power meter: da dove cominciare?

diegospeed79

Apprendista Scalatore
14 Settembre 2010
1.863
45
Perugia
Bici
R12 - 871 - 376 crono, no brand
Appurato in una discussione di pochi giorni fa (ringrazio tutte le gentili risposte) che per le mie necessità di allenamento e obiettivi mi sarebbe utile un misuratore di potenza vorrei iniziare a capire da dove devo cominciare dopo lo shopping.
Mi spiego: ho letto gia buona parte delle innumerevoli pagine che riguardano l'utilizzo di questo mezzo e l'analisi dei risultati. Il problema è che partono tutte da un livello superiore,cioè danno per scontate alcune cose che sia nelle terminologie che nei metodi di difficile comprensione per chi non ha mai avuto per le mani un misuratore.
Quindi chiedo a tutti gli esperti utilizzatori e preparatori. Da dove cominciare. Facendo una media di quello che ho letto azzarderei: calcolare la propria FTP con un apposito test e di seguito le "zone" di lavoro. A questo punto adeguare i miei lavori fin'ora svolti in base alla FC basandoli sui WATT??
Chiedo gia da ora scusa se ho detto castronerie e spero nella collaborazione di molti oltre che nel fatto di aver aperto una discussione utile a molti altri.
Grazie
 

 

Milo Strauss

Pignone
3 Settembre 2010
118
2
Firenze
Bici
Daccordi w Chorus 11V & PowerTap
Ciao,

quello che hai espresso è corretto, ma, come ti scrivevo qualche giorno fa, la parte teorica è fondamentale. Recupera nel forum il contatto di Gerry e richiedigli il link per scaricare il libro (in italiano) di Coggan: Training and racing with a power meter.
Ci vorranno almeno un paio di letture per comprenderlo a pieno. Io dopo un anno sto ancora scoprendo le sfumature (non di grigio...).

Secondo, fondamentale, passaggio, avere un software per l'analisi dei dati. Qui sul forum si predilige Golden Cheetah, opern source gratuito, che è molto completo.
Poi tra un anno (e non scherzo..) guardandoti indietro potrai cominciare a capire pregi e difetti di quello che hai fatto e dimensionare meglio i tuoi allenamenti.

Come scrive Coggan:
"L’interpretazione dei dati sarà la chiave per comprendere il tuo livello di “forma” attuale, com’è
cambiato nel tempo e come modificare il tuo allenamento per far crescere la tua condizione fisica.
Ogni grafico e tabella avranno un significato, così come ogni uscita in bici avrà un significato nel
tuo allenamento. I giorni di riposo sono altrettanto importanti come i giorni di allenamento intenso,
così tutti i dati raccolti con il tuo misuratore di potenza saranno importanti. Registra ogni uscita in
bici, ogni corsa, assicurandoti di scaricare i dati sul pc. Ci sono molti ciclisti che si allenano con un
misuratore di potenza ma pochi scaricano i dati sul pc. Ricorda: scarica i dati! E’ importante. Corri
con il Power Meter. Anche questo è importante. Le tue migliori prestazioni le otterrai durante le
gare e imparerai molte cose da questi file."
 

diegospeed79

Apprendista Scalatore
14 Settembre 2010
1.863
45
Perugia
Bici
R12 - 871 - 376 crono, no brand
Ciao,

quello che hai espresso è corretto, ma, come ti scrivevo qualche giorno fa, la parte teorica è fondamentale. Recupera nel forum il contatto di Gerry e richiedigli il link per scaricare il libro (in italiano) di Coggan: Training and racing with a power meter.
Ci vorranno almeno un paio di letture per comprenderlo a pieno. Io dopo un anno sto ancora scoprendo le sfumature (non di grigio...).

Secondo, fondamentale, passaggio, avere un software per l'analisi dei dati. Qui sul forum si predilige Golden Cheetah, opern source gratuito, che è molto completo.
Poi tra un anno (e non scherzo..) guardandoti indietro potrai cominciare a capire pregi e difetti di quello che hai fatto e dimensionare meglio i tuoi allenamenti.

