Storia Briek Schotte: l'ultimo dei fiamminghi

BDC-MAG.COM

Apprendista Scalatore
18 Febbraio 2014
2.280
414
Se quando pensate al ciclismo fiammingo pensate ai muri in pavé affrontati sotto la pioggia, all'ombra delle bandiere gialle col leone nero, a corridori insensibili al freddo, alla fatica, duri e nervosi, state pensando all'archetipo del fiammingo, i cui tratti sono stati codificati da Alberich "Briek" Schotte.   Nato nel...
Leggi tutto...
 

 

Stradista

Apprendista Cronoman
4 Aprile 2007
3.542
147
55
Mestre
Bici
Dedacciai Vertigine , Sram Red 22 , Vision Metron 40
Sempre avvincenti questi racconti ....bravo Pergiorgio
 

bianco222

Passista
24 Giugno 2013
4.089
1.110
Bici
Olmo ZeroTre Disc
Nella prima foto ha dei calzini assolutamente non regolamentari!!! gandalf

Articolo stupendo! Grazie!
 

Corvo Torvo

Pedivella
11 Aprile 2016
485
201
Novara
Bici
Specialized Roubaix
Ecco spiegato perchè si correva il Fiandre durante la guerra. Grazie!
Notare la frase del padre di Schotte... ancora molto attuale purtroppo
 

luciobike

Novellino
10 Agosto 2009
63
13
Bollate
Notare la foto insieme a Bartali. Osservate la manica della maglia di campione del Mondo, sventola come fanno i corridori di oggi, quando raggiungono il picco di forma. Grande personaggio, sentito solo di nome, grazie per l'articolo, un corridore di grande spessore. Il ciclismo è leggenda.