Atala qualche informazione

Las

Novellino
17 Agosto 2020
33
7
31
av
Bici
Bianchi
@Las, @RickyRicky,
cercavo di raccogliere qualche informazione in più sui tubi Tullio (e magari anche sui tubi SM-08)

Credo che siano marchio proprietario di tubi CesareRizzatoPadova, cioè della Atala stessa.
Non sò se esiste una sola serie di tubi Tullio, o sia un marchio con più serie, di caratteristiche diverse.

Sugli adesivi delle vostre bici, oltre alla scritta Tullio, ci sono altre scritte o loghi?

Sareste così gentili da leggere, o misurare, il diametro dei vostri reggisella, per dedurre lo spessore del tubo piantone?
Ciao, e devo dire che la discussione capita a fagiuolo

Per quel che ho trovato:
Oltre alla scritta Tullio extra special (classico logo romboidale nero e arancio) non c'è altro.
Il mio reggisella è 26,2.

Proseguo con qualche ricerca fatta sulle Atala di quel periodo, magari può tornare utile, perché mi sono interessato all'evoluzione del modello special e in particolare modo ai telai usati per realizzarlo.

Nell'81, nell'82 e almeno fino all'85 le special avevano il telaio Tullio extra-special (ho delle foto a sostegno)

Nel volantino che hai postato tu qualche settimana fa (1987? 1988?) Le special sono Columbus aelle quindi il cambio avviene tra l'86 e l'87.
Ho anche trovato una Atala Corsa GS con telaio Columbus (anche qui ho foto a sostegno)
Sempre nel tuo volantino il telaio a marca Tullio non scompare ma è destinato alla Olimpic (logo completamente diverso e non sono sicuro dica extra special)

Nel catalogo 86 (circa) da te postato o comunque precedente al volantino, infatti, le special sono proposte solo in Columbus aelle, mente le GS in alternativa tra Tullio (vecchio logo nero arancio romboidale)/ SM08/ Columbus aelle.
 

 

Cancelliere

Apprendista Velocista
24 Dicembre 2011
1.397
235
68
Firenze
Bici
Daccordi, CoppiMasciaghi, Aquila, Atala, ColnagoSport?, Montelatici
Ciao, e devo dire che la discussione capita a fagiuolo

Per quel che ho trovato:
Oltre alla scritta Tullio extra special (classico logo romboidale nero e arancio) non c'è altro.
Il mio reggisella è 26,2.

Proseguo con qualche ricerca fatta sulle Atala di quel periodo, magari può tornare utile, perché mi sono interessato all'evoluzione del modello special e in particolare modo ai telai usati per realizzarlo.

Nell'81, nell'82 e almeno fino all'85 le special avevano il telaio Tullio extra-special (ho delle foto a sostegno)

Nel volantino che hai postato tu qualche settimana fa (1987? 1988?) Le special sono Columbus aelle quindi il cambio avviene tra l'86 e l'87.
Ho anche trovato una Atala Corsa GS con telaio Columbus (anche qui ho foto a sostegno)
Sempre nel tuo volantino il telaio a marca Tullio non scompare ma è destinato alla Olimpic (logo completamente diverso e non sono sicuro dica extra special)

Nel catalogo 86 (circa) da te postato o comunque precedente al volantino, infatti, le special sono proposte solo in Columbus aelle, mente le GS in alternativa tra Tullio (vecchio logo nero arancio romboidale)/ SM08/ Columbus aelle.

Un reggisella 26,2, considerando qualche decimo di gioco da recuperare serrando il morsetto, indica un diametro interno del tubo piantone di circa 26,4-26,6
Lo spessore dei tubi Tullio Extra Special sarebbe quindi circa 1-1,1.
Pensavo fossero più sottili.

Sull'adesivo dei tubi SM-08 (0,8 di spessore?) c'è indicato chiaramente CRP (CesareRizzatoPadova)
Il fatto che sugli adesivi Tullio ci sia solo la scritta Padova, senza Rizzato, indicherà che non era esclusivamente un marchio di proprietà Rizzato?


SM-08 CRP Atala.jpg tullio-tubing-1.jpg tullio-tubing-2.jpg

in rete ho trovato solo un blog, in cui si cercavano info:

ma le risposte sono un pò confuse e non troppo convincenti, a parte il rinvio ad un articolo di BicyclingMagazine del 1975 sulla Atala Grandprix, reperibile su:


Riguardo il catalogo dei telai Atala, fonte Bulgier.net, è del 1987, la data di stampa è in ultima pagina: 6-1987GraficheErredici

Il depliant delle bici complete Atala, quello su ebay, a detta del venditore è invece del 1989, e la data torna bene con la gamma dei montaggi Campagnolo, e con le foto delle bici alcune coi cavi freno sotto nastro, ed altre no.
 
Ultima modifica:

Las

Novellino
17 Agosto 2020
33
7
31
av
Bici
Bianchi
Scrivo qua anche se ho letto già qualche discussione in altri topic
Ieri ho provato a montare il 6 velocità, il carro è 126 quindi ci entra, ma forse il problema è nella lunghezza del mozzo perché l'ultimo rapporto non ci va o se lo sposto la ruota non è centrata.

Nel caso il problema fosse la lunghezza dell'asse del mozzo (scusate il gergo poco tecnico) sapreste dirmi che pezzi devo cercare per renderlo possibile?

Grazie
 

molo70

Apprendista Passista
15 Giugno 2014
891
105
Parma
Bici
Vitus 992 - Olmo Link - Cinelli Proxima - Alan super record - Colnago Altain - Giant Cadex CFR1
Scrivo qua anche se ho letto già qualche discussione in altri topic
Ieri ho provato a montare il 6 velocità, il carro è 126 quindi ci entra, ma forse il problema è nella lunghezza del mozzo perché l'ultimo rapporto non ci va o se lo sposto la ruota non è centrata.

Nel caso il problema fosse la lunghezza dell'asse del mozzo (scusate il gergo poco tecnico) sapreste dirmi che pezzi devo cercare per renderlo possibile?

Grazie

Onestamente ho capito poco...

Hai una bici con carro 126, quindi adatta per ospitare i 6 rapporti

Hai provato a montare una ruota libera a 6 rapporti su un mozzo X, il risultato è che il rapporto più piccolo tocca il telaio; hai provato a spostare il perno del mozzo per guadagnare spazio dal lato rapporti, il mozzo entra nel carro ma il cerchio non è nella mezzeria della bici...

Corretto?
 

Las

Novellino
17 Agosto 2020
33
7
31
av
Bici
Bianchi
Onestamente ho capito poco...

Hai una bici con carro 126, quindi adatta per ospitare i 6 rapporti

Hai provato a montare una ruota libera a 6 rapporti su un mozzo X, il risultato è che il rapporto più piccolo tocca il telaio; hai provato a spostare il perno del mozzo per guadagnare spazio dal lato rapporti, il mozzo entra nel carro ma il cerchio non è nella mezzeria della bici...

Corretto?


Allora il carro è 126 monta 5 rapporti e vorrei passare a 6.
Il mozzo è campagnolo nuovo tipo, il rapporto più piccolo tocca il telaio, ho provato a guadagnare spazio ma se entrano i 6 rapporti poi la ruota non è centrata .

So che mi spiego da cani XD

Se no oggi vado da un professionista e provo a capire.
 

molo70

Apprendista Passista
15 Giugno 2014
891
105
Parma
Bici
Vitus 992 - Olmo Link - Cinelli Proxima - Alan super record - Colnago Altain - Giant Cadex CFR1
Allora il carro è 126 monta 5 rapporti e vorrei passare a 6.
Il mozzo è campagnolo nuovo tipo, il rapporto più piccolo tocca il telaio, ho provato a guadagnare spazio ma se entrano i 6 rapporti poi la ruota non è centrata .

So che mi spiego da cani XD

Se no oggi vado da un professionista e provo a capire.

Quindi è come pensavo...

Il fatto che, attualmente, monti 5 rapporti mi porta a pensare che tu abbia un mozzo con il corpo di quello da 120 ma con il perno di quello da 126; prova a controllare se ti trovi nelle misure con la tabella sotto (che è quella del Record da 126)
Purtroppo il corpo del mozzo da 120 era più largo di quello da 126 e, cambiando il perno, dà l'impressione di poter alloggiare una ruota libera a 6V ma in realtà proprio la larghezza maggiore del corpo fa si che il rapporto più piccolo sfreghi contro il telaio; provando a spostare il perno verso destra potresti recuperare lo spazio necessario ad alloggiare le 6V ma la campanatura della ruota andrebbe rivista ma non è detto che sia davvero realizzabile perché la flangia di destra del mozzo si sposterebbe - forse - troppo verso la mezzeria della bici ed i raggi, essendo troppo verticali, non lavorerebbero correttamente con il rischio di rompere il cerchio

L'unica strada perseguibile è quella di sostituire il mozzo con uno nativo a 126; è una operazione fattibile ma costosa, non solo per il mozzo ma perché andrebbe anche riraggiata la ruota (e forse anche sostituiti i raggi con altri di lunghezza adatta...)
Costa senz'altro meno trovare una ruota usata adatta (meglio una coppia, ant e post per avere i cerchi uguali)

Record.jpg
 
  • Mi piace
Reactions: Las

Las

Novellino
17 Agosto 2020
33
7
31
av
Bici
Bianchi
Quindi è come pensavo...

Il fatto che, attualmente, monti 5 rapporti mi porta a pensare che tu abbia un mozzo con il corpo di quello da 120 ma con il perno di quello da 126; prova a controllare se ti trovi nelle misure con la tabella sotto (che è quella del Record da 126)
Purtroppo il corpo del mozzo da 120 era più largo di quello da 126 e, cambiando il perno, dà l'impressione di poter alloggiare una ruota libera a 6V ma in realtà proprio la larghezza maggiore del corpo fa si che il rapporto più piccolo sfreghi contro il telaio; provando a spostare il perno verso destra potresti recuperare lo spazio necessario ad alloggiare le 6V ma la campanatura della ruota andrebbe rivista ma non è detto che sia davvero realizzabile perché la flangia di destra del mozzo si sposterebbe - forse - troppo verso la mezzeria della bici ed i raggi, essendo troppo verticali, non lavorerebbero correttamente con il rischio di rompere il cerchio

L'unica strada perseguibile è quella di sostituire il mozzo con uno nativo a 126; è una operazione fattibile ma costosa, non solo per il mozzo ma perché andrebbe anche riraggiata la ruota (e forse anche sostituiti i raggi con altri di lunghezza adatta...)
Costa senz'altro meno trovare una ruota usata adatta (meglio una coppia, ant e post per avere i cerchi uguali)

Vedi l'allegato 241896
Intanto grazie mille della risposta, mi aiuta anche un po' a capire.
Domani magari controllo e vedo se è fattibile, altrimenti per ora me la tengo anche così
 

eman

Novellino
15 Dicembre 2004
23
0
Quindi le tubazioni Tullio sono state adoperate da Atala, almeno nel periodo dai primi anni '70, fino al termine degli anni '80.
Posseggo anche io una Atala dell'82 (mese F), che si fregia del titolo di Campione d'Italia e del Mondo, con quelle tubazioni.
E' stata la mia prima bici 'seria', certo doveva essere proprio il modello base dei modelli corsa, ma a me, che provenivo da una Graziella, (sempre marchiata Atala), sembrava di volare.


La componentistica era la seguente:

Telaio: Tullio Extra Special
Cambio, comandi e deragliatore: Gian Robert System
Cerchi: Nisi
Cinghietti fermapiedi: Super Sport
Corpi freno: GG.80
Curva: Cycloman Rover
Guarnitura (52/42) e mozzi: CR
Paramani: Modolo
Pedali: Notario
Pignoni: 14-16-18-21-24
Pompa: Sks Super Sport
Puntapiedi: Ale Rapid
Sella: San Marco


La bici è rimasta praticamente quasi immutata, rispetto all'originale sono stati sostituiti (anni '80):

cannotto reggisella che mi si spezzò
pedali
pattini freni anteriore

e di recente

Paramani
Nastro manubrio
Cavo freno posteriore
Tubolari

20201107_155207.jpg

All'epoca, ricordo che mi chiedevo per quale oscuro motivo avessero deciso di chiamare le tubazioni 'Tullio' ed il cambio 'Gian Robert' :-P.

Comunque, tornando alle nostre tubazioni, lo spessore dovrebbe essere proprio di 1,1 mm.
Nel catalogo Atala di fine anni '80, è indicato anche il diametro dei reggisella per tutti i modelli.

Si passa dai 27.2mm per tubazioni SL (spessore 06/09mm)

ai 26.2mm per Tullio

Quindi ben 3 decimi di millimetro più spesse delle Columbus Aelle e delle SM08 (0,8) e 2 decimi di millimetro più spesse delle Columbus Zeta (0,9) destinate al cicloturismo in quel periodo.

Ho l'impressione che quelle tubazioni in realtà fossero le stesse che Atala già utilizzava per bici da passeggio/cicloturismo, su cui veniva posto il bollino ('Tullio') per darle una parvenza di qualità superiore. Potrebbe essere ?
 

Allegati

  • Columbus-tubes.pdf
    5,5 MB · Visite: 8
Ultima modifica:

Las

Novellino
17 Agosto 2020
33
7
31
av
Bici
Bianchi
Quindi le tubazioni Tullio sono state adoperate da Atala, almeno nel periodo dai primi anni '70, fino al termine degli anni '80.
Posseggo anche io una Atala dell'82 (mese F), che si fregia del titolo di Campione d'Italia e del Mondo, con quelle tubazioni.
E' stata la mia prima bici 'seria', certo doveva essere proprio il modello base dei modelli corsa, ma a me, che provenivo da una Graziella, (sempre marchiata Atala), sembrava di volare.


La componentistica era la seguente:

Telaio: Tullio Extra Special
Cambio, comandi e deragliatore: Gian Robert System
Cerchi: Nisi
Cinghietti fermapiedi: Super Sport
Corpi freno: GG.80
Curva: Cycloman Rover
Guarnitura (52/42) e mozzi: CR
Paramani: Modolo
Pedali: Notario
Pignoni: 14-16-18-21-24
Pompa: Sks Super Sport
Puntapiedi: Ale Rapid
Sella: San Marco


La bici è rimasta praticamente quasi immutata, rispetto all'originale sono stati sostituiti (anni '80):

cannotto reggisella che mi si spezzò
pedali
pattini freni anteriore

e di recente

Paramani
Nastro manubrio
Cavo freno posteriore
Tubolari

Vedi l'allegato 242726

All'epoca, ricordo che mi chiedevo per quale oscuro motivo avessero deciso di chiamare le tubazioni 'Tullio' ed il cambio 'Gian Robert' :-P.

Comunque, tornando alle nostre tubazioni, lo spessore dovrebbe essere proprio di 1,1 mm.
Nel catalogo Atala di fine anni '80, è indicato anche il diametro dei reggisella per tutti i modelli.

Si passa dai 27.2mm per tubazioni SL (spessore 06/09mm)

ai 26.2mm per Tullio

Quindi ben 3 decimi di millimetro più spesse delle Columbus Aelle e delle SM08 (0,8) e 2 decimi di millimetro più spesse delle Columbus Zeta (0,9) destinate al cicloturismo in quel periodo.

Ho l'impressione che quelle tubazioni in realtà fossero le stesse che Atala già utilizzava per bici da passeggio/cicloturismo, su cui veniva posto il bollino ('Tullio') per darle una parvenza di qualità superiore. Potrebbe essere ?
Meravigliosa !

Ma che tu sappia già all'epoca l'atala faceva le corsa GS (che mi pare essere come la tua in foto) e poi le special che dovrebbe essere quella che ho postato io e quella che ha postato Ricky?

PS. Sono riuscito a mettere su il regina oro extra a 6v e anche il deragliatore anteriore gran sport.

Devo dire che sono soddisfatto e ora mi pare discretamente montata.
 
Ultima modifica:

eman

Novellino
15 Dicembre 2004
23
0
L'indicazione del modello sul telaio, l' ho vista a partire dai modelli del 1984 (campione del mondo 82-83-84). Bisogna vedere se nel 1982 erano presenti le stesse denominazioni. Se così fosse la mia potrebbe anche essere la Olympic.

Il modello Olympic evidenziato nel link sottostante


mi sembra che abbia oltre al telaio almeno anche stesse pedivelle, pedali (i miei originali), puntapiedi e mozzi
 

Las

Novellino
17 Agosto 2020
33
7
31
av
Bici
Bianchi
Continuo il reportage giusto per rendervi partecipi degli sviluppi, magari domani carico anche due foto.

Come detto ho smontato il vecchio 5v della Everest montando il Regina extra oro a 6 v.
E fin qui bene.

Smontando ho notato che la guarnitura si era leggermente dissaldata e allora sono andato per la sostituzione con una gipiemme alleggerita, non saldata come la vecchia ma un unico pezzo, sempre 52/42 risparmiando anche diversi grammi.

Ho messo una catena nuova, original fossati tipo corsa di un bel colore oro.

A quel punto anche il deragliatore anteriore è passato da nuovo Valentino a nuovo Gran sport.

La bici è più leggera: 10kg contro i 10,2kg di prima e credo che oramai sia giunta al limite di dotazione che valga la pena metterci sopra. Il telaio, a me, piace.

L'unico sfizio, futuro potrebbe essere trovare una concor ma la corsaire è davvero comoda, oltre ad essere una sella bellina.

Domani, come detto, vi posto qualche foto.
 
Ultima modifica:

Las

Novellino
17 Agosto 2020
33
7
31
av
Bici
Bianchi
Ecco, anche la guaina sostituita, sapresti dirmi il modello della guarnitura? Non ho trovato riscontri online
 

Allegati

  • P_20201111_140829.jpg
    P_20201111_140829.jpg
    609,4 KB · Visite: 17
  • P_20201111_140844.jpg
    P_20201111_140844.jpg
    405,1 KB · Visite: 16
  • P_20201111_140851.jpg
    P_20201111_140851.jpg
    424,9 KB · Visite: 17

Cancelliere

Apprendista Velocista
24 Dicembre 2011
1.397
235
68
Firenze
Bici
Daccordi, CoppiMasciaghi, Aquila, Atala, ColnagoSport?, Montelatici
Ecco, anche la guaina sostituita, sapresti dirmi il modello della guarnitura? Non ho trovato riscontri online
sembra proprio una Gipiemme Special, per via della lavorazione raggiata delle razze
gipiemme.jpg
Sul retro delle pedivelle non c'è scritto niente?