Come sta cambiando il ciclismo?

samuelgol

Flughafenwächter
24 Settembre 2007
43.698
18.766
Bozen
Visita sito
Bici
Canyon Ultimate SLX. Nome: Andrea
Si però nelle tappe che tanto ti annoiano il lavoro della Sky non finerebbe ai meno 3 come accade ora……...
A me non annoiano. Sono gli antiSky/Ineo/Froome/Thomas/Bernal/Wiggins che al Tour si annoiano da anni :mrgreen: . A me il Tour piace anche vedendo la selezione da dietro, ossia che cascano come ciliegie dall'albero.
….... Ma anzi, ci sarebbe da lavorare ogni giorno per evitare che il margine magari risicato possa essere vanificato dallo sprint vincente dell'uomo in fuga della squadra del secondo in classifica che come tale, se ne starebbe parimenti al coperto, rendendo la tappa inutile ai fini della GC... Tanto per dirne una.
Così si darebbe ancora più importanza alla squadra e a me non piace...come non mi piace la cronosquadre
…...
Kyato nei GT viene spremuto come un calzino nelle tappe in cui c'è da lavorare in montagna.. raramente capita che gli venga dato il via libera per farsi gli affari suoi, sia perché l'obbiettivo è la GC (per la quale non vanno sprecate energie) sia perché le uniche tappe interessanti sono quelle iconiche e lì i vari Froome e co. normalmente hanno la precedenza.
Ovvio, con l'attuale formula Kwiat fa il gregario. ma con quella che suggerisci tu, sarebbe l'uomo gìideale della Ineos per provare ad accaparrarsi quelle tappe che potrebbero dare ancor più vantaggio in classifica al suo capitano. E il Poels o Thomas di turno? Pensi che non riuscirebbero a vincere qualche tappa di montagna? Così dando ancor più vantaggio al Froome di turno. Si mettono a partire a ripetizione, e chi gli va dietro? Chi mai dovesse provarci, riporta sotto pure Froome (o Bernal) che poi parte in prima persona, quindi non ci prova nessuno e Froome (o Bernal) incassano senza manco staccare gli avversari.
 

cbr70

Scalatore
6 Giugno 2018
6.119
7.161
genova
Visita sito
Bici
Specy
non è che per caso da una parte c'è uno (o più?) squadrone superorganizzato con gregari che potrebbero fare i capitani , radioline, pm ecc. e dall'altra un organizzazione che tenti di arginare questo strapotere?
chiedo perché a me gli ultimi giri son piaciuti.
 
  • Mi piace
Reactions: Mini4wdking

faberfortunae

Scalatore
30 Settembre 2011
7.486
4.702
Modena
Visita sito
Bici
sempre una in meno...
A me non annoiano. Sono gli antiSky/Ineo/Froome/Thomas/Bernal/Wiggins che al Tour si annoiano da anni :mrgreen: . A me il Tour piace anche vedendo la selezione da dietro, ossia che cascano come ciliegie dall'albero.
Così si darebbe ancora più importanza alla squadra e a me non piace...come non mi piace la cronosquadre
Ovvio, con l'attuale formula Kwiat fa il gregario. ma con quella che suggerisci tu, sarebbe l'uomo gìideale della Ineos per provare ad accaparrarsi quelle tappe che potrebbero dare ancor più vantaggio in classifica al suo capitano. E il Poels o Thomas di turno? Pensi che non riuscirebbero a vincere qualche tappa di montagna? Così dando ancor più vantaggio al Froome di turno. Si mettono a partire a ripetizione, e chi gli va dietro? Chi mai dovesse provarci, riporta sotto pure Froome (o Bernal) che poi parte in prima persona, quindi non ci prova nessuno e Froome (o Bernal) incassano senza manco staccare gli avversari.
spettacolo!!!
Kwiato che attacca o che risponde a Gilbert nei vallonati e si vanno a giocare la tappa tentando di regalare il bonus al proprio capitano... con i vari Benot, Van Avermaet (tanto per fare i primi due nomi) e co. che finalmente non vengono solo a fare da muli ma per tentare di vincere la tappe, siccome può portare vantaggio anche in ottica GC. il gruppo che esita ma poi si organizza anche perché il rischio di far naufragare il proprio capitano a forza di restare in attesa anche nelle tappe che oggi sono insignificanti diventa concreto... dai ogni tappa sarebbe un mondiale e finalmente non ci troveremmo costretti ad aspettare vento o montagne.
anche a me la selezione in salita piace, ma è uno spartito che può essere suonato 6/7 giorni su 21... pochini. Molto meglio ravvivare anche le altre tappe (in modo da costringere i montanari veri ad inventarsi la corsa sul loro terreno e non ad aspettare sempre)
 

faberfortunae

Scalatore
30 Settembre 2011
7.486
4.702
Modena
Visita sito
Bici
sempre una in meno...
non è che per caso da una parte c'è uno (o più?) squadrone superorganizzato con gregari che potrebbero fare i capitani , radioline, pm ecc. e dall'altra un organizzazione che tenti di arginare questo strapotere?
chiedo perché a me gli ultimi giri son piaciuti.
se consentissi di spalmare abbuoni sui "capitani" (per regolamento ovviamente il primo in GC) come premio per la vittoria di tappa di uno della squadra, si potrebbero rendere i giochi molto più aperti... una Bardiani al Giro diventerebbe una squadrina da marcare bene, ad esempio.
 

jan80

Ammiraglia
3 Marzo 2008
17.445
7.071
bassano del grappa
Visita sito
Bici
Colnago
spettacolo!!!
Kwiato che attacca o che risponde a Gilbert nei vallonati e si vanno a giocare la tappa tentando di regalare il bonus al proprio capitano... con i vari Benot, Van Avermaet (tanto per fare i primi due nomi) e co. che finalmente non vengono solo a fare da muli ma per tentare di vincere la tappe, siccome può portare vantaggio anche in ottica GC. il gruppo che esita ma poi si organizza anche perché il rischio di far naufragare il proprio capitano a forza di restare in attesa anche nelle tappe che oggi sono insignificanti diventa concreto... dai ogni tappa sarebbe un mondiale e finalmente non ci troveremmo costretti ad aspettare vento o montagne.
anche a me la selezione in salita piace, ma è uno spartito che può essere suonato 6/7 giorni su 21... pochini. Molto meglio ravvivare anche le altre tappe (in modo da costringere i montanari veri ad inventarsi la corsa sul loro terreno e non ad aspettare sempre)
questo non sarebbe sport individuale ma sport di squadra.......praticamente lo vogliamo far diventare calcio??anche no
 

fabiopon

Maglia Rosa
19 Novembre 2009
9.864
8.402
60
Genova
Visita sito
Bici
Specialized Roubaix SL2 + Olmo Zeffiro VCT + Rockraider 5.1
Le crono sono state ridotte perché creano troppo distacco cronometrico tra gli atleti, molto più di una salita.
Questo uccide la suspense televisiva, l'annuncio enfatico con musica di trombe della tappa successiva come "l'ultima battaglia possibile" che piace tanto al popolo sportivo medio (televisivo-da-bar naturalmente) e che fa audience...e quindi dati di ascolto e quindi pubblicità e quindi fasce orarie e bla bla tutte le cose che sappiamo già...
E il ciclismo eroico scordatevelo, è oramai buono a malapena per la promozione di qualche libro o degli "attesissimi" amarcord di Beppe Conti.
 

Ser pecora

Diretur
Membro dello Staff
16 Aprile 2004
23.594
25.860
98
dove capita
Visita sito
non è che per caso da una parte c'è uno (o più?) squadrone superorganizzato con gregari che potrebbero fare i capitani , radioline, pm ecc. e dall'altra un organizzazione che tenti di arginare questo strapotere?
chiedo perché a me gli ultimi giri son piaciuti.

Proviamo a pensare a Merckx...nel 1971 ha vinto il 45% delle corse a cui ha partecipato...tra cui Sanremo, Liegi, Lombardia, Tour e mondiale.
Noioso? Tutti a pensare di cambiare i percorsi?
 

jan80

Ammiraglia
3 Marzo 2008
17.445
7.071
bassano del grappa
Visita sito
Bici
Colnago
A parte il fatto che il ciclismo moderno è già uno sport di squadra.. poi non vedo cosa c'entri il calcio.
non e' uno sport di squadra ma individuale,al max i compagni servono ad aiutarti......per capirci portati da bere e mangiare,aiutare a rientrare se hai qualche problema.....cerchiamo di non pensare cose assurde....come la griglia nella minitappa da 65km di montagna al tour che faceva solo ridere
 

cbr70

Scalatore
6 Giugno 2018
6.119
7.161
genova
Visita sito
Bici
Specy
Proviamo a pensare a Merckx...nel 1971 ha vinto il 45% delle corse a cui ha partecipato...tra cui Sanremo, Liegi, Lombardia, Tour e mondiale.
Noioso? Tutti a pensare di cambiare i percorsi?
certo che no (pensare di cambiare percorsi)
però se la memoria non mi inganna, ai tempi di induran qualche protesta sulla lunghezza delle crono ci fu. ( anzi mi sembra ci siano sempre state polemiche da chi si sentisse sfavorito)

però io supponevo più un braccio di ferro tra l'organizzazione e la ineos più che un corridore in particolare.
perchè la squadra ineos se lasciata fare è quasi imbattibile, bisogna isolarli o dico una scemata? non sono così espeto e colto :(
 

Ser pecora

Diretur
Membro dello Staff
16 Aprile 2004
23.594
25.860
98
dove capita
Visita sito
Altri tempi, altri regolamenti, altri ciclisti. Oggi o levi radioline e PM oppure puoi dormire per l'80% della corsa.

