Quanto valeva Armstrong veramente?

Discussione in 'Vecchi articoli' iniziata da Ser pecora, 22 Ottobre 2013.

  1. bach7

    bach7 Apprendista Scalatore

    Registrato:
    10 Gennaio 2011
    Messaggi:
    2.034
    Mi Piace Ricevuti:
    73
    per vincere è sempre necessaria una buona dose di fortuna, e armstrong ne ha avuta.

    dici bene quando asserisci che non sapremo mai quanto realmente valesse armstrong al netto del doping.

    sicuramente in questi anni ha dimostrato di avere una personalità d'acciaio, forse questa davvero una caratteristica che pochi hanno.

    infatti in tanti sono crollati, non soltanto quelli scoperti.
     
  2. lucadodo

    lucadodo Pedivella

    Registrato:
    6 Ottobre 2012
    Messaggi:
    307
    Mi Piace Ricevuti:
    11
    Dire che durante la sua carriera ha avuto fortuna e' poco perche' bisogna si essere bravi e attenti ma se Beloki cade ed esclamiamo che sfiga LA che taglia un campo per non andargli addosso, beh che culo!! Poi da qui a dire che in bici era brutto da vedere secondo me sono opinioni!
    Poi oltre alla benzina ci vuole testa e LA secondo me ne aveva tanta.
     
  3. ciccioboris

    ciccioboris Pignone

    Registrato:
    6 Febbraio 2007
    Messaggi:
    148
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    Poco importa sapere quanto valesse Armstrong al netto del doping, sarebbe come chiedersi cosa sarebbe stato Totò Riina se non fosse stato un mafioso. Non lo sapremo mai, resta il fatto certo che Armstrong è un baro e come lui, tutti coloro che si dopano!!
     
  4. ANTOXR

    ANTOXR Pedivella

    Registrato:
    24 Maggio 2013
    Messaggi:
    338
    Mi Piace Ricevuti:
    10
    Però resta anche il fatto certo come abbiamo detto più volte che allora sono bari quasi tutti i Ciclisti che hanno vinto una grande corsa a tappe (dai tempi di Coppi ad oggi).
    Tutti hanno usato qualcosa per barare,fino ad intensificare negli anni 90 con l'EPO.
     
    #184 ANTOXR, 28 Ottobre 2013
    Ultima modifica: 28 Ottobre 2013
  5. mazzoblu

    mazzoblu Guest

    Già al tempo dopo il 2-3 tour di fila il cowboy puzzava di marcio... ma quello che dicevo io (e tanti altri come me) sembrava campato in aria, si perchè non c'erano le prove. Poi a distanza di un decennio è venuta fuori la palese verità con le prove. Armstrong era un buon corridore di quelli che al massimo possono vincere una tappa, come ha fatto nel '95 e quella volta l'ho sempre detto ha fatto un bel gesto per il suo compagno Casartelli. Il cowboy era un corridore di quel livello. un "buon corridore". 7 Tour di fila non li ha vinti nessuno dei più grandi campioni della storia del ciclismo e li vince uno che non corre mai, non vince mai niente e che DIVENTA CAMPIONE ALL'IMPROVVISO?? Campioni si nasce, CAMPIONI SI NASCE è stato sempre chiaro ed evidente a tutti. Non mi interessa se si aprirà l'ennesima valanga perchè nomino Pantani ma I DUE SONO STATI MOLTI DIVERSI E SI E' VISTO. Intanto il Pirata ha sempre vinto fin da bambino le sue corse, ed è andato sempre meglio di categoria in categoria, e "scusate se è poco" Marco Pantani il secondo anno da dilettante è arrivato terzo al Giro d'italia per dilettanti, l'anno dopo secondo e poi ancora primo, poi era passato professionista alla Carrera, e nel 1994 a 24 anni ha dato del filo da torcere al campione in carica delle corse a tappe di quel momento Miguel Indurain. Il cowbouy che cosa ha vinto? Quindi in un ciclismo "pane e acqua" il cowboy sarebbe stato al massimo un "buon" corridore niente di più.
     
