Chiudi
Questo sito utilizza cookies. Chiudendo questa finestra acconsenti all'utilizzo dei cookies e approvi la nostra informativa sulla privacy.

L'allenamento in quota: miti e realtà

Discussione in 'Magazine' iniziata da marco, 3 Dicembre 2018.

  1. Ser pecora

    Ser pecora Diretur
    BDC Staff

    Registrato:
    16 Aprile 2004
    Messaggi:
    13.578
    Mi Piace Ricevuti:
    1.071
  2. Maxfire

    Maxfire Apprendista Velocista

    Registrato:
    21 Settembre 2012
    Messaggi:
    1.349
    Mi Piace Ricevuti:
    94
    Mi e piaciuto l approccio metodologico per arrivare a dire che non ha riscontro scientifico l allenamento in altura, come penso molti aspetti sulla fisiologia ancora si ha una coscienza approssimativa e da qui i diversi metodi di allenamento, in accordo con l articolo quello che da benefici ad uno non e detto che possa essere utile ad un altro atleta.
     
  3. bianco222

    bianco222 Apprendista Cronoman

    Registrato:
    24 Giugno 2013
    Messaggi:
    3.072
    Mi Piace Ricevuti:
    420
    Porto la mia esperienza personale che, in quanto tale, è personale e quindi soggettiva e per nulla scientifica.
    Io viaggio molto per lavoro e spesso in zone in quota (soprattutto in America del sud dove diverse città sono a 3.000 m). Cerco di allenarmi sempre, di solito sfruttando le palestre e quindi le spin-bike per fare poi qualche giro più lungo nei fine settimana. La mia esperienza è:
    1. I primi giorni in quota la bici non la si muove. Non si va avanti. Questo è proporzionale alla quota. A Città del Messico (2300 m) noto un calo del 15-20% (che però va tarato col fatto che uso una bici diversa e magari anche il PM è tarato diversamente). Mi è capitato in Perù di allenarmi a 4300m. Lì il calo era di quasi il 50%.
    2. Dopo qualche giorno le cose migliorano. Non si raggiunge mai il livello di casa (la mia è al livello del mare) ma si va meglio. Se non altro a livello di sensazioni (sparisce il vero e proprio dolore ai polmoni).
    3. Quando si torna al livello del mare non si va una cippa per qualche giorno. I primi giorni sono davvero tremendi, anche lì un calo del 15-20% rispetto al "prima".
    4. Dopo qualche giorno si migliora nettamente. Difficile dire se poi si vada più forte di prima. Alle volte ho avuto la sensazione di sì. Qualche W in più rispetto al prima del soggiorno lo ho notato. Però è molto la sensazione. Nella settimana successiva al rientro al livello del mare i progressi sono enormi (vedi punto 3, appena tornati non si va nulla) e quindi si ha la sensazione di volare dopo un po'.
     
  4. msmtrt1

    msmtrt1 Maglia Rosa

    Registrato:
    16 Agosto 2013
    Messaggi:
    9.953
    Mi Piace Ricevuti:
    2.279
    Beh, come unica fonte cita una pubblicazione del 2005... magari da allora qualche passo avanti è stato fatto... ;)
     
  5. Ser pecora

    Ser pecora Diretur
    BDC Staff

    Registrato:
    16 Aprile 2004
    Messaggi:
    13.578
    Mi Piace Ricevuti:
    1.071
    Veramente cito un articolo di Christian Vaast, apparso nella Revue Mensuelle della FFCT di quest'anno.
    E comunque non è vero che l'articolo dice che non ci sono benefici riconosciuti...dice che non ci sono identici benefici per tutti (cosi come l'assumere EPO tutto sommato), in particolare una volta tornati a livello del mare, e che ci sono circa due settimane in cui la forma è altalenante, e non precisamente definita/definibile.
     
  6. msmtrt1

    msmtrt1 Maglia Rosa

    Registrato:
    16 Agosto 2013
    Messaggi:
    9.953
    Mi Piace Ricevuti:
    2.279
    Bibliografia: Frédéric Grappe, Cyclisme et optimisation de la performance, Ėditions De Boeck, 2005



    Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
     
  7. martintino

    martintino Novellino

    Registrato:
    28 Luglio 2014
    Messaggi:
    1
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    Riporto dall'articolo: "Riposta ematologica: la fabbricazione di globuli rossi (eritropoiesi) è stimolata dall’aumento della secrezione di eritropietina (EPO). Ne risulta un aumento della capacità di trasporto dell’ossigeno. Si può considerare un aumento del 1% di emoglobina a settimana con un soggiorno a 2000mt di altitudine."

    Siamo sicuri di questi valori? non stiamo mischiando mele con pere?
    1% di aumento di emoglobina in un adulto normale diciamo con valore di 14 g/dL , passerebbe a 14,14 g/dL, nemmeno statisticamente significativo...
    Forse si intende un aumento di 1 punto percentuale di ematocrito ( valori normali nell'uomo 39-49%) e non di emoglobina!!!
    La letteratura scientifica, quella vera dice altro.
     
  8. Ser pecora

    Ser pecora Diretur
    BDC Staff

    Registrato:
    16 Aprile 2004
    Messaggi:
    13.578
    Mi Piace Ricevuti:
    1.071
    Un altro adattamento è la riduzione del volume plasmatico, per cui aumenta la concentrazione di emoglobina, aumentando il trasporto di ossigeno per volume dato.

    Poi non sono un esperto e riporto quanto letto, senza pretese di scientificità "di alto livello". Se qualcuno ha le competenze si palesi pure, saremo lieti di dare spazio o-o
     
  9. msmtrt1

    msmtrt1 Maglia Rosa

    Registrato:
    16 Agosto 2013
    Messaggi:
    9.953
    Mi Piace Ricevuti:
    2.279
    Beh, mi pare che quanto evidenziato da @martintino sia sufficientemente palese


    Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
     

Condividi questa Pagina