automobilisti Vs ciclisti (ancora)

Vi sentite meno sicuri ogni volta che uscite in bici rispetto al passato?

  • Si

    Voti: 377 77,7%
  • No

    Voti: 108 22,3%

  • Votanti
    485
Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.

golias

Scalatore
28 Marzo 2018
7.996
3.711
.
Bici
mia
Dimostrare nulla. Semplicemente constatare come quando si passa da una parte all'altra della barricata "casualmente" cambiano gli atteggiamenti.
Non mi piace che mi si infili in bocca cose che non ho mai affermato.. quindi rinnovo la domanda: non capisco dove vuoi arrivare.
Dimostrazione plastica di quanto sopra: quando sono i pedoni a "farci perdere tempo" non vengono trattati come noi pretenderemmo di essere trattati dai motorizzati, ma come dei rompicazzo, esattamente come una sempre crescente frazione dei motorizzati nei nostri confronti.
E dove lo hai letto questo ?
Stessa cosa per gli obblighi normati, sappiamo tutti che ci sono ma facciamo i distinguo sui "rossi pieni" e sui "rossi stinti" mentre quando li fanno gli altri sono dei rompicazzo suicidi o dei romopicazzo omicidi (a seconda che siano "non deboli" o decisamente forti). Quando però in occasione di lutti o di inforuni gravi sono i motorizzati a rimarcare che "i ciclisti non stanno in fila e passano col rosso" (sottinteso: se crepate ve lo meritate) ci indignamo.
Personalmente ho fatto dei disinguo ben precisi e motivati e mai metterei a rischio la mia incolumità o quella d'altri oltre il dovuto e se proprio devo dirla tutta le norme del CDS sappiamo essere deficitarie (e non potrebbe essere altrimenti a meno che si venga ingabbiati a tal punto che per muovere un dito serve l'autorizzazione di un giudice) quindi, in base a ciò, ho fatto bene riferimento al buon senso di ognuno che vale molto ed è altrattanto più efficace di qualsiasi altra normativa scritta.

E purtroppo c'è poco di cui vantarsi.
Parla per te ;-)
Si sentiva la mancanza del buon samaritano :roll:
 

 

sembola

Apprendista Scalatore
22 Aprile 2004
1.963
1.240
Siena
www.sembola.it
Bici
verde
Non mi piace che mi si infili in bocca cose che non ho mai affermato...
Neanche a me. Puoi citare dove ti avrei quotato o citato espicitamente?

quindi rinnovo la domanda: non capisco dove vuoi arrivare.
...
E dove lo hai letto questo ?
Basta rileggere i post delle ultime tre quattro pagine.

Personalmente ho fatto dei disinguo ben precisi e motivati e mai metterei a rischio la mia incolumità o quella d'altri oltre il dovuto e se proprio devo dirla tutta le norme del CDS sappiamo essere deficitarie (e non potrebbe essere altrimenti a meno che si venga ingabbiati a tal punto che per muovere un dito serve l'autorizzazione di un giudice) quindi, in base a ciò, ho fatto bene riferimento al buon senso di ognuno che vale molto ed è altrattanto più efficace di qualsiasi altra normativa scritta.
Consentimi di vederla in modo un po' differente. Se non altro perchè il "buonsenso" poco regolamentare potrebbe essere fare una rotonda in mezzo di strada o non stare troppo a ridosso delle auto per evitare problemi, non certo passare col rosso o a pelo di un pedone sulle strisce. Dov'è che dobbiamo andare così di fretta? E' un argomento che vale solo per i motorizzati?

In effetti c'è da vantarsi di essere forti coi deboli e frignare poi contro i forti.

Si sentiva la mancanza del buon samaritano :roll:
Avrei capito moralista, ma buon samaritano c'entra una beneamata cippa...
 
  • Like
Reactions: Raven

pierg75

Gregario
10 Settembre 2017
533
210
Terre d'Albione
Bici
WIlier
non è vero che al rosso devi fermarti, al rosso non devi attraversare. a 200metri, come a 100, un semaforo lo vedi, se è rosso puoi tenere un certo passo, perchè tra un tot di tempo diventerà verde, se è verde o sai di poterlo prendere o molli subito. se questa cosa la cominciassero a capire gli automobilisti per primi, avremmo strade meno pietose.
ma che ci sia il rosso non significa che ci si debba fermare, ma che non si debba attraversare, e la differenza non è una sottigliezza, è la differenza tra guidare tenendo sotto controllo tutto il sistema traffico, e guidare guardando a 10 metri dal veicolo, che è la spiegazione di quello che sorpassa la bicicletta e poi gli svolta a destra davanti: la sua lettura delle cose riguarda solo quello che si trova 10 metri davanti a sè.
Scusa pero' mi sa che stai confondendo l'approccio al semaforo e l'arrivo al semaforo.
L'articolo 41 del codice dice che al segnale rosso:

11. Durante il periodo di accensione della luce rossa, i veicoli non devono superare la striscia di arresto; in mancanza di tale striscia i veicoli non devono impegnare l'area di intersezione, né l'attraversamento pedonale, né oltrepassare il segnale, in modo da poterne osservare le indicazioni.

Se uno arriva al semaforo mi pare normale che ci si fermi, se te vuoi stare in bilico sulla bici o andare cosi piano da aspettare il semaforo mentre lo approcci, fai pure, l'importante e' che tu non causi altri pericoli o intralci la circolazione e poi, una volta arrivato al semaforo, ti fermi se rosso.
 

golias

Scalatore
28 Marzo 2018
7.996
3.711
.
Bici
mia
Neanche a me. Puoi citare dove ti avrei quotato o citato espicitamente?
Non c'era bisogno di farlo visto che implicitamente mi hai coinvolto dato che ho scritto che passo anche se c'è rosso al semaforo (specificando bene che prima mi accerto di non intralciare o creare situazioni anomale) e che per mia sfortuna ho urtato un disattento quanto rincoglionito pedone che senza guardare è passato dal marciapiedi alle strisce chino sul suo smartphone che è volato e finito in pezzi.
Io non credo che se sei prossimo alle strisce uscendo da una rotonda tu rallenti se vedi uno fermo sul marciapiedi che si fa i cavoli suoi.. considerando la velocità già ridotta dalla rotonda.

Basta rileggere i post delle ultime tre quattro pagine.
Beh allora bastava poco dire che non ce l'avevi con me.
Consentimi di vederla in modo un po' differente. Se non altro perchè il "buonsenso" poco regolamentare potrebbe essere fare una rotonda in mezzo di strada o non stare troppo a ridosso delle auto per evitare problemi, non certo passare col rosso o a pelo di un pedone sulle strisce. Dov'è che dobbiamo andare così di fretta? E' un argomento che vale solo per i motorizzati?
Non vado di fretta.. vado di testa oltre che di gambe al più corro dove mi è consentito e grazie al cielo vedo che questo per ora mi ha lasciato indenne da accidenti sulle strade sebbene qualche problemino lo abbia superato.. sempre grazie all'uso dell'organo che mi porto sulle spalle.

In effetti c'è da vantarsi di essere forti coi deboli e frignare poi contro i forti.
Avrei capito moralista, ma buon samaritano c'entra una beneamata cippa...
Per la prima te la devi prendere con il genere umano.. non solo Italico, per la seconda posso passartela perchè ho scritto di fretta e quella mi è venuta ;-)
 

biciklanto

Gregario
6 Gennaio 2013
561
146
bassa bresciana
Bici
due

Le regole sono chiare. Quando vedi uno a bordo strada ti devi fermare. Punto. Sia con la macchina che con altro mezzo. All'estero funziona così. Infatti, noi italiani, quando siamo all'estero rimaniamo sorpresi quando le macchine si fermano e noi siamo ancora sul marciapiede.
In Italia è il contrario e vale la consuetudine che il pedone deve essere sulle strisce e iniziare a camminare. A volte non basta nemmeno quello.
A quel punto ti fermi.
In virtù di questa consuetudine dove il pedone non ha la precedenza, il pedone attraversa quando non c'è nessuno e i mezzi sono abbastanza lontani. Quindi, il ciclista, e mi riferisco solo al ciclista, ha tutto il tempo di valutare la situazione e di rallentare e - generalmente - spostarsi in modo che il pedone passi senza che il ciclista si fermi.

Capita anche che uno voglia attraversare quando sei a meno di due metri dalle strisce ed è capitato che gli sia sfilato davanti. Ma non potevo fare in tempo. In altre occasioni sono riuscito ad inchiodare (in mezzo alle strisce) e in quel caso mi sono lamentato che almeno un'occhiata potevano darla. Non mi hanno mai detto: «Ma noi abbiamo la precedenza.» Hanno attraversato e zitti.

