Ciclisti over 50

ciclisti over 50


  • Votanti
    338

 

Umberto44

Pignone
22 Aprile 2009
105
183
76
Torino
Bici
Basso Zer-K, Specialized Epic, Legnano Hobo (city bike), Giant Defy Advanced Pro 1 (2019)
Scusate l'OT ma non riesco a capire come avviene la classificazione degli iscritti, tranne che per quelli recenti "Novellino" come me, ma sono registrato dal 2009.... Ho usato il cerca per capirne di più ma nada.....
 

Husqymax

Apprendista Velocista
19 Giugno 2019
1.659
2.522
60
Nebbiano Montespertoli
Bici
Bianchi Infinito CV Disc 2019
Scusate l'OT ma non riesco a capire come avviene la classificazione degli iscritti, tranne che per quelli recenti "Novellino" come me, ma sono registrato dal 2009.... Ho usato il cerca per capirne di più ma nada.....
forse dipende dai messaggi e dalle risposte pubblicate, magari anche dai Like ricevuti e dati.
 

rapportoagile

Moderatoren
20 Agosto 2008
14.408
2.461
59
Settequerce (Bolzano)
Bici
Scapin Dyapason
Scusate l'OT ma non riesco a capire come avviene la classificazione degli iscritti, tranne che per quelli recenti "Novellino" come me, ma sono registrato dal 2009.... Ho usato il cerca per capirne di più ma nada.....
Come detto da altri: numero di messaggi. Più scrivi (anche minch,,,stupidaggini), e prima "aumenti di grado". Comunque meglio rimanere "novellini" e scrivere cose sensate, o comunque di cui si ha cognizione, che voler essere sempre "protagonisti". C'é gente che interviene praticamente in tutte le discussioni, e non so come faccia. È come se entrassi in un bar e mi metto a discutere con un gruppo di persone di politica, poi vado da un altro gruppo e parlo di automobili, poi mi infilo in un altro gruppo e parlo di elettronica, e con un altro ancora di gastronomia.... insomma, diventerei quasi "fastidioso" imho
 

rapportoagile

Moderatoren
20 Agosto 2008
14.408
2.461
59
Settequerce (Bolzano)
Bici
Scapin Dyapason
Oggi, dopolavoro, partendo alle 17:00 ho fatto il Passo della Mendola, la salita più "gettonata" dai ciclisti locali. Questo per una serie di motivi:
È vicina al Bolzano (l'attacco è a una decina di kilometri); d'estate è abbastanza fresca essendo esposta ad Est, e quindi il sole tramonta prima su quel versante, è piuttosto lunga come salita (15 km, con ca. 900 m di dislivello con partenza da Appiano), ma piuttosto regolare 5-6%, con qualche strappetto al 7%. La difficoltà sta proprio nella lunghezza, ma soprattutto nel fatto che essendo la salita di allenamento per eccellenza, molti la fanno a "cronometro". Per me quei tempi sono ormai ricordi passati, e mi devo accontentare di arrivare in cima. E ultimamente pur andando piano, arrivo su "quasi-cadavere", come oggi. Non stavo bene (problemi di pancia), ma non ho voluto mollare. Risultato: io non ho superato nessuno, mentre sono stato superato da una decina di ciclisti (nettamente più giovani di me) che salivano "dandoci dentro", alla ricerca del tempone. Quasi tutti apparentemente senza troppo sforzo. Beati loro!
In cima, alle 18:45. dopo 25 km, e 1.100 m di dislivello (io abito in fondo Valle, e quindi devo aggiugere altri 200 m di dislivello), l'aria era frizzantina, per non dire fresca, ma prima di scendere ho dovuto "ripigliarmi" un po', tanto ero stanco. In genere ci metto meno tempo, e sono meno stanco, ma stavolta le non ideali condizioni fisiche hanno presentato un conto salato. Comunque, in cima ci sono arrivato.
19:15: ora di rientrare. Indosso la mantellina, ma la sosta prolungata e 14°, mi fanno battere i denti. Dopo qualche km di discesa si transita in un punto chiamato "Roccette", che è molto particolare: strada stretta, curva e controcurva, roccia perpendiclare da un lato, strapiombo dall'altro, e una vista mozzafiato!(vedi foto) roccette.jpg
Decido di fermarmi a gustarmela. E mentre sono fermo, transita salendo un gruppo "sgranato" di ciclisti attempati, tra i 50 e i 60 anni. Stanno andando a tutta, tanto che prima di vederli spuntare da dietro la curva, sentivo il loro ansimare da "locomotiva". Il terzo a transitare è uno che conosco di vista che dovrebbe avere 66 o 67 anni; sempre stato forte e ha vinto tante cronoscalate in passato. Beh, vederlo ancora darci dentro, con un respiro molto affannato e con una pedalata all'antica, cioè rapporto duro rispetto ai giovani che avevo visto prima, mi ha fatto pensare: è da invidiare per la sua grinta, o da biasimare per il suo "sfidare un infarto"? Mah.....andava sicuramente forte per la sua età, quindi chapeau!
Io, come al solito, una volta a casa, mi sono sentito "autorizzato" a recuperare le energie spese con un quartino di vino bianco buono, spaghetti al pesto, coppetta di gelato, e grappino di pino mugo, quindi tutti gli sforzi fatti, andati in.....m ona! ....ma va ben così
 