  6. ANTOXR

    ANTOXR Pedivella

    Registrato:
    24 Maggio 2013
    Messaggi:
    338
    Mi Piace Ricevuti:
    10
    Hai piena ragione su Pantani.Marco ha sempre vinto,ha sempre staccato tutti in salita anche da ragazzino,le prove ci sono e non si può pensare a Pantani esclusivamente come un dopato,ha fatto quello che facevano tutti.
     
  7. Ciclonik

    Ciclonik Pedivella

    Registrato:
    21 Giugno 2014
    Messaggi:
    337
    Mi Piace Ricevuti:
    14
    Alle prestazioni di Amstrong non ho mai creduto, avrebbe potuto vincere qualche gara ma non un Tour. Lo ha ammesso lui stesso. Pantani è stato un grande sempre, un fuori classe, nato scalatore. È stato un caso di doping è vero, ma è stato assolto dalla frode sportiva e non è mai mai stato trovato positivo ad alcuna sostanza dopante. Aveva un ematocrito alto rispetto ad un limite di 50. Io vivo in montagna e ho 48,5. Arrivassi molto disidratato all'esame, dopo un paio di settimane in quota, supero di sicuro quel limite. Si capisce che era stato accusato con delle regole da rivedere, cosa che poi hanno fatto,
     
  8. noidavane

    noidavane Apprendista Velocista

    Registrato:
    27 Marzo 2010
    Messaggi:
    1.354
    Mi Piace Ricevuti:
    69
    Non mi è stato mai simpatico.
    Sicuramente andava forte ed era un buon atleta, ma ha fatto male al ciclismo.
    Primo perché ha barato (come tanti o forse tutti della sua generazione) ma con mezzi che gli altri si sognavano.
    Ha corso in maniera brutta non da campione, corridori tipo Pantani staccavano tutti da soli e avevano una squadra discreta ma non in grado di annientare tutte le altre. Il suo modo di correre era monotono, una fila di compagni di squadra che uno dopo l'altro si sfiancavano fino a pochi km dall'arrivo in cui rimaneva solo o al massimo si trovava qualcuno (vedi Basso a cui non si può rimproverare di aver tentato qualsiasi mezzo per riuscire a rimanere li, anche se poi si è rivelato una ----- tentando di prenderne il posto senza avere le coperture giuste).
    E' stato il primo corridore moderno che ammazza il ciclismo, una corsa l'anno il Tour e basta.
    Ha sicuramente fatto più male che bene al ciclismo e forse (fortunatamente) qualcuno prova a tornare indietro provando a correre per tutta la stagione o quasi.

    Modifico.... forse si capisce che giustifico Basso di essersi dopato quanto lui...assolutamente no !!!
     
    #188 noidavane, 30 Ottobre 2014
    Ultima modifica: 30 Ottobre 2014
  9. BrunoDM

    BrunoDM Velocista

    Registrato:
    18 Settembre 2011
    Messaggi:
    5.605
    Mi Piace Ricevuti:
    85
    Quando correva e IO NON sapevo che si dopasse, onestamente MI entusiasmava.
    Quel suo partire in salita così deciso, puntuale, scientifico direi, con frequenze elevatissime ed improponibili per tutti. Per no parlare delle crono. Mi piaceva eccome, altrochè.
    Dopotutto era una bellissima favola.
    Poi pian piano mi sono accorto di atteggiamenti un po' esagerati; leggevo del suo essere una sorta di despota in squadra e nel gruppo e questo un po' me lo aveva fatto scadre a livello di considerazione.
    Fino ai fatti recenti, alle ammissioni, alle lacrime e a tutto quello che ne è derivato per lui in primis e per il ciclismo tutto.
    Giudicare è sempre difficile, perchè viviamo in un mondo, in una società dove sembra purtroppo diffondersi la logica perversa per cui "lo fanno tutti allora non è peccato".
    Per la mia formazione, per le mie convinzioni invece una regola è tale e tale rimane che la infrangano in cento, mille o solo uno.
    Se poi il doping abbia creato il "mostro" o se Lance avesse potuto essere qualcosa anche solo di simile a ciò che è stato....non lo so' e nemmeno mi impoita.
    Perchè se come leggo, erano tutti più o meno dopati, se tutti prednevano qualcosa.... mi domando: ma cosa abbiamo visto? Per cosa ci siamo esaltati e/o intristiti?
    Per pura finzione? Wrestling su due ruote?
    Non so' voi, ma tutto ciò mi ha portato a vedere il ciclismo professionistico con sempre meno trasporto ed interesse, oltre che con una crescente dose di sospetto e disincanto, sopratutto per gli *eroi* del momento, italiani o meno sempre costantemente decantanti dai vari media.
    Mie due cents e nulla più
    :-)
     
  10. kar38

    kar38 Recordman

    Registrato:
    23 Ottobre 2010
    Messaggi:
    33.112
    Mi Piace Ricevuti:
    420
    nel libro il texano dagli occhi di ghiaccio, chi ha accusava lance quindi anche travis tygart... parlavano di un' atleta normale costruito col doping, non aveva nessuna dote fisica eccezionale..cosa che invece sosteneva la sua difesa

    personalmente anche se non sarà stato cmq il migliore da un punto di vista fisico non lo definirei normale xkè come si evince dalla sua carriera fin da adolescete vinceva e correva spesso alla pari con ragazzi più grandi (aveva i documenti falsi) sia nel triatlhon sia in bici

    sicuramente straordinario in armstrong l'era l'ambizione di vincere e di prevalere sugli altri in tutto e per tutto
     
  11. io non mollo

    io non mollo Apprendista Velocista

    Registrato:
    8 Gennaio 2009
    Messaggi:
    1.328
    Mi Piace Ricevuti:
    19
    con i se e con i ma non si puo' certo aver la verità
    dato certo è che LA ha barato
    dato certo è che molti hanno barato
    dato certo è che LA barando ha vinto 7 tour
    dato certo è che nessuno barando ha vinto altrettanto

    lemond correva prendendo acqua e zucchero?
    non so pero' credo che la cosa migliore da fare sia dimenticare LA
    sarà di certo la pena piu' grande x chi voleva essere ricordato per sempre come il n1

    io ero un grande tifoso di LA
    ma la cosa piu' sporca che ha fatto secondo me
    è utilizzare la sofferenza delle persone per farsi vedere buono e benefattore
     
  12. bicilook

    bicilook Scalatore

    Registrato:
    15 Giugno 2008
    Messaggi:
    6.126
    Mi Piace Ricevuti:
    323
    Quoto tutto
    o-o
     
  13. carmysco

    carmysco Apprendista Velocista

    Registrato:
    15 Novembre 2010
    Messaggi:
    1.322
    Mi Piace Ricevuti:
    103
    Continuo a leggere sempre le solite inesattezze su questo forum.
    Continuo a vedere la solita conoscenza parziale di fatti storici, sportivi e giudiziari.
    Armstrong era dopato tanto quanto Pantani, Ullrich, Riis e presumibilmente Indurain, dato il fatto che il consulente medico della Banesto era un certo Michele Ferrari.
    Pantani era seguito da Conconi (informatevi su chi è e cosa faceva Conconi Francesco negli anni '90), ed è dimostrato oltre ogni ragionevole dubbio che abbia vinto il Tour de France nel 1998 assumendo Epo.
    E' inconcepibile nell'anno di grazia 2014 dover leggere su un forum di ciclismo che Armstrong era dopato e Pantani non è mai stato trovato positivo, era un campione, era pulito, vinceva sin da ragazzino e le solite letture parziali della realtà.
     
    A tenomis piace questo elemento.
  14. Cancello del Roero

    Registrato:
    13 Ottobre 2013
    Messaggi:
    4.481
    Mi Piace Ricevuti:
    95
    l'ho letto anch'io, un uomo dall'ego smisurato
     
  15. BrunoDM

    BrunoDM Velocista

    Registrato:
    18 Settembre 2011
    Messaggi:
    5.605
    Mi Piace Ricevuti:
    85
    Savoldelli, in un'intervista (molto poco ficcante per la verità) sul 214 SKY a domanda sul doping ha detto che "a suo avviso", il doping migliora di molto le prestaioni di chi è mediocre e molto poco di chi è già forte di natura. Personalmente gli avrei ALMENO chiesto se questa sua ffermazione è frutto di evidenze empiriche (personali?) e/o rilievi, testimonianze anche derelate di carattere scietifico.
    Ma è finita li e s'è parlato d'altro :-)
     

Condividi questa Pagina