Perchè i Pro sono riluttanti al disco ?

ulau75

Apprendista Scalatore
11 Settembre 2008
2.276
222
Provincia Veronese
Bici
Bianchi OltreXr4
Ieri guardando la Vuelta ho notato che il vincitore di tappa utilizzava una Cannondale Supersix con freni a pattino, si trattava dell’ultima versione di Supersix, che in teoria dovrebbe esistere solo in versione disco per il telaio con carbonio ad alto modulo.

Pare che al recente Eurobike fosse stata presentata una versione del nuovo supersix anche per freni tradizionali.

Analizzando il mondo dei pro si nota che i top-rider e un top team come Ineos prediliga i freni tradizionali.

Evitando ogni polemica o guerra di religione, se un amatore si trova bene con il disco fa benissimo a utilizzare questo sistema, perché i pro preferiscono il sistema tradizionale ?

Loro non avrebbero problemi a raggiungere il limite UCI anche con i dischi
 
  • Like
Reactions: evolux

 

johnnyranger

Gregario
23 Settembre 2013
628
71
casteldaccia/palermo
Bici
cannondale supesix evo team
Io credo che i pro preferiscono le rim per poter usare più facilmente il cambio ruote dell' organizzazione e perder meno tempo,visto che ad oggi le disc si sono ormai tutte a pp ma con chiusure e fissaggi diversi

Inviato dal mio ANE-LX1 utilizzando Tapatalk
 
  • Like
Reactions: Bengi and evolux

MIKBELL

Pignone
14 Novembre 2016
225
118
Sarzana
Bici
CANNONDALE CAAD12
Ieri guardando la Vuelta ho notato che il vincitore di tappa utilizzava una Cannondale Supersix con freni a pattino, si trattava dell’ultima versione di Supersix, che in teoria dovrebbe esistere solo in versione disco per il telaio con carbonio ad alto modulo.

Pare che al recente Eurobike fosse stata presentata una versione del nuovo supersix anche per freni tradizionali.

Analizzando il mondo dei pro si nota che i top-rider e un top team come Ineos prediliga i freni tradizionali.

Evitando ogni polemica o guerra di religione, se un amatore si trova bene con il disco fa benissimo a utilizzare questo sistema, perché i pro preferiscono il sistema tradizionale ?

Loro non avrebbero problemi a raggiungere il limite UCI anche con i dischi
Siamo sicuri che si tratta di una versione hm ( parlo della rim) oppure si tratta di una sm?
 

Scaldamozzi ogni tanto

Apprendista Cronoman
23 Ottobre 2015
3.403
1.041
Varese
Bici
Cube, Specialized
Ieri guardando la Vuelta ho notato che il vincitore di tappa utilizzava una Cannondale Supersix con freni a pattino, si trattava dell’ultima versione di Supersix, che in teoria dovrebbe esistere solo in versione disco per il telaio con carbonio ad alto modulo.

Pare che al recente Eurobike fosse stata presentata una versione del nuovo supersix anche per freni tradizionali.

Analizzando il mondo dei pro si nota che i top-rider e un top team come Ineos prediliga i freni tradizionali.

Evitando ogni polemica o guerra di religione, se un amatore si trova bene con il disco fa benissimo a utilizzare questo sistema, perché i pro preferiscono il sistema tradizionale ?

Loro non avrebbero problemi a raggiungere il limite UCI anche con i dischi
Per me il motivo principale è che in caso di foratura è difficile gestire il cambio ruota, vuoi per i tempi “maggiori”, vuoi per i mezzi al seguito che devono gestire standard non pienamente interscambiabili.
Per risolvere il problema le ammiraglie cambiano bici, ma non sempre è disponibile.
 

elche

Novellino
9 Maggio 2017
6
3
Bici
Trek ALR Ultegra
Credo ci sia ance un discorso di abitudine... Un pro ha passato più ore in sella ad una bici di tutti noi amatori messi insieme e il 99% di queste con freni tradizionali.
Immagino non sia facile come per noi amatori cambiare standard.
Sicuramente anche gli aspetti legati alla velocità di cambio ruote, la semplicità del sistema etc. contribuiscono a rendere il freno tradizionale più adatto a una situazione di gara.
Dall'altro lato i produttori spingono molto per ovvie esigenze di marketing.
 

pavelfelix10

Apprendista Velocista
25 Luglio 2015
1.541
97
Sicilia
Bici
Cannondale SupersixEvoHm
Penso che il problema non sia solo il peso forse loro stessi non digeriscono facilmente questo cambio di bici, perché oltre ai freni cambiano i telai le forcelle carri più larghi.... Vedremo nel futuro

Inviato dal mio HMA-L09 utilizzando Tapatalk
 
  • Like
Reactions: giuli68

gibo2007

Apprendista Passista
30 Agosto 2015
899
296
Bici
Canyon
Ieri guardando la Vuelta ho notato che il vincitore di tappa utilizzava una Cannondale Supersix con freni a pattino, si trattava dell’ultima versione di Supersix, che in teoria dovrebbe esistere solo in versione disco per il telaio con carbonio ad alto modulo.

