[ el ciuciaròda] ovvero l'arte di mettersi a ruota degli sconosciuti

Discussione in 'I domandoni' iniziata da mach1, 8 Giugno 2010.

  1. Fabrizio_1

    Fabrizio_1 Apprendista Passista

    Registrato:
    8 Novembre 2014
    Messaggi:
    892
    Mi Piace Ricevuti:
    30
    Mah... in tutta sincerità: fossero tutti qui i problemi, ci metterei la firma.
    L'unica cosa da fare a mio parere è avvisare che ti metti a ruota, più che altro per questione di sicurezza, se quello davanti ha un minimo di coscienza comincerà a segnalare in modo che quello dietro non finisca in voragini e a condurre per prevenire tamponamenti.
     
  2. bikernat

    bikernat Apprendista Scalatore

    Registrato:
    8 Luglio 2013
    Messaggi:
    2.434
    Mi Piace Ricevuti:
    55
    :hail:
    :ola:
     
  3. carbal54

    carbal54 Scalatore

    Registrato:
    3 Novembre 2009
    Messaggi:
    6.709
    Mi Piace Ricevuti:
    272
    Fab, qui non ti seguo ;nonzo%;nonzo%

    Inannzitutto gli agettivi: Nobile - Ignobile ?? Per un giro in bici?
    Poi perche' devo avere per forza una motivazione, in quel momento passa un bel trenino, stavo andando a spasso, non mi cambia niente ma mi faccio qualche chilometro a velocita' superiori alle mie capacita'.
    Il ruotasucchio e' tra le poche attivita' dove al mio vantaggio non corrisponde un danno per lo "sfruttato", anche lo facessi sistematicamente che male fo? (sempre salvo che non devo creare pericolo per chi mi precede)

    carlo
     
  4. Shinkansen

    Shinkansen Moderatore Xeneize

    Registrato:
    20 Giugno 2006
    Messaggi:
    11.475
    Mi Piace Ricevuti:
    404
    Niente di tutto questo, Carlo. Potevo usare altri termini positivi o negativi, ma non me ne vengono in mente altri. Il competitivo? L'opportunista? Ho solo voluto dare una definizione alle motivazioni che spingono a succhiare la ruota. Però, se prendi la seconda definizione, quella ignobile, concorderai con me che un simile comportamento è alquanto squallido. Farsi tirare da chiunque incontri non ha niente a che vedere né con il piacere di andare in bicicletta né con la soddisfazione di fare fatica.
    Certo, che a me che tiro non cambia niente. Che ci sia o meno uno dietro di me la fatica che avevo in programma me la faccio tutta, ma... prendiamo ad esempio il proverbio cinese che dice: il marito torna a casa e picchia la moglie. Lui non sa perché la picchia, ma lei sì. E lasciamo da parte il gesto vergognoso di picchiare la propria moglie, ma riportandola ai succhiaruote, io non so perché tu mi vieni dietro, ma tu sì. Tu lo sai se mi stai venendo dietro perché ne approfitti per allenarti o solo per evitare la fatica che avevi in programma.
    E quest'ultimo caso non lo vedo tanto nobile come programma, specie se poi salti sulla ruota di un altro perché va più forte di me. Per fortuna sono casi rari, ma mi sono successi, uno anche di recente. E stavo andando tranquillo.
    Ultimamente (e la cosa mi fa piacere) vedo che mi vengono dietro abbastanza di frequente: non mi curo di loro, continuo a fare la mia strada, ignoro i motivi per i quali mi vengono dietro e, sinceramente, non mi interessano nemmeno. Solo una volta uno mi ha detto che ero fortissimo, ma era perché lui era scarso e non sapeva cosa vuol dire essere davvero forti. Però noto che mentre io mi fermo ai semafori loro proseguono, immancabilmente li riprendo e loro si accodano una seconda o una terza volta.
    Non c'era niente di rancoroso nella mia spiegazione, Carlo, solo una semplice definizione sulle motivazioni che spingono ad andare dietro ad uno sconosciuto. Può non piacere, ma le cose stanno così: non tutti hanno animi buoni e gentili.
     
  5. Giordano Z.

    Giordano Z. Gregario

    Registrato:
    12 Ottobre 2014
    Messaggi:
    527
    Mi Piace Ricevuti:
    21

    Io di sicuro non sono un marziano e, senza offesa tanto, meno marcofriuli. Dovresti sapere che se ti pianti e la catena rimane molto in tensione se cambi dal plateao grande a quello piccolo 9 su 10 la catena cade all'interno tra pedivella e telaio. Quindi pur non essendo un marziano io, se uno mi passa spingendo un rapporto e una cadenza di pedalata che ritengo impossibili per me, non mi sogno minimamente scattare per andargli dietro. Sicuramente lo saprete, ma chi è davanti potrebbe non accorgersi della vostra presenza, e chi arriva da dietro non saprà mai quello davanti costa abbia in mente. Io stavo facendo degli allunghi, se nel momento che il ciclista mi raggiungeva io rallentavo bruscamente perché dovevo dare recupero al cuore e per sbaglio questi mi tampona, quali sarebbero le conseguenze? Le solite discussioni del menga: perché ti fermi, non sei capace stai a casa, ma a lui chi gli ha detto di seguirmi? Se nel salto di catena fosse caduto, sicuramente qualche sbucciatura se la sarebbe procurata e per come ragiona la mente contorta dell'uomo con buone probabilità sarebbe stata colpa mia. Non so voi, di cascare capita e ci sta, ma andare a cercarsele non è nel mio modo di vedere, quando correvo e si usciva in gruppo il Sabato e la Domenica di persone cadere stupidamente ne ho viste a sufficienza. Ogni riga bianca sulla sede stradale era pretesto per una volata, anche in mezzo al traffico, fortunatamente nessuno mai si è fatto male gravemente. Io scrivo per esprimere il mio parere non cerco polemica assolutamente, non sono certo io che devo spiegare come fare a stare in bici, dato che sono un marziano, spiegatemi voi come mai, con il ciuccia ruota di turno attaccato io mi fermo per farlo passare 9 su 10 questi si incazzano. A me qualcosa non torna nel modo di voler praticare la bicicletta. Con questo siate liberi di fare come meglio credete e buone pedalate a tutti.
     
  6. Fabrizio_1

    Fabrizio_1 Apprendista Passista

    Registrato:
    8 Novembre 2014
    Messaggi:
    892
    Mi Piace Ricevuti:
    30
    Quello che mi è immediatamente piaciuto di questo 3D è stata l'ironia del post di apertura.
    L'ironia fa sempre bene, soprattutto in un ambiente dove appunto si ha, mi pare, la tendenza a prendersi troppo sul serio.
     
    A pecoranera piace questo elemento.
  7. Antelao

    Antelao Apprendista Scalatore

    Registrato:
    21 Giugno 2014
    Messaggi:
    2.560
    Mi Piace Ricevuti:
    58
    E' per tutte le ragioni che hai citato che io....preferisco allenarmi da solo e di non far parte alle gare per il momento.Pedalare in gruppo a oltre 40 km/h non è affatto facile e basta una minima distrazione per provocare casini e trovarsi in mezzo.d'altra parte,cerco di non incazzarmi,quando mi si attaccano e ultimamente mi succede spesso,addirittura squadre amatoriali da 10/15 membri (mi sono preso anche del doppato :mrgreen:)
     
    #2207 Antelao, 25 Aprile 2015
    Ultima modifica: 25 Aprile 2015
  8. Diego56

    Diego56 Apprendista Passista

    Registrato:
    22 Gennaio 2009
    Messaggi:
    948
    Mi Piace Ricevuti:
    52
    Ieri tardo pomeriggio, con mio fratello sto andando verso Valdellatorre, un paese a una ventina di km da Torino, una strada che inizia gradualmente con una salita che inizia con una pendenza del 2%. A un certo punto sorpassiamo uno che si mette a ruota. Proseguiamo cosi sino al paese, svolta a dx, passiamo un ponte e li inizia un tratto di circa 300 mt con forte pendenza che termina sulla piazza. A circa 100 mt. ecco che ci supera e fà lo scattino. Pensiamo che voglia proseguire verso il Molino di Punta, altra località nella zona, e che la nostra andatura sia troppo bassa, invece no, lo troviamo vicino alla fontanella che sta dando di stomaco. Alla nostra richiesta se ha bisogno ci risponde con un grugnito e se ne va via. Cosa pensare di tipi simili ?
     
  9. Antelao

    Antelao Apprendista Scalatore

    Registrato:
    21 Giugno 2014
    Messaggi:
    2.560
    Mi Piace Ricevuti:
    58
    magari stava facendo le ripetute!
     
  10. Giordano Z.

    Giordano Z. Gregario

    Registrato:
    12 Ottobre 2014
    Messaggi:
    527
    Mi Piace Ricevuti:
    21

    Le ripetute di stomaco.
     
  11. Giordano Z.

    Giordano Z. Gregario

    Registrato:
    12 Ottobre 2014
    Messaggi:
    527
    Mi Piace Ricevuti:
    21

    Vai alle gare, se non ci vai, mai imparerai a stare in gruppo. Ho potuto correre solo da amatore, ma in inverno, quando una 20ina di anni fa la provincia di Varese brullicava di dilettanti e professionisti, spesso riuscivo ad andare con loro e con loro sembrerà stupido ma ho imparato diverse cose sul come stare in doppia fila a ruota e via discorrendo. Va da se che quando dovevano accelerare li lasciavo andare perché il loro passo era nettamente superiore.
     
  12. (Ale74)

    (Ale74) Modzilla

    Registrato:
    17 Agosto 2010
    Messaggi:
    8.429
    Mi Piace Ricevuti:
    242
    Niente
     
  13. bicipertutti

    bicipertutti Pedivella

    Registrato:
    10 Aprile 2009
    Messaggi:
    409
    Mi Piace Ricevuti:
    14
    Tutti i ciucciaruota che si sono accodati non hanno mai avvisato, pochi hanno salutato ed ancora meno ringraziato.
     
    A bikernat piace questo elemento.
  14. ibondio

    ibondio Apprendista Cronoman

    Registrato:
    23 Dicembre 2010
    Messaggi:
    2.796
    Mi Piace Ricevuti:
    135
    I più simpatici poche settimane fa. Tre diversamente giovani, ma decisamente arzilli mi sono stati a ruota un po' di km contro vento. Quando ho dovuto svoltare hanno tentato di convincermi a tirare dritto con loro: " ma dove vai, continua dritto di qui...":mrgreen:
     
  15. bikernat

    bikernat Apprendista Scalatore

    Registrato:
    8 Luglio 2013
    Messaggi:
    2.434
    Mi Piace Ricevuti:
    55
    avevano ragione, volendo potevi proseguire, chissà prima di trovare un altro scudo paravento quanta strada avrebbero dovuto fare... da soli...:mrgreen:
     
  16. Shinkansen

    Shinkansen Moderatore Xeneize

    Registrato:
    20 Giugno 2006
    Messaggi:
    11.475
    Mi Piace Ricevuti:
    404
    Ha ragione [MENTION=26515](Ale74)[/MENTION], non pensarci, il problema è loro non tuo.
     
  17. scico

    scico Scalatore

    Registrato:
    9 Settembre 2004
    Messaggi:
    6.258
    Mi Piace Ricevuti:
    51
    sono d'accordo
     
  18. 123lorka

    123lorka Apprendista Scalatore

    Registrato:
    8 Ottobre 2007
    Messaggi:
    2.167
    Mi Piace Ricevuti:
    108
    Oggi mi e capitata una cosa davvero particolare. Stacco prima dal lavoro e decido di fare un giretto di circa 80 km con una salita di 4,5 km al 6% medio che non facevo da mesi. Dopo 25 km arrivo a una discesa di 5 km che mi doveva portare su una pianura di 6 km fino all’inizio della salita. Causa lavori in corso prima della discesa c’era un semaforo. Mi fermo e aspetto il verde. Mentre aspetto un tipo in bici si mette 10 m davanti a me. Appena scatta il verde sto tipo parte come una fionda. Fa la discesa a tutta mettendosi spesso in posizione tipo Pantani. Io la faccio tranquilla come al solito. Arriva giu con 300-400 m circa di vantaggio e comincia ad andare in pianura a 24-25 km/h. Dopo un po lo raggiungo e lo supero ma piu per inerzia che per la velocita. Viaggiavo sui 30-32 km/h causa il vento contrario (non fortissimo ma si sentiva). Questo si mette a ruota ma causa il sibillio del vento non me ne accorgo. Viaggio a velocita costante facendo girare bene le gambe e pensando alla salita che mi aspetta. Dopo circa 3-3,5 km/h questo da dietro scatta come il miglior Bettini (solo allora mi sono accorto che era dietro) e mi guadagna tipo 30-40 m. Io continuo col mio ritmo e gli sto a 50 m, non curandomi di lui..se vuole e puo andare piu forte che lo facciao-o. Questi si gira un paio di volte e prosegue. Fa cosi per circa 200 m e poi smette d’un tratto di pedalare… ma del tutto, stacca il piede dal pedale e comincia a scrollarlo come se avesse un crampo o roba simile. Col vento contrario e con il miei 90kg e 185 cm ci credo che gli godeva stare dietro. Col vento in faccia e un po diverso:wacko:… Io lo supero, di nuovo piu per inerzia che per altro, e proseguo. Non mi sono girato ma questo si mette di nuovo a ruota e sta cosi per altri 2-2,5 km (per il resto della pianura). A 100 m dall’incrocio che portava alla salita scatta di nuovo, mi supera, e gira a sinistra, io giro a destra e inizio la salita. Per i restanti 40 e rotti km mi sono chiesto…MA STO TIZIO CHE DIAVIOLO VOLEVA;nonzo%;nonzo%;nonzo%….
     
  19. eddy 666

    eddy 666 Apprendista Scalatore

    Registrato:
    24 Maggio 2012
    Messaggi:
    1.895
    Mi Piace Ricevuti:
    22

    Mi sembra che tu ci fossi arrivato subito.... :mrgreen:
     
  20. 123lorka

    123lorka Apprendista Scalatore

    Registrato:
    8 Ottobre 2007
    Messaggi:
    2.167
    Mi Piace Ricevuti:
    108
    Per quello lo capisco...ma che senso ha starmi a ruota quasi 6 km e poi scattarmi a tutta a 100 m dall'incrocio con le mani basse sul manubrio;nonzo%... per dimostrare cosa????? Ho la pancetta e le gambe pelose, pedalavo tranquillo in pianura con le mani sulla parte alta del manubrio con un 53-18/19 a 90 rpm. Era chiarissimo che non sono un fenomeno:mrgreen:... Starmi a ruota tranquillo e girare dietro di me all'incrocio no.... Se proprio voleva fare il fenomeno sul primo scatto proseguiva e mi staccava...non lo avrei seguito di certo.... invece ha fatto tutta quella sceneggiata con la gamba:wacko: ....
     

Condividi questa Pagina