Obrii Alu7000

Discussione in 'La mia bici - review' iniziata da Francesco#83, 30 Agosto 2017.

  1. Francesco#83

    Francesco#83 Pignone

    Registrato:
    12 Aprile 2014
    Messaggi:
    201
    Mi Piace Ricevuti:
    13
    Ciao a tutti!

    Dopo un paio di anni di "gavetta" sulla mia prima bici, una btwin triban, sono approdato alla mia prima bici da corsa più performante: obrii è il marchio di un telaista artigiano della mia città (Lorenzo Sanesi), che ho conosciuto fin dai miei primi passi nel mondo del ciclismo, dato che ha la bottega vicino casa mia e la mia triban è passata un paio di volte dalle sue mani.
    Comunque, col mio budget puntavo a una buona bici di alluminio - mi piacciono i metalli e, ancora, apprezzo la rigidità di questo materiale in particolare - e questo è il risultato:
    -tubazioni deda alluminio 7000 con passaggio cavi interno;
    -gruppo campagnolo potenza (mi emoziona un sacco, oltre ad avere una ergonomia dei comandi invidiabile);
    -trittico deda (attacco superzero perchè mi piaceva un sacco, manubrio zero1 perchè mi trovo meglio coi manubri piccolini);
    -ruote fulcrum 4.
    La bici si assesta sugli 8,5 kg, è un telaio "grande", se considerate che sono alto 1,82 m. Molto bello è stato seguirne la nascita, dalla versione grezza alla scelta di come verniciarla. Inutile dire che è anche molto comoda per me: in proporzione, ho le gambe più lunghe del torace, e su altri telai per avere un assetto ottimale avevo dei fuorisella esagerati (ho fatto altre prove). E infatti penso che la mia conformazione fisica si veda dalle forme generali (telaio alto e corto).
    Ecco qualche foto in fase di lavorazione:
    Unknown.4.jpg Unknown.3.jpg Unknown.2.jpg Unknown.5.jpg Unknown.6.jpg Unknown.7.jpg
     
    A rosetta piace questo elemento.
  2. Francesco#83

    Francesco#83 Pignone

    Registrato:
    12 Aprile 2014
    Messaggi:
    201
    Mi Piace Ricevuti:
    13
    Qui invece una foto della bici montata, con l'impegno di farne altre (purtroppo la foga di portarla in giro mi distoglie dal fotografarla):
    Unknown.jpg
     
  3. Ulisse74

    Ulisse74 Pedivella

    Registrato:
    5 Novembre 2012
    Messaggi:
    371
    Mi Piace Ricevuti:
    13
    Bravoooo
    Evviva i telaisti artigiani
    Evviva il metallo

    Io ti capisco, stessa situazione di gambe lunghe e stessa soluzione, telaio su misura e mi é cambiata la vita
     
  4. Francesco#83

    Francesco#83 Pignone

    Registrato:
    12 Aprile 2014
    Messaggi:
    201
    Mi Piace Ricevuti:
    13
    Oggi mi sono finalmente ricordato di fare qualche altra foto, che allego.
    Non sono un grande esperto di bici, ma ho avuto modo di provarne alcune e, soprattutto, sono abbastanza consapevole dei miei mezzi (limitati) e necessità. per prima cosa cercavo la giusta posizione in sella, che mi consentisse di sentirmi bene fisicamente in tutte le posizioni. Non sono fortissimo, mi piace andare in bici per il gusto di girare, avere la sensazione di fare strada e di farla in modo veloce, ho scoperto che mi piace "espiare" le mie colpe in salita e mi galvanizza la sensazione di come la bici potenzi molto le nostre capacità fisiche.
    Detto questo, la bici su misura mi è sembrata un altro mondo fin da subito (ho pedalato per qualche mese anche su una bianchi prestatami da un mio amico), senti il corpo perfetto sul telaio e si riesce ad assumere ogni posizione con una naturalezza disarmante. la bici si è rivelata molto comoda, paradossalmente (a detta del meccanico, un telaio di alluminio con il peso del ciclista distribuito bene non è tanto piu scomodo di un carbonio, ma aiuta anche il fatto che sono 70 kg forse, ed ho meno di 30 anni).
    la bici mi è sembrata molto reattiva, anche se non sviluppo molta potenza, mentre la rigidità - anch'essa un passo avanti - ho l'impressione che sia migliorabile cambiando le ruote, che mi hanno dato l'impressione di disperdere un po' di forza negli scatti sui pedali (ammetto che le f4 sono state anche una scelta estetica, ma saranno il primo upgrade messo in conto).
    La bici è emozione: io non amavo lo sport, mi era strano il pensiero che qualcuno volesse svegliarsi la mattina alle 6 solo per andare a faticare alle 7 sulle colline prima di andare a lavoro. da quando ho scoperto il ciclismo ho scoperto un nuovo lato di me stesso, che mi ha salvato anche in altri frangenti, un pochino più bui, della vita.
    Questa bici mi emoziona molto anche da ferma. volevo condividere queste emozioni con voi e con chi, tra le pagine di questo forum, mi ha aiutato nei miei primi passi qualche anno fa.
    IMG_6090.jpg IMG_6089.jpg IMG_6088.jpg IMG_6086.jpg
     

Condividi questa Pagina