Storia La caduta di Roger Rivière

Mardot

Velocista
25 Febbraio 2008
4.828
726
Bici
Mia
Si, dilettante è più corretto in italiano, anche se in Francia "amateur" non identifica solo gli U23, ma tutti i non-pro tesserati. Cioè non si riferisce ai granfondisti come in Italia.
Credo che in Italia si possano definire amatori tutti i tesserati non professionisti (quindi non solo i granfondisti ma anche quelli che gareggiano in circuito ecc...). Discorso a parte x gli under23 che sono i vecchi dilettanti.
O sbaglio?
 

Ser pecora

Diretur
Membro dello Staff
16 Aprile 2004
16.451
4.932
95
dove capita
Credo che in Italia si possano definire amatori tutti i tesserati non professionisti (quindi non solo i granfondisti ma anche quelli che gareggiano in circuito ecc...). Discorso a parte x gli under23 che sono i vecchi dilettanti.
O sbaglio?

In Francia (anche in altri paesi è simile) uno che si tessera alla federazione entra nella categoria "amateur", che però è suddivisa in D3, D2, D1, 3, 2, 1. La cat.1 sono gli U23/elite.
Se sei forte abbastanza puoi competere contro gli U23 anche a 60 anni in teoria. In Italia non mi pare che ci sia lo stesso sistema. Mi pare più che ci riferisca agli "amatori" come ai granfondisti o quelli tesserati Udace.
Ma potrei sbagliare.
Ad ogni modo, per rendere l'idea, nell'articolo era in effetti più corretto chiamare i campionati "dilettanti" e non amatori. Perché all'epoca era chiaro che ci si riferiva proprio ai dilettanti che oggi sono gli U23.
 

Alberto Baraldi

Apprendista Passista
16 Settembre 2014
988
688
Modena
Bici
Argon 18 Gallium
Saint-Raphael è un aperitivo francese: https://www.straphael.fr

Rapha (pronunciato con l'accento sulla à) è il diminutivo che poi è stato dato ad una squadra filiale della stessa, con il co-sponsor Geminiani (gem).
io pensavo derivasse dal nome di Raphael Geminiani...
Era una coincidenza/furbata, dato che Geminiani era il DS della squadra. Furbata perché il diminutivo era stato pensato per raggirare il divieto al Tour di avere sponsor di alcolici.
che furboni... ed immagino che nel francese colloquiale, da bar, dire 'Rapha' era sottointeso l'amaro, così come oggi un 'Calvà' si riferisce al Calvados.
Grazie, ecco la conferma dal sito Rapha: