verniciatura... dite la vostra

Allen

Gregario
21 Dicembre 2012
611
2
Bagno di Gavorrano (gr)
Bici
Colnago Bianchi Viner Cannondale Cube Zapier F.Moser Atala Sumin Provini Chesini
io e un mio amico dobbiamo riverniciare due telaio di due bici da corsa e abbiamo preso in considerazione il fatto di far verniciare i telai da un carrozziere...

da un lato vogliamo verniciarli da soli, premetto che abbiamo gia sverniciato e pulito i telai! sono pronti per fondo e verniciatura

volevo sapere se qualcuno sa dirmi quali possono essere i prezzi di differenza tra farla verniciare da un carrozziere o una verniciatura home made
 

 

Sergio Servadio

Apprendista Scalatore
23 Marzo 2006
2.341
43
io e un mio amico dobbiamo riverniciare due telaio di due bici da corsa e abbiamo preso in considerazione il fatto di far verniciare i telai da un carrozziere...

da un lato vogliamo verniciarli da soli, premetto che abbiamo gia sverniciato e pulito i telai! sono pronti per fondo e verniciatura

volevo sapere se qualcuno sa dirmi quali possono essere i prezzi di differenza tra farla verniciare da un carrozziere o una verniciatura home made

Dal carrozziere potrebbero essere 100 o 150 euro (sperando che a lui vada bene la preparazione del grezzo). E le scritte?

Farlo da se, dopo averlo preparato, e' solamente il costo del fondo e dello smalto. Qio dipende da cose acquisti.

Sergio
Pisa
 

Allen

Gregario
21 Dicembre 2012
611
2
Bagno di Gavorrano (gr)
Bici
Colnago Bianchi Viner Cannondale Cube Zapier F.Moser Atala Sumin Provini Chesini
Dal carrozziere potrebbero essere 100 o 150 euro (sperando che a lui vada bene la preparazione del grezzo). E le scritte?

Farlo da se, dopo averlo preparato, e' solamente il costo del fondo e dello smalto. Qio dipende da cose acquisti.

Sergio
Pisa

gli adesivi li ho gia, volevo prendere un bicomponente catalizzato lo stesso che si usa per verniciare le vespe :mrgreen: solo se mi dite che bastano sulle 100/150 sarei tentato di andare da un carrozziere
 

Sergio Servadio

Apprendista Scalatore
23 Marzo 2006
2.341
43
gli adesivi li ho gia, volevo prendere un bicomponente catalizzato lo stesso che si usa per verniciare le vespe :mrgreen: solo se mi dite che bastano sulle 100/150 sarei tentato di andare da un carrozziere

Quelli soo i prezzi, almeno da un paio di carrozzieri di qui vicino.

Leggendo la tua firma vedo, solo ora, che tu hai una Zapier.
La mia prima biccletta da corsa fu una Zapier , fatta da Piero Zaccagnini a Pontedera nel 1972.
Ottima!
Infatti e' ancora in condizione da essere pedalata su ogni terreno.

Sergio
Pisa
 

Allen

Gregario
21 Dicembre 2012
611
2
Bagno di Gavorrano (gr)
Bici
Colnago Bianchi Viner Cannondale Cube Zapier F.Moser Atala Sumin Provini Chesini
Quelli soo i prezzi, almeno da un paio di carrozzieri di qui vicino.

Leggendo la tua firma vedo, solo ora, che tu hai una Zapier.
La mia prima biccletta da corsa fu una Zapier , fatta da Piero Zaccagnini a Pontedera nel 1972.
Ottima!
Infatti e' ancora in condizione da essere pedalata su ogni terreno.

Sergio
Pisa

ti ringrazio per l'aiuto e per la Zapier! pultroppo la mia è troppo piccola per pedalare ma la domenica il giro in centro c'è lo faccio lo stesso :mrgreen:
 

Sergio Servadio

Apprendista Scalatore
23 Marzo 2006
2.341
43
ti ringrazio per l'aiuto e per la Zapier! pultroppo la mia è troppo piccola per pedalare ma la domenica il giro in centro c'è lo faccio lo stesso :mrgreen:

Se ti puo' interessare, sappi che lo Zaccagnini faceva solamente biciclette da corsa ed era meccanico di squadre anche al seguito del Giro d'Italia Dilettanti.

Ill negozietto in via Roma, a Pontedera, era stipato di biciclette, tubi per telai e scatole di componenti Campagnolo.
C'era, pero', anche una panca per gli aficionados che discutevano di ciclismo (col televisore sempre acceso in occasione delle telecronache) mentre il Piero, pur partecipando alle discussioni e buttando spesso l'occhio sullo schermo, ontinuava incessantamente a lavorare.

Quando apriva la serranda, per poter lavorare solitamente estraeva alcune biciclette
per parcheggiarle all'esterno sul marciapiede.

I telai, almeno al tempo quando lo conobbi, li faceva saldare a Montopoli Valdarno da 'tale' Luigi Daccordi.

Il ragazzo di bottega che aveva quaranta anni fa sposo' sua figlia e, alla morte di Piero, rilevo' la attivita' serbando, con doveroso rispetto, il nome del marchio Zapier.

Sergio
Pisa
 

Allen

Gregario
21 Dicembre 2012
611
2
Bagno di Gavorrano (gr)
Bici
Colnago Bianchi Viner Cannondale Cube Zapier F.Moser Atala Sumin Provini Chesini
Se ti puo' interessare, sappi che lo Zaccagnini faceva solamente biciclette da corsa ed era meccanico di squadre anche al seguito del Giro d'Italia Dilettanti.

Ill negozietto in via Roma, a Pontedera, era stipato di biciclette, tubi per telai e scatole di componenti Campagnolo.
C'era, pero', anche una panca per gli aficionados che discutevano di ciclismo (col televisore sempre acceso in occasione delle telecronache) mentre il Piero, pur partecipando alle discussioni e buttando spesso l'occhio sullo schermo, ontinuava incessantamente a lavorare.

Quando apriva la serranda, per poter lavorare solitamente estraeva alcune biciclette
per parcheggiarle all'esterno sul marciapiede.

I telai, almeno al tempo quando lo conobbi, li faceva saldare a Montopoli Valdarno da 'tale' Luigi Daccordi.

Il ragazzo di bottega che aveva quaranta anni fa sposo' sua figlia e, alla morte di Piero, rilevo' la attivita' serbando, con doveroso rispetto, il nome del marchio Zapier.

Sergio
Pisa

mi piacerebbe saperne di piu sulla mia bici,ci tengo tantissimo é stata la mia prima bici eroica!!! So soltanto che é del 74
 

Robert87

Gregario
21 Agosto 2013
579
6
San Benedetto del Tronto
Bici
Colnago Master 84,Colnago Master 86,Vitus 979,Pinarello Prologo TT, Colnago Master Krono, Rauler TT
Da me chiedono circa 100-120 euro per verniciare un telaio di bici....e lo vogliono già sabbiato o carteggiato...

mentre se volessi farlo da solo, al colorificio mi hanno chiesto 30 euro per fondo e vernice bicomponente (nel mio caso avevo chiesto il celeste bianchi).

Credo basti un po' di manualità per verniciare una bici, ma poiché non l'ho mai fatto finora (e dovrò verniciare una colnagno master :mrgreen:) per 50-60 euro di differenza credo che opterò per il carrozziere...valutando bene che sappia fare il suo lavoro e non che si improvvisi tale...
 

Sergio Servadio

Apprendista Scalatore
23 Marzo 2006
2.341
43
mi piacerebbe saperne di piu sulla mia bici,ci tengo tantissimo é stata la mia prima bici eroica!!! So soltanto che é del 74

Se e' del '74 e' praticamente coetanea della mia. In quel tempo il colore piu' ricorrente usato da Piero era il blu e, purtroppo, lui ebbe qualche problema con la verniciatura di qualche telaio;(ad esempio il mio che fu riverniciato dopo solo un paio di anni dalla prima volta.
Per saperne di piu' basta che tu passi da Pontedera e chiedi, li' nella centralissima via Roma, all'attuale titolare, Mauro Busdraghi. che allo ra era ragazzo di bottega.

Piero Zaccagnini aveva, almeno qui in zona, un'ottima reputazione.

Sergio
Pisa
 

Sergio Servadio

Apprendista Scalatore
23 Marzo 2006
2.341
43
Da me chiedono circa 100-120 euro per verniciare un telaio di bici....e lo vogliono già sabbiato o carteggiato...

mentre se volessi farlo da solo, al colorificio mi hanno chiesto 30 euro per fondo e vernice bicomponente (nel mio caso avevo chiesto il celeste bianchi).

