Ironman, boccaglio e... Zanardi!

Discussione in 'Triathlon' iniziata da SydIlBradipo, 15 Gennaio 2015.

  1. SydIlBradipo

    SydIlBradipo Pignone

    Registrato:
    19 Febbraio 2010
    Messaggi:
    294
    Mi Piace Ricevuti:
    8
    Ciao a tutti!

    In questi giorni su Sky Sport trasmettono spesse volte uno speciale sull'ironman di Zanardi a Kona.
    Quello che mi ha incuriosito è una sua affermazione, ovvero che è possibile usare il boccaglio anche per i normodotati, senza però poter concorrere all'assegnazione di uno slot di qualifica per il mondiale e senza poter ricevere un eventuale premio in denaro.

    A questo punto ho controllato il regolamento di due Ironman USA, Kona e Florida ed in entrambi i casi è confermato quanto detto da Zanardi.
    Poi ho guardato il regolamento di Klagenfurt, Zurigo e Pescara 70.3 ed in tutte e tre i casi il boccaglio è tassativamente vietato.

    La domanda è: sapete il perché di queste differenze tra gare appartenenti allo stesso circuito?

    Ciao
     
  2. MCA

    MCA Novellino

    Registrato:
    19 Maggio 2014
    Messaggi:
    6
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    Nello specifico (snorkel) non saprei risponderti, ma anche solo all'interno delle gare IM europee vi sono differenze di regolamenti. Ognuna fa capo al regolamento del paese ospitante. In particolare io avevo avuto problemi con il casco bici posizionato sulla bici, anziché nella sacca, in Austria, a St.Polten. In Europa ormai tutte le gare prevedono le griglie appendi sacche. Negli USA al Mondiale 70.3, ... la sacca bici era appesa al manubrio della bici...
    Credo dunque che non sia una norma IM ma una norma della nazione.

    Nel caso di Zanardi, lo snorkel gli dava la possibilità di non girarsi sul fianco e quindi di avere maggior stabilità, visto il suo "assetto corto" in acqua.
    Ma non ho mai visto altri utilizzarlo. Credo che non sia molto utile. Con le onde e la schiuma nel pieno del gruppo potrebbe essere anche difficile respirare bene. Inoltre 3800 mt con lo snorkel sono anche più impegnativi perché la respirazione è più forzata.
     
  3. matteoandreis

    matteoandreis Novellino

    Registrato:
    26 Aprile 2014
    Messaggi:
    53
    Mi Piace Ricevuti:
    3
    si dovrebbe dipendere dalle diverse federazioni,comunque essendo la wtc privata penso contattandola si possono avere delle "modifiche" ad personam in casi particolari...
    l'anno scorso, per esempio, in sud africa c'era uno (e si dovrebbe vedere anche nel video ufficiale che è stato proiettato alla serata degli awards) che poco prima si era infortunato al collo e ha chiesto ed ottenuto di fare il nuoto con lo snorkel...
     
  4. marconovelli

    marconovelli Apprendista Scalatore

    Registrato:
    21 Ottobre 2005
    Messaggi:
    2.473
    Mi Piace Ricevuti:
    7
    Ma avete mai provato a nuotare con lo snorkel? Non hai nessun vantaggio, anzi....
     
  5. icio61

    icio61 Gregario

    Registrato:
    24 Giugno 2013
    Messaggi:
    686
    Mi Piace Ricevuti:
    2
    quando lo uso dopo 100m sono in affanno, alcuni pro (es.Magnini) sembra lo utilizzino nei pre gara per "forzare " la respirazione.

    Suppongo che per Zanardi sia stata una scelta obbligata, e sicuramente non un aiuto
     
  6. SydIlBradipo

    SydIlBradipo Pignone

    Registrato:
    19 Febbraio 2010
    Messaggi:
    294
    Mi Piace Ricevuti:
    8
    Per nuotare seriamente no, ma per fare snorkeling (appunto...) e per guardare pesci e coralli è comodissimo! :mrgreen:
     
  7. IlNigno

    IlNigno Apprendista Cronoman

    Registrato:
    13 Agosto 2010
    Messaggi:
    2.704
    Mi Piace Ricevuti:
    50
    Lo usavo da bimbetto sì diciamo per lo snorkeling... Ora è un buon aggeggio per farmi affogare.E non stò scherzando.
     
  8. jack.ciclista

    jack.ciclista Apprendista Scalatore

    Registrato:
    29 Agosto 2012
    Messaggi:
    1.879
    Mi Piace Ricevuti:
    30
    Un poco come pedalare con la sciarpa o il passamontagna davanti al naso e alla bocca: a me manca il fiato e vengono i conati di vomito, ma ho letto di gente che pedala apposta (anche con la mascherina da infermiere) per far arrivare mano ossigeno ai muscoli e di conseguenza fare più fatica.
     
  9. IlNigno

    IlNigno Apprendista Cronoman

    Registrato:
    13 Agosto 2010
    Messaggi:
    2.704
    Mi Piace Ricevuti:
    50
    ...non c'è limite alla depravazione...

    :asd2:
     
  10. Pigia

    Pigia Pignone

    Registrato:
    22 Gennaio 2008
    Messaggi:
    165
    Mi Piace Ricevuti:
    1
    Se non ricordo male il regolamento di Kona vieta la ruota a disco cosa che in altre gare dipende dalle condizioni climatiche
     
  11. marconovelli

    marconovelli Apprendista Scalatore

    Registrato:
    21 Ottobre 2005
    Messaggi:
    2.473
    Mi Piace Ricevuti:
    7
    E' lo stesso motivo...Il divieto dipende dal vento, che a Kona è sempre forte , quindi niente di diverso
     
  12. marconovelli

    marconovelli Apprendista Scalatore

    Registrato:
    21 Ottobre 2005
    Messaggi:
    2.473
    Mi Piace Ricevuti:
    7
    Poi si chiama lenticolare non disco ;-)
     
  13. Pigia

    Pigia Pignone

    Registrato:
    22 Gennaio 2008
    Messaggi:
    165
    Mi Piace Ricevuti:
    1
    Eh no caro Marco, lenticolare e disco sono due ruote ben diverse o-o
     
  14. icio61

    icio61 Gregario

    Registrato:
    24 Giugno 2013
    Messaggi:
    686
    Mi Piace Ricevuti:
    2
    spudoratamente copiato ma rende l'ideao-o
    "Le ruote discoidali sono composte da due strati esterni di carbonio paralleli riempiti con una schiuma indurita che serve per evitare le flessioni delle due pareti. La lenticolare presenta invece due superfici bombate, da qui il nome lenticolare, quindi è più larga al mozzo che vicino al cerchio. Le differenze tra i due tipi di ruote a livello prestazionale sono miglior aerodinamica e minor peso (e costo) per le discoidali e maggior rigidità laterale (quella che serve in salita e nelle accelerazioni in piedi) per le lenticolari.
    Personalmente ti sconsiglio di acquistare una lenticolare o discoidale per l'Ironman perchè la velocità media di percorrenza è troppo bassa per avere un vantaggio rispetto ad una ruota superleggera. Un conto è una cronometro di 40 km percorsa a 50 di media, un'altro sono i 180 dell'Ironman dove neanche i 40 di media dei migliori ne giustificano l'utilizzo. Minore è la velocità di percorrenza e maggiore è l'importanza della leggerezza perchè nella pedalata esistono due zone di massima spinta (pedivelle parallele al terreno) e due punti morti (pedivelle perpendicolari), questo crea un effetto accelerazione/decelerazione che è tanto più accentuato quanto più bassa è l'andatura. Per questo è molto importante avere ruote leggere soprattutto a livello periferico (cerchio e copertura).
    L'ideale sono ruote con cerchio in carbonio per tubolare e pochi raggi (a livello aerodinamico sono molto più importanti i raggi del cerchio). A titolo di esempio posso suggerirti le American Classic Carbon 38 che pesano 1050 gr la coppia cioè meno di una sola lenticolare e della ruota posteriore delle tue Cosmic in carbonio.
    Ruote del genere le puoi usare anche in percorsi collinari, negli olimpici (se li fai) ed anche alle Hawaii dove le lenticolari sono proibite a causa del troppo vento.
    Ciao
    Giampaolo"
     
  15. marconovelli

    marconovelli Apprendista Scalatore

    Registrato:
    21 Ottobre 2005
    Messaggi:
    2.473
    Mi Piace Ricevuti:
    7
    In gara si usano per il 99% le lenticolari.
     

Condividi questa Pagina