Pare che al recente Eurobike fosse stata presentata una versione del nuovo supersix anche per freni tradizionali.

Analizzando il mondo dei pro si nota che i top-rider e un top team come Ineos prediliga i freni tradizionali.

Evitando ogni polemica o guerra di religione, se un amatore si trova bene con il disco fa benissimo a utilizzare questo sistema, perché i pro preferiscono il sistema tradizionale ?

Loro non avrebbero problemi a raggiungere il limite UCI anche con i dischi
Io credo che la domanda abbia bisogno di una risposta complessa e distinta caso per caso (o meglio squadra per squadra o meglio marchio per marchio).
Innanzitutto parliamo di corridori professionisti che in quanto tali sono sponsorizzati. (almeno nel caso dei team wt)
Qui entra in ballo lo sponsor. Nel caso di Ineos, o lo sponsor non "spinge" abbastanza perché i corridori corrano con le bici disco
(Quante bici col disco vende quel produttore? Quanto interesse ha il produttore a vendere bici disco? Qual è il suo core business?), o le bici che propone a disco non sono all'altezza delle aspettative dei corridori che le dovrebbero utilizzare (Non mi riferisco al produttore di bici in questione ma faccio un discorso generale)..
Questo è il primo aspetto che può essere considerato per ogni singola squadra.
Poi c'è l'aspetto da imputare al singolo corridore, se questo ha possibilità di scegliere cosa preferisce?
Se è un corridore che non sente l'esigenza di cambiare perché si trova bene con i freni rim continuerà con quelli, non vede il motivo di cambiare (tra l'altro con tutte le conseguenze del caso). Se invece dopo averla provata si convince (e magari viene anche convinto) che la bici disco può essere "migliore" in alcuni frangenti, sceglie quella. Emblematico che 2 corridori della Movistar stiano correndo col disco alla Vuelta (tra l'altro uno forte scalatore).
A mio modo di vedere da qui a 3/5 anni non si vedranno più bici rim tra i prof.
 
Ultima modifica:
  • Like
Reactions: Shinkansen

ulau75

Apprendista Scalatore
11 Settembre 2008
2.276
222
Provincia Veronese
Bici
Bianchi OltreXr4
Ma certo che diventerà una guerra di religione.

Al primo flame si chiude.

Inviato dal mio SM-A320FL utilizzando Tapatalk
Non è mia intenzione, volevo solo capire perché i pro che potrebbero scegliere bici diverse per ogni situazione non lo fanno. Se dovessi comprare una bici nuova, anch'io passerei al disco. Pace

Inviato dal mio PRA-LX1 utilizzando Tapatalk
 

jan80

Maglia Gialla
3 Marzo 2008
10.249
1.682
bassano del grappa
Bici
Colnago
per i prof credo sia soprattutto una questione di tempistica in caso di foratura.......per amatori cambia poco,si va a gusti.....io ad esempio sono per il tradizionale,perche' comunque il disco ha bisogno di piu' manutenzione ed allla lunga anche un bel po' piu' costoso di un paio di pattini da 10 euro che ti durano 30000km per ruote in alluminio......ancora diverso invece il caso del cerchio in carbonio,per me in quel caso piu' valutabile anche per me amatori il disco,almeno non viene usurato e messo comunque sottostress il cerchio in discesa
 
  • Like
Reactions: evolux

ulau75

Apprendista Scalatore
11 Settembre 2008
2.276
222
Provincia Veronese
Bici
Bianchi OltreXr4
Io credo che la domanda abbia bisogno di una risposta complessa e distinta caso per caso (o meglio squadra per squadra o meglio marchio per marchio).
Innanzitutto parliamo di corridori professionisti che in quanto tali sono sponsorizzati. (almeno nel caso dei team wt)
Qui entra in ballo lo sponsor. Nel caso di Ineos, o lo sponsor non "spinge" abbastanza perché i corridori corrano con le bici disco
(Quante bici col disco vende quel produttore? Quanto interesse ha il produttore a vendere bici disco? Qual è il suo core business?), o le bici che propone a disco non sono all'altezza delle aspettative dei corridori che le dovrebbero utilizzare (Non mi riferisco al produttore di bici in questione ma faccio un discorso generale)..
Questo è il primo aspetto che può essere considerato per ogni singola squadra.
Poi c'è l'aspetto da imputare al singolo corridore, se questo ha possibilità di scegliere cosa preferisce?
Se è un corridore che non sente l'esigenza di cambiare perché si trova bene con i freni rim continuerà con quelli, non vede il motivo di cambiare (tra l'altro con tutte le conseguenze del caso). Se invece dopo averla provata si convince (e magari viene anche convinto) che la bici disco può essere "migliore" in alcuni frangenti, sceglie quella. Emblematico che 2 corridori della Movistar stiano correndo col disco alla Vuelta (tra l'altro uno forte scalatore).
A mio modo di vedere da qui a 3/5 anni non si vedranno più bici rim tra i prof.
Sicuramente certe case obbligano all'uso del disco, vedi Specialized.
Lavoro vicino al negozio di Elia Viviani e la Specialized da quest'anno ha deciso di fornire solo bdc disc.
Giustamente sono aziende e spingono per migliorare i loro profitti.
 