Ultima modifica:

Husqymax

Apprendista Velocista
19 Giugno 2019
1.659
2.522
60
Nebbiano Montespertoli
Bici
Bianchi Infinito CV Disc 2019
Oggi, dopolavoro, partendo alle 17:00 ho fatto il Passo della Mendola, la salita più "gettonata" dai ciclisti locali. Questo per una serie di motivi:
È vicina al Bolzano (l'attacco è a una decina di kilometri); d'estate è abbastanza fresca essendo esposta ad Est, e quindi il sole tramonta prima su quel versante, è piuttosto lunga come salita (15 km, con ca. 900 m di dislivello con partenza da Appiano), ma piuttosto regolare 5-6%, con qualche strappetto al 7%. La difficoltà sta proprio nella lunghezza, ma soprattutto nel fatto che essendo la salita di allenamento per eccellenza, molti la fanno a "cronometro". Per me quei tempi sono ormai ricordi passati, e mi devo accontentare di arrivare in cima. E ultimamente pur andando piano, arrivo su "quasi-cadavere", come oggi. Non stavo bene (problemi di pancia), ma non ho voluto mollare. Risultato: io non ho superato nessuno, mentre sono stato superato da una decina di ciclisti (nettamente più giovani di me) che salivano "dandoci dentro", alla ricerca del tempone. Quasi tutti apparentemente senza troppo sforzo. Beati loro!
In cima, alle 18:45. dopo 25 km, e 1.100 m di dislivello (io abito in fondo Valle, e quindi devo aggiugere altri 200 m di dislivello), l'aria era frizzantina, per non dire fresca, ma prima di scendere ho dovuto "ripigliarmi" un po', tanto ero stanco. In genere ci metto meno tempo, e sono meno stanco, ma stavolta le non ideali condizioni fisiche hanno presentato un conto salato. Comunque, in cima ci sono arrivato.
19:15: ora di rientrare. Indosso la mantellina, ma la sosta prolungata e 14°, mi fanno battere i denti. Dopo qualche km di discesa si transita in un punto chiamato "Roccette", che è molto particolare: strada stretta, curva e controcurva, roccia perpendiclare da un lato, strapiombo dall'altro, e una vista mozzafiato!(vedi foto) Vedi l'allegato 229398
Decido di fermarmi a gustarmela. E mentre sono fermo, transitano salendo un gruppo "sgranato" di ciclisti attempati, tra i 50 e i 60 anni. Stanno andando a tutta, tanto che prima di vederli spuntare da dietro la curva, sentivo il loro ansimare da "locomotiva". Il terzo a transitare è uno che conosco di vista che dovrebbe avere 66 o 67 anni; sempre stato forte e ha vinto tante cronoscalate in passato. Beh, vederlo ancora darci dentro, con un respiro molto affannato e con una pedalata all'antica, cioè rapporto duro rispetto ai giovani che avevo visto prima, mi ha fatto pensare: è da invidiare per la sua grinta, o da biasimare per il suo "sfidare un infarto"? Mah.....andava sicuramente forte per la sua età, quindi chapeau!
Io, come al solito, una volta a casa, mi sono sentito "autorizzato" a recuperare le energie spese con un quartino di vino bianco buono, spaghetti al pesto, coppetta di gelato, e grappino di pino mugo, quindi tutti gli sforzi fatti, andati in.....m ona! ....ma va ben così
E cosa vuoi di più dalla vita? Un lucano? ;-)
 

Husqymax

Apprendista Velocista
19 Giugno 2019
1.659
2.522
60
Nebbiano Montespertoli
Bici
Bianchi Infinito CV Disc 2019
oggi uscita di scarico, pausa pranzo, circa 80 km di pianura con fermata caffè a metà giro e gelato finale, cuore solo una volta sopra i 140, sempre tra 110 / 130, un’afa asfissiante , giornata nuvolosa, ho preso anche qualche goccia d’acqua.... peggio che mai... però si pedala, settimana scorsa meglio, vento da nord si stava benissimo, qua è cominciata la vendemmia, il bianco già conclusa, ora comincia il resto , il meglio, benvenuto al nuovo raccolto !