Sappi, che sulle strisce ha sempre ragione il pedone, a meno che questo non si metta a correre all'improvviso che so, per prendere l'autobus dall'altra parte della strada, e sbuchi all'improvviso. In quel caso, il pedone non ha ragione, perché ha tenuto un comportamento pericoloso.
Ora, con gli smartphone e le persone che non staccano gli occhi nemmeno per attraversare ci sarà una nuova casistica. Ma come fai a dimostrare che quello stava leggendo? Puoi avere ragione solo se quello stava scrivendo.
A mio parere, sempre meglio non fidarsi e lasciare passare. Perdi meno di 5 secondi.
io se la macchina non è gia ferma col cavolo che metto il piede sulle strisce
 

sembola

Apprendista Scalatore
22 Aprile 2004
1.963
1.240
Siena
www.sembola.it
Bici
verde
Non c'era bisogno di farlo visto che implicitamente mi hai coinvolto dato che ho scritto che passo anche se c'è rosso al semaforo (specificando bene che prima mi accerto di non intralciare o creare situazioni anomale) e che per mia sfortuna ho urtato un disattento quanto rincoglionito pedone che senza guardare è passato dal marciapiedi alle strisce chino sul suo smartphone che è volato e finito in pezzi.
Sono certo che tu usi tutto il buonsenso necessario per non metterti in pericolo e per non crearne ad altri. Per coerenza poi occorre riconoscere agli altri il diritto di fare uso del loro personale buonsenso (diverso dal mio e da tuo), e guardacaso il "personale buonsenso" di molti automobilisti è quello di non considerarci proprio. E' una questione di percezione, tu rischi non percepire il pericolo per altri utenti della strada allo stesso modo in cui l'automobilista non percepisce il pericolo per i ciclisti ed i pedoni.
Va benissimo, per carità, basta che ci sia coerenza e che non ci si lagni se altri fanno come noi.


Io non credo che se sei prossimo alle strisce uscendo da una rotonda tu rallenti se vedi uno fermo sul marciapiedi che si fa i cavoli suoi.. considerando la velocità già ridotta dalla rotonda.
A te sembrerà assurdo, ma per due mesi ho vissuto in un luogo dove se c'è uno vicino alla strisce non si rallenta ma ci si ferma proprio. E dove alle rotonde si mette la freccia per uscire, per inciso.
Ma restando al caso del nostro paese, se non riesci a fermarti di fronte ad un ostacolo improvviso molto probabilmente tenevi una velocità non adeguatamente ridotta, vale per le auto quando investono i pedoni, vale per noi ciclisti. Difficile sostenere che un pedone su un attraversamento pedonale sia un elemento impossibile da prevedere.


Beh allora bastava poco dire che non ce l'avevi con me.
Non è un fatto personale. A me sembra incoerente pretendere dagli altri quello che non siamo disposti a fare noi e poi lamentarsi quando ci trova in difficoltà. Va benissimo anche il far west, poi però l'uomo con la pistola se incontra l'uomo col fucile (cit.) deve accettare di essere un uomo morto senza fare tante storie...


Non vado di fretta.. vado di testa oltre che di gambe al più corro dove mi è consentito e grazie al cielo vedo che questo per ora mi ha lasciato indenne da accidenti sulle strade sebbene qualche problemino lo abbia superato.. sempre grazie all'uso dell'organo che mi porto sulle spalle.
Praticamente la stessa cosa che possono dire migliaia di automobilisti che mi hanno sfiorato in questi vent'anni. Non mi han dato la precedenza o sorpassato a pochi cm non perchè andassero di fretta, ma perchè "andavano di testa" al limite "correvano quanto consentito", e la dimostrazione è che non hanno mai avuto incidenti, loro usano la testa e il buon senso. E magari in base alla loro personale esperienza pensano che quando qualcuno viene stirato è senz'altro perchè "se l'è cercata", "stava nel mezzo" "era passato col rosso"...


Per la prima te la devi prendere con il genere umano.. non solo Italico...
Ma anche no, il livello di prepotenza e di maleducazione delle strade italiane non è neanche lontanamente paragonabile alla situazione di molti altri paesi europei. Non è esterofilia ma un dato di fatto evidente quando pedali o guidi per qualche giorno in Francia, Belgio, Germania, Olanda, Austria.
 
  • Like
Reactions: Raven

CLICK17

Passista
21 Settembre 2008
4.302
632
Per le bici il sorpasso deve essere effettuato a destra secondo la legge. Nel caso di veicoli incolonnati bisogna valutare se opportuno sorpassarli , potrebbero anche essere fermi per consentire l'attraversamento di pedoni , o la prima macchina della fila sta attendendo disvoltare a destra. Quando una vettura sta votando a sinistra , con l'indicatore di direzione inserito è possibile sorpassarla , succede anche che all'ultimo momento decida di svoltare a destra , ma sperando che non succeda niente i grave comunque siamo nella ragione.
Qualcuno dice che nelle bdc ci vorrebbero gli specchietti retrovisori , per vedere se chi ci sta affiancando ha già inserito la freccia , perché tante volte chi ci ha appena sorpassato e ci stringe a destra dice che lo aveva indicato.
 

golias

Scalatore
28 Marzo 2018
7.996
3.711
.
Bici
mia
Sono certo che tu usi tutto il buonsenso necessario per non metterti in pericolo e per non crearne ad altri. Per coerenza poi occorre riconoscere agli altri il diritto di fare uso del loro personale buonsenso (diverso dal mio e da tuo), e guardacaso il "personale buonsenso" di molti automobilisti è quello di non considerarci proprio.a loro personale esperienza pensano che quando qualcuno viene stirato è senz'altro perchè "se l'è cercata", "stava nel mezzo" "era passato col rosso"...
Ho idea che abbiamo una percezione diversa di quello che si chiamerebbe "buon senso", perchè per me viene spontaneo avere rispetto degli altri in primis se nutri buon senso.. diversamente vuol dire fregarsene e vantare buon senso intendendo il proprio.
Saranno bravi in patria ma qui da noi non si comportano in genere allo stesso modo e qui purtroppo entrano in gioco gli organi preposti.. che sempre più spesso sono volti a raccogliere "fondi" che non a far rispettare le regole che il cds imporrebbe.
In ultimo.. faccio notare che è praticamente impossibile prevedere e anticipare le mosse di chi, pur a piedi, si sposta senza fare attenzione o con cognizione di causa,
e si vero che gli automobilisti ci mettono del loro ma anche chi cammina e attraversa frettolosamente fa la sua parte e non a caso: Nel 2017 in Italia, i 174.933 incidenti stradali totali hanno causato 600 morti e 21.125 feriti solo tra i pedoni.
Tant'è che, come ho già scritto, c'è un articolo del CDS che norma il comportamento che dovrebbe tenere un pedone.. quindi essendo anch'egli la parte più esposta sulle strade quasi alla stregua di noi ciclisti, come noi anche loro devono prestare molta attenzione.. che poi spesso si dimostra la carta vincente per riuscire a compiere i 90 anni ;-)
 

Shinkansen

Moderatore Xeneize
Membro dello Staff
20 Giugno 2006
12.647
1.561
Genova
Bici
Colnago 50 Anniversary
Ho idea che abbiamo una percezione diversa di quello che si chiamerebbe "buon senso", perchè per me viene spontaneo avere rispetto degli altri in primis se nutri buon senso.. diversamente vuol dire fregarsene e vantare buon senso intendendo il proprio.
Saranno bravi in patria ma qui da noi non si comportano in genere allo stesso modo e qui purtroppo entrano in gioco gli organi preposti.. che sempre più spesso sono volti a raccogliere "fondi" che non a far rispettare le regole che il cds imporrebbe.
In ultimo.. faccio notare che è praticamente impossibile prevedere e anticipare le mosse di chi, pur a piedi, si sposta senza fare attenzione o con cognizione di causa,
e si vero che gli automobilisti ci mettono del loro ma anche chi cammina e attraversa frettolosamente fa la sua parte e non a caso: Nel 2017 in Italia, i 174.933 incidenti stradali totali hanno causato 600 morti e 21.125 feriti solo tra i pedoni.
Tant'è che, come ho già scritto, c'è un articolo del CDS che norma il comportamento che dovrebbe tenere un pedone.. quindi essendo anch'egli la parte più esposta sulle strade quasi alla stregua di noi ciclisti, come noi anche loro devono prestare molta attenzione.. che poi spesso si dimostra la carta vincente per riuscire a compiere i 90 anni ;-)
Il succo e la morale del tuo post è che tutti dovremmo avere rispetto e attenzione verso gli altri.
Da noi si ha più la tendenza ad agire anarchicamente, anche se ci sono zone dove la convivenza è più facile perché ognuno fa il suo.
 
