News Thibaut Pinot rinuncia al Giro

bradipus

Moderator
Membro dello Staff
23 Luglio 2009
24.418
5
8.571
Bugliano
Bici
qualunquemente
Ma loro non fanno classifica nei grandi giri.
Tutti quelli che sono saltati facevano classifica nei grandi giri, quasi tutti, ma comunque una grandissima maggioranza, hanno avuto problemi.
I primi che mi vengono in mente:
Pinot, Bardet, Dumulin, Bernal e Aru.

Sono arrivati al vertice o comunque a contatto del podio e poi hanno dovuto mollare senza ripetersi le stagioni successive.
"e per altre corse quelli del cx"... io mi riferivo a questo.
Per i grandi giri vediamo, anche se sul podio negli ultimi due anni abbiamo un trentaseienne al Tour (al suo primo podio in carriera in un GT, tra l'altro), un trentatreenne sempre al TdF, un ventinovenne al Giro (primo podio anche per lui), ancora un trentacinquenne al Giro ed un trentanovenne alla Vuelta.
Poi, è vero che è in corso un grande rinnovamento generazionale, di dimensioni così estese e radicali come forse non si è mai visto nella storia.
 
  • Mi piace
Reactions: Zac36100

jan80

Maglia Iridata
3 Marzo 2008
13.301
3.598
bassano del grappa
Bici
Colnago
A me da l’impressione che si riduca sempre di più il tempo che riescono a rimanere al vertice.
Fanno due, tre stagioni al massimo e poi perdono parecchio.
Anche Bernal ha fatto così.
Adesso vediamo quanto riescono a tenere Pogacar, Roglic e per altre corse quelli del cx.
senza metterci la malafede del doping,bisogna pure dire che correre ad alto livello per i GT non e' facile,ti consuma il fisico perche' cerchi di limare su qualsiasi cosa,il motivo potrebbe essere anche questo,poi ovvio se hai una gran testa e delle doti fisiche straordinarie duri anche di piu'
 
23 Ottobre 2015
4.689
2.046
Varese
Bici
Cube, Specialized
"e per altre corse quelli del cx"... io mi riferivo a questo.
Per i grandi giri vediamo, anche se sul podio negli ultimi due anni abbiamo un trentaseienne al Tour (al suo primo podio in carriera in un GT, tra l'altro), un trentatreenne sempre al TdF, un ventinovenne al Giro (primo podio anche per lui), ancora un trentacinquenne al Giro ed un trentanovenne alla Vuelta.
Poi, è vero che è in corso un grande rinnovamento generazionale, di dimensioni così estese e radicali come forse non si è mai visto nella storia.
Quello che intendevo non era tanto l'età di chi arriva al vertice, ma che ultimamente sembra che chi arriva al vertice, giovane o meno, poi difficilmente si ripete le stagioni successive e salta.
Si veniva da annate dove sempre gli stessi andavano a podio: Contador, Nibali, Froome, etc...

Ora sembra che chi arriva a podio, le stagioni successive paga, quasi come se gli fosse costato troppo fisicamente o mentalmente,
Poi forse é solo un'impressione e si é solo davanti ad un cambio generazionale e gli ultimi vincitori dureranno anni, mentre quelli che sono saltati avevano solo sfruttato un calo di quelli di prima.

Su quelli del cx é stata un'uscita infelice, in quanto, come gli altri cacciatori di gare di un giorno, durano diverse stagioni.
 

bradipus

Moderator
Membro dello Staff
23 Luglio 2009
24.418
5
8.571
Bugliano
Bici
qualunquemente
Quello che intendevo non era tanto l'età di chi arriva al vertice, ma che ultimamente sembra che chi arriva al vertice, giovane o meno, poi difficilmente si ripete le stagioni successive e salta.
Si veniva da annate dove sempre gli stessi andavano a podio: Contador, Nibali, Froome, etc...

Ora sembra che chi arriva a podio, le stagioni successive paga, quasi come se gli fosse costato troppo fisicamente o mentalmente,
Poi forse é solo un'impressione e si é solo davanti ad un cambio generazionale e gli ultimi vincitori dureranno anni, mentre quelli che sono saltati avevano solo sfruttato un calo di quelli di prima.

Su quelli del cx é stata un'uscita infelice, in quanto, come gli altri cacciatori di gare di un giorno, durano diverse stagioni.
anche sulle gare di un giorno però il ricambio generazionale si sente, sono improvvisamente (quasi) spariti dai palmares i Sagan, Van Avermaet, Kwiatkowski, Gaviria...
 

bradipus

Moderator
Membro dello Staff
23 Luglio 2009
24.418
5
8.571
Bugliano
Bici
qualunquemente
beh Gaviria ha fotto solo 1 anno di belle volate praticamente......ma credo centri anche la testa su di lui
Diciamo quattro stagioni ad alto livello, dal 2016 (Parigi-Tours, tappe alla Tirreno ed in Provenza) al 2019 (tappe a Giro e UAE), ad un certo punto sembrava potesse diventare un dominatore delle volate, ma è quasi scomparso.
Credo anch'io c'entri soprattutto la testa.
 

ildiavolorosso

Novellino
15 Maggio 2020
6
5
49
bologna
Bici
ridley noah
Ma loro non fanno classifica nei grandi giri.
Tutti quelli che sono saltati facevano classifica nei grandi giri, quasi tutti, ma comunque una grandissima maggioranza, hanno avuto problemi.
I primi che mi vengono in mente:
Pinot, Bardet, Dumulin, Bernal e Aru.

Sono arrivati al vertice o comunque a contatto del podio e poi hanno dovuto mollare senza ripetersi le stagioni successive.
L'anno dopo aver vinto il giro e il mondiale crono, Dumoulin ha fatto secondo a giro e tour nello stesso anno, non ci sono riusciti nemmeno Nibali e Contador. Poi l'anno scorso si è ritrovato a fare il gregario al tour, forse è stata la sua gestione da parte della Jumbo Visma che gli ha fatto perdere parte della motivazione.
 
23 Ottobre 2015
4.689
2.046
Varese
Bici
Cube, Specialized
L'anno dopo aver vinto il giro e il mondiale crono, Dumoulin ha fatto secondo a giro e tour nello stesso anno, non ci sono riusciti nemmeno Nibali e Contador. Poi l'anno scorso si è ritrovato a fare il gregario al tour, forse è stata la sua gestione da parte della Jumbo Visma che gli ha fatto perdere parte della motivazione.
Ok due stagioni, non una, ma sempre lì siamo.
Poi subiscono un crollo che non gli permette di essere competitivi come prima.
 
23 Ottobre 2015
4.689
2.046
Varese
Bici
Cube, Specialized
Lui nasceva cronoman, poi si è rivelato quasi vincendo la vuelta "di Aru", ricordo bene le ultime tappe, lui solo contro tutta un'Astana fortissima. Diciamo che è riduttivo considerarlo una meteora.
Meteora no, ma tra continuare a correre senza ottenere risultati di altissimo livello e doversi fermare completamente dopo averli ottenuti, ne passa di differenza...
 

fabiorox

Pignone
17 Aprile 2017
247
78
Genova
Bici
Nevi Grimsel Mega
..Pinot è un altro atleta che soffre molto mentalmente...
Probabilmente vede che non riesce ad andare come un tempo e questo lo demoralizza, e forse subisce troppo la pressione, l'aspettativa che c'è attorno a lui...
Senza contare che vede il "nuovo" avanzare...
Metti tanti fattori in un atleta in crisi e la frittata è fatta
 

pedalone della bassa

Otztaler inside
9 Ottobre 2013
7.838
6.927
40
modena, ma col cuore, ed originario, di Reggio Emi
Bici
(advanced pro nox, argon 18 gallium), ora Cervèlo S3
Ma loro non fanno classifica nei grandi giri.
Tutti quelli che sono saltati facevano classifica nei grandi giri, quasi tutti, ma comunque una grandissima maggioranza, hanno avuto problemi.
I primi che mi vengono in mente:
Pinot, Bardet, Dumulin, Bernal e Aru.

Sono arrivati al vertice o comunque a contatto del podio e poi hanno dovuto mollare senza ripetersi le stagioni successive.

è un '97, ha 24 anni eh. mi sembra leggermente prematuro paragonarlo agli altri
 
13 Novembre 2014
742
326
Roma
Bici
Ribble R872, Scott Sub 40
..Pinot è un altro atleta che soffre molto mentalmente...
Probabilmente vede che non riesce ad andare come un tempo e questo lo demoralizza, e forse subisce troppo la pressione, l'aspettativa che c'è attorno a lui...
Senza contare che vede il "nuovo" avanzare...
Metti tanti fattori in un atleta in crisi e la frittata è fatta
Anche secondo me è più la testa che poi si riflette sul resto, non che la schiena sia una scusa ma sicuramente ci sono altri fattori che influiscono.
 

uber

Cronoman
29 Giugno 2014
758
347
Bici
Bianchi Intenso
È vero che Pinot non è il ciclista più forte di testa però sembrava effettivamente che questa debolezza fosse riuscito in qualche modo a limitarla se non addirittura a superarla completamente. Veniva da una vuelta con quattro vittorie, un Lombardia vinto e nel 2019 stava correndo quel tour in cui cadde in modo convincente. Poteva finire a podio, dava la sensazione di essere molto forte.
Probabilmente quella caduta, oltre all'integrità fisica che se ho capito bene è alla base anche di questo mal di schiena, gli ha fatto perdere quella sicurezza mentale che aveva faticosamente raggiunto.
 

Maremonti76

Pignone
20 Gennaio 2018
280
154
Un po' dal mare e un po' dai monti
Bici
Bianchi105
È vero che Pinot non è il ciclista più forte di testa però sembrava effettivamente che questa debolezza fosse riuscito in qualche modo a limitarla se non addirittura a superarla completamente. Veniva da una vuelta con quattro vittorie, un Lombardia vinto e nel 2019 stava correndo quel tour in cui cadde in modo convincente. Poteva finire a podio, dava la sensazione di essere molto forte.
Probabilmente quella caduta, oltre all'integrità fisica che se ho capito bene è alla base anche di questo mal di schiena, gli ha fatto perdere quella sicurezza mentale che aveva faticosamente raggiunto.
Ma al tour 2019 Thibaut non mi pare si ritirò per una caduta, bensì per infortunio muscolare.
Mi sembra che, 2 tappe prima del ritiro, avesse dato una botta con una gamba su un manubrio di un avversario. O addirittura sul suo, non mi ricordo, e si fosse procurato uno strappo pesante.
Poi, da quell'infortunio, ha faticato a riprendersi più che da una caduta e se lo è portato dietro fino a fine stagione.
Adesso la schiena...insomma non è un corridore fortunato, purtroppo.:-(
 
Ultima modifica: