il mezzo può veramente fare la differenza?

Discussione in 'Principianti' iniziata da Dragon77, 25 Maggio 2016.

  1. Dragon77

    Dragon77 Apprendista Passista

    Registrato:
    25 Maggio 2016
    Messaggi:
    1.012
    Mi Piace Ricevuti:
    15
    Anzitutto un saluto a tutti, da limitrofi Grappa/Asiago.

    premetto che non sono nemmeno mai salito su una bici da strada...

    il mio vero "sogno" sarebbe una mtb (quindi qui adesso sono "infiltrato" :mrgreen:), non di quelle supercostose, ma almeno "dignitosa" con un buon cambio, buoni freni, buona sospensione anteriore e non troppo pesante.

    ma appunto, sto per ora "provando" a capire se mi piace veramente svolgere questo sport da amatore prima di far spese "folli"...
    p.s.: non sono un "fenomeno" superpotente e supersportivo...

    tuttavia, con il tempo e "passeggiando" con la mia attuale "city bike" completa di parafanghi/portapacchi/fanaleria dal peso complessivo di circa 15 kg (credo di aver rasentato circa 2000 km nel 2015), sto un'attimo rivedendo il mio "sogno"...mi sono infatti accorto che i miei percorsi sono praticamente solo bitumati, e ... mi piace la velocità...

    poi ho capito che nonostante la fatica/difficoltà mi piace fare salita (già compiuto per 3 volte la salita del Grappa, ed ormai infinite volte la Rosina per "allenarmi", + qualche volta i tornanti che portano fino a Conco o a Lusiana, verso Asiago -magari utenti pratici dei posti ne san qualcosa di pendenze e difficoltà-).

    moltissime volte quando son per strada in piano (quasi sempre) vengo sverniciato da gente in bdc (solitari o in gruppo), io provo a star a ruota ma ci riesco solo per poche centinaia di metri, in rari casi qualche km...

    con la mia bici "viaggio" solitamente sui 26/28 km/h in piano senza tanto faticare (3 rapporti anteriori, 7 posteriori), quando sforzo di + riesco a stare sui 32/34 km/h ma per pochi km...
    stando a ruota di qualcuno tengo anche i 38 orari, ma appunto per pochissimo...e poi quel qualcuno mi "parte".

    per la salita...stendiamo un velo pietoso...riesco a salire, ma con il mio passo e anche con tante fermate (andando in Grappa)...e tutti mi sverniciano, anche chi ha mtb...
    faccio un esempio, salita Rosina presa da Valle S.Floriano: impiego sugli 11/12 minuti ad arrivare in cima, velocità minime sugli 8 orari, massime punte a 12/13 orari per pochi metri. qualche volta mi devo fermare a metà salita perchè magari tentando di sforzare arrivo al limite e non ce la faccio +....

    il mio problema principale è che per i miei gusti impiego troppo nel trasferimento da casa alle salite...ci perdo almeno 0,5 ore per le + vicine, e 45', anche 1 ora per le altre un pò + lontane. e vorrei inoltre "limare" un pò di tempo ai miei percorsi abituali sui 30/40 km e anche su quelli + lunghi di 70/100 km, in modo da avere + tempo "libero" per altro oltre l'andare in bici...

    stavo quindi un attimo considerando di prendere una bdc, magari una proprio da principianti tipo le + economiche vendute al deca, però mi sto chiedendo...il mezzo può veramente fare la differenza?

    o è il ciclista che deve avere + fiato/forza sulle gambe ? ;nonzo%


    aspetto fiducioso consigli dai veterani in campo, e ringrazio fin d'ora :eek:
     
    #1 Dragon77, 25 Maggio 2016
    Ultima modifica: 25 Maggio 2016
  2. rapportoagile

    rapportoagile Moderatoren

    Registrato:
    20 Agosto 2008
    Messaggi:
    13.044
    Mi Piace Ricevuti:
    515
    Tra una MTB e una bici da corsa c'é una differenza abissale (meno, se sulla MTB monti degli slick).
    La differenza tra una buona bici da corsa entry level e una bici da corsa top è meno marcata.
     
  3. matteof93

    matteof93 Apprendista Cronoman

    Registrato:
    15 Settembre 2009
    Messaggi:
    3.269
    Mi Piace Ricevuti:
    46
    Ti faccio un esempio: prendi la tua bici da 15kg ed una bici da 10kg. Ci sono 5kg di differenza, ipotizziamo di percorrere la stessa salita al 10% e ipotizziamo anche che tu esprima con entrambe le bici la medesima potenza inoltre le bici hanno la stessa efficienza meccanica (attrici ecc) differiscono solo per il peso.

    la sola differenza di peso di 5kg, a parità di tutti gli altri fattori, comporta su ogni km di salita al 10% una differenza di circa 20 secondi. se a questo aggiungi la miglior scorrevolezza della bdc, la maggior rigidità, la miglior trasmissione della potenza sviluppata dal ciclista penso guadagneresti almeno 30 secondi\km su salite al 10% il tutto ipotizzando una bdc da 10kg.

    il mezzo pertanto fa molta differenza se confrontiamo mezzi di fascia bassa, una bdc da 1500€ andrà molto meglio di una da 500€ mentre le differenze si assottigliano andando verso l'alto con i prezzi. una bdc da 3000€ di per sè non perde nulla rispetto ad una da 5000€....a patto di considerare mezzi analoghi (per esempio una bici da crono è ovviamente più veloce sul piano di bici tradizionali).

    la differenza tra una mtb e una bdc è molto marcata ma le variabili sono molte. ormai le mtb front top di gamma magari con forca rigida pesano 8kg (anche meno) e con delle gomme slick su salite ripide vanno quanto le bdc (parlo di pendenze estreme dove il fattore aerodinamico e quello scorrevolezza non incidono)
     
  4. Giordano Z.

    Giordano Z. Gregario

    Registrato:
    12 Ottobre 2014
    Messaggi:
    527
    Mi Piace Ricevuti:
    21
    Piccolo aneddoto: iniziai a praticare ciclismo in maniera semi seria a 25 anni, quando decisi di smettere con il motocross, il ciclismo mi ha sempre appassionato, ma mio padre non ne voleva sapere di farmi provare a correre. Bene eravamo un gruppetto di amici, io alle prime armi con una bici prezzo qualità buona per iniziare, i compagni molto più esperti erano tutti in possesso di super leggerissime specialissime, superammo un signore attempato con una bici da uomo e con il gerlo in spalla(sicuramente tornava da qualche appezzamento di terra di sua proprietà) aveva 2 gambe da far invidia ai professionisti. Bene questo signore si accodò tenendo il ritmo e la cosa più bella è che, quando la strada cominciò a salire fu lui a mettersi davanti a tirare.
    In sostanza se non si è allenati, anche solo per soddisfazione personale e senza necessariamente dover partecipare a gare, si può avere la bici più sofisticata in circolazione ma la strada o lo sterrato per la MTB emetterà il suo amaro verdetto. Va da se che più ci si evolve un chilo in più o in meno può fare la differenza, ma questa non è mai stata la mia priorità, anche perché per avere bici che pesino sotto i sette chili bisogna investire un bel po' di soldi.
     
  5. Clip

    Clip Pedivella

    Registrato:
    15 Ottobre 2015
    Messaggi:
    315
    Mi Piace Ricevuti:
    2
    Si a parità ciclista un mezzo,e così diverso d'altro,fà certa differenza.
    A parità di mezzo la fà lo stato di forma/condizione fisica ciclista.
    In salita,contro il tempo,velocità esplosiva sono tali soggettività che pesano 15% o oltre.
    Il mezzo pesa anche nel esaltare o ridurre un minimo parte di queste differenze.
    Ad es. i Componenti :
    Moltipliche.
    La libertà di utilizzo moltipliche parte riduce i distacchi e migliora la tenuta di molti atleti,non in condizione,o per quelli non propio predisposti su certi terreni.
    Telai.
    ..............................Etc. etc.
     
    #5 Clip, 25 Maggio 2016
    Ultima modifica: 25 Maggio 2016
  6. samuelgol

    samuelgol Rain Man

    Registrato:
    24 Settembre 2007
    Messaggi:
    27.472
    Mi Piace Ricevuti:
    943
    Ovvio, il ciclista deve avere fiato e gambe. E' la cosa principale.
    Detto questo, tra la tua bici e una bdc il mezzo fa abbastanza differenza. Detto questo, se prendi una bdc usata da 5/600 euro, sarai un pò penalizzato in maniera molto blandamente crescente, rispetto a chi ha bici over 2000 (per fissare uno spartiacque)......altrimenti, visto l'uso che per ora intendi fare, nemmeno te ne accorgi e fermo restando che con poco allenamento in più del "riccone" di turno, la differenza la compensi abbondantemente.
    Quando le prestazioni si estremizzano ovvio che i dettagli sono importanti e anche il mezzo può aiutare a limare qualcosa....ma per ora penso che tu sia ben distante da esigenze del genere.
     
  7. Dragon77

    Dragon77 Apprendista Passista

    Registrato:
    25 Maggio 2016
    Messaggi:
    1.012
    Mi Piace Ricevuti:
    15
    infatti la mia intenzione, se prendevo la mtb, era di "dotarmi" della doppia copertura:
    -un paio di cerchi con copertoni tassellati normali da mtb "pura"
    -un paio di cerchi con copertoncini lisci "da strada" è non troppo larghi


    questo perchè, oltre al bitume, di tanto in tanto faccio sterrati/ciottolati in riva a fiumiciattoli...
     
  8. matteof93

    matteof93 Apprendista Cronoman

    Registrato:
    15 Settembre 2009
    Messaggi:
    3.269
    Mi Piace Ricevuti:
    46
    la mtb non è fatta per ciottolati in riva al fiume...mtb vera significa sentieri, singletrack, sterrate che si arrampicano su per le montagne. siccome fai in grande prevalenza asfalto prenditi una bdc, se poi dovessi fare 2km di sterrato ben battuto lo fai anche con quella stando un pochino attento o-o
     
  9. jacknipper

    jacknipper Passista

    Registrato:
    9 Febbraio 2013
    Messaggi:
    4.312
    Mi Piace Ricevuti:
    168
    senza farsi troppe pippe su watt o altro, che non hanno senso parlando di principianti, il punto essenziale, che fa la vera differenza, è che su una bdc, rispetto alla tua citybike, sei generalmente posizionato al meglio, con pedali agganciati, con abbigliamento adeguato, altezza sella corretta ecc ... tutte cose che spesso, su una citybike, non hai
    tutte queste cose fanno sicuramente la differenza

    poi che ci vogliano le gambe è fuori questione

    mio consiglio prendi una bdc usata, non troppo vecchia, e prova ;)
     
    A brick123 piace questo elemento.
  10. Francesco2293

    Francesco2293 Novellino

    Registrato:
    4 Maggio 2016
    Messaggi:
    34
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    Io arrivo dalla MTB, una Cannondale Full da 14 chili e mezzo con ruote tassellate e larghe, posizione non adeguata alla pedalata lunga e veramente veramente infernale da pedalare in salita stando a peso/ruote/posizione.

    La differenza del mezzo sta nel fatto che una bici da corsa è sicuramente più adatta di una city bike a percorrere percorsi a velocità sostenute, ha una posizione più aerodinamica della citybike e ruote più "fini" per una minore aderenza, senza considerare il peso...

    Il consiglio che sento di darti, se vuoi provare a pedalare una bici da corsa, è quello di comprarti un buon usato o magari una entry level nuova, qui si apre una super parentesi...

    Comunque, l'impressione che ho avuto pedalando la vecchia mtb e questa... Con la MTB 20km e gambe a pezzi... con questa ne ho fatti di recente 60... Mha.... Neanche il mal di fondo schiena.. :P

    Tirando le fila del discorso:
    con 2-3 chili in meno da portarti dietro, una posizione più aerodinamica e con ruote magari con sezione meno larga (quindi meno resistenti all'aderenza dell'asfalto) riesci sicuramente a fare di meglio!
    Tiro anche in ballo i pedali con gli agganci, utilissimi in quanto ti permettono sia di spingere che di tirare sul pedale!

    Son l'ultimo arrivato, ma le prime impressioni sono state queste :P
    Spero di esserti d'aiuto ;)
     
  11. patroclo

    patroclo via col vento

    Registrato:
    8 Aprile 2015
    Messaggi:
    2.405
    Mi Piace Ricevuti:
    24
    ----------
    ...il mio vero "sogno" sarebbe una mtb (quindi qui adesso sono "infiltrato" :mrgreen:), non di quelle supercostose, ma almeno "dignitosa" con un buon cambio, buoni freni, buona sospensione anteriore e non troppo pesante....

    quindi una mtb costosa :mrgreen:
    a parte le battute , da decathlon una ottima mtb la prendi senza svenarti .
    il problema e' che non cambi ritmo , nelle pedalte che fai , rispetto l'attuale tua bicicletta.

    capitolo corsa strada;
    si' , se passi ad un corsa strada cambiano inevitabilmente alcuni parametri che ora conosci .
    in sintesi , a parita' di sforzo ( con l'attuale bici ) vai piu' veloce e quindi fai piu' strada.

    capitolo confort :
    sei disposto a rinunciare al confort attuale ?
    se non vuoi rinunciare ad un po' di confort devi necessariamente optare per biciclette che possano darti una postura in sella Meno Race Possibile e che ti consentano di montare copertoni da almeno 700x28 .
    una bicicletta cosi' come ho detto prima , sempre da corsa strada , la vedi nella Triban di Decathlon con il gruppo Tiagra a 10vel ( se non vado errato con 700 euro la prendi ).
    se invece vuoi una corsa strada pura , tanto per fare un'esempio le Alur 700 Af rispondono benissimo a cio' che si chiama Race .

    capitolo Note Dolenti ;
    qualsiasi bicicletta che compri ( compreso la mia ) e' soggetta a modifiche .
    puo' essere la sella che non la senti tua ( cambiata )
    possono essere le coperture che non ti soddisfano ( cambiate ) .
    possono essere le ruote che non ti paiono adeguatr ( cambiate ).
    possono essere i pedali ( comprati )
    puo' essere il pacco pignoni che ritieni piccolo e lo vuoi con piu' denti ( cambiato )
    quindi , qualsiasi marca , qualsiasi modello che decidi di comprare , prima o subito o poi , sara' soggetto a cambiamento . inevitabilemnte.

    capitolo indumenti.
    a momenti ho speso piu' in abbigliamento che in bicicletta nuova....:mrgreen: non aggioungo altro nel senso che non voglio affrontare il discorso Marche .

    ciao
    o-o
     
  12. eaman

    eaman Apprendista Passista

    Registrato:
    16 Giugno 2012
    Messaggi:
    816
    Mi Piace Ricevuti:
    8
    Be' se ti da' fastidio che i ciclisti da strada ti svernicino la scelta e' obbligata: devi salire anche tu su una BDC.

    Se vuoi fare dei giri lunghi (3 / 4 ore) meglio la BDC, se puoi uscire solo per 1.5 ore meglio la MTB a tutta birra su un sentiero da MTB, se vuoi star tranquillo in mezzo a fagiani e lepri piuttosto che camion e semafori meglio la MTB.

    In realta' e' uno sport abbastanza economico se non ti fai prendere da smanie da alleggerimento, cerca una bici usata per cominciare e capire cosa ti piace fare dopodiche' puoi girare quanto ti pare. Cioe' non e mica come lo sci in cui devi pagare skipass + albergo + viaggio ogni dannata volta che vuoi uscire!

    Mettici che la bici la puoi usare per andare a lavorare e che e' uno dei pochi sport che veramente ti danno un ritorno nella vita normale (per i trasferimenti in citta', io ho sciato una vita e a che cacchio mi serve? ) e non vedo perche' non dovresti comprarti una o due bici visto che ti piacciono. o-o
     
  13. Dragon77

    Dragon77 Apprendista Passista

    Registrato:
    25 Maggio 2016
    Messaggi:
    1.012
    Mi Piace Ricevuti:
    15
    intanto grazie a tutti per suggerimenti e commenti!

    ho dimenticato alcune cose da precisare...

    età 39 anni (l'ho messo nel profilo ma non si legge boh...;nonzo%)

    ho "iniziato" con la bici da credo ormai 3/4 anni in maniera "seria", nel senso che parto proprio con l'intento di allenarmi e fare km.
    credo che in ogni anno ho fatto fra i 1500 / 2000 km


    1. preferisco prendere una bici nuova che un usato
    2. budget (per ora) limitato a non oltre 600 euro...