Come scrive Coggan:
"L’interpretazione dei dati sarà la chiave per comprendere il tuo livello di “forma” attuale, com’è
cambiato nel tempo e come modificare il tuo allenamento per far crescere la tua condizione fisica.
Ogni grafico e tabella avranno un significato, così come ogni uscita in bici avrà un significato nel
tuo allenamento. I giorni di riposo sono altrettanto importanti come i giorni di allenamento intenso,
così tutti i dati raccolti con il tuo misuratore di potenza saranno importanti. Registra ogni uscita in
bici, ogni corsa, assicurandoti di scaricare i dati sul pc. Ci sono molti ciclisti che si allenano con un
misuratore di potenza ma pochi scaricano i dati sul pc. Ricorda: scarica i dati! E’ importante. Corri
con il Power Meter. Anche questo è importante. Le tue migliori prestazioni le otterrai durante le
gare e imparerai molte cose da questi file."

ti ringrazio davvero in unico post sei stato breve ma senza lasciare dubbi. Una sola domanda: studiando sulla traduzione che mi indichi per esempio,si può imparare li la terminologia specifica come molte delle sigle che vedo utilizzare qui sul forum, oppure li si danno gia per scontate e devo imparamele prima altrove??
 

Milo Strauss

Pignone
3 Settembre 2010
118
2
Firenze
Bici
Daccordi w Chorus 11V & PowerTap
Una sola domanda: studiando sulla traduzione che mi indichi per esempio,si può imparare li la terminologia specifica come molte delle sigle che vedo utilizzare qui sul forum, oppure li si danno gia per scontate e devo imparamele prima altrove??

Troverai la maggioranza dei termini e sigle usate qui nel forum, ma non ti far spaventare da questo.

L'importante, all'inizio, è pedalare col PM e poi scaricare i dati. Poi via via capirai come interpretarli, da solo o con l'aiuto di un preparatore.
 

BartMan

Apprendista Passista
29 Maggio 2010
864
12
Bici
Masciarelli
All'inizio, credo risulti tutto molto ostico, terminologie, grafici dati, analisi.
Alla lunga però impegnandoti un po vedrai che il misuratore di potenza diventerà l'unico strumento valido per la tua preparazione.

Alla tua analisi iniziale:
calcolare la propria FTP con un apposito test e di seguito le "zone" di lavoro. A questo punto adeguare i miei lavori fin'ora svolti in base alla FC basandoli sui WATT??
aggiungo solo che in un primo momento è importante inserire nel programma anche fare dei test di recupero attivo 1h in Z1 o anche in z2.
questi allenamenti ripetuti nei mesi, ti consentiranno di valutare i progressi in termini di tenuta atletica.
 

Milo Strauss

Pignone
3 Settembre 2010
118
2
Firenze
Bici
Daccordi w Chorus 11V & PowerTap
Una domanda.... ma quando può essere utile l'utilizzo di un misuratore di potenza in gara?
Il PM è sempre utile, che sia allenamento o gara. Citando Coggan, l'allenamento è gara e la gara è allenamento.

Sulla base di test quantifichi i range di potenza entro cui allenarti,
e per capire i riferimenti per la gara.
 

Iceman

Apprendista Velocista
22 Febbraio 2008
1.407
52
Camelot
Bici
Legend IL RE, Scott SCALE
Una curiosità...

Per la visualizzazione dei dati sul Garmin, voi che intervallo usate? Potenza istantanea, PotenzaMedia 3 sec., 10 sec o 30 sec? ;nonzo%
 

diegospeed79

Apprendista Scalatore
14 Settembre 2010
1.863
45
Perugia
Bici
R12 - 871 - 376 crono, no brand
Altra domanda per uno che si sta avvicinando al PM. Ho cercato e anche trovato quale campi tenere sul Garmin durante allenamento /gara. Ma più esattamente quale è la potenza da osservare per eseguire una ripetuta per esempio? Mi spiego: faccio 20 min al medio. Quale potenza mi da il riferimento? A 3secondi? a 30secondi?
Grazie anticipatamente.
 

=Duff!=

Apprendista Velocista
14 Settembre 2006
1.318
19
36
Aosta
idem per il libro se girate il link sarebbe interessante. Con il garmin 500 quale misuratore di potenza bisogna prendere?
...vogliamo il link!!.. ho fatto gia fatica a leggere friel in inglese... ma trovare questo in italiano potrebbe davvero convincermi a fare il salto! o-o

=!=