Secondo me se levi i PM cambia zero. Non è che i corridori son scemi e gli serve il numerino davanti per fare le cose. Persino un amatore che lo usa da un po' sa approssimativamente se si trova in Z5 o Z6. E se lo sa sa anche quanta "autonomia" ha per tenerla.
E lo sapevano anche i corridori pre anni '80 secondo me. Poi con l'EPO tutto è saltato e dipendeva da quanta benzina avevi fatto (che none ra uguale per tutti, con buonapace di chi continua a ripeterlo).

Per tornare ad un ciclismo pre-powermeter non bisognerebbe togliere i PM, ma che si potesse ignorare i principi su cui si basano, e che invece ormai sono conosciuti e condivisi da tutti. E non si può far finta di non sapere (o si, ma per interesse e/o malafede, ma non sarebbe il caso).
 
  • Mi piace
Reactions: mikimetal91

Ser pecora

Diretur
Membro dello Staff
16 Aprile 2004
23.594
25.860
98
dove capita
Visita sito
certo che no (pensare di cambiare percorsi)
però se la memoria non mi inganna, ai tempi di induran qualche protesta sulla lunghezza delle crono ci fu. ( anzi mi sembra ci siano sempre state polemiche da chi si sentisse sfavorito)

però io supponevo più un braccio di ferro tra l'organizzazione e la ineos più che un corridore in particolare.
perchè la squadra ineos se lasciata fare è quasi imbattibile, bisogna isolarli o dico una scemata? non sono così espeto e colto :(

Che ci siano le proteste, più o meno giuste, a me sta bene. Ovvio che se sono uno scalatore non vorrei le crono di 100km.
Il mio discorso verte più sull'opportunità o meno delle organizzazioni di intervenire attivamente per "piegare" il ciclismo ai loro interessi snaturandone alcune caratteristiche. Tipo eliminare le crono o boicottare gli sprinter. Per la cronaca, ai tempi eroici, nemmeno esisteva il conetto di sprinter...e le tappe da velocisti mi annoiano a morte, ma trovo ingiusto toglierle. Come trovo sciocco pensare che sole tappe di salita siano per forza più spettacolari.

Sulla questione degli squadroni è un altro discorso. In linea di massima per intervenire in quel contesto potrei pensare piuttosto ad un tetto salariale che non fare tappe da sprinter con 3000mt...
 
  • Mi piace
Reactions: cbr70

jan80

Ammiraglia
3 Marzo 2008
17.445
7.071
bassano del grappa
Visita sito
Bici
Colnago
Secondo me se levi i PM cambia zero. Non è che i corridori son scemi e gli serve il numerino davanti per fare le cose. Persino un amatore che lo usa da un po' sa approssimativamente se si trova in Z5 o Z6. E se lo sa sa anche quanta "autonomia" ha per tenerla.
E lo sapevano anche i corridori pre anni '80 secondo me. Poi con l'EPO tutto è saltato e dipendeva da quanta benzina avevi fatto (che none ra uguale per tutti, con buonapace di chi continua a ripeterlo).

Per tornare ad un ciclismo pre-powermeter non bisognerebbe togliere i PM, ma che si potesse ignorare i principi su cui si basano, e che invece ormai sono conosciuti e condivisi da tutti. E non si può far finta di non sapere (o si, ma per interesse e/o malafede, ma non sarebbe il caso).
nuovi strumenti aiutano,ma fin la,perche' appunto tutti noi e ancor di piu' prof conosciamo il proprio motore....non e' solo questione di Watt.....se non sei in giornata e mediamente poi fare 300watt come FTP non e' detto che in quella giornata puoi tenerli facilmente,anzi potrebbe anche essere piu' pericoloso volerli tenere e saltare ancora di piu'......credo che la cosa fondamntale sia conoscersi bene soprattutto senza strumento
 

faberfortunae

Scalatore
30 Settembre 2011
7.486
4.702
Modena
Visita sito
Bici
sempre una in meno...
non e' uno sport di squadra ma individuale,al max i compagni servono ad aiutarti......per capirci portati da bere e mangiare,aiutare a rientrare se hai qualche problema.....cerchiamo di non pensare cose assurde....come la griglia nella minitappa da 65km di montagna al tour che faceva solo ridere


Ho sempre saputo (e pensato) che il ciclismo agonistico (perché di questo stiamo parlando) fosse uno sport di squadra... non si finisce mai di imparare.
 

Ser pecora

Diretur
Membro dello Staff
16 Aprile 2004
23.594
25.860
98
dove capita
Visita sito
nuovi strumenti aiutano,ma fin la,perche' appunto tutti noi e ancor di piu' prof conosciamo il proprio motore....non e' solo questione di Watt.....se non sei in giornata e mediamente poi fare 300watt come FTP non e' detto che in quella giornata puoi tenerli facilmente,anzi potrebbe anche essere piu' pericoloso volerli tenere e saltare ancora di piu'......credo che la cosa fondamntale sia conoscersi bene soprattutto senza strumento

Se li usi in allenamento impari "a conscerti" piuttosto bene. Certo, poi quando sei, senza, non al mm come con 10 campi del Garmin visualizzati, ma direi piuttosto bene.
Cosa si fa? li si proibisce anche in allenamento? Come? E siamo sicuri che allora tutti partano all'attacco come kamikaze senza cervello?

Secondo me questi discorsi anti-powermeter lasciano il tempo che trovano. Diverso potrebbe essere per le radio, con cui si re-introdurrebbe un tot di imprevisti, con cui magari, qualche volta, non vincerebbe il più forte, ma il più sveglio/attento.
 
  • Mi piace
Reactions: golias and cbr70

jan80

Ammiraglia
3 Marzo 2008
17.445
7.071
bassano del grappa
Visita sito
Bici
Colnago
Se li usi in allenamento impari "a conscerti" piuttosto bene. Certo, poi quando sei, senza, non al mm come con 10 campi del Garmin visualizzati, ma direi piuttosto bene.
Cosa si fa? li si proibisce anche in allenamento? Come? E siamo sicuri che allora tutti partano all'attacco come kamikaze senza cervello?

Secondo me questi discorsi anti-powermeter lasciano il tempo che trovano. Diverso potrebbe essere per le radio, con cui si re-introdurrebbe un tot di imprevisti, con cui magari, qualche volta, non vincerebbe il più forte, ma il più sveglio/attento.
ecco servono proprio in allenamento.......quello dicevo......in gara servono a poco o nulla....perche' ripeto chi piu' chi meno( parlo di gente che va in bicicletta,non gente da meno di 10000km annui) il suo motore lo conosce
 

bomberos

Apprendista Cronoman
27 Settembre 2010
2.714
1.203
Passo di Viamaggio
Visita sito
Bici
ce l'ho! addirittura piu' di una...
Saro' un nostalgico ma a me il ciclismo dei bei tempi andati manca e parecchio,sara' che ho cominciato da bambino con maglia e pantalni di lana ma il ciclismo di Gimondi e Merckx ,Moser Saronni,Bugno Indurain Lemond Hinault e Fignon fino a Pantani.. non e' piu' lo stesso a me dispiace...per spettacolarizzare le corse ci vogliono i campioni e loro lo erano(doping o non doping) e cmq i grandi giri cercando di fare spettacolo sono diventati di una noia mortale...anche se ci sono 3 salite tutto si risolve nell'ultimo km con uno scattino...l'ultimo giro degno di nota e' stato quello dove ha vinto Froome,il tour e' di una noia mortale nemmeno l'Alpe d'huex riesce a smuovere qualcosa...le crono nei GT ci sono sempre state a volte troooooppe lunghe e' verissimo ma passare da tappe di 80 km a 50 km in tutto il giro mi sembra francamente al limite del ridicolo...Le vere grandi corse cioe' le classiche hanno sempre successo perche' non si snaturano sono fedeli,con pochi accorgimenti,ai percorsi originali(a me per esempio l'arrivo della liegi di quest'anno non e' piaciuto) purtoppo oggi per i soldi si sono venduti il fascino buon per i corridori(pochi) che ne prendono i vantaggi ma facendo cosi saremo sempre piu' destinati a vedere le corse in tv con ZERO pubblico sulle strade!!! io stavo ore ad aspettare il passaggio dei corridori sentire il fruscio dei tubolari sull'asfalto non aveva paragoni...mi ricordo un campionati italiano vinto da Saronni ad Arezzo dove c'era talmente tanta gente che mi sono dovuto arrampicare su di un albero per vedere i ciclisti....ripeto saro' nostalgico ma per chi ha vissuto quel ciclismo quello di oggi e' veramente palloso!!!
 

Ser pecora

Diretur
Membro dello Staff
16 Aprile 2004
23.594
25.860
98
dove capita
Visita sito
ecco servono proprio in allenamento.......quello dicevo......in gara servono a poco o nulla....perche' ripeto chi piu' chi meno( parlo di gente che va in bicicletta,non gente da meno di 10000km annui) il suo motore lo conosce

Li usano anche in gara, ma che sia il PM a dirti "vai", "ora no", "un po' di più", "si, ok, bene", come pensano alcuni, è una caricatura.