    3. come "vestiario" credo di essere a buon punto:
    -completino wilier da vero ciclista
    -completino "anonimo" preso al lidl ma funzionale come quello wilier
    -2 paia di guanti da ciclista
    -2 caschetti presi al lidl, funzionali quanto basta (apparte il + recente acquistato provato 1 sola volta e trovato veramente scomodo...)
    -2 paia di occhialini
    - poi le varie magliettine "tecniche" a maniche lunghe+pantaloncini lunghi+giacchettine invernali ecc...
    come abbigliamento mi mancano solo le scarpettine...ma non avendo la bici con pedali col gancio non mi servono per ora...

    ah, si ovviamente mi porto appresso un k-way in caso di maltempo e da mettere nelle discese dopo sudata per salire...

    4. ho già fatto una mod alla citybike...: ho messo una sella come questa

    5. per "allenarmi" di solito cerco (tempo/meteo permettendo) di fare a giorni alternati (1 giro, l'altro riposo, e poi si riparte al giorno successivo) almeno un percorso di 28/30 km inserendo anche un pò di salita, tempo del giro 1h15' / 1h30', verso sera o se riesco al pomeriggio. altre volte faccio di mattino al sabato/domenica il giro + lungo sui 70 / 90 km andando per la vecchia valsugana + ciclabile del brenta (strada pressochè piana con qualche strappetto, ma con quasi sempre vento contrario al ciclista :doh:)


    quando vado via in bici mi porto borraccia con solo acqua, a volte uso gatorade o simili, banana (se faccio tanti km e con salite impegnative), un pò di cioccolato fondente, 1 snack al cioccolato (no barrette energetiche)
    prima di partire sono a digiuno da varie ore (se di sera dopo pranzo) o al massimo ho mangiato 1 yogurt o 1 paninetto/brioches a metà pomeriggio. altrimenti quando parto di mattino ho solo fatto colazione con qualche biscotto e 1 tazzina di thè.

    quando so che faccio molti km o cmq strada impegnativa poco prima della partenza mi mangio 1/2 cucchiaini di miele.


    può andare come allenamento da "amatore"?
     
  14. Dragon77

    Dragon77 Apprendista Passista

    Registrato:
    25 Maggio 2016
    Messaggi:
    1.012
    Mi Piace Ricevuti:
    15
    non mi da fastidio che mi sverniciano...
    è che a volte mi chiedo se son io che vado troppo piano / non riesco...
    è per questo che mi sto chiedendo (e chiedo a voi esperti) se veramente il mezzo può/potrebbe fare la differenza...

    non vorrei fare la spesa e poi accorgermi che comunque vado piano come con l'attuale citybike..

    un paio di esempi:
    -lo scorso anno mentre rientravo a casa ho cercato di pedalare al max che riuscivo facendo molti fuori soglia col cardio (strada in falsopiano in leggera discesa + qualche salita di "strappo"), e uno in bdc mi è stato a ruota per almeno 10 km, poi quando ormai era arrivato al suo arrivo mi si è affiancato e mi ha detto che vado forte per avere una bici così (certo però lui aveva tipo sui 65 anni penso...)

    -salendo verso Conco una volta mi ha raggiunto e sorpassato un ragazzo + o - della mia età con una mtb coi copertoni tassellati e larghi...


    si, certe volte che son per strada me ne pento...da quel che mi tocca respirare dietro ad auto o camion, ed andrei per campi...
    fortunatamente però si tratta solo dei primi 30'/45' finchè non raggiungo le strade bitumate cmq meno trafficate e quindi + tranquille...




     
  15. eaman

    eaman Apprendista Passista

    Registrato:
    16 Giugno 2012
    Messaggi:
    816
    Mi Piace Ricevuti:
    8
    Ah be' tutti preferiremmo prendere una bici nuova piuttosto che un usato, ma la bici nuova si svaluta molto ed e' meglio comprarla quando sai cosa ti serve.

    Piglia un usato da 600 euro da un negozio e a fine stagione o l'anno prossimo la ridai dentro perdendoci quasi niente per la bici nuova, oppure la vendi a un privato e punti a uno sconto / offerta on line.

