Visita a Bianchi

Ser pecora

Diretur
Membro dello Staff
16 Aprile 2004
16.422
4.882
95
dove capita
125 anni fa inizio' tutto da qui



In via Nirone 7, a Milano. In questo stabile in ristrutturazione nel centro "chic" di Milano, che da molti anni è stato adibito a scuola tecnica statale e fa parte del complesso del museo archeologico del capoluogo lombardo.

Fu questo signore che inizio' in un piccolo negozietto a questo indirizzo:



Edoardo Bianchi. L'uomo che fondo' quella che in breve tempo diventerà una delle prime industrie di produzione di biciclette in Italia, e poi di motociclette, automobili (Autobianchi) e mezzi militari, blindati compresi.

Già da prima della 2^guerra le biciclette Bianchi erano costruite in vari stabilimenti sparsi per Milano, alcuni dei quali in quello che ora è il centro storico regno della moda.
Sono passati moltissimi anni, molte vicissitudini, cambi di proprietà e da molti anni lo stabilimento principale è stato spostato in provincia di Bergamo, a Treviglio



Oggi è questo lo stabilimento "storico" della Bianchi.
-La più anziana ditta costruttrice di biciclette in attività-
In questo stabilimento, di dimensioni veramente enormi, nell'epoca "d'oro" si costruivano e uscivano circa 2000 biciclette al giorno (!).
Biciclette di tutti i tipi. Perchè la vocazione della Bianchi è sempre stata quella di fare biciclette di tutti i tipi e per tutte le utenze: da quelle da bambino fino alle specialissime per i Tour de France
E cosi' è ancora oggi.



Oggi la Bianchi fa parte di un gruppo industriale enorme, uno dei più grandi nel settore ciclo, il quale comprende molti marchi diversi, tra cui una "nemica" storica, la Legnano di Bartali: http://www.cycleurope.com/index.html
La proprietà del gruppo è svedese. Come una delle guide della mia visita, il gentile (e fortissimo pedalatore) Lars.
Le biciclette Bianchi (e quelle degli altri marchi del gruppo) vengono oggi fabbricate fisicamente in 3 stabilimenti: 2 di proprietà del gruppo ed uno di un fornitore. La bassa e media gamma viene prodotta in Francia, mentre l'alta gamma in carbonio a Taiwan (questo dovrebbe far riflettere chi crede ancora che si delocalizzi certa produzione in oriente solo per contenere i costi...).
E nello stabilimento di Treviglio?
Oltre che gli stock di bici da distribuire ai negozianti, vi è la sede del famoso Reparto Corse.
Ovvero qui vengono costruiti e verniciati i telai su-misura in acciaio, alluminio e titanio (eggià ;-))











e vengono assemblate le bici di alta gamma.





Vengono anche forniti servizi "particolari" come il restauro e la riverniciatura delle vecchie glorie celesti.
Sono molti infatti i clienti che mandano qui le vecchie biciclette (o quelle nuove un po' graffiate) a cui sono affezionati per dargli una rinfrescata, farle riverniciare nel celebre celeste o trovare le decals adatte.



In particolare il montaggio dell'alto di gamma viene curato attentamente con l'utilizzo di componentistica dedicata "aftermarket" per dare da subito alle bici quel tocco di "tuning" molto apprezzato dagli appassionati; come guaine e copricomandi in tinta o la viteria in titanio anodizzato



Altro settore che si trova nello stabilimento di Treviglio è il cosidetto "laboratorio tecnologico", ovvero una sala in cui si trovano le macchine per i test d'impatto e di fatica per le omologazioni, ed i test a campione della produzione o per lo sviluppo dei nuovi prodotti





In questo laboratorio si trovano pero' anche una macchina dedicata ai test sulle ruote ed un vecchio mobile in cui vengono conservati gli attrezzi per gli standard presenti e passati





A qualche metro di distanza si trova il laboratorio di biomeccanica, necessario per fornire il "su-misura". Regno del signor Giacomo: 52 anni di esperienza nel settore. L'uomo che ha messo in sella tutti i campioni e non che hanno cavalcato Bianchi in questo lasso di tempo; da Bugno a Pantani passando per Ullrich. Una persona che potrebbe riempire un volume di aneddoti sul tema :-)



Scendendo al grande piano seminterrato si entra invece nel reparto ricerca e sviluppo.
Qui vengono concepiti e sviluppati tutti i prodotti del marchio.
Grandi lavagne sulle mura a scandire il piano dei lavori, le idee da sviluppare; componentistica di tutti i tipi sulle mensole per valutare compatibilità, accostamenti cromatici, etc.. e grandi monitor sui cui girano i programmi CAD su cui lavorano gli ingegneri per sviluppare i telai e le bici nel complesso.

Particolarmente interessante per capire in cosa consista la "ricerca e sviluppo" è una speciale "stampante 3D" collegata ai pc



Questa macchina assomigliante ad un distributore di caffè, in realtà consente di realizzare fisicamente i pezzi progettati al computer.

Nei due slot in basso vengono inserite delle tavolette di plastica, su cui viene fatto colare un filo di resina fusa (quello blu in alto sul tavolo che potete vedere in foto) millimetro per millimetro fino a comporre il pezzo finito



In questo modo i progettisti in breve tempo possono avere in mano i pezzi singoli che compongono il telaio o il telaio intero e provare su di esso, realmente, i componenti che vi saranno montati.
Questa resina non è abbastanza solida per permettere di creare un telaio che possa sopportare il peso di un ciclista o un uso "pedalato", ma è abbastanza robusta da permettere il montaggio dei componenti reali. In questo modo si possono verificare passaggi cavi, adattatori, compatibilità dimensionali dei componenti o la loro ergonomia



Molta strada è stata evidentemente fatta in 125 anni partendo da quel piccolo negozietto in via Nirone 7.
E probabilmente ancora di più ne è stata fatta in sella alle bici uscite in 125 anni dai vari stabilimenti Bianchi.
Una lunga corsa che continua :-)
 

 

powermeter

Apprendista Velocista
7 Giugno 2004
1.479
14
Napoli
Bici
Colnago EC, Colnago Chic, De Rosa Giro d'Italia, De Rosa Planet
Bel servizio Ser!

Le biciclette Bianchi (e quelle degli altri marchi del gruppo) vengono oggi fabbricate fisicamente in 3 stabilimenti: 2 di proprietà del gruppo ed uno di un fornitore. La bassa e media gamma viene prodotta in Francia, mentre l'alta gamma in carbonio a Taiwan (questo dovrebbe far riflettere chi crede ancora che si delocalizzi certa produzione in oriente solo per contenere i costi...).


Riflettere? ;nonzo%;nonzo%
 

natostanco

Cronoman
5 Dicembre 2009
713
16
49
Brianza,più o meno!
Bici
Bianchi Oltre
Bel servizio Ser!

Le biciclette Bianchi (e quelle degli altri marchi del gruppo) vengono oggi fabbricate fisicamente in 3 stabilimenti: 2 di proprietà del gruppo ed uno di un fornitore. La bassa e media gamma viene prodotta in Francia, mentre l'alta gamma in carbonio a Taiwan (questo dovrebbe far riflettere chi crede ancora che si delocalizzi certa produzione in oriente solo per contenere i costi...).


Riflettere? ;nonzo%;nonzo%
Riflettere nel senso che indubbiamente la mano d'opera costa di più in Francia,eppure qui si manda la produzione più economica sul mercato.
L'alta gamma in Taiwan poichè la qualità nella produzione sarà maggiore.
Almeno credo.
Comunque di Italiano non gli è rimasto molto mi sembra,solo l'ultimo passaggio della produzione ma neanche la propietà,che triste!
 
  • Like
Reactions: evolux

powermeter

Apprendista Velocista
7 Giugno 2004
1.479
14
Napoli
Bici
Colnago EC, Colnago Chic, De Rosa Giro d'Italia, De Rosa Planet
Già...bassa gamma in europa, alta gamma a Taiwan...

Grazie

o-o

Non mi vorrei avventurare in inutili polemiche ma cosa dovrebbe significare? che con un po d'impegno e buona volontà anche in europa possono mantenere i costi? dimenticavo stiamo parlando dell' italia.
 
  • Like
Reactions: evolux

babboteo

Novellino
18 Giugno 2009
10
0
Ancona
Bici
TREK EMONDA SLR7 DISC
è davvero triste che di italiano sia rimasto poco, ma di italiano la bianchi ha qualcosa che altri non hanno...la storia!
 

Ser pecora

Diretur
Membro dello Staff
16 Aprile 2004
16.422
4.882
95
dove capita
Non mi vorrei avventurare in inutili polemiche ma cosa dovrebbe significare? che con un po d'impegno e buona volontà anche in europa possono mantenere i costi? dimenticavo stiamo parlando dell' italia.
No, più probabilmente che certa tecnologia, piaccia o non piaccia ormai è appannaggio orientale. In particolare per i monoscocca. Persino Airbus e Boeing usano fornitori taiwanesi per il composito dei loro aerei.
Poi se vogliamo tirar in ballo le soite due ditte italiane fallite da anni andiamo avanti pure...:-)

Ma non hanno anche degli stabilimenti in turchia?
Che aria tira dopo l'ulteriore spostamento di produzione in francia?
Bianchi Usa e Bianchi Turchia sono altre ditte. Usano il nome, etc...ma sono indipendenti.
 
  • Like
Reactions: pantera

Gao

Apprendista Passista
2 Settembre 2008
1.073
77
Luino - Varese
bel servizio, come sempre.
eviterei la solita tiritera made in italy / far east / near europe...
mi ha colpito la stampante 3d, mai vista... credo davvero che se ne avessi vista una avrei cercato la fessura per le monetine :mrgreen:
non produrranno più in italia, e non può che dispiacermi, ma almeno il cuore, ovvero la progettazione e lo sviluppo sono ancora a treviglio.
 

powermeter

Apprendista Velocista
7 Giugno 2004
1.479
14
Napoli
Bici
Colnago EC, Colnago Chic, De Rosa Giro d'Italia, De Rosa Planet
No, più probabilmente che certa tecnologia, piaccia o non piaccia ormai è appannaggio orientale. In particolare per i monoscocca. Persino Airbus e Boeing usano fornitori taiwanesi per il composito dei loro aerei.
Poi se vogliamo tirar in ballo le soite due ditte italiane fallite da anni andiamo avanti pure...:-)

Bianchi Usa e Bianchi Turchia sono altre ditte. Usano il nome, etc...ma sono indipendenti.
Ser è ovvio che dopo questa liberalizzazione selvaggia delle tariffe, le società si sono viste costrette a risparmiare pure sul parco macchine, e cosi boing e airbus sono costrette a loro volta ad' andare dove possono contenere i prezzi. poi la vogliamo vendere come tecnologia passi pure.
 

NIKOGEO

Apprendista Cronoman
13 Settembre 2008
3.235
18
33
Desenzano del Garda
Bici
..........
Mitico Ser Pecora............anche stavolta hai saputo farci vedere un'altro "mondo" come mi piace definirli, e sopratutto come dicevi che certi pregiudizi ormai devono esser eliminati!
 

Il Dott

Apprendista Scalatore
4 Agosto 2009
2.469
127
Milano
Bici
bella
Perchè non fare anche la bassa gamma la allora? Soprattutto considerato il fatto che come numero di pezzi il volume è maggiore nella bassa gamma che non in quella alta.
Beh questo può non voler dire nulla...
ci sono i sindacati, politici, qualche volta la tradizione
da rispettare...
Io credo che non si riesca ad identificare un criterio
molto logico nelle scelte economico/politico di
queste grandi aziende!!
 

Tizlook

Moderator BdcTeam
9 Dicembre 2008
8.232
659
Milano/Varese
Bici
Focus Izalco, Bianchi Nirone, Mtb Radon 29r
SerPecora ma quando parli di top di gamma che fanno in taiwan intendi la Oltre, la 928IASP e la infinito, tutti i modelli in carbonio (centostrade, Sempre, carbontech) o tutte le bdc RC (anche in alu)?
 

powermeter

Apprendista Velocista
7 Giugno 2004
1.479
14
Napoli
Bici
Colnago EC, Colnago Chic, De Rosa Giro d'Italia, De Rosa Planet
Perchè non fare anche la bassa gamma la allora? Soprattutto considerato il fatto che come numero di pezzi il volume è maggiore nella bassa gamma che non in quella alta.
Scarsità delle materie prime per la produzione della bassa gamma, trasporti costosi causa peso, mancanza di incentivi vedi fondi cee ecc. ecc.
In linea teorica una bici da bambino costerebbe quasi come un telaio in carbonio.