  • Like
Reactions: pierg75 and golias

golias

Scalatore
28 Marzo 2018
7.996
3.711
.
Bici
mia
Il succo e la morale del tuo post è che tutti dovremmo avere rispetto e attenzione verso gli altri.
Da noi si ha più la tendenza ad agire anarchicamente, anche se ci sono zone dove la convivenza è più facile perché ognuno fa il suo.
Aggiungo al tuo anarchicamente.. il purtroppo poco rispetto per gli altri e/o anche le cose comuni.
Ho parecchi anni sul groppone (purtroppo o per fortuna :roll: ) e da ragazzo se compivi un azione in strada poco consona alla comunità trovavi sempre qualcuno che se ti vedeva ti reguardiva e magari ci scappava anche uno scappellotto.. cosa questa che in tempi odierni come minimo costa di una denuncia (mi è capitato personalmente con un ragazzino che mi sono trovato in situazione di costringerlo a raccogliere la confezione del gelato che aveva buttato a terra con nochalance giusto davanti la porta di casa perchè al mio richiamo mi aveva bellemente sbeffeggiato.. questo è corso a casa e lo ha detto alla madre che è andata dritta dai carabinieri dicendo che avevo fatto violenza al ragazzino suo figlio, per mia fortuna la vicina di casa sentendo il vociare si era sporta alla finestra e ha così potuto testimoniare che ho fatto quasi tutto secondo regole -quasi perchè a detta dei carabinieri non puoi costringere nessuno a fare ciò che non vuole- e non è partita la denuncia per violenza su minore.. per fortuna uff :wacko: )
Quindi.. se non parte dalla radice il rispetto e non viene insegnato bisogna solo sperare che o uno sia davvero dotato di un buon intelletto oppure abbiamo poche speranze che la comunità e tutto ciò che ne consegue migliori.. tant'è che lo vediamo tutti i giorni come funziona e a dire il vero a me pare sempre peggio anche perchè c'è sempre meno tolleranza verso il prossimo.. seppur sempre pronti a giudicare.
 

bastianella31

Zacher Hund
14 Giugno 2010
4.638
1.674
45
Nußdorf am Inn, Bayern
Bici
Corratec CCT EVO Ultegra, Scott Speedster 20 Tiagra.
Io ai semafori rossi mi fermo, anche se nel paesino di turno non passa nessuno, mi vergogno a passare col rosso, mi sento un imbecille.
E, credo, se passassi col rosso e la gente mi vedesse, penserebbe giustamente la stessa cosa...
 
Ultima modifica:

sembola

Apprendista Scalatore
22 Aprile 2004
1.963
1.240
Siena
www.sembola.it
Bici
verde
Spiegami meglio.. a quali infrazioni ti riferisci nello specifico che riguarda me ?
Ho scritto "nostri", non "tuoi" :yoga:

Diciamola tutta, noi ciclisti in media non siamo diversi dagli automobilisti. Per strada, come in altri ambiti, molti semplicemente vogliono fare quello che gli conviene senza tanti impedimenti, per cui si passa col rosso esattamente come si sorpassa a pochi cm, e lo si giustifica arrampicandosi sugli specchi dei cavilli del codice della strada. Dopo di che quando tocca a noi ad essere dalla parte sbagliata si strepita contro la parte avversa e "lo Stato che non fa nulla" e si invocano leggi draconiane, le stesse leggi di cui si giustifica l'elusione o l'infrazione.

A me pare decisamente contraddittorio e poco coerente. Ma sono un "buon samaritano", per cui probabilmente non faccio testo :-o
 

pepe

Velocista
31 Luglio 2006
5.352
534
Beinasco (To)
Bici
Specy Tarmac SL6+Wilier Le Roi+Cube Acid Black
Ho scritto "nostri", non "tuoi" :yoga:

Diciamola tutta, noi ciclisti in media non siamo diversi dagli automobilisti. Per strada, come in altri ambiti, molti semplicemente vogliono fare quello che gli conviene senza tanti impedimenti, per cui si passa col rosso esattamente come si sorpassa a pochi cm, e lo si giustifica arrampicandosi sugli specchi dei cavilli del codice della strada. Dopo di che quando tocca a noi ad essere dalla parte sbagliata si strepita contro la parte avversa e "lo Stato che non fa nulla" e si invocano leggi draconiane, le stesse leggi di cui si giustifica l'elusione o l'infrazione.

A me pare decisamente contraddittorio e poco coerente. Ma sono un "buon samaritano", per cui probabilmente non faccio testo :-o
Con la sottile differenza che se stai conducendo un’autovettura è come se avessi un fucile puntato verso gli altri utenti della strada , viceversa invece un ciclista o pedone può solo ulteriormente farsi male (salvo scatenare un’incidente con carambole strane)
 
  • Like
Reactions: golias and ernia

sscoglio

Novellino
14 Gennaio 2018
70
19
41
Oslo_Bologna
Bici
Argon 18 - Krypton
Con la sottile differenza che se stai conducendo un’autovettura è come se avessi un fucile puntato verso gli altri utenti della strada , viceversa invece un ciclista o pedone può solo ulteriormente farsi male (salvo scatenare un’incidente con carambole strane)
Quello che dici e' vero pero nel traffico ci sono regole e per quanto piccolo o grande tu sia le rispetti! Se tu ti metti in pericolo non e' colpa di chi ti ha preso in pieno perche "tu" non hai rispettato le leggi/regole...
 

sembola

Apprendista Scalatore
22 Aprile 2004
1.963
1.240
Siena
www.sembola.it
Bici
verde
Con la sottile differenza che se stai conducendo un’autovettura è come se avessi un fucile puntato verso gli altri utenti della strada , viceversa invece un ciclista o pedone può solo ulteriormente farsi male (salvo scatenare un’incidente con carambole strane)
E' vero che mezzi diversi hanno velocità e masse (molto) diverse e quindi differenti energie, con rischi molto diversi in caso di impatto. Se mi costringessero, pistola alla tempia, a scegliere se farmi investire da un'auto a 50 km/h o da una bici a 30 non avrei dubbi, ma potrei comunque non passare un bel quarto d'ora. Ma dovremmo chiederlo ad un pedone se si sente o no in pericolo ad essere sfiorato da una bici a 30 km/h, e consentimi di avere dei dubbi su una risposta negativa.

Quello che io contesto, lo ripeto ancora, è pretendere dagli altri quello che non siamo disposti noi a dare. Additiamo (giustamente) l'automobilista o lo scooterista che entrano in rotonda senza rallentare e poi facciamo lo stesso ed al rosso non ci fermiamo. Additiamo , di nuovo giustamente, il guidatore di essere un frustrato che corre senza costrutto ma giustifichiamo unidentico nostro comportamento con "la gamba" (o Strava?) e coi cavilli del CdS, gli stessi che gli automobilisti invocano contro di noi.

Non so davvero come spiegarlo altrimenti.
 

sembola

Apprendista Scalatore
22 Aprile 2004
1.963
1.240
Siena
www.sembola.it
Bici
verde
Quello che dici e' vero pero nel traffico ci sono regole e per quanto piccolo o grande tu sia le rispetti! Se tu ti metti in pericolo non e' colpa di chi ti ha preso in pieno perche "tu" non hai rispettato le leggi/regole...
Dipende da cosa ha fatto l'altro veicolo. La colpa di uno non implica la completa innocenza dell'altro, vedi il caso Hayden.
 

sscoglio

Novellino
14 Gennaio 2018
70
19
41
Oslo_Bologna
Bici
Argon 18 - Krypton
Dipende da cosa ha fatto l'altro veicolo. La colpa di uno non implica la completa innocenza dell'altro, vedi il caso Hayden.
allora, non sto prendendo in considerazione il caso specifico pero ti posso dire che prendo la bici per andare a lavorare tutti i giorni e ho 11 km da casa a lavoro. In 11 km di strada vedo porcate fatte sia da ciclisti che dagli automobilisti. Sono sincero, preferisco arrivare 5/10 min piu tardi a lavoro o a casa, ma arrivarci intero. Gia il fatto di mettermi in strada con una bici, e' di suo rischioso, se poi mi ci metto anche io a non rispettare le regole, beh sarei un pirla...perche aumento le probabilita che qualcosa mi possa succedere. Poi ognuno e' libero di scegliere...
 

 

Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.