Atala qualche informazione

Las

Novellino
17 Agosto 2020
34
7
32
av
Bici
Bianchi
beh
Sotto il centrale c'è punzonato 82I e una serie di numeri, invio altri particolari:
Vedi l'allegato 239320 Vedi l'allegato 239303 Vedi l'allegato 239304 Vedi l'allegato 239305 Vedi l'allegato 239306 Vedi l'allegato 239307 Vedi l'allegato 239308
Ah la mia è taglia 59 e io sono solo 1,78
Pagata 100 euri.
beh sì mi sembra più o meno la stessa bici di qualche mese successiva e forse questo spiega la differenza della pantografia, boh! XD
il cambio che hai dovrebbe essere il 980 e il deragliatore front è il mio stesso. le pinze dei freni pure, così come il manubrio. I mozzi non riesco a capire.
100 mi sa che l'hai pagata anche abbastanza poco se non ha ruggine o altri problemi, hai anche le gabbiette e i laccetti?
Penso però che 59 sia un po' grandicella per te. io sono 1,77 e la mia è 55.
 

 

RickyRicky

Novellino
22 Ottobre 2020
6
1
37
PG
Bici
Atala Campione d'Italia 1982
Mozzi Ofmega, le gabbiette e laccetti non li ho purtroppo.
Infatti per me è grande, ed essendo un po' pasticciata a livello di componenti (mi pare di capire) cioè non proprio con il suo montaggio originale di fabbrica, sto pensando di farla da passeggio cambiando sella freni e manubrio...
 
Ultima modifica:

RickyRicky

Novellino
22 Ottobre 2020
6
1
37
PG
Bici
Atala Campione d'Italia 1982
Sinceramente vedendola con questo montaggio misto campagnolo/ofmega pensavo fosse stata un po' rimaneggiata.
Su Wikipedia primi anni 80 sembra che il campagnolo 980/990/rally fossero dell'epoca in effetti, sarebbe da capire che tipo di cambio ho all'anteriore in modo da fare un gruppo completo.
Che voi sappiate è possibile mettere un pacco pignoni da 6 o 7 velocità ? magari uno della decathlon con il 28 in modo da renderla più pedalabile...
 

Las

Novellino
17 Agosto 2020
34
7
32
av
Bici
Bianchi
Sinceramente vedendola con questo montaggio misto campagnolo/ofmega pensavo fosse stata un po' rimaneggiata.
Su Wikipedia primi anni 80 sembra che il campagnolo 980/990/rally fossero dell'epoca in effetti, sarebbe da capire che tipo di cambio ho all'anteriore in modo da fare un gruppo completo.
Che voi sappiate è possibile mettere un pacco pignoni da 6 o 7 velocità ? magari uno della decathlon con il 28 in modo da renderla più pedalabile...
Nel catalogo del 1982 della campagnolo quello anteriore non lo trovo, cioè ha la forma del gran sport ma lo stemma era diverso. Sarebbe identico al nuovo Valentino, sempre della campagnolo, ma lo trovo solo su cataloghi successivi.

Il fatto che lo abbia sia tu che io, però, me la fa sembrare troppo sospetta come coincidenza. Penso che siano i loro originali.

Inoltre, io penso, che la bici vada lasciata così com'è. Magari 6v le regge, ma personalmente non lo farei. Io intendo pedalarla così com'è
 

Las

Novellino
17 Agosto 2020
34
7
32
av
Bici
Bianchi
Domanda secca, dalla foto che ho messo si vedono abbastanza bene, sapreste dirmi che ?modello sono i miei mozzi?

Dal catalogo dell'82 e in quelli successivi mi sembrano i nuovo tipo (sarebbero anche coerenti con il resto della dotazione) ma quella "fascetta" (non so il termine tecnico pardon) che circonda il logo alato non lo trovo :/

Inoltre per voi può avere senso mettersi a cercare il deragliatore frontale nuovo gran sport?
 

RickyRicky

Novellino
22 Ottobre 2020
6
1
37
PG
Bici
Atala Campione d'Italia 1982
Si, mi piacerebbe anche a me pedalarla così com'è ma purtroppo non ho la gamba che me lo permette,
con il 28 della decathlon (a trovarlo) sicuramente avrei uno spunto in più.

La userò per qualche breve ciclostorica, (forse una/due all'anno),
ma dato che per me è parecchio grande come misura mi era venuto in mente di renderla da passeggio/citybike.

Settimana prossima la porto dal biciaio di zona (73enne appassionato e possessore di alcune vintage),
sentiamo cosa mi dice, poi valuterò se conviene sistemarla.

Ovviamente è stato il mio primo acquisto vintage e sicuramente ho pagato un pò di inesperienza...

R.
 

alespg

Apprendista Scalatore
26 Dicembre 2017
1.874
1
1.084
pavia
Bici
scapin eos 3

Cancelliere

Apprendista Velocista
24 Dicembre 2011
1.425
245
68
Firenze
Bici
Daccordi, CoppiMasciaghi, Aquila, Atala, ColnagoSport?, Montelatici
Nel catalogo del 1982 della campagnolo quello anteriore non lo trovo, cioè ha la forma del gran sport ma lo stemma era diverso. Sarebbe identico al nuovo Valentino, sempre della campagnolo, ma lo trovo solo su cataloghi successivi.

Il fatto che lo abbia sia tu che io, però, me la fa sembrare troppo sospetta come coincidenza. Penso che siano i loro originali.

Inoltre, io penso, che la bici vada lasciata così com'è. Magari 6v le regge, ma personalmente non lo farei. Io intendo pedalarla così com'è

I mozzi, con la fascetta che copre il foro di ingrassaggio, sono i Record. I NuovoTipo non avevano l'ingrassatore.

Il tuo deragliatore anteriore, anzi il vostro, perchè uguale a quello di @RickyRicky, sembra proprio il 0104008 Nuovo Valentino, che è molto simile al 0104006 3600/NT NuovoGranSport. La differenza è nei due braccetti, che nel NuovoGranSport sono di fusione in un sol pezzo , mentre nel NuovoValentino compositi, con la boccola riportata (in pratica una evoluzione, penso per semplificazione delle lavorazioni: tornio+ trapano invece che alesatrice).
Il deragliatore NuovoGranSport poi altro non è che il buon vecchio deragliatore Record, cambiano solo i fori di alleggerimento della gabbia

Sicuramente non è il deragliatore 980, costruttivamente piuttosto diverso.

In effetti, che abbiate entrambi il deragliatore NuovoValentino sembra una coincidenza un pò strana.
Forse la modifica dei braccetti è stata introdotta come miglioria sul NuovoGranSport, prima che tutto il deragliatore fosse ribattezzato NuovoValentino

Sulla mia Aquila, che monta cambio e guarnitura NuovoGranSport del 1976 (data marcata sulle pedivelle) il deragliatore anteriore è uguale al
vostro, cioè un NuovoValentino, quindi anni '80 e non di primo montaggio.
DSC07540.JPG
Me ne ero fatto una ragione perchè in origine col NuovoGranSport veniva fornito il vecchio primordiale deragliatore 2050 a perno, quindi un un upgrade succesivo ad un migliore deragliatore a parallelogramma ci stava tutto.
 
  • Mi piace
Reactions: alespg

Las

Novellino
17 Agosto 2020
34
7
32
av
Bici
Bianchi
I mozzi, con la fascetta che copre il foro di ingrassaggio, sono i Record. I NuovoTipo non avevano l'ingrassatore.

Il tuo deragliatore anteriore, anzi il vostro, perchè uguale a quello di @RickyRicky, sembra proprio il 0104008 Nuovo Valentino, che è molto simile al 0104006 3600/NT NuovoGranSport. La differenza è nei due braccetti, che nel NuovoGranSport sono di fusione in un sol pezzo , mentre nel NuovoValentino compositi, con la boccola riportata (in pratica una evoluzione, penso per semplificazione delle lavorazioni: tornio+ trapano invece che alesatrice).
Il deragliatore NuovoGranSport poi altro non è che il buon vecchio deragliatore Record, cambiano solo i fori di alleggerimento della gabbia

Sicuramente non è il deragliatore 980, costruttivamente piuttosto diverso.

In effetti, che abbiate entrambi il deragliatore NuovoValentino sembra una coincidenza un pò strana.
Forse la modifica dei braccetti è stata introdotta come miglioria sul NuovoGranSport, prima che tutto il deragliatore fosse ribattezzato NuovoValentino

Sulla mia Aquila, che monta cambio e guarnitura NuovoGranSport del 1976 (data marcata sulle pedivelle) il deragliatore anteriore è uguale al
vostro, cioè un NuovoValentino, quindi anni '80 e non di primo montaggio.
Vedi l'allegato 239553
Me ne ero fatto una ragione perchè in origine col NuovoGranSport veniva fornito il vecchio primordiale deragliatore 2050 a perno, quindi un un upgrade succesivo ad un migliore deragliatore a parallelogramma ci stava tutto.


Molto bella l'aquila,

Ma a me non torna che siano i record.

Sia per la forma del fissaggio e sia perché i record mi pare avessero l'altro logo e, soprattutto, la scritta record appunto

Screenshot_20201024-081112555 (1).jpg

Qui non si vede bene, ma nel catalogo dell'85 che è veramente molto simile si vede abbastanza.
 

RickyRicky

Novellino
22 Ottobre 2020
6
1
37
PG
Bici
Atala Campione d'Italia 1982
Intanto la mia è in queste condizioni:
IMG_20201024_181503_874.jpg
Non penso che apporterò modifiche ai componenti montati.
Metterò delle leve freno dia comp (le weinmann non le trovo a buon prezzo) con ammortizzatori color miele, mi piacerebbe mettere del nastro forato marrone chiaro ma probabilmente sceglierò un blu (anche per restare fedele all'originale), quale potrei prendere ?
Sulle guaine invece ho ancora qualche dubbio sul colore...
Sui copertoncini cosa mi consigliate eventualmente ? Qualcosa con un disegno che richiami i primi anni 80 essendo la bici una 1982.
 

Las

Novellino
17 Agosto 2020
34
7
32
av
Bici
Bianchi
A latere della discussione, vorrei parlare dei pignoni/ruota libera

La mia monta degli Everest 16/25 (credo) 5v
Un meccanico mi ha offerto regina oro 14/22 6v
O, in alternativa, regina oro extra 13/23 6v
Sempre del periodo di riferimento
Altrimenti ho anche visto un regina cc/cxs 14/23 6v


Sapreste dirmi, qualitativamente, la differenza tra la Everest e la regina?

Foste nei miei panni considerereste il cambio?

In realtà a me interesserebbe solo aggiungere uno più piccolo dei 16 denti attuali 14 o 13 per avere una possibilità in più in piano/discesa
 
Ultima modifica:

molo70

Apprendista Passista
15 Giugno 2014
915
113
Parma
Bici
Vitus 992 - Olmo Link - Cinelli Proxima - Alan super record - Colnago Altain - Giant Cadex CFR1
Personalmente monterei Regina extra, tenendo presente che senz'altro avresti - come dici tu - una possibilità in più in pianura/discesa, mentre andresti a perderla in salita...
 

Las

Novellino
17 Agosto 2020
34
7
32
av
Bici
Bianchi
Personalmente monterei Regina extra, tenendo presente che senz'altro avresti - come dici tu - una possibilità in più in pianura/discesa, mentre andresti a perderla in salita...
Dici oro extra 13/23?

Sì in salita sarà un po' dura, ma penso sempre che poi alla fine la gente questi rapporti li ha usati quindi è umanamente possibile XD

Invece delle differenze tra Everest e regina come marche? Mi sai dire nulla?
 

molo70

Apprendista Passista
15 Giugno 2014
915
113
Parma
Bici
Vitus 992 - Olmo Link - Cinelli Proxima - Alan super record - Colnago Altain - Giant Cadex CFR1
Dici oro extra 13/23?

Sì in salita sarà un po' dura, ma penso sempre che poi alla fine la gente questi rapporti li ha usati quindi è umanamente possibile XD

Invece delle differenze tra Everest e regina come marche? Mi sai dire nulla?

Quando ho cominciato io ad andare in bici il rapporto più agile era il 42x23, solo dopo è arrivato il 39 davanti e il 25 dietro...

Siamo andati dappertutto con quei rapporti, ovviamente con velocità ascensionali diverse da quelle odierne e - certo - faticando, che però era (ed è tuttora, a mio avviso) l'anima del ciclismo

La differenza tra Everest e Regina, in termini puramente meccanici non la so quantificare; forse è una mia tara mentale ma preferisco Regina, l'ho sempre vista più "corsaiola" rispetto ad Everest e questo mi induce a pensare (magari sbagliando) che sia di migliore qualità
 

mr.sli

Gregario
3 Gennaio 2005
638
37
71° 10'N 21"E
Bici
a pedali
A latere della discussione, vorrei parlare dei pignoni/ruota libera

La mia monta degli Everest 16/25 (credo) 5v
Un meccanico mi ha offerto regina oro 14/22 6v
O, in alternativa, regina oro extra 13/23 6v
Sempre del periodo di riferimento
Altrimenti ho anche visto un regina cc/cxs 14/23 6v


Sapreste dirmi, qualitativamente, la differenza tra la Everest e la regina?

Foste nei miei panni considerereste il cambio?

In realtà a me interesserebbe solo aggiungere uno più piccolo dei 16 denti attuali 14 o 13 per avere una possibilità in più in piano/discesa
Regina oro e Regina oro extra erano il "top del top" il corpo della ruota libera era molto più preciso delle Everest. Nel senso che la lavorazione delle sedi di rotolamneto delle sfere era molto preciso, quindi il corpo non aveva nessun gioco.
Per quanto riguarda la sigla "oro" indicava una galvanizzazione più o meno "dorata"
e in realtà le corone/pignone erano sempre ad un alto livello di precisione nella lavorazione.
Vendevano anche la catena con la stessa galvanizzazione.
Le Regina duravano un po' di più delle Everest ma costavano anche molto di più.

Bye
 
  • Mi piace
Reactions: Cancelliere

Cancelliere

Apprendista Velocista
24 Dicembre 2011
1.425
245
68
Firenze
Bici
Daccordi, CoppiMasciaghi, Aquila, Atala, ColnagoSport?, Montelatici
Molto bella l'aquila,

Ma a me non torna che siano i record.

Sia per la forma del fissaggio e sia perché i record mi pare avessero l'altro logo e, soprattutto, la scritta record appunto

Vedi l'allegato 239580

Qui non si vede bene, ma nel catalogo dell'85 che è veramente molto simile si vede abbastanza.

Finora non mi era ancora mai capitato di vedere dei NuovoTipo con l'ingrassatore centrale e la fascetta.
Ma anche i controdadi sembrano proprio quelli dei NuovoTipo.

Che siano dei NuovoTipo modificati?

Ma sotto la fascetta, il foro c'è davvero?

ingrassatore mozzi Record.JPG
 

Cancelliere

Apprendista Velocista
24 Dicembre 2011
1.425
245
68
Firenze
Bici
Daccordi, CoppiMasciaghi, Aquila, Atala, ColnagoSport?, Montelatici
A latere della discussione, vorrei parlare dei pignoni/ruota libera

La mia monta degli Everest 16/25 (credo) 5v
Un meccanico mi ha offerto regina oro 14/22 6v
O, in alternativa, regina oro extra 13/23 6v
Sempre del periodo di riferimento
Altrimenti ho anche visto un regina cc/cxs 14/23 6v


Sapreste dirmi, qualitativamente, la differenza tra la Everest e la regina?

Foste nei miei panni considerereste il cambio?

In realtà a me interesserebbe solo aggiungere uno più piccolo dei 16 denti attuali 14 o 13 per avere una possibilità in più in piano/discesa
Quanto è la battuta del tuo carro posteriore?
Nel 1982 probabilmente era già 126, adatta per accettare ruote col 6V, ma visto che ora monti un 5V meglio controllare.

Perchè se è 126 puoi montare indiferentemente il 5V o il 6V, basta registrare i finecorsa del cambio

Ma se fosse 120, per montare il 6V occorre:
- forzare a 126 il carro posteriore (ma l'acciaio lo sopporta bene)
- cambiare la spessoratura del mozzo
- ma sopratutto ri-campanare la ruota, sperando che i raggi abbiano margine in lunghezza
 

Las

Novellino
17 Agosto 2020
34
7
32
av
Bici
Bianchi
Grazie a tutti sinora per le risposte e, devo dire, che è stato tutto molto utile in questa prima esperienza su bici vintage e upgrade/recupero della stessa.


Per quanto riguarda i mozzi sì hanno davvero il foro.

La battuta è 126, credo che andrò sul 6v regina extra per avere, letteralmente, una marcia in più e una scusa in più per scoraggiarmi alla pendenza del 2%
 

Allegati

  • P_20201028_095255.jpg
    P_20201028_095255.jpg
    223 KB · Visite: 4
  • Mi piace
Reactions: alespg

Cancelliere

Apprendista Velocista
24 Dicembre 2011
1.425
245
68
Firenze
Bici
Daccordi, CoppiMasciaghi, Aquila, Atala, ColnagoSport?, Montelatici
@Las, @RickyRicky,
cercavo di raccogliere qualche informazione in più sui tubi Tullio (e magari anche sui tubi SM-08)

Credo che siano marchio proprietario di tubi CesareRizzatoPadova, cioè della Atala stessa.
Non sò se esiste una sola serie di tubi Tullio, o sia un marchio con più serie, di caratteristiche diverse.

Sugli adesivi delle vostre bici, oltre alla scritta Tullio, ci sono altre scritte o loghi?

Sareste così gentili da leggere, o misurare, il diametro dei vostri reggisella, per dedurre lo spessore del tubo piantone?