[Libro] Il ribelle -18- Preparando la valigia per la Coors Classic

[Libro] Il ribelle -18- Preparando la valigia per la Coors Classic

22/07/2019
Whatsapp
22/07/2019

 

Preparando la valigia per la Coors Classic 


Greg Lemond alla Coors Classic del 1985. Foto di Gocal83  

La cronometro di Mosca ha segnato il tenore del resto della stagione.  Sono caduto nella corsa su strada nel circuito di Krylatskoye e sono finito in ospedale con il morbillo il giorno che sono tornato a Kiev.  Mi sono ripreso a metà stagione.  Sembrava che avessi voltato pagina quando ottenni il terzo posto staccato di soli quattro secondi nella cronometro ai campionati nazionali.  Il voltare pagina si interruppe quando forai a quindici chilometri dall’arrivo della gara su strada.  

La scia di sfortuna terminò quando scoprii che sarei andato alla Coors Classic.  Se le voci erano vere, l’intero gruppo dei professionisti con Bernard Hinault e Greg Lemond era pronto a schierarsi per la gara.   

Ho tenuto un diario di allenamento nei primi cinque di pedalate.  C’erano le foto di Hinault.   Una era di lui e Joop Zoeltemelk in fuga sugli Champs-Elysées nel Tour de France del 1979.  Correre contro di lui sarebbe stato qualcosa di cui essere orgoglioso a vita.  E non sarebbe più stato solo un sogno vedere Bernard Hinault in carne e ossa.   

Vai a ovest in America.  Dimentica l’Italia, dimentica la Francia.  Questa è la porta che pensavi ti fosse stata chiusa in faccia.  Ci siamo.  Dì addio.  

Stavo impacchettando la bici la sera prima di volare negli Stati Uniti quando il presidente della Titan entrò nella mia stanza e mi disse di non fare le valigie.  

“Ci andrà qualcun altro al posto tuo”.  “Non so il perché.”  

Sono uscito e da un telefono pubblico ho chiamato Zyama, un maggiore dell’esercito sovietico e il collegamento tra la Titan e l’arma.   

Dopo essere rientrato dalla Francia, mi ero recato con lui ad una base militare a Kiev dove lessi un giuramento di fedeltà all’Unione Sovietica, firmai un documento e così ero nell’esercito. Arruolamento obbligatorio per tutti i maschi di 18 anni e oltre. Campione del mondo o meno, ma se lo siete, firmate il giuramento per iniziare il vostro servizio militare e tornate due anni dopo per il congedo. Non ha senso sprecare talenti in Afghanistan.  

“Non andrò negli Stati Uniti.  Sai il perché?”  Ho detto quando ha risposto.  

“No, non lo so. Chiedi ad Elizarov.”  

“Non è a Kiev.  Non è normale.  Mi hanno detto di fare i bagagli la mattina e mi hanno lasciato a casa la sera.  Non è normale.  Puoi scoprire cosa sta succedendo?  Sta succedendo qualcosa.”  

“Che vuoi dire?” disse.  

“Non ne ho idea”, risposi. “Ecco perché ti ho chiamato.  Puoi scoprire cosa sta succedendo o no?”  

“Chiamami domani.”  

L’ho chiamato il giorno dopo.  Mi disse di aver chiesto in giro e nessuno sapeva niente di specifico. 

“Un tizio con cui ho parlato ha detto che il tuo passaporto potrebbe essere sospeso”.  

“Perché?”  Gli chiesi. 

“Qualcosa a che fare con la Kontora.  A qualcuno lì non sti a genio.  Hai parlato con qualcuno?”  

“Qualcuno chi?”  

“Sai chi.”  

“Sì. Mi hanno preso per strada qualche mese fa.  Abbiamo girovagato per Kiev per non so quanto e poi mi hanno lasciato andare subito dopo.”  

“Cosa hai fatto?”  

“Niente.”  

“Non ti avrebbero parlato se non avessi fatto niente.”  

“Non ho fatto niente.”  

“Ti ricordi il nome dell’agente?”  

“No.” 

“Ascolta, se vuoi il mio aiuto, devi dirmi cosa hai fatto e con chi hai parlato.   Potrebbe essere qualcosa di stupido, come che tua nonna era ebrea o qualcosa del genere.  Posso rimediare.  Sei ebreo?”  

“Levati dalle palle.”  

“Devi aver fatto qualcosa se il tuo passaporto è in attesa.”  

“Tipo cosa?”  

“Dimmi cosa hai fatto e vedrò cosa posso fare.”  

“Non so cosa dire.”  

“Hanno qualcosa su di te.  Sei fottuto.”  

Ho riattaccato, sono tornato in camera mia e ho iniziato a fare le valigie.  Ci siamo, ho finito di correre.  Torna a Nalchik e scopri cosa fare della mia vita.  Vai a Tallinn e diventa un dottore.   Possono andare al diavolo con il loro ciclismo.  Tallinn è vicina alla Finlandia, troverò la via di uscire da qui in qualche modo.  

 

Continua…. 

www.sportintranslation.com 

 

5
Rispondi

Devi fare il Login per commentare
5 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
4 Comment authors
Gamba_triLuca38LO Recent comment authors

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
O
Member
okrim01

Troppo poco!!!!!!
Ci vai diventar matti così!!!!!!!!!!!

L
Member
Littlepie

Ma come, la mattina ti prepari e la sera ti dicono che non se ne fa niente? Dopo tutta la fatica che hai fatto, c’è da diventare matti. Grazie 🙂

Luca38
Member
Luca38

Comperato una bottiglia di vodka russkii standard, la migliore, fatta a piter….aspetti il fine settimana, ritardo di un giorno della puntata e… invece di metterne due ce ne metti una che è la piu corta di tutte….. Beppe Beppe….. un altro fine settimana così e faccio il visto e vado a farmi una settimana a mosca per compensare :)))

O
Member
okrim01

Forza Beppe,
questo fine settimana ci hai abbandonato!!!!

Gamba_tri
Member

Grazie a tutti dell'apprezzamento! 🙂 La suddivisione in capitoli brevi è "colpa" mia, ma non pubblico direttamente. La puntata arriverà, nel fine settimana della fine del Tour de France di sicuro vi era surplus di argomenti da pubblicazione. Ciao e ancora grazie a tutti! 🙂

Sent from my Moto G (5) Plus using BDC-Forum mobile app