Chiudi
Questo sito utilizza cookies. Chiudendo questa finestra acconsenti all'utilizzo dei cookies e approvi la nostra informativa sulla privacy.

Tempo di recupero "fisico"

Discussione in 'Principianti' iniziata da mountainbiker, 13 Giugno 2018.

  1. mountainbiker

    mountainbiker Gregario

    Registrato:
    1 Maggio 2016
    Messaggi:
    509
    Mi Piace Ricevuti:
    74
    Capisco che è una domanda troppo generica con totale assenza di dati, volevo sapere approssimativamente quanto serve per recuperare dagli "sforzi".
    Lunedì uscita in mtb di circa 50 km 30 km asfalto e 20 km sterrato con strappi in salita con pendenze in doppia cifra. Sullo sterrato mi sono sottoposto ad uno sforzo prolungato affrontando le salite con un rapporto sbagliato moltiplica 38 pignone 36 solo in discesa mi sono reso conto di aver sbagliato rapporto.
    Martedì uscita in bdc di circa 56 km gamba imballata dalla partenza dopo 35 km la gamba non girava fluida ma al termine del giro non ero affaticato.
    Oggi uscita in mtb su afalto di 25 km percorsi in 1h e 40 m le gambe proprio non giravano.
    Non seguo nessuna tabella o allenamento, non seguo nessuna dieta ed esco quando ho tempo e voglia, stare fermo 2/3 giorni non mi comporta nulla, volevo solo capire se è "nocivo" fare uscite consecutive senza riposare.
     
  2. Artigliere63

    Artigliere63 Pignone

    Registrato:
    7 Dicembre 2012
    Messaggi:
    208
    Mi Piace Ricevuti:
    8
    In effetti è difficile rispondere senza avere alcuna informazione. Quanti anni hai? Sei un sedentario o fai altri sport? Hai iniziato da poco (penso di si visto quanto scrivi....)
     
  3. mountainbiker

    mountainbiker Gregario

    Registrato:
    1 Maggio 2016
    Messaggi:
    509
    Mi Piace Ricevuti:
    74
    Ho 50 anni pratico solo ciclismo per fare sport e come antistress. Esco tutto l' anno condizioni meteorologiche e tempo permettendo, faccio uscite brevi durante la pausa lavoro. Da un anno alterno la bdc alla mtb anche se faccio prevalentemente asfalto.
     
    A Staffo piace questo elemento.
  4. Elmp32

    Elmp32 Pignone

    Registrato:
    25 Aprile 2017
    Messaggi:
    190
    Mi Piace Ricevuti:
    11
    Personalmente dopo 20 anni di pedali ritengo che con il passare degl'anni mantenedo un livello d'allenamento costante quello che cambia con l'invecchiamento non è la forza o la resistenza ma i tempi di recupero che si allungano inesarabimente. Questi tempi si possono ridure aumentando l'allenamento sul fondo (macindando chilometri) evitando però di strafare perche nel caso succedesse recuperae sarebbe lunga.
     
    A sinarca piace questo elemento.
  5. Alessiuccio

    Alessiuccio Apprendista Cronoman
    [Zwift] Team BDC

    Registrato:
    24 Luglio 2008
    Messaggi:
    3.234
    Mi Piace Ricevuti:
    979
    Per la mia esperienza è esattamente l'opposto, allenarsi due giorni consecutivamente aiuta a sviluppare proprio un recupero più veloce. Idealmente cerco sempre di inserire in settimana due-tre uscite consecutive, alternate da un giorno di riposo completo. Puoi provare, inizialmente fregandotene della performance. Col tempo (quanto dipende dalle caratteristiche individuali) ti accorgerai che il secondo giorno il "calo" sarà molto meno marcato rispetto al giorno prima, fino quasi ad annullarsi.
     
    A Cancello del Roero e msmtrt1 piace questo messaggio.
  6. robeambro

    robeambro Pignone

    Registrato:
    25 Aprile 2018
    Messaggi:
    285
    Mi Piace Ricevuti:
    122
    E comunque, siccome nessuno lo ha ancora fatto notare.. Hai detto che "non segui nessuna dieta". Be', anche l'alimentazione (cosa, quanto e soprattutto quando mangi) ha un effetto sicuramente non trascurabile sulle capacita' di recupero.

    Per non parlare di altre cose, come stretching e foam roller.

    Insomma, ci sono tutta una serie di cose che puoi fare per velocizzare il recupero.
     
    A rosetta piace questo elemento.
  7. Petgold969

    Petgold969 Apprendista Cronoman

    Registrato:
    29 Dicembre 2010
    Messaggi:
    2.845
    Mi Piace Ricevuti:
    276
    Dopo uscite così brevi parlare di tempi di recupero, alimentazione e stretching lo trovo esagerato. Un giorno di riposo è più che sufficiente comunque ma la cosa più importante è sempre quella di effettuare sforzi proporzionati al proprio grado di allenamento senza bruciare le tappe.
     