gibo2007

Apprendista Passista
30 Agosto 2015
899
296
Bici
Canyon
Sicuramente certe case obbligano all'uso del disco, vedi Specialized.
Lavoro vicino al negozio di Elia Viviani e la Specialized da quest'anno ha deciso di fornire solo bdc disc.
Giustamente sono aziende e spingono per migliorare i loro profitti.
Si, poche balle, se corri in Bora o Deceuninck corri con i dischi, ci sono accordi commerciali dietro.
Ripeto, in quanto atleti professionisti, ci sono accordi anche sul materiale tecnico a monte.
Poi corridori molto "potenti" dal punto di vista dell'ingaggio possono far cambiare le scelte, ma sempre in base agli accordi di sponsorizzazione.
 
  • Like
Reactions: rosetta

stambecco

Scalatore
14 Giugno 2005
7.856
1.015
cane sciolto
Bici
si
un motivo plausibile potrebbe anche essere che la maggior manutenzione/regolazione del disco per essere sempre perfetto ed efficiente ed i maggiori costi del sistema, includendo anche pastiglie che durano la metà dei pattini quando và bene, se per una bici soltanto può essere trascurabile (come dicono sembre i discaioli convinti :-)xxxx) quando si parla di 15/20 bici di una squadra non è più tanto trascurabile, sia come tempistiche che come costi.
In una corsa a tappe, dove tutto deve essere fatto davvero di corsa, se gli interventi di manutenzione sono limitati al minimo immagino che per i meccanici sia meglio
 

Petgold969

Passista
29 Dicembre 2010
3.889
1.017
Foligno
Bici
Caad 12 + MTB full 29"
Io credo che la domanda abbia bisogno di una risposta complessa e distinta caso per caso (o meglio squadra per squadra o meglio marchio per marchio).
Innanzitutto parliamo di corridori professionisti che in quanto tali sono sponsorizzati. (almeno nel caso dei team wt)
Qui entra in ballo lo sponsor. Nel caso di Ineos, o lo sponsor non "spinge" abbastanza perché i corridori corrano con le bici disco
(Quante bici col disco vende quel produttore? Quanto interesse ha il produttore a vendere bici disco? Qual è il suo core business?), o le bici che propone a disco non sono all'altezza delle aspettative dei corridori che le dovrebbero utilizzare (Non mi riferisco al produttore di bici in questione ma faccio un discorso generale)..
Questo è il primo aspetto che può essere considerato per ogni singola squadra.
Poi c'è l'aspetto da imputare al singolo corridore, se questo ha possibilità di scegliere cosa preferisce?
Se è un corridore che non sente l'esigenza di cambiare perché si trova bene con i freni rim continuerà con quelli, non vede il motivo di cambiare (tra l'altro con tutte le conseguenze del caso). Se invece dopo averla provata si convince (e magari viene anche convinto) che la bici disco può essere "migliore" in alcuni frangenti, sceglie quella. Emblematico che 2 corridori della Movistar stiano correndo col disco alla Vuelta (tra l'altro uno forte scalatore).
A mio modo di vedere da qui a 3/5 anni non si vedranno più bici rim tra i prof.
I fatti però dicono il contrario. Dove hanno possibilità di scelta preferiscono i rim, vedi ad esempio Ineos, Merida Cannondale e altre.
Credi che se Froome dica alla Ineos che vuole i dischi come fa per le corone non lo accontentino?
Secondo me un corridore guarda la prestazione prima di tutto e non vedo perchè dovrebbe scegliere un mezzo inferiore.
La verità potrebbe essere che dal punto di vista puramente prestazionale i dischi non siano per nulla superiori ai Rim o-o
 

pietro1973

:angrymod:
Membro dello Staff
13 Aprile 2011
7.960
2.118
Granducato di Toscana
Bici
tutte rigorosamente nere
Solita ed inutile discussione sui dischi, la risposta al quesìto del 3d è semplice ovvero ai prof i dischi non servono (o comunque non in maniera determinate come a noi amatori) loro viaggiano in regime di strade chiuse con tutta la carreggiata a disposizione per impostare la traiettoria, se ne fregano se distruggono le piste frenanti di ruote da 3/4 Mila euro e di tutta l’attrezzatura a loro disposizione visto che non la pagano, in sintesi di quello che fanno i prof me ne può fregare di meno anche se nel giro di poco, anzi pochissimo li vedremo tutti sulle loro bici disc visto che le bdc top di gamma rim stanno sparendo da catalogo.


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk