L'UCI introduce l'indennità di formazione, ma le squadre restano dubbiose

BDC-MAG.COM

Apprendista Cronoman
18 Febbraio 2014
3.637
1.170
Visita sito
L'unione ciclistica internazionale (UCI) ha finalmente accolto alcune istanze dei vari attori del mondo del ciclismo professionistico introducendo le indennità di formazione. La regola, che entrerà in vigore il 1° giugno prossimo, prevede che le squadre in cui un corridore è stato sviluppato nelle categorie giovanili ricevano 2.000 euro per...
Leggi tutto...
 

Ser pecora

Diretur
Membro dello Staff
16 Aprile 2004
23.095
24.011
98
dove capita
Visita sito
Qual è il motivo per cui sono vietate le commissioni di trasferimento?

Sono vietate per i trasferimenti tra le squadre in generale. Ma solo perché non esistono dei "cartellini" come in altri sport, per cui una squadra detiene dei diritti su un corridore. Nel ciclismo sono normali contratti di lavoro, per cui non sono previste commissioni se uno passa da un'azienda all'altra.
Questo però è diventato un problema ora con i trasferimenti dalle squadre giovanili, con corridori che vengono presi nelle squadre WT a 18 anni.
In parte la cosa viene bypassata con l'introduzione delle squadre sviluppo di quelle WT.

Oggi, un U19 costa ad una squadra circa 30.000eu l'anno se ha un calendario internazionale. Un 10k in meno se fa solo gare nazionali.
 

Ser pecora

Diretur
Membro dello Staff
16 Aprile 2004
23.095
24.011
98
dove capita
Visita sito
non sapevo fosse vietato i trasferimenti di corridori tra una squadra ed un altra
ma allora Bernal, che passò dalla Androni alla Sky/Ineos?
usarono un qualche "escamotage"?

No, non sono ovviamente vietati i trasferimenti, ma se uno si trasferisce non ci sono compensazioni tra una squadra e l'altra, come ad es. nel calcio (credo) dove se la Juventus compra Tizio dall'Inter i soldi vanno all'Inter (lo stipendio del calciatore è un'altra cosa).
Nel ciclismo non ci sono "compravendite". Infatti sono rari i passaggi con contratti ancora in atto. Nel caso devono essere sciolti (e li forse si ci sono compensazioni tramite agenti, ma meglio non addentrarci) e poi fatto uno nuovo.
 

Al76

Pedivella
21 Gennaio 2021
344
192
47
Den Haag (NL)
Visita sito
Bici
Boeris, gruppo Shimano 105
No, non sono ovviamente vietati i trasferimenti, ma se uno si trasferisce non ci sono compensazioni tra una squadra e l'altra, come ad es. nel calcio (credo) dove se la Juventus compra Tizio dall'Inter i soldi vanno all'Inter (lo stipendio del calciatore è un'altra cosa).
Nel ciclismo non ci sono "compravendite". Infatti sono rari i passaggi con contratti ancora in atto. Nel caso devono essere sciolti (e li forse si ci sono compensazioni tramite agenti, ma meglio non addentrarci) e poi fatto uno nuovo.
Forse meglio cosi, visto cosa succede nel calcio (ad es., ma non solo)? E' per capire. Nel calcio mi pare ci siano anche i trasferimenti a zero, quando il contratto e' scaduto. O mi sbaglio?
 

Shinkansen

Xeneize
20 Giugno 2006
14.416
4.407
Genova
Visita sito
Bici
Colnago 50 Anniversary
non sapevo fosse vietato i trasferimenti di corridori tra una squadra ed un altra
ma allora Bernal, che passò dalla Androni alla Sky/Ineos?
usarono un qualche "escamotage"?
Gianni Savio spiegò in un'intervista che loro si regolano così: se un atleta promettente viene richiesto da altre squadre loro provano a trattenerlo, nel caso l'altra squadra offra un ingaggio molto più alto "interrompono" il contratto e lasciano libero il corridore, ma si fanno dare una somma a titolo di rimborso spese. Non spiegò nel dettaglio, ma fece capire che la Androni scopriva talenti e li rivendeva appena possibile.
Mi rendo conto che così come l'ho detta non è molto chiara, ma queste furono le parole di Savio.
 

Ser pecora

Diretur
Membro dello Staff
16 Aprile 2004
23.095
24.011
98
dove capita
Visita sito
Chiarissimo, è ciò che fa il Sassuolo calcio, del resto è una delle poche società virtuose.
Domandona.... Ma anni fa quando ho fatto le giovanili io(parlo di ciclismo), i cartellini esistevano, ed avevano un valore in base ai punti ottenuti. Ai tempi ho cambiato squadra e non è stato facile per nulla la cessione del mio cartellino, lo ricordo bene, ho dovuto saltare anche delle gare perché le società non raggiungevano un accordo. Oggi come funziona?

La società che cede deve dare il nulla osta, chi prende il corridore deve pagare i punti di valorizzazione e addestramento. L'importo massimo credo sia attorno ai 5000eu (ma devi essere uno forte forte).
Questo in Italia. In Francia ad es. si tratta di forse 500eu, in Svizzera non ci sono indennità da pagare. In ogni caso la società cedente deve dare il nulla-osta, cosa non scontata.
 
  • Mi piace
Reactions: j-axl

Marmuel

Apprendista Scalatore
5 Novembre 2022
2.115
2.880
Brescia
Visita sito
Bici
Orbea Orca, Cinelli Zydeco Lala
Ho letto un articolo interessante a riguardo che consiglio a tutti su cicloweb (non so se si possa o meno citare altre testate, in caso contrario me ne scuso e cancellate pure il commento).
 

martin_galante

Nel Gruppetto
24 Ottobre 2017
2.783
3.195
Pianeta Terra
Visita sito
Bici
cletta
Sono vietate per i trasferimenti tra le squadre in generale. Ma solo perché non esistono dei "cartellini" come in altri sport, per cui una squadra detiene dei diritti su un corridore. Nel ciclismo sono normali contratti di lavoro, per cui non sono previste commissioni se uno passa da un'azienda all'altra.
Questo però è diventato un problema ora con i trasferimenti dalle squadre giovanili, con corridori che vengono presi nelle squadre WT a 18 anni.
In parte la cosa viene bypassata con l'introduzione delle squadre sviluppo di quelle WT.

Oggi, un U19 costa ad una squadra circa 30.000eu l'anno se ha un calendario internazionale. Un 10k in meno se fa solo gare nazionali.
Ok, ma perche' vietare questa pratica? Non sono rari i contratti in cui il datore (squadra) abbia la prerogativa che il dipendente (atleta) non lavori per concorrenti (a meno di pagamento clausola il cui massimo e' preventivamente concordato e rivedibile con accordo di entrambe le parti), entro un certo termine dalla conclusione del rapporto di lavoro. Infatti se uno deve investire molto nella formazione del dipendente, e' quasi normale
 

Ser pecora

Diretur
Membro dello Staff
16 Aprile 2004
23.095
24.011
98
dove capita
Visita sito
Ok, ma perche' vietare questa pratica? Non sono rari i contratti in cui il datore (squadra) abbia la prerogativa che il dipendente (atleta) non lavori per concorrenti (a meno di pagamento clausola il cui massimo e' preventivamente concordato e rivedibile con accordo di entrambe le parti), entro un certo termine dalla conclusione del rapporto di lavoro. Infatti se uno deve investire molto nella formazione del dipendente, e' quasi normale

Se uno passa da Microsoft a Apple la Apple paga alla Microsoft una commissione?
Ad ogni modo altro non so. Credo sia solo una questione relativa a quando i regolamenti sono stati redatti, e nel caso del ciclismo, mai aggiornati.
 

Al76

Pedivella
21 Gennaio 2021
344
192
47
Den Haag (NL)
Visita sito
Bici
Boeris, gruppo Shimano 105
Ok, ma perche' vietare questa pratica? Non sono rari i contratti in cui il datore (squadra) abbia la prerogativa che il dipendente (atleta) non lavori per concorrenti (a meno di pagamento clausola il cui massimo e' preventivamente concordato e rivedibile con accordo di entrambe le parti), entro un certo termine dalla conclusione del rapporto di lavoro. Infatti se uno deve investire molto nella formazione del dipendente, e' quasi normale
Non credo che questo sia vietato. Ma e' il dipendente che deve pagare la "penale". Poi sta a te concordare con la nuova azienda se ti danno una tantum per coprire la penale. Penso che questo sia normale.
Io avevo un contratto di lavoro cosi, ma la nuova azienda dove volevo andare aveva detto che la penale erano cavoli miei.
Quello che e' vietato e' un pagamento da squadra a squadra diretto (mi pare di capire) e mi pare abbastanza giusto, per evitare il casino (e soprattutto i migliardi buttati) che c'e' nel calcio. O sbaglio?
 