    A msmtrt1 piace questo elemento.
  8. arwen

    arwen Apprendista Cronoman

    Registrato:
    23 Settembre 2013
    Messaggi:
    3.040
    Mi Piace Ricevuti:
    961
    Secondo me bisogna fare una distinzione tra persona allenata e persona non allenata.
    Una persona allenata non ha nessun problema a fare uscite in giorni consecutivi, ovviamente non sempre a ritmi serrati, ma con un buon grado di allenamento i tempi di recupero si accorciano e spesso fare uscite a ritmi blandi dopo un'uscita intensa aiuta il recupero.
    Una persona non allenata invece ha dei tempi di recupero più lunghi, ma se esci per divertimento senza mire di performance esci quando ti pare e fai quello che il fisico ti permette
     
    A albasnake, Gamba_tri, Lightwave e 1 altro utente piace questo messaggio.
  9. Alessiuccio

    Alessiuccio Apprendista Cronoman
    [Zwift] Team BDC

    Registrato:
    24 Luglio 2008
    Messaggi:
    3.234
    Mi Piace Ricevuti:
    979
  10. peppe59

    peppe59 Scalatore

    Registrato:
    6 Luglio 2011
    Messaggi:
    6.566
    Mi Piace Ricevuti:
    753
    Non più di quanto sia nocivo lavorare in giorni consecutivi... se poi fai un lavoro manuale, è quasi la stessa cosa (e se fai il postino che gira in bici, la somiglianza cresce ancora). Poi chiaro che se un giorno ti spremi - anche solo perché è arrivata la botta di caldo, o hai bevuto poco - riposare il giorno dopo non fa male. Ma sostanzialmente devi saperlo tu, secondo come ti senti.
     
  11. SoftMachine

    SoftMachine Maglia Amarillo

    Registrato:
    10 Ottobre 2010
    Messaggi:
    8.856
    Mi Piace Ricevuti:
    1.526

    Non sono d'accordo.




    Lavorare è nocivo, ha una serie di nefaste controindicazioni e provoca patologie gravissime.
    Meglio smettere.




    :-x
     
    A peppe59 e Lightwave piace questo messaggio.
  12. Danny 1204

    Danny 1204 Novellino

    Registrato:
    25 Ottobre 2017
    Messaggi:
    50
    Mi Piace Ricevuti:
    3
    Anch'io avevo la stessa domande.
    Ho 17 anni e da un mese faccio le uscite tra 40 km e 50km ( esco da solo) esco ogni giorno tranne qualche volta quando piove, all inizio mi sentivo distrutto tipo le prime settimane ma adesso non sento più la stanchezza. Volevo chiedere se i muscoli avevano bisogno di riposo, però mi piace uscire ogni giorno, con la bici da corsa ho percorso 1400km in cui gli ultimi 1000 ultimo mese.
     
  13. peppe59

    peppe59 Scalatore

    Registrato:
    6 Luglio 2011
    Messaggi:
    6.566
    Mi Piace Ricevuti:
    753
    immagino le tue uscite siano al max di due ore... ti sembra possibile alla tua età che sia troppo fare due ore di attvità fisica ogni giorno ???

    non per dire, ma secondo te uno che fa il contadino zappa per due ore a giorni alterni ?

    Del resto ti sei risposto da solo: quando non eri allenato (e magari prima non facevi regolarmente altri sport) ti stancavi, ora hai preso l'abitudine e giustamente non ti pesa.Disolito non si esce tutti i giorni perché non c'è tempo: tu ne hai e quindi non c'è problema. Ovviamente non puoi passare da 40 km al giorno a 150 in un colpo solo, sennò ti fai del male.
     
  14. peppe59

    peppe59 Scalatore

    Registrato:
    6 Luglio 2011
    Messaggi:
    6.566
    Mi Piace Ricevuti:
    753
    Parole sante !!! Lo spieghi tu all'INPS che devono lasciarmi andare ?
     
    A SoftMachine piace questo elemento.
  15. peppe59

    peppe59 Scalatore

    Registrato:
    6 Luglio 2011
    Messaggi:
    6.566
    Mi Piace Ricevuti:
    753
    Lui suggerisce anche un pisolino al ritorno... mi piace assai come suggerimento (e del resto quando rientro ad un'ora adatta,lo faccio già di mio; a volte non volontariamente, nel senso che se mi appoggio un attimo sulla sdraio a guardare il giornale...puf!)
     
  16. Tall

    Tall Pedivella

    Registrato:
    4 Febbraio 2018
    Messaggi:
    479
    Mi Piace Ricevuti:
    255
    Io mi sto avvicinando ai 40 (e non parlo di chilometri :sborone: ) ed esco in bici anche 5 volte a settimana, spesso anche 3 giorni consecutivi e raramente faccio meno di 80 chilometri ad ogni uscita.Nella bella stagione vado anche oltre i 1500 chilometri al mese.
    I rimanenti 2 giorni faccio recupero...facendomi 70-80 vasche in piscina.

    Ogni tanto faccio uno stop totale di 2-3 giorni.

