gare in salita e cronoscalate il ciclismo del futuro

Discussione in 'Gare amatoriali in circuito' iniziata da galbi, 25 Ottobre 2012.

  1. camoscio d'oro

    camoscio d'oro Apprendista Scalatore

    Registrato:
    4 Novembre 2010
    Messaggi:
    1.862
    Mi Piace Ricevuti:
    97
    A me le gare in salita piacciono e mi sono sempre piaciute molto. Le cronoscalate in particolare.
    Di per loro non sarebbero gare di serie B, ma il loro livello spesso lo è.
    Tra l'altro alcune presentano salite abb ridicole, salite di 3-4 km
    Ragion per cui non ne faccio molte e più che altro vicino a casa, anche perchè perdere una intera giornata per uno sforzo che al massimo arriva a 30 minuti non mi aggrada molto.
    Lo so, direte, Bolt si fa viaggi intercontinentali per una corsa di 9 secondi.

    Ultima cosa, seppur otterrei miglior risultati in questo tipo di gare, il ciclismo è fatto solo di salite ma anche du discese, pianura, gruppi, volate ecc ecc.
    Così diventa tutto più difficile, perchè bisogna allenarsi su più fronti e aumentano le incognite e le variabili, tutto si complica, ma a me le cose "semplici" non sono mai piaciuter....:-)
     
  2. marko

    marko Maglia Gialla

    Registrato:
    22 Novembre 2005
    Messaggi:
    11.745
    Mi Piace Ricevuti:
    276
    penso che difficilmente mi emozionerei al pari di scollinare un gavia un rombo o un fauniera
     
  3. utah

    utah Maglia Amarillo

    Registrato:
    18 Dicembre 2006
    Messaggi:
    8.685
    Mi Piace Ricevuti:
    257
    E' qualcosa completamente di diverso, sopratutto se riferito allo sforzo fisico sopratutto se brevi per brevi intendo sotto 30 minuti.

    Hanno moltissimi aspetti positivi, sono meno stressanti, non c'è problema delle griglie e delle cadute, ok cadute possono accadere lo stesso, ma il rischio molto molto minore.
     
  4. Curridur

    Curridur Novellino

    Registrato:
    25 Settembre 2012
    Messaggi:
    34
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    Quest'anno ho sentito parlare di un progetto chiamato Giroscalando, composto da una serie di gare in salita, se non sbaglio 7, tutte in lombardia (BG) (VB) (CO), in cui c'era sia classifica di tappa che generale.
    Se l'anno prossimo lo rifanno mi piacerebbe provare a farne alcune!
    Qualcuno di voi ha partecipato?
     
  5. marko62

    marko62 Pedivella

    Registrato:
    9 Ottobre 2011
    Messaggi:
    400
    Mi Piace Ricevuti:
    13
    quindi una bella cronometro in pianura e a seguire scalata ad inseguimento, superspettacolare!
     
  6. galibier81

    galibier81 Gregario

    Registrato:
    9 Agosto 2008
    Messaggi:
    616
    Mi Piace Ricevuti:
    29
    Io son un paio di anni che mi sto dedicando praticamente solo piu alle gare in salita, un po' perchè mi piace la salita, un po' per limitare i rischi di caduta presenti nelle altre gare. Io credo ci potra essere un aumento di partecipanti, sarà però difficile arrivare a numeri veramente importanti a meno che non si organizzino gare con premi per le squadre più numerose, premi a sorteggio ecc.... È una specialitá dove diventa fondamentale, forse più di altre, il mezzo. Spesso ci si gioca la vittoria per questione di secondi, quindi credo sia piu difficile avere un livello medio che partecipa con costanza e si diverte come alle gf
     
  7. galbi

    galbi Pignone

    Registrato:
    28 Ottobre 2008
    Messaggi:
    159
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    Ragazzi poi nn trascuriamo l'aspetto economico,in una gf ci vogliono 30euro ca. X l'iscrizione e se poi c'è la trasferta le cifre lievitano e diciamo la verità solo i primi 20sn tutelati e coccolati. Qui magari vinceranno sempre i soliti(NON SEMPRE È COSÌ )ma i costi e il tempo impegnato è sicuramente meno
     
  8. supermauri83

    supermauri83 Pedivella

    Registrato:
    30 Luglio 2009
    Messaggi:
    464
    Mi Piace Ricevuti:
    4
    quest'anno ho fatto qualche gara in salita a Bergamo, sec me va migliorata la partenza (magari facendo partire 2 categorie alla volta a distanza di 5 min l'una dall'altra) e senza 800 Km di pianura prima della salita..., van migliorati i percorsi (salite sotto i 7 Km le abolirei proprio), van migliorati gli orari di partenza (non si può stare in ballo tutto il sabato per 20 max 30 minuti di gara...).
     
  9. galibier81

    galibier81 Gregario

    Registrato:
    9 Agosto 2008
    Messaggi:
    616
    Mi Piace Ricevuti:
    29
    Vero, pero per le gf è più facile essere un gruppetto di 3/4 persone e dividere le spese. Per le gare in salita io ho trovato più difficolta a condividere con altri le trasferte e se fai una gara gia solo a un centinaio di km da casa, che grossomomo vuol dire restare in regione, alla fine tra iscrizione, benzina, autostrade, si finisce per spendere pareccchio, sopratutto avendo meno possibilità di dividere la spesa. L' unica soluzione sarebbe avere più gare vicino casa, ma almeno qua in Piemonte i vari comitati provinciali non organizzano più di una decina di gare a stagione nella propria provincia. Il grosso vantaggio secondo me è il tempo, è vero che le corse son più brevi e non ha tutti può piacere, pero si evitano anche levatacce alle 5 e giornate completamente dedicate alla gara. Nelle gare in salita al più si impiega mezza giornata e si riesce a conciliare meglio la bici anche con altri impegni
     
  10. Aquila

    Aquila Passista

    Registrato:
    15 Febbraio 2006
    Messaggi:
    4.311
    Mi Piace Ricevuti:
    10
    un trucco per fare correre più gente possibile ad una gara...specialmente in salita (perchè più dure di altre)...è quello di dare un premio a tutti. Magari un mini-pacco gara oppure premi ad estrazione.
    Molti organizzatori dovrebbero prendere esempio da alcuni club che quando organizzano fanno le cose fatte bene. esempio: CrazyBikers di Orezzo (BG) dove oltre al rifocillamento post-gara (degno di un pranzo di sposi) danno un gadget a tutti i partecipanti.
     
  11. supermauri83

    supermauri83 Pedivella

    Registrato:
    30 Luglio 2009
    Messaggi:
    464
    Mi Piace Ricevuti:
    4
    sec me per far partecipare più gente toccherebbe fare come al giro in giro del Mariotti, se fai + di 4 vittorie sei escluso e come seconda cosa controllerei un'attimo le prestazioni... per quel che riguarda me, quest'anno ho fatto delle prove e sono distante anni luce dai primi... quindi per l'anno prox manco ci provo a farle (soldi risparmiati senza speranze di piazzamenti nei 5).
     
  12. galbi

    galbi Pignone

    Registrato:
    28 Ottobre 2008
    Messaggi:
    159
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    Cosa intendi controllare le prestazione e poi escludere chi ha vinto perchè ,dove' la competizione i cicloturisti sn un altra cosa ( e nn lo dico perchè vinco la pensavo così anche quando c'erano altri davanti)
     
  13. mpic

    mpic Apprendista Scalatore

    Registrato:
    2 Settembre 2011
    Messaggi:
    2.385
    Mi Piace Ricevuti:
    6

    Non sono assolutamente uno che va forte ma proporre di escludere da una serie di gare a punti coloro che ottengono un certo numero di vittorie mi sembra una cosa fuori luogo e senza nessuna logica. Diciamo piuttosto che bisognerebbe riconoscere lo sforzo anche di coloro che arrancano nelle retrovie con dei premi (per la verita' in tante corse accade gia' come la Lecco-Morterone, Lecco Piani di Resinelli, Bonassola, Oropa, Melogno, Cengio, Bagnaria, Cecima) non tanto per il valore del premio, piuttosto per la soddisfazione di essere comunque considerati, ma ripeto la tua proposta di escludere dopo un po' i vincenti mi sembra fuori dal mondo.
     
  14. beck

    beck Pedivella

    Registrato:
    7 Ottobre 2008
    Messaggi:
    338
    Mi Piace Ricevuti:
    2
    Dopo avere fatto la coppa lombardia e qualche altra gf in cui non mi sono fatto mancare niente (dalle cadute a qualche buon piazzamento di categoria a tanta pioggia in primavera) ho provato a fare un paio di cronoscalate spinto soprattutto dalla vicinanza a casa, dal costo contenuto e dal fatto che mi piace la salita, devo dire che mi sono piaciute anche se avrei voluto provare anche qualche gara un pò più lunga e con partenza collettiva che immagino sia più stimolante, penso che più che i premi per tutti o pacchi gara vari sia meglio curare l organizzazione del cronometraggio che secondo me ha tempi un pò troppo lunghi e che a volte scoraggiano chi vorrebbe rimanere fino alle premiazioni. Capisco che l utilizzo dei chip come nelle granfondo forse avrebbe un costo troppo elevato per i numeri di queste gare però eviterebbe qualche polemica che si legge anche su questo forum e soprattutto si avrebbero le classifiche quasi in tempo reale
     
  15. beck

    beck Pedivella

    Registrato:
    7 Ottobre 2008
    Messaggi:
    338
    Mi Piace Ricevuti:
    2
    Per me non si dovrebbe escludere mai nessuno dalle gare nè vincenti nè perdenti, le cronoscalate poi mi sono sembrate più gare contro i propri limiti che contro altri se togli chi vince togli anche dei punti di riferimento importanti
     
  16. supermauri83

    supermauri83 Pedivella

    Registrato:
    30 Luglio 2009
    Messaggi:
    464
    Mi Piace Ricevuti:
    4
    tu partiresti in una serie di gare come il trofero dello scalatore sapendo che dai primi beccherai sempre 2/3 minuti? se si vuole aumentare il numero degli iscritti purtroppo si deve limitare qualcuno, magari analizzando le prestazioni si potrebbe fare una categoria a parte in base alle prestazioni e non all'età/categoria, li si fa partire per primi e dopo 5 min via degli altri con premiazioni di categoria normali.
     
  17. raccone

    raccone Apprendista Velocista

    Registrato:
    9 Maggio 2007
    Messaggi:
    1.534
    Mi Piace Ricevuti:
    71
    Ma infatti c'era la faccina che rideva, il riferimento al tuo nome esteso era solo perche' avevo citato quelli che vanno forte e stavo incidentalmente rispondendo a un tuo post.o-o

    Tornando alla discussione generale, a me piace molto come idea quella della gf del san gottardo con solo i tratti in salita cronometrati, si supera anche il limite della trasferta in auto e la giornata impegnata per fare 30 minuti di gara. Ad esempio all'alpe quaggione pensavo di gareggiare e poi pedalare ancora ma alla fine dopo uno sforzo intensissimo ed essersi fermati per un bel po di tempo dopo l'arrivo mi passa la voglia. Anche prove stile tappe del giro delle dolomiti non mi dispiacerebbero.
     
  18. mezzone

    mezzone Pedivella

    Registrato:
    13 Luglio 2007
    Messaggi:
    475
    Mi Piace Ricevuti:
    10


    Ma no.....io da Mauro (galbi) ne ho sempre buscate (non solo da lui)ma mi sobbarco delle belle trasferte per il gusto di partecipare a corse tranquille.
    Fino al 2006 ho fatto tantissime gran fondo, poi ho scelto di partecipare a cronometro/cronoscalate/cicloscalate per rischiare meno.....ho trovato un ambiente tranquillo e familiare. Io parto sapendo sempre che qualcuno mi suona di brutto ma non mi faccio alcun problema, la proposta della categoria in base alle prestazioni mi sembra un pò azzardata....nelle cronoscalate difficilmente trovi l' ex prof o l' ex under 23 e quindi regolamentare anche queste corse con una lista tipo Master Gold (o lista rossa) mi sembra eccessiva.
     
  19. galibier81

    galibier81 Gregario

    Registrato:
    9 Agosto 2008
    Messaggi:
    616
    Mi Piace Ricevuti:
    29
    Secondo me una cosa un po' diversa potrebbe essere proporre delle combinate a cronometro, crono in pianura+cronoscalata. Si potrebbero avere classifiche separate e classifica per la combinata per accontantare un po' tutti. Essendo specialitá differenti potrebbe anche essere interessante vedere chi può vincere le combinate, magari si potrebbe otterene un certo livellamento tra scalatori e passisti con delle sorprese.
     
  20. galbi

    galbi Pignone

    Registrato:
    28 Ottobre 2008
    Messaggi:
    159
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    I primi anni anche io ho preso i minuti e come me anche i vari Fatone ,Magli o Anderlini poi i minuti presi sn stati stimolo x migliorarsi e sacrificarsi di più,senza i primi che ci hanno dato quei 2/3 minuti nn ci sarebbe stato nessun miglioramento.
    Queste genere di gare penso che le vinci in settimana negli allenamenti e sacrifici che fai e poi il primo avversario è sempre te stesso i tuoi limiti e la voglia che hai di superarli sempre nel RISPETTO DELLE REGOLE
     

Condividi questa Pagina