Credo basti un po' di manualità per verniciare una bici, ma poiché non l'ho mai fatto finora (e dovrò verniciare una colnagno master :mrgreen:) per 50-60 euro di differenza credo che opterò per il carrozziere...valutando bene che sappia fare il suo lavoro e non che si improvvisi tale...

Se e' vero che basta un po' di manualita', e tanta attenzione, per verniciare un telaio e' pure indubbio che non si puo' sperare di riuscire ad avvicinarsi molto al risultato di un verniciatore professionista (soprattutto se specializzato nella verniciatura di telai).

In particolare, se si tratta di un telaio di pregio e lo si vuole con tutte le scritte originali, io mi rivolgerei a una ditta specializzata.
Nel caso tu non sappia a chi rivolgerti chiedi informazioni a un buon negozio dove vendano anche biciclette fa corsa revisionate e riverniciate. Oppure scrivimi in privato.

Sergio
Pisa
 

Allen

Gregario
21 Dicembre 2012
611
2
Bagno di Gavorrano (gr)
Bici
Colnago Bianchi Viner Cannondale Cube Zapier F.Moser Atala Sumin Provini Chesini
Se e' del '74 e' praticamente coetanea della mia. In quel tempo il colore piu' ricorrente usato da Piero era il blu e, purtroppo, lui ebbe qualche problema con la verniciatura di qualche telaio;(ad esempio il mio che fu riverniciato dopo solo un paio di anni dalla prima volta.
Per saperne di piu' basta che tu passi da Pontedera e chiedi, li' nella centralissima via Roma, all'attuale titolare, Mauro Busdraghi. che allo ra era ragazzo di bottega.

Piero Zaccagnini aveva, almeno qui in zona, un'ottima reputazione.

Sergio
Pisa

questa è la mia zapier dimmi la tua sergio, inoltre sai di qualcuno in toscana che restaura telai?

[url]http://www.bdc-forum.it/showthread.php?t=153968[/URL]
 

Bricchetto

Pignone
27 Aprile 2013
285
7
Ostia Lido - Roma
Bici
Bianchi, Columbus TSX Campagnolo Athena
Se ti puo' interessare, sappi che lo Zaccagnini faceva solamente biciclette da corsa ed era meccanico di squadre anche al seguito del Giro d'Italia Dilettanti.

Ill negozietto in via Roma, a Pontedera, era stipato di biciclette, tubi per telai e scatole di componenti Campagnolo.
C'era, pero', anche una panca per gli aficionados che discutevano di ciclismo (col televisore sempre acceso in occasione delle telecronache) mentre il Piero, pur partecipando alle discussioni e buttando spesso l'occhio sullo schermo, ontinuava incessantamente a lavorare.

Quando apriva la serranda, per poter lavorare solitamente estraeva alcune biciclette
per parcheggiarle all'esterno sul marciapiede.

I telai, almeno al tempo quando lo conobbi, li faceva saldare a Montopoli Valdarno da 'tale' Luigi Daccordi.

Il ragazzo di bottega che aveva quaranta anni fa sposo' sua figlia e, alla morte di Piero, rilevo' la attivita' serbando, con doveroso rispetto, il nome del marchio Zapier.

Sergio
Pisa

Mi scuso con tutti per il "fuori argomento".
Sergio, mille grazie per il tuo racconto. I miei nonni erano di Fornacette e ogni volta che sento una storia di quelle parti, semplicemente mi squaglio.
Da ragazzino giravo nel velodromo, gestito dal mitico Manolo. E il caschetto a strisce di cuoio (preteso da mia madre :mrgreen: ) lo acquistai con mio padre da Del Cancia a Pontedera. Che naturalmente mi rimproverò: "guarda che i ciclisti non portano i capelli lunghi". Avevo 11 anni.
Ricordavo il marchio Zapier, ma non ne conoscevo la storia.
Grazie, Sergio. o-o
 

Sergio Servadio

Apprendista Scalatore
23 Marzo 2006
2.341
43
Mi scuso con tutti per il "fuori argomento".
Sergio, mille grazie per il tuo racconto. I miei nonni erano di Fornacette e ogni volta che sento una storia di quelle parti, semplicemente mi squaglio.
Da ragazzino giravo nel velodromo, gestito dal mitico Manolo. E il caschetto a strisce di cuoio (preteso da mia madre :mrgreen: ) lo acquistai con mio padre da Del Cancia a Pontedera. Che naturalmente mi rimproverò: "guarda che i ciclisti non portano i capelli lunghi". Avevo 11 anni.
Ricordavo il marchio Zapier, ma non ne conoscevo la storia.
Grazie, Sergio. o-o
_______________________________________________________________________
Srai pungolandomi a raccontarne altre di storie, e assai piu' lunghe.
Al velodromo di Fornacette ci entrai circa dieci anni fa (era gia' da tempo completamente abbandonato) con una bicicletta da pista appena cquistata a Pontedera, ma non da Zapier, e le feci una bella foto ricordo.

Cesare Del Cancia, il mitico vincitore della San Remo 1937, se non erro, lo conobbi una quindicina di anni fa.
Era un personaggio davvero singolare e interessante. Tanto che organizzai di accompagnarci il mio amico olandese Benjo Maso, raffinatissimo storico del ciclismo. Ne usci' una bella intervista da cui lui trasse un articolo apparso, in olandese, su una rivista specializzata.
Benjo aveva gia' scritto almeno due libri sul ciclismo almeno uno dei quali e' stato tradotto in inglese, 'The sweat of Gods'.
Prova a ritracciarlo con Google.

Cesare Del Cancia era gia' assai anziano, ma ancora validissimo e lucido, pur a modo suo.
Mi racconto' che a un certo Giro di Toscana Gino Bartali gli chiese:
'Chi e' quel ragazzo che pedala cosi' bene?'
'Si chiama Fausto, Fausto Coppi.'

Purtroppo Del Cancia se ne e0' andato cir ca tre anni fa.

Sergio
Pisa
 

Sergio Servadio

Apprendista Scalatore
23 Marzo 2006
2.341
43
questa è la mia zapier dimmi la tua sergio, inoltre sai di qualcuno in toscana che restaura telai?

[url]http://www.bdc-forum.it/showthread.php?t=153968[/URL]

Ho guardato la tua Zapier.
Purtroppo non mi sembra un fiore di bicicletta, e neanche in ottimo stato.
Circa la tua domanda su qualcuno che, da queste parti, restaura telai direi che non conosco tante possibilita'.

Ce n''era rimasto uno qui a Pisa, tale Gino Vanni, competentissimo ed assai gentile.
Stimato da tutti, Falaschi e Fanini compresi.
Gino era anche una pasta d'uomo che varie volte aprri'il suo scantinato per farmi, come favore, delle piccole riparazioni.
Purtroppo e' deceduto non piu' di quattro anni fa.

Temo che il telaista piu' vicino sia a San Miniato Basso: 'Daccordi'.
Altrimenti, dovessi cercarne uno, non esiterei a provare a Grosseto, da Tommasinin.

Sergio
Pisa
 

Bricchetto

Pignone
27 Aprile 2013
285
7
Ostia Lido - Roma
Bici
Bianchi, Columbus TSX Campagnolo Athena
_______________________________________________________________________
(...)
Cesare Del Cancia era gia' assai anziano, ma ancora validissimo e lucido, pur a modo suo.
Mi racconto' che a un certo Giro di Toscana Gino Bartali gli chiese:
'Chi e' quel ragazzo che pedala cosi' bene?'
'Si chiama Fausto, Fausto Coppi.'

Purtroppo Del Cancia se ne e0' andato cir ca tre anni fa.

Sergio
Pisa

Può essere :mrgreen: fosse il suo primo Giro di Toscana, quello dove Fausto, in fuga con i primi (c'era anche Del Cancia), rimase coinvolto in una caduta. Al successivo Giro del Piemonte: 1° Bartali, 2° Del Cancia, 3° Coppi (che in salita aveva avuto il cambio bloccato sul 18).
Così riferisce Brera nel suo "Coppi e il Diavolo".
L'opzione che Girardengo strappò al padre di Fausto ritardò il suo ingresso alla Legnano di Bartali. o-o
Il ciclismo è un 'mestiere' che si presta al racconto delle storie più belle.
 

Sergio Servadio

Apprendista Scalatore
23 Marzo 2006
2.341
43
Può essere :mrgreen: fosse il suo primo Giro di Toscana, quello d
Il ciclismo è un 'mestiere' che si presta al racconto delle storie più belle.

Eccotene un'altra, raccontata da Cesare Del Cancia.

L'anno che vinse la San Remo, il 1937 se ricordo bene, si era preparato a puntino,
Mi disse che, non so quante volte, aveva fatto, per allenarsi, un giorno Pontedera-San Remo e il giorno seguente San Remo-Pontedera.

Il giorno della San Remo era venuto suo fratello per incoraggiarlo e portargli dei viveri in un punto conveniente della costa ligure.
Come rifornimento aveva un mega-zabaione fatto 'da la su' mamma' con sei tuorli di uova.
Cesare se lo trangugio' tutto e continuo' la cavalcata trionfale.

Era andato in fuga solitaria molti chilometri prima.
Arrivo' da solo al traguardo stabilendo il record della gara.

Sergio
Pisa
 

Pancio

Apprendista Passista
22 Ottobre 2012
1.064
589
Costa livornese
Bici
Phazek Quasar -Sab Saipan-Ferraccio da zonzo - MaxLelli crono
Ho guardato la tua Zapier.
Purtroppo non mi sembra un fiore di bicicletta, e neanche in ottimo stato.
Circa la tua domanda su qualcuno che, da queste parti, restaura telai direi che non conosco tante possibilita'.

Ce n''era rimasto uno qui a Pisa, tale Gino Vanni, competentissimo ed assai gentile.
Stimato da tutti, Falaschi e Fanini compresi.
Gino era anche una pasta d'uomo che varie volte aprri'il suo scantinato per farmi, come favore, delle piccole riparazioni.
Purtroppo e' deceduto non piu' di quattro anni fa.

Temo che il telaista piu' vicino sia a San Miniato Basso: 'Daccordi'.
Altrimenti, dovessi cercarne uno, non esiterei a provare a Grosseto, da Tommasinin.

Sergio
Pisa
Per caso era quello dietro al Palazzo Blu? O quello in via Mazzini? Ho visitato entrambi, un bel po' di anni fa... quando ero più giovane.
 

Sergio Servadio

Apprendista Scalatore
23 Marzo 2006
2.341
43
Per caso era quello dietro al Palazzo Blu? O quello in via Mazzini? Ho visitato entrambi, un bel po' di anni fa... quando ero più giovane.

No di certo
Gino Vanni era di Migliarino e il suo atelier, se cosi' si potrebbe chiamare, era sotto casa.
Abitava a Migliarino vicino al semaforo sulla Aurelia, ma al di la' della ferrovia.
Ovviamente era conosciutissimo da quelli del mestiere.
Arrivai da lui avendo raccatato un vecchio bel telaio che riportava la scritta
'Vanni- Migliarino'
Dove fosse la sua abitazionelo scoprii guardando l'elenco telefonico.

Era stato costruttore telaista per tanti giovani corridori e squadre locali.
Tra gli altri aveva servito anche Di Basco, agonista assai fuori linea e vincitore di alcune tappe al Giro d'Italia.

Durante la guerra era stato fatto prtogioniero dai tedeschi e internato in un campo di reclusione in Centro Europa. Conservava ancora, assai orgoglioso la carta di identificazione con cui l'avevano marchiato.

Quando me la mostro' aggiunse orgoglioso:
'Sa perche' sono riuscito a tenerla? Perche' sono scappato dalla prigionia.
Sono scappato da lassu' e sono tornato a casa a piedi.'

Sergio
Pisa
 

Pancio

Apprendista Passista
22 Ottobre 2012
1.064
589
Costa livornese
Bici
Phazek Quasar -Sab Saipan-Ferraccio da zonzo - MaxLelli crono
No, allora non lo conoscevo. La mia frequentazione di ciclobotteghe pisane si riferisce a nomi più moderni e "centrali".
Sempre interessanti i tuoi ricordi ciclistici... mica come me, che al massimo potrei dire "mia nonna era cugina di Di Paco... ma non l'ho mai conosciuto e fino a pochi anni fa non sapevo nemmeno chi diavolo fosse...": sai, fino a 40 anni credevo che il ciclismo fosse lo sport dei pensionati al bar...:wacko:
 

Sergio Servadio

Apprendista Scalatore
23 Marzo 2006
2.341
43
No, allora non lo conoscevo. La mia frequentazione di ciclobotteghe pisane si riferisce a nomi più moderni e "centrali".
Sempre interessanti i tuoi ricordi ciclistici...

Potrei anche dirti che ho conosciuto Cesare Del Cancia, vecchia gloria di queste parti.
Ma anche la famiglia di Michele da San Giovanni Alla Vena) e quella di Fabiana da Cascine di Buti.

Sergio
Pisa