
    24 Giugno 2013
    Messaggi:
    2.923
    Mi Piace Ricevuti:
    322
    Firenze non era certo da passisti. In Spagna i primi tre furono gli stessi primi tre della Liegi, anche quella gara da scalatori (magari non puri ma certo non da velocisti). Mendrisio anche era da scalatori.
     
  19. Doppiomisto

    Doppiomisto Apprendista Velocista

    Registrato:
    4 Aprile 2013
    Messaggi:
    1.609
    Mi Piace Ricevuti:
    206
    Firenze non da passisti ma nemmeno un mondiale per un Quintana.
    Ponferrada nei primi 10 finirono Breschel, GVA, Gilbert, Kristoff, Degenkolb, Bouhanni, con Kwiato vincente su Gerrans... sembra un ordine d'arrivo di una Milano Sanremo...
    Forse Mendrisio quello più duro di questi ultimi anni... ma parliamo già di 10 anni fa quasi...
    Gli ultimi tre insieme a Copenaghen e Geelong... sono da mettersi le mani nei capelli...
     
    A ildoppingnonvincemai piace questo elemento.
  20. servarel

    servarel Apprendista Cronoman

    Registrato:
    20 Gennaio 2009
    Messaggi:
    3.251
    Mi Piace Ricevuti:
    148
    Come giustamente ha detto qualcuno, il dislivello può voler dire tutto e niente, facendo un esempio bislacco se esistesse un mondiale di 270km e 2000m di dislvello nessuno direbbe che è per scalatori puri, ma se per assurdo fosse piatto per i primi 250km, tipo "circuito" iniziale di Doha, e poi ci fosse una salita secca di 20km con 2000m D+, magari con qualche tratto al 15-20%, lo vincerebbe uno scalatore puro o no?

    A Sallanches, la cote de Domancy è non 'sto granchè, neanche 3km all'8% (anche se con punte ben superiori), ma fu ripetuta 20 volte, e le condizioni meteo erano state pessime, infatti un mondiale in alta Savoia, così come in Austria, a settembre/ottobre difficilmente è in quanto a condizioni ambientali come uno in Spagna nella Comunidad Valenciana.

    Vero che Sagan è un fenomeno, ma non è onnipotente, a Innsbruck forse forse sulla salita finale (3km oltre l'11% con punte al 28%) potrebbe tenere botta, ma prima c'è da fare 7 volte una salita di 8km al 6%, e se le altre squadre se lo portano in carrozza sulla rampa finale merita lui di prendere oro, argento e bronzo insieme e tutti gli altri di essere presi a calci nelle chiappe.
     
    #20 servarel, 13 Settembre 2018
    Ultima modifica: 13 Settembre 2018
    A ildoppingnonvincemai piace questo elemento.

Condividi questa Pagina