    Credo che nella peggiore delle ipotesi di persone "anziane" sia più che sufficiente 1 giorno di recupero quindi fare uscite a giorni alterni.Ma non ci vedo niente di problematico a farsi ogni tanto 2 giorni consecutivi di pedalate (tipo sabato e domenica)
     
  17. giux85

    giux85 Novellino

    Registrato:
    28 Marzo 2018
    Messaggi:
    60
    Mi Piace Ricevuti:
    23
    Se parliamo di preparazione fisica, quando si parla di recuperare si intende "compensare": dove lo stimolo allenante ha sortito una variazione dell'omeostasi il corpo andrà a produrre una serie di processi per riportare in equilibrio il sistema-corpo.
    Immediatamente dopo l'allenamento le nostre capacità sono peggiorate, è un dato di fatto.. ma è un dato di fatto anche che con il "recupero" il sistema si prepara a poter affrontare lo stesso stimolo con minor dispendio e/o con minor impegno (che sia cardiaco-respiratorio-muscolare ecc).
    Rispondere si/no/forse ad una domanda come quella "posso allenarmi due giorni di fila?" significa non rispondere affatto. Perché solo il preparatore atletico (e nemmeno l'atleta, che in questo deve affidarsi letteralmente al preparatore) sa qual'è il carico esterno (ovvero quello obiettivo) che abbiamo introdotto nell'atleta, e quindi il tempo di recupero.
    Solo una cosa di questo forum non capisco: tanto impegno per mandare persone da biomeccanici per ogni minimo aggiustamento, e tanto poco impegno per mandare persone (che a volte sono davvero interessate) da un preparatore atletico.
    Guai a dare indicazioni sbagliate sull'arretramento sella, ma poi ad allenarsi un po come viene..

    Se parliamo di hobby, allenarsi tutti i giorni va bene, allenarsi 3/4/2/6 volte a settimana va bene, va bene tutto. Fondo lento, veloce, scatti.. tutto sortisce miglioramenti, anche il recupero migliora come qualcuno giustamente diceva.. ma poi arriva il momento dello stallo. Dove la gente si chiede "perché resto così?", ed a volte "perché sono peggiorato?". Allora ha senso la risposta di cui prima..
     
    A nando_mac piace questo elemento.
  18. arwen

    arwen Apprendista Cronoman

    Registrato:
    23 Settembre 2013
    Messaggi:
    3.040
    Mi Piace Ricevuti:
    961
    Se leggi attentamente il post iniziale capirai da solo che il caso in questione è il secondo, senza troppi paroloni e toni accademici, in sostanza se non si seguono allenamenti specifici e si esce quando si ha tempo e voglia non c'è nessuna controindicazione ad uscire anche in giorni successivi.

    (Non seguo nessuna tabella o allenamento, non seguo nessuna dieta ed esco quando ho tempo e voglia, stare fermo 2/3 giorni non mi comporta nulla, volevo solo capire se è "nocivo" fare uscite consecutive senza riposare.)
     
    A msmtrt1 piace questo elemento.
  19. Alessiuccio

    Alessiuccio Apprendista Cronoman
    [Zwift] Team BDC

    Registrato:
    24 Luglio 2008
    Messaggi:
    3.234
    Mi Piace Ricevuti:
    979
    Io detesto chiamarlo hobby o passione, mi sembra di sminuirlo o di trattarlo alla stregua della collezione di francobolli (e immagino già qualche collezionista pedalante che si incazzerà parecchio). Ciononostante, non si può negare il fatto che nessuno qui pedala per professione. E che tutti si allenino incastrandosi tra i mille altri impegni che la vita mette avanti.

    Ora, va benissimo affidarsi a un preparatore (ammesso che sia veramente tale, perché qui abbiamo un paio di soggetti che pur facendo tutt'altro nella vita sono ben più preparati di chi tale attività la svolge dietro compenso), di sicuro una persona in gamba può aiutare a migliorarsi evitando gli errori tipici in cui può cadere il principiante.

    La mia opinione però è che quegli errori vanno comunque fatti, e fanno parte del gioco, dell'imparare a conoscersi, specialmente all'inizio. Sono convinto che bisogna scoprire cosa succede al terzo giorno di fila, cosa succede se si sta fermi un giorno di più o uno di meno, cosa succede se si prova a uscire anche se le gambe fanno ancora male dal giorno prima, eccetera. Perché, sulla mia pelle, il più delle volte le risposte che ho ottenuto sono state molto diverse da quello che avevo immaginato.
     
    A Fitzcarraldo, fabiopon e arwen piace questo elemento.
  20. msmtrt1

    msmtrt1 Maglia Rosa

    Registrato:
    16 Agosto 2013
    Messaggi:
    9.941
    Mi Piace Ricevuti:
    2.259
    D’accordo su tutto, ma non mi pare il caso di consigliare un preparatore a chi dice di non fare tabelle, dieta e di uscire quando ha tempo e voglia.



    Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
     
    A fabiopon e giux85 piace questo messaggio.

Condividi questa Pagina