News Operazione Aderlass: Stefan Denifl condannato

 

longjnes

Velocista
10 Luglio 2008
5.562
2.147
Bici
Gianni2
spiace, ma dall'immagine si capisce che i corridori che si dopano, spesso
si infilano in cose più grandi di loro che poi non riescono a gerstire
il penale sul doping dovrebbe scoraggiare alla radice, ma non sempre è cosi
piu che le conseguenze sanzionatorie dovrebbero scoraggiare il ritrovarsi spaesato e additato in un mondo che di colpo non ti considera più
 

Ser pecora

Diretur
Membro dello Staff
16 Aprile 2004
16.644
5.278
95
dove capita
spiace, ma dall'immagine si capisce che i corridori che si dopano, spesso
si infilano in cose più grandi di loro che poi non riescono a gerstire
il penale sul doping dovrebbe scoraggiare alla radice, ma non sempre è cosi
piu che le conseguenze sanzionatorie dovrebbero scoraggiare il ritrovarsi spaesato e additato in un mondo che di colpo non ti considera più

Più o meno secondo me. Dipende molto dal paese di provenienza e dal quadro legislativo in cui si muove l'indagine.
Dubito che Denifl sarebbe stato condannato penalmente in Italia, ad esempio. Petacchi nella stessa inchiesta non lo è stato.
Idem un Armstrong: in europa molti strumenti giudiziari usati contro di lui nemmeno esistono (whistleblowing, testimonianze giurate, reati federali, etc..)

Che poi il "loro mondo" non li consideri più non direi. Il 90% degli staff delle attuali squadre pro sono ex-corridori anni '90 e ben pochi sono quelli passati indenni all'antidoping. Senza contare varie figure in seno alle aziende del settore, dal marketing ad altro o i media (cronisti, telecronisti, etc.).
Persino l'appestato Armstrong fa il commentatore.
 

longjnes

Velocista
10 Luglio 2008
5.562
2.147
Bici
Gianni2
Più o meno secondo me. Dipende molto dal paese di provenienza e dal quadro legislativo in cui si muove l'indagine.
Dubito che Denifl sarebbe stato condannato penalmente in Italia, ad esempio. Petacchi nella stessa inchiesta non lo è stato.
Idem un Armstrong: in europa molti strumenti giudiziari usati contro di lui nemmeno esistono (whistleblowing, testimonianze giurate, reati federali, etc..)

Che poi il "loro mondo" non li consideri più non direi. Il 90% degli staff delle attuali squadre pro sono ex-corridori anni '90 e ben pochi sono quelli passati indenni all'antidoping. Senza contare varie figure in seno alle aziende del settore, dal marketing ad altro o i media (cronisti, telecronisti, etc.).
Persino l'appestato Armstrong fa il commentatore.
forse non mi ero spiegato bene....
a differenza di personaggi senza scrupoli che ne fanno di ogni pur di avere dei vantaggi magari con la minima fatica (delinquenti di ogni genere, affaristi ecc), i ciclisti sono gente umile, disposti alla fatica, al lavoro duro. e questa predisposizione ce la hanno tutti, altrimenti non sarebbero ciclisti.
Vederli poi coinvolti in certi affari spiace, si vede proprio che finiscono in un palcoscenico che non sanno getsire e per cui non hanno la predisposizione mentale. che poi magari qualcuno riesca a riemergere beh ci sta e credo che sia un bene.
 
  • Mi piace
Reactions: alespg

longjnes

Velocista
10 Luglio 2008
5.562
2.147
Bici
Gianni2
C'è gente che si dopa pure per vincere un prociutto alla granfondo di quartiere :sborone:
si, ma non per vincere il prosciutto, ma per degli "strani" aspetti sociali e culturali legati all'ambiente della bici (specie in italia)
dopo 30 anni di bici e di pascolo nell'ambiente mi sono fatto una statistica e un idea
nel mondo della bici chi va forte è considerato, è uno autorevole, un modello, e questo ancora di più tra gli amatori.
quindi rientrare in questa nicchia sociale di elite spinge alcuni soggetti a farsi, più che per il motivo personale di mettere dietro l'avversario di sempre o per il prosciutto. Si parla comunque di soggetti che hanno delle fragilità e che vivono in parte il successo sportivo come un elevazione sociale (o un riscatto) da perseguire a tutti i costi. Una dinamica molto diversa da quella dei prof.
Ci sono al contrario amatori molto forti a pane e acqua con molta forza mentale e assoluta onesta intellettuale che sono molto umili nella loro forza e che rifiutano l'etichetta dell'ambiente di "autorevole", "modello", "influencer" ecc ecc
 
Ultima modifica: