Carbonio vs alluminio

EliaCozzi

Apprendista Cronoman
2 Marzo 2016
3.290
2.434
Mozzate (CO)
www.eliacozzi.it
Bici
Costelo Aeromachine, BTwin FC7,
Mi rendo conto che una esperienza personale conti "zero" a livello statistico. Una delle mie bici è una btwin FC5 in carbonio, del 2011. Con ruote trimax T42 carbonio e alluminio. Buche prese in quantità. La peggiore durante la gran fondo dell'oltrepo in cui sono scoppiate entrambe le camere d'aria. Telaio e ruote non hanno avuto un problema.
Mi meraviglia che una F12 possa danneggiarsi in quel modo, soprattutto perché stiamo parlando di una bici usata dai professionisti e ti garantisco che Ganna a 60 all'ora e 85kg di buche ne prende.
Dai filmati sui test di resistenza che vedo mi pare di capire che se sollecitato nella direzione per cui è progettato il telaio è resistentissimo, mentre in direzione "strana" possa essere fragile.
Mi è capitato di assistere a una scena che aveva dell'incredibile: mtb scaricata dal tetto di un furgone, bici che scivola di mano e cade di lato con l'orizzontale che impatta su un paracarro in cemento a bordo strada. Telaio spezzato a metà!

In conclusione: quelli in carbonio sono telai che tengono i ciclisti professionisti a 100 all'ora in discesa, credo che strutturalmente possano essere considerati assolutamente sicuri.

Sul costo elevato del carbonio dipende sempre da quello che compri: se si mette un attimo da parte il desiderio di possesso di un determinato telaio e si guarda alla sostanza, per un amatore evoluto le prestazioni di un F12 o di un Venge da 6000 euro sono identiche a quelle di un focus o giant da 1000.
 

Ciclocancello

Passista
16 Gennaio 2018
4.069
1
1.677
Milano
Bici
Olmo Veloce Zerotre 10V
Tutti i telai si possono crepare, o ha preso una buca devastante magari avelocita sostenuta o la forcella era difettosa oppure già lesionata.

Comunque le caratteristiche meccaniche del carbonio rimangono superiori all'alluminio, per cui (fermo restando che anche le bici in alluminio hanno forcelle in carbonio) se il colpo è stato così forte da danneggiare un telaio F12 figurati quello che avrebbe fatto a un telaio in alluminio.

P.s. anche i telai metallici si crepano...
 

Allegati

  • bici-usata_telaio_rottura_foto2.png
    bici-usata_telaio_rottura_foto2.png
    645,2 KB · Visite: 46
  • 5131479_orig.jpg
    5131479_orig.jpg
    113,8 KB · Visite: 46
  • telaio-rotto-720x539.jpg
    telaio-rotto-720x539.jpg
    48 KB · Visite: 46

martin_galante

Apprendista Passista
24 Ottobre 2017
957
755
Russia, eh già
Bici
Merida
non ho detto che il carbonio non si usa nella mtb: ho detto solo che PER ME il carbonio non lo userei mai sulla mtb perchè lo ritengo meno sicuro.....il carbonio non ti avvisa quando si spezza a differenza dell'alluminio che si deforma......non siamo tutti Nino Shurter......
Il carbonio e' piu' delicato del metallo per certi tipi di sforzi. Ad esempio una vite stretta troppo, una morsa/botta nel punto sbagliato e butti via tutto. Questo e' da considerare, perche' una distrazione capita sempre e non e' male fare manutenzione senza pensieri e dinamometrica. Ma sulle botte prese in strada o il deterioramento nel tempo, a quanto pare non e' che ci sia tutta questa differenza.

Un mio amico, per evitare una bambina balzata nel centro della pista ciclabile, e' semi-caduto e la bici che lo seguiva col manubrio ha scavato un cratere nel suo orizzontale di alluminio. Le statistiche personali contano poco. Poi va da se' che una bici e' un bene consumabile, quanto contino per te 3000 o 10000 euro lo puoi sapere solo tu. Certo che un incidente, una rottura etc possono sempre succedere. Se 10000 euro vuol dire anni di risparmi, devi essere molto motivato.
 

Emmever

Cronoman
29 Gennaio 2020
749
507
Como
Bici
Corsa
Con la vecchia bicicletta sono stato investito da un'auto, urto frontale.
La forcella era in carbonio "vecchio stile" (steli in carbonio, cannotto in alluminio).
Risultato: steli in carbonio perfetti, parte in alluminio deformata e forcella da buttare. Giusto un esempio per confutare il fatto che l'alluminio è più resistente del carbonio

In caso di incidenti e/o cadute un telaio in carbonio è sicuramente da controllare, ma anche uno di alluminio può danneggiarsi eccome (anzi si danneggia più facilmente)
 

mariner13

Gregario
28 Ottobre 2018
565
1
99
37
Triggiano
Bici
Bianchi Via Nirone 7
Con la vecchia bicicletta sono stato investito da un'auto, urto frontale.
La forcella era in carbonio "vecchio stile" (steli in carbonio, cannotto in alluminio).
Risultato: steli in carbonio perfetti, parte in alluminio deformata e forcella da buttare. Giusto un esempio per confutare il fatto che l'alluminio è più resistente del carbonio

In caso di incidenti e/o cadute un telaio in carbonio è sicuramente da controllare, ma anche uno di alluminio può danneggiarsi eccome.
ragazzi una cosa fondamentale.....il telaio in carbonio se è irrimediabilmente danneggiato te lo piangi, l'alluminio ci si sente meno in colpa a buttarlo. Poi ripeto, l'alluminio ti avvisa prima quando sta per cedere. Il carbonio invece no....
 
  • Mi piace
Reactions: Desmosedici

Emmever

Cronoman
29 Gennaio 2020
749
507
Como
Bici
Corsa
ragazzi una cosa fondamentale.....il telaio in carbonio se è irrimediabilmente danneggiato te lo piangi, l'alluminio ci si sente meno in colpa a buttarlo. Poi ripeto, l'alluminio ti avvisa prima quando sta per cedere. Il carbonio invece no....
Il carbonio non ti avvisa prima perchè non cede per fatica (in realtà altro pregio del carbonio rispetto all'alluminio).
Se ne fai un discorso di costo, invece, li vince l'alluminio (tipicamente le bici in alluminio costano meno).
Io la vedo in maniera semplice: carbonio batte alluminio in tutto tranne che nel costo (poi ognuno fa le sue valutazioni, io ad esempio ho una bici in carbonio e una in alluminio)
 

martin_galante

Apprendista Passista
24 Ottobre 2017
957
755
Russia, eh già
Bici
Merida
Poi ripeto, l'alluminio ti avvisa prima quando sta per cedere. Il carbonio invece no....
Questo comunque non e' vero. Nei moderni telai in carbonio ci sono accorgimenti per evitarlo, mentre pure l'alluminio puo' cedere di colpo - o comunque le avvisaglie possono essere molto difficili da notare (es manubri). Comunque se temi che il telaio vada in pezzi, prendi una bici su cui ti senti tranquillo. C'e' il grande classico della superbici nuova con cui si fanno tempi peggiori perche' si schiva ogni presunta buca, se dopo mesi vai ancora cosi' non e' bdc ma tortura. Per me la bici deve essere un mezzo spendibile per il mio trasporto e sollazzo, non il feticcio da lustrare.
 

EliaCozzi

Apprendista Cronoman
2 Marzo 2016
3.290
2.434
Mozzate (CO)
www.eliacozzi.it
Bici
Costelo Aeromachine, BTwin FC7,
ho capito che non ci sono metodi per "rinforzare" il carbonio. Grazie a tutti per i consigli!
Scusa l'ironia, ma puoi riempirlo di resina, o di materiale elastico, oppure ci metti qualche tondino da 22 e una colata di calcestruzzo. Il telaio passa da 1200g a 1200kg, ma hai una cosa resistente. :mrgreen:

Sinceramente che senso ha rinforzare una struttura che di suo ha un rapporto resistenza/peso veramente incredibile che è forse n volte superiore all'acciaio.

Come hanno già detto altri: la scienza dice una cosa, se uno si sente più tranquillo con altri materiali, non posso che rispettare le idee: nel nostro sport già la sensazione soggettiva di essere sicuri è una sicurezza oggettiva.
 

matteofioroni

Pignone
7 Settembre 2012
251
71
Ardenno
Bici
Carrera Phibra
Ciao ragazzi. So che questa domanda forse sarà già stata fatta in altri tread ma usando la funzione cerca non ho trovato altro. So quali sono i pregi del carbonio: leggerezza, assorbimento delle vibrazioni, ecc. Attualmente ho la mia nirone in alluminio e in futuro seriamente penso di passare al carbonio, almeno per la bdc (non ci penso proprio per la mtb perchè per come la tratto io non durerebbe un giorno). Solo che un mio amico ha detto che suo padre, possessore di una stupenda F12, prendendo una buca (tipico delle nostre strade pugliesi), ha criccato la forcella in carbonio.....in totale un danno di 2300 euro perché credo abbia intaccato anche la resina del telaio....è pacifico che chi compra un mezzo del genere può affrontare anche le spese per le riparazioni, ma se penso che al minimo colpo un pochino più forte (a causa delle nostre strade) poi il telaio potrebbe creparsi, mi viene il terrore a pensare di prendere una bici in carbonio. Quale potrebbe essere la soluzione per ovviare a questi inconvenienti? Pellicola protettiva bella spessa? Esiste un qualche rinforzo per rendere meno fragile il telaio? Al momento il carbonio per me è troppo delicato e troppo costoso da gestire, almeno a sentire quello che è successo al papà del mio amico.....

Io ho telai in carbonio dal 2002: 4 telai: il primo l'ho ancora, il secondo ho avuto un incidente, il terzo ce l'ho ancora come così pure il 4.
Per me con l'F12 è stata sfortuna ed è impossibile "che ad un minimo colpo" il telaio si rompa. Una controllatina in caso di incidenti strani quella va data (ES. cadi, la bici cade male ecc...) in quanto le cose che possono fare male alla bici sono quelle per cui non è stata progettata o eventi tramatici non standard...

Per rompere una bici prendendo una buca secondo me ce ne vuole, magari con il classico tombino a griglia dove la ruota resta incastrata....poi la sfortuna esiste sempre...

Comunque concludendo io faccio il ragionamento contrario 20 anni fa c'erano telai in alluminio che si aprivano come scatolette di tonno, che sotto sforzo si piegavano, li toccavi e sembravano la lattina di coca cola ecc..... perciò ben venga il carbonio.
 

texxio

Gregario
23 Aprile 2007
627
633
Bici
CAAD 12
Mi rendo conto che una esperienza personale conti "zero" a livello statistico. Una delle mie bici è una btwin FC5 in carbonio, del 2011. Con ruote trimax T42 carbonio e alluminio. Buche prese in quantità. La peggiore durante la gran fondo dell'oltrepo in cui sono scoppiate entrambe le camere d'aria. Telaio e ruote non hanno avuto un problema.
Mi meraviglia che una F12 possa danneggiarsi in quel modo, soprattutto perché stiamo parlando di una bici usata dai professionisti e ti garantisco che Ganna a 60 all'ora e 85kg di buche ne prende.
Dai filmati sui test di resistenza che vedo mi pare di capire che se sollecitato nella direzione per cui è progettato il telaio è resistentissimo, mentre in direzione "strana" possa essere fragile.
Mi è capitato di assistere a una scena che aveva dell'incredibile: mtb scaricata dal tetto di un furgone, bici che scivola di mano e cade di lato con l'orizzontale che impatta su un paracarro in cemento a bordo strada. Telaio spezzato a metà!

In conclusione: quelli in carbonio sono telai che tengono i ciclisti professionisti a 100 all'ora in discesa, credo che strutturalmente possano essere considerati assolutamente sicuri.

Sul costo elevato del carbonio dipende sempre da quello che compri: se si mette un attimo da parte il desiderio di possesso di un determinato telaio e si guarda alla sostanza, per un amatore evoluto le prestazioni di un F12 o di un Venge da 6000 euro sono identiche a quelle di un focus o giant da 1000.

Se per te potrebbe essere un problema il costa di riparazione allora abbassa il target di acquisto della bici perchè i pezzi di ricambio costeranno meno e la forcella invece di 2k costerà 400/500€.
Pargliamoci chiaro nulla è eterno ed una banale caduta potrebbe compromettere qualche parte, ruote,cambio,telaio..... come nelle auto i costi di riparazione e manutenzione vanno in base al target del prodotto.
 

fabrylama

Scalatore
22 Marzo 2012
6.016
533
Bici
una
Comunque ripropongo questo...

AHAHAH la fine del video è stupenda.

Impressionante (anzi, preoccupante?) che il telaio in carbonio del primo test, fosse un vecchio telaio sottoposto a 2 cicli di fatica e 2 test di impatto (che non l'hanno rotto) e poi sia stato usato per 2 anni da un dipendente.

Va bene fidarsi, ma mi pare da pazzi andare in giro con un telaio reduce da due test da 200 000 cicli di fatica e due test di impatto.
 

Ciclocancello

Passista
16 Gennaio 2018
4.069
1
1.677
Milano
Bici
Olmo Veloce Zerotre 10V
AHAHAH la fine del video è stupenda.

Impressionante (anzi, preoccupante?) che il telaio in carbonio del primo test, fosse un vecchio telaio sottoposto a 2 cicli di fatica e 2 test di impatto (che non l'hanno rotto) e poi sia stato usato per 2 anni da un dipendente.

Va bene fidarsi, ma mi pare da pazzi andare in giro con un telaio reduce da due test da 200 000 cicli di fatica e due test di impatto.

Beh, ognuno ha diritto di rischiare la propria pelle come meglio crede...comunque il video è indicativo di quanto sappia incassare un telaio in carbonio quando sollecitato da carichi secondo le direzioni previste in progetto.
 
  • Mi piace
Reactions: Desmosedici

Emmever

Cronoman
29 Gennaio 2020
749
507
Como
Bici
Corsa
AHAHAH la fine del video è stupenda.

Impressionante (anzi, preoccupante?) che il telaio in carbonio del primo test, fosse un vecchio telaio sottoposto a 2 cicli di fatica e 2 test di impatto (che non l'hanno rotto) e poi sia stato usato per 2 anni da un dipendente.

Va bene fidarsi, ma mi pare da pazzi andare in giro con un telaio reduce da due test da 200 000 cicli di fatica e due test di impatto.
Probabilmente chi l'ha progettato sa bene di avere molto margine su quel tipo di sollecitazioni e si fida ad usarlo
 
  • Mi piace
Reactions: durden74

mariner13

Gregario
28 Ottobre 2018
565
1
99
37
Triggiano
Bici
Bianchi Via Nirone 7
Se per te potrebbe essere un problema il costa di riparazione allora abbassa il target di acquisto della bici perchè i pezzi di ricambio costeranno meno e la forcella invece di 2k costerà 400/500€.
Pargliamoci chiaro nulla è eterno ed una banale caduta potrebbe compromettere qualche parte, ruote,cambio,telaio..... come nelle auto i costi di riparazione e manutenzione vanno in base al target del prodotto.
Ragazzi aggiornamenti: la bici è tornata al proprietario dopo 15 gg. Hanno limitato i danni, nel senso che hanno salvato il telaio e hanno sostituito tutta la forcella: costo totale 1400 € compreso montaggio e spedizione a/r per il nord italia. Il proprietario farà causa alla provincia di foggia per il danno subito ma l'ufficio legale già ha risposto che la responsabilità sarà suddivisa equamente tra le parti poichè, secondo l'ente, gli utenti sono a conoscenza dello stato delle strade e quindi consapevoli dei potenziali danni ad ogni passaggio con qualsiasi mezzo di trasporto. Mi ha fatto capire che proporranno la conciliazione del danno per evitare cause legali lunghe e incerte. Io francamente questa cosa la trovo assurda ma se avessi tempo, con un bravo avvocato, farei passare la voglia a certi funzionari della PA di avere questo atteggiamento così spocchioso e superficiale poichè consapevoli di essere protetti e immuni in ogni momento: se dovessero essere considerati colpevoli sarà la PA a pagarne le conseguenze e non loro che cambieranno solo ufficio senza alcuna sanzione....
 

mariner13

Gregario
28 Ottobre 2018
565
1
99
37
Triggiano
Bici
Bianchi Via Nirone 7
Inoltre mi è stato sconsigliato di prendere la bici in carbonio perchè ora il tipo si ritrova cmq con una bici riparata e non integra. Cambia psicologicamente la situazione perchè ogni volta che sale in sella è consapevole di non avere un mezzo "integro" e per questo nasce la necessità di cambiare mezzo. Mi ha detto in sostanza che se dovessi optare di prendere un mezzo in carbonio, di non arrivare a quelle cifre, perchè si è reso conto che un danno come quello non ripaga mai il valore di acquisto della bici, anche se riparata purtroppo....