martin_galante

Nel Gruppetto
24 Ottobre 2017
2.783
3.195
Pianeta Terra
Visita sito
Bici
cletta
Se uno passa da Microsoft a Apple la Apple paga alla Microsoft una commissione?
In generale si, dipende dalla persona. Se si tratta di talenti delle silicon valley, ovviamente il contratto prevede di non lavorare per concorrenti prima di tot anni dalla cessazione del contratto di lavoro - salvo accordarsi per una compensazione (per altro le aziende che citi fanno parte di un gruppo di aziende che si sono accordate per non assumere i dipendenti delle altre per tot anni dopo cessazione contratto). Qualche anno fa, fu famoso il colpo di mano di Lenovo che pago' una clausola (non intesa) ad Acer per assumere (il recentemente scomparso) Gianfranco Lanci che in teoria non avrebbe potuto lavorare per anni dopo il ben servito di Acer. Un acquista quasi 'a cartellino zero'!

Ma senza andare ai livelli 'executive', un mio caro amico ha avuto un contratto che gli impediva di lavorare se avesse lasciato una nota consulting firm prima di cinque anni dalla fine della sua formazione costata all'azienda circa 150k. Hanno trattato sulla durata di questa clausola, poi hanno firmato. Io stesso, diverse volte ho lavorato da 'freelancer' per aziende mentre ero impiegato altrove, e queste hanno ampiamente compensato il mio datore di lavoro (infatti, il datore ci ha guadagnato forse 10 volte piu' di me da questo giochetto temporaneo), che e' lo stesso principio ma su base temporanea. Non vedo perche', se tutte le parti sono d'accordo, non si possa lasciare liberta' nel concepire un contratto di lavoro. Mi sembra che le squadre giovanili troverebbero facilmente il modo di garantirsi dei guadagni se tirano fuori il nuovo Pogacar.
 

martin_galante

Nel Gruppetto
24 Ottobre 2017
2.783
3.195
Pianeta Terra
Visita sito
Bici
cletta
Non credo che questo sia vietato. Ma e' il dipendente che deve pagare la "penale". Poi sta a te concordare con la nuova azienda se ti danno una tantum per coprire la penale. Penso che questo sia normale.
Io avevo un contratto di lavoro cosi, ma la nuova azienda dove volevo andare aveva detto che la penale erano cavoli miei.
Quello che e' vietato e' un pagamento da squadra a squadra diretto (mi pare di capire) e mi pare abbastanza giusto, per evitare il casino (e soprattutto i migliardi buttati) che c'e' nel calcio. O sbaglio?
Mi pare che quel che stiano dicendo, e' che nel ciclismo e' proprio vietato. Cioe' la squadra non puo' mettere clausole sul ciclista, ed appunto chiedevo il motivo di tale pratica. Chi paga la clausola (squadra o atleta) e' una questione solo formale. E' sostanzialmente la stessa cosa dire che pago A all'atleta e B di clausola, oppure pago A+B all'atleta e lui paga B di clausola. In genere tra le due si sceglie semplicemente la formula con meno implicazioni fiscali, cioe' la prima.
 

Ser pecora

Diretur
Membro dello Staff
16 Aprile 2004
23.095
24.011
98
dove capita
Visita sito
Mi sembra che le squadre giovanili troverebbero facilmente il modo di garantirsi dei guadagni se tirano fuori il nuovo Pogacar.

Sembra anche alle squadre giovanili, che infatti lo chiedono da tempo. Bisognerebbe vedere che influenza hanno le squadre WT sulla (non) redazione dei regolamenti. a parte i soliti squadroni, per squadre meno ricche pagare 2000eu x (fino max) 8 anni per tot corridori potrebbe essere una bella uscita.
 

martin_galante

Nel Gruppetto
24 Ottobre 2017
2.783
3.195
Pianeta Terra
Visita sito
Bici
cletta
Sembra anche alle squadre giovanili, che infatti lo chiedono da tempo. Bisognerebbe vedere che influenza hanno le squadre WT sulla (non) redazione dei regolamenti. a parte i soliti squadroni, per squadre meno ricche pagare 2000eu x (fino max) 8 anni per tot corridori potrebbe essere una bella uscita.
Diciamo che io scopro tanti talenti, so come farli crescere, e questi sono d'accordo a seguire il mio percorso di crescita ed in cambio a mettere una clausola che mi dia il 25% dei loro primi tre stipendi WT. Poi arriva l'UCI e mi dice che questo contratto non e' regolare, al piu' ti diamo 2000 euro. Diciamo che io sarei piuttosto risentito da questi lacciuoli senza senso, invece mi pare che l'UCI stia vendendo questa riforma come 'e guardate come aiutiamo i team giovanili anche al di fuori di quelle che sarebbero le normali regole di mercato'. Pero' le clausole restrittive fanno parte delle normali regole di mercato e valgono ben piu', infatti direi che valgono il giusto.
 
  • Mi piace
Reactions: alespg

alespg

Passista
26 Dicembre 2017
4.347
3.229
pavia
Visita sito
Bici
scapin eos 3
Se uno passa da Microsoft a Apple la Apple paga alla Microsoft una commissione?
Ad ogni modo altro non so. Credo sia solo una questione relativa a quando i regolamenti sono stati redatti, e nel caso del ciclismo, mai aggiornati.
Non una commissione, ma il mancato preavviso: io, devo dare le dimissioni 3 mesi prima, se la nuova ditta mi vuole il giorno dopo, deve sborsare 3 mesi di stipendio e e ferie arretrate al mio attuale datore di lavoro
 

Fill

Apprendista Cronoman
23 Ottobre 2020
2.767
2.748
54
Venezia
Visita sito
Bici
Specialiezed
No, non sono ovviamente vietati i trasferimenti, ma se uno si trasferisce non ci sono compensazioni tra una squadra e l'altra, come ad es. nel calcio (credo) dove se la Juventus compra Tizio dall'Inter i soldi vanno all'Inter (lo stipendio del calciatore è un'altra cosa).
Nel ciclismo non ci sono "compravendite". Infatti sono rari i passaggi con contratti ancora in atto. Nel caso devono essere sciolti (e li forse si ci sono compensazioni tramite agenti, ma meglio non addentrarci) e poi fatto uno nuovo.
Nel calcio funziona esattamente in questo modo... Cioè di fatto come il ciclismo...
Solamente che nel calcio si usa acquistare atleta con con contratto esistente.. cioè prima della scadenza del contratto.
Potrebbe funzionare alla stessa maniera anche nel Ciclismo, cioè mettiamo che MVDP abbia contratto con sua attuale squadra fino al 2030..
Supponimamo che da 2024 UAE lo voglia in squadra con se... Paga un indennizzo alla Jumbo fissato dalla Jumbo... Ma se la Jumbo non vuole lasciarlo andare via rimane li...
Stessa cosa nel Calcio..

La differenza è che storicamente nel ciclismo non si fanno firmare contratti troppo lunghi... I Motivi sono diversi....
Uno che le squadre sono diciamo temporanee...
Nel calcio no...

Categorie giovanili è un po' diverso... Cartellino nel calcio..era di propietà della socità fino ai 18 anni e quindi poteva venderti... o altrimenti dovevi stare fermo 2 anni..
Adesso dovrebbe essere cambiato...
 

Beposanfior

Cronoman
14 Settembre 2021
742
528
Conegliano
Visita sito
Bici
Corsa
Potrebbe funzionare alla stessa maniera anche nel Ciclismo, cioè mettiamo che MVDP abbia contratto con sua attuale squadra fino al 2030..
Supponimamo che da 2024 UAE lo voglia in squadra con se... Paga un indennizzo alla Jumbo fissato dalla Jumbo... Ma se la Jumbo non vuole lasciarlo andare via rimane li...
Mi sono perso qualcosa? :azzo-o
 
  • Haha
Reactions: clunker