    Non si capisce quanto giri: prima dici che fai 2000km all'anno (e va bene la city bike...), poi che in una settimana fai 30*3 + 90km ...
    Comunque se punti a fare ~200/300km a settimana ci vorrebbe una MTB con un SLX / XT (tanto per dare un'idea del livello) o una bici da corsa con un 105: non li prendi nuovi con un 600e. Se no se hai poco tempo lo passi tutto a riparare un mezzo che fa' fatica a girare tanto.

    ...se no vai da Decathlon e prendi una triban da 600 euro, poi finisce che ce ne spendi altri 150 tra sella, meccanici e balle varie e poi l'anno prossimo quando vuoi sverniciare tu gli altri non riesci a togliertela di dosso a 350euro :P

    Per l'alimentazione guarda il forum apposito: comunque bisogna che mangi (carboidrati e non zuccheri come il miele) prima di girare, tipo pasta un paio di ore prima. Poi un frullato con banane e albicocche quando torni, lascia stare i gatorade e intrugli strani. Se stai via per piu' di un paio di ore un succo di frutta o uno snack ai cereali con la frutta dopo circa un'ora e mezza / due ore.

    Se ti alleni e mangi bene andrai come gli altri, se hai un mezzo adeguato avrai meno menate e fastidi e ti potrai allenare di piu', qundi piu' soddisfazioni. Poi se la bici diventa una parte consistente della tua vita ci sta' che uno ci spende un po' anche per motivazione e soddisfazione, ma non stare a preoccuparti se gli altri vanno di piu' o se "te la meriti".

    Io in un periodo mi allenavo con la MTB bi-amortizzata, manubrio alto e le gomme piuttosto sgonfie: giravo e facevo fatica e me ne fregavo se gli altri andavano di piu', io ero contento a poter girare con quella bici.
     
    #15 eaman, 25 Maggio 2016
    Ultima modifica: 25 Maggio 2016
  16. Dragon77

    Dragon77 Apprendista Passista

    Registrato:
    25 Maggio 2016
    Messaggi:
    1.012
    Mi Piace Ricevuti:
    15
    altro esempio...domenica ho fatto il Grappa da Semonzo (volevo timbrare il brevetto e ce l'ho fatta :mrgreen:):

    tempo in sella totale: 5h01'47"
    tempo di sola salita dal punto di inizio da Semonzo: circa 2h50'
    (poi la discesa quasi 43' dalla SP148 verso Romano)
    km totali 74
    velocità media (totale su tutto il tragitto casa-Grappa-Casa): 14,8 km/h

    però durante la salita mi son dovuto fermare millemila volte, perchè non riuscivo a continuare (ultimi km/tornanti) o perchè faceva male il fondoschiena(...) o (è qui è stata colpa mia...) per le manopole scivolose e fastidiose con mani sudate (avevo dimenticato i guantini a casa :cry e me ne son accorto solo ad inizio salita...ormai a oltre 45' da casa...)

    in pratica ho impiegato + di 7 ore a fare tutto il mio girettino a causa di innumerevoli fermate (poi ok sarò rimasto su almeno 0,5 ore se non di + prima di ridiscendere)...


    il 28 vorrei provare il bike day....
     
  17. abatta68

    abatta68 Scalatore

    Registrato:
    7 Novembre 2008
    Messaggi:
    6.183
    Mi Piace Ricevuti:
    285
    La bdc fà la differenza, eccome! altrimenti non esisterebbero, no?
    La prima sostanziale è la posizione in sella: la presa bassa ti permette di allungare la schiena, di essere più comodo nelle lunghe distanze e di mantenere una velocità più sostenuta, per una migliore aerodinamica. La stessa spinta sui pedali è migliore, sia per i pedali, sia per posizione stessa.
    Poi cambiano le ruote! di diametro più grande rispetto alla mtb, con copertoncini più sottili che generano molto meno attrito.
    Non ultimo, la qualità della meccanica e dei rapporti che si possono utilizzare, oltre alla leggerezza del mezzo che, inevitabilmente, avvantaggia, soprattutto in salita.
    Anche io, da ragazzino, pedalavo sulla bici da passeggio a tre rapporti di mio padre e mi chiedevo come facessero tutti quei ciclisti che mi passavano sotto il naso a non fare nessuna apparente fatica... poi l'ho capito qualche anno più tardi, quando ho lasciato quel pezzo di ferro da 20kg in cantina e ho iniziato a pedalare sulla mia prima bici da corsa, che poi a vederla oggi era veramente ben poca cosa!
    p.s. di ciclisti che ti passeranno fischiettando ne troverai anche quando pedalerai sulla tua nuova fiammante bdc... su questo è meglio che ti metti il cuore in pace! Lo stà facendo anche Nibali in questi giorni, nonostante abbia una bdc da un milione di dollari! :)
     
  18. Dragon77

    Dragon77 Apprendista Passista

    Registrato:
    25 Maggio 2016
    Messaggi:
    1.012
    Mi Piace Ricevuti:
    15
    scusa forse mi son spiegato male io....

    non è che faccio sempre i 30 km a giorni alternati..+ i 70/90 a weekend...

    dipende dal mio tempo, dalla voglia, dal meteo e tanto altro...

    diciamo che cerco di fare "allenamento" 1 giorno si e uno di riposo...ma non sempre mi riesce o c'ho voglia/mi sento di farlo...poi non vado tutto l'anno....nel 2015 son partito in bici credo a maggio/giugno ed ho smesso a metà ottobre ecco perchè alla fine ho fatto circa 2000 km...


    nel 2016 invece son partito con buoni propositi già al 1° gennaio (dopo nottataccia di capodanno) salendo di pomeriggio fino al tornate 6 per Asiago :mrgreen:. poi però causa meteo ho ripreso solo dopo marzo di rado...
    ora sarà da metà aprile che ho ripreso quasi costante a fare qualcosa in +...


     
  19. eaman

    eaman Apprendista Passista

    Registrato:
    16 Giugno 2012
    Messaggi:
    816
    Mi Piace Ricevuti:
    8
    Dragon77 ti sei gia' risposto da solo nei messaggi precedenti: se ora vuoi girare piu' a lungo in sicurezza e divertendoti ti serve un mezzo che sia sopratutto consistente e affidabile.

    Girare con la bici che si smonta, non essere sicuro in discesa, doversi fermare per problemi tecnici, avere male ai piedi e al sedere e le varie cose che hai elencato devono essere le linee guide per scegliere il tuo prossimo mezzo.

    Per mia esperienza ti posso dire che se conti di fare giri di un paio di ore 3 volte alla settimana e saltuariamente piu' lunghi puo' andare bene una MTB da 29 anche su strada, se vuoi stare in bici di piu' e prevalentemente su asfalto meglio una BDC che sia della misura giusta e posizionato da un esperto.
    In discesa io personalmente trovo piu' naturale e sicura la MTB: ruote grandi, ammo, freni a disco idraulici, manubrio alto. Poi se giri molto e ti abitui diventa naturale anche la BDC, ma per quanto piu' efficiente da' meno confidenza ed e' piu' faticosa all'inizio.

    Magari come entry level una BDC puo' essere piu' economica di una MTB: io almeno se dovessi girare con una MTB da 600euro penso che la triterei in 2 mesi (usandola in fuoristrada), una BDC invece sarebbe un po' meno comoda e un po' piu' pesante in salita ma non dovrebbe smontarsi. Pensando a una alluminio base onesta con forca in carbonio, magari girando con le ruote non troppo gonfie.

    Magari tieni conto che se vorrai girare il giusto anche di inverno ti servira' l'abbigliamento adatto: girare bagnati di sudore con freddo e vento stroncherebbe di artrosi chiunque!
     
  20. Dragon77

    Dragon77 Apprendista Passista

    Registrato:
    25 Maggio 2016
    Messaggi:
    1.012
    Mi Piace Ricevuti:
    15
    ? scusami eaman ma non mi par di aver detto che adesso uso una bici che si smonta o che ha problemi meccanici mentre corro ...

    dov'è che l'hai letto?

    per il resto grazie dei consigli..


    eh si la discesa...io le affronto anche a 55/65 orari con l'attuale bici, certo non è troppo sicuro...
     

Condividi questa Pagina