News Vuelta 2021: Jasper Philipsen vince la 5^ tappa

BDC-MAG.COM

Apprendista Cronoman
18 Febbraio 2014
3.654
1.197
Visita sito
E sono due tappe vinte in questa Vuelta per Jasper Philipsen (Alpecin-Fenix) con l'odierna larga vittoria nella tappa tra Tarancón e Albacete (184,4km) davanti Fabio Jakobsen (Deceunick-QuickStep) e l'italiano Alberto Dainese (Team DSM). Finale condizionato da una caduta di gruppo ai -11km in cui è rimasto coinvolta la maglia rossa...
Leggi tutto...
 

golance

via col vento
18 Febbraio 2013
3.212
2.504
Bergamo
Visita sito
Bici
cannnnnondale
strada larghissima, dritta, asfalto perfetto, no rotonde e spartitraffico, no spettatori opi omi ma è lo stesso patatrac. la costante è sempre la concitazione in gruppo. è andata bene che non si sono perse pedine, però ecco, la possibilità di colpire dell'elemento caso è sempre troppo alta
 
  • Mi piace
Reactions: Ultimoz Roglic

gibo2007

Apprendista Cronoman
30 Agosto 2015
3.101
1.879
Visita sito
Bici
Canyon
strada larghissima, dritta, asfalto perfetto, no rotonde e spartitraffico, no spettatori opi omi ma è lo stesso patatrac. la costante è sempre la concitazione in gruppo. è andata bene che non si sono perse pedine, però ecco, la possibilità di colpire dell'elemento caso è sempre troppo alta
Bardet é finito a terra
 

Fill

Apprendista Cronoman
23 Ottobre 2020
2.810
2.818
54
Venezia
Visita sito
Bici
Specialiezed
strada larghissima, dritta, asfalto perfetto, no rotonde e spartitraffico, no spettatori opi omi ma è lo stesso patatrac. la costante è sempre la concitazione in gruppo. è andata bene che non si sono perse pedine, però ecco, la possibilità di colpire dell'elemento caso è sempre troppo alta
Un gruppo che è sempre pr terra, significa che non sono Professionisti. Vanno bene per correre su strava al massimo per farsi qualche LIKE
Il confronto con il passato è imbarazzante e non vengano a dire le velocità
Vent'anni fa correvano con tubolari da 19 e su bici con forcelle da un pollice dalla resa assai discutibile, le andature erano le medesime, ma le cadute erano molte di meno... Anzi non si apre neppure un paragone.. Visto che questi sono Professionisti buoni al massimo per Strava..
Le ultime gare a tappe le classifiche sono decise dalle cadute.
 

samuelgol

Flughafenwächter
24 Settembre 2007
43.698
18.765
Bozen
Visita sito
Bici
Canyon Ultimate SLX. Nome: Andrea
strada larghissima, dritta, asfalto perfetto, no rotonde e spartitraffico, no spettatori opi omi ma è lo stesso patatrac.
e aggiungerei che è stato messo alla prima tappa il tanto agognato prologo che doveva raffreddare gli animi, come chiesto da più parti dopo le sdraiate al Tour. Risultato: Roglic prende la maglia e poi lui e tutti gli altri uomini di classifica fanno a gara a farla prendere a qualche carneade di turno.
Riassumendo:
Giro d'Italia, prologo e corridori sdraiati.
Tour de France, niente prologo e corridori sdraiati.
Vuelta, prologo e corridori di nuovo sdraiati.
@Ser pecora (uno tra gli altri che ricordo), sei ancora convinto che sia il prologo la panacea per calmare gli animi?
Imho continuo a pensare che per ridurre, (non certo evitare del tutto) le cadute nel finale, si debba neutralizzare la tappa per la classifica, almeno ai -20.
la costante è sempre la concitazione in gruppo. .......
Ovvio. Se tutti hanno un interesse a star davanti nel finale, non esistono strade che mettano al riparo da rischi. Bisogna ridurre chi, nel finale, ha un interesse a star davanti. Ovviamente in certi finali, non negli arrivi sullo Stelvio, sull'Alpe d'Huez o sull'Angliru. Li ci pensa la pendenza a farli arrivare alla spicciolata a velocità ridotte.
 

golance

via col vento
18 Febbraio 2013
3.212
2.504
Bergamo
Visita sito
Bici
cannnnnondale
Bardet é finito a terra
già, l avevo visto ma me ne sono scordato subito, intendevo comunque pesci grossi, tali da compromettere lo spettacolo come in giro e tour di quest'anno
Un gruppo che è sempre pr terra, significa che non sono Professionisti. Vanno bene per correre su strava al massimo per farsi qualche LIKE
Il confronto con il passato è imbarazzante e non vengano a dire le velocità
Vent'anni fa correvano con tubolari da 19 e su bici con forcelle da un pollice dalla resa assai discutibile, le andature erano le medesime, ma le cadute erano molte di meno... Anzi non si apre neppure un paragone.. Visto che questi sono Professionisti buoni al massimo per Strava..
Le ultime gare a tappe le classifiche sono decise dalle cadute.
mah..non penso che non sappiano guidare ma non ho nemmeno l'età per dire quanto si cadeva un tempo, se si cadeva meno. dico solo che in questo sport la variabile caso, culo, sfiga è troppo presente e troppo significativa per l'esito della competizione sportiva. si era già dibattuto questo argomento in giro e tour e si parlava delle strade cambiate negli anni, beh oggi la strada era un'a4, eppure..per me la base di partenza per fare qualcosa è trovare il modo di sfoltire il gruppo, o sfoltirlo pelomeno nei frangenti in cui alta velocità e tensione sono prevedibili. perchè non è ne un problema di velocità ne di strade. per dire nelle corse di un giorno quante volte l'esito è condizionato da queste maxicadute?praticamente mai, perchè i corridori arrivano spesso in gruppetti e chi è interessato e ha la possibilità di arrivare davanti sono pochi, qui, nei gt, per un motivo o per l'altro interessa a tutti invece, per cui benvenuti strike
 
  • Mi piace
Reactions: walterde67

golance

via col vento
18 Febbraio 2013
3.212
2.504
Bergamo
Visita sito
Bici
cannnnnondale
Ovvio. Se tutti hanno un interesse a star davanti nel finale, non esistono strade che mettano al riparo da rischi. Bisogna ridurre chi, nel finale, ha un interesse a star davanti. Ovviamente in certi finali, non negli arrivi sullo Stelvio, sull'Alpe d'Huez o sull'Angliru. Li ci pensa la pendenza a farli arrivare alla spicciolata a velocità ridotte.
scritto praticamente in contemporanea :mrgreen:. però si prima o poi lo capiranno. non mi viene in mente uno sport così condizionato dal fato, nemmeno il motociclismo che dovrebbe essere basato sul rischio