Visita ad Alex Singer

Ser pecora

Diretur
Membro dello Staff
16 Aprile 2004
16.422
4.883
95
dove capita
Alle porte di Parigi, appena aldilà della "tangenziale" locale si trova un paese, Levallois-Perret. Ad andarci oggi non ci si accorge praticamente di cambiare comune, se non per le differenti tabelle che indicano i nomi delle strade. Nel 1938, probabilmente, andarci dal centro di Parigi poteva significare farsi una sgambata fuori-porta, magari passando per qualche area verde di cui oggi non c'è traccia.
Tragitto che probabilmente faceva spesso Monsieur Alex Singer, che proprio in quell'anno cominciò a fabbricare biciclette in quel di Levallois, in un laboratorio al pian terreno della sua casa su due piani, oggi stretta, per non dire soffocata, da due alti edifici più moderni che la fanno sembrare fuori posto, se non fuori dal tempo

Dal 3 novembre 1944, due suoi pronipoti, cominciarono a lavorare come aiutanti in questo posto, fino a rilevare l'attività alla pensione di Singer nel 1964.
Oggi rimane solo il più giovane dei due fratelli, Ernest Csuka, e suo figlio, che materialmente costruisce ancora i telai e gli accessori.
Il nome però è rimasto quello: Alex Singer, poichè, già da subito, lo stile e la bontà di queste bici è diventata una pietra di paragone per molti, soprattutto per gli appassionati di "randonnés".
Oggi per molti questo nome vuol dire poco e niente, soprattutto fuori dalla Francia, soprattutto per chi non ha più occhi abituati ad apprezzare bici con portapacchi, parafanghi e fanali. Per altri è un nome a cui non serve aggiungere molto altro e per cui si è disposti a spendere parecchio.
E non è una questione di snobismo, in fondo basta avere sotto gli occhi una bici Singer e non si fa grande fatica ad apprezzarle più di altre. Che sia stata fatta 40 anni fa (come alcune esposte nel negozio)

o ieri la differenza è poca, più che altro nel montaggio: ai mozzi Maxi-Car hanno fatto posto dei Durace, ai cambi Huret dei Campagnolo in carbonio, ma il resto, le cromature perfette, i portapacchi fatti su misura, montati alla perfetta altezza, i batticatena in gomma, i supporti per le borse saldati sugli attacchi manubrio sono sempre gli stessi. Identici a se stessi da 50 anni.

Attacchi manubrio che Ernest mi spiega essere fatti così, come nel '44 come quando ha iniziato lui, e che ora non riesce più a fare, se non ogni tanto quando non gli fa male la schiena, anzi, "non proprio la schiena, più giù, sull'osso".

Anche se, dietro le spalle del figlio Olivier che salda, lui vigila attento, forse invidioso di non poterlo fare ancora lui.


Perchè l'unico invecchiato è lui, le bici di 30-40 anni fa che sono tornate nel loro luogo di nascita per una revisione sembrano fatte ieri, gli attrezzi che le hanno sagomate, limate, dato forma e vita sono gli stessi.


Forse è esagerato dire "vita", ma il rapporto tra questo luogo, l'atmosfera che vi si respira ed i prodotti che vi sono stati costruiti è davvero "intimo". Ernest dice che non c'è niente di "artistico" nel fare bici, che usare termini come "arte" per una saldatura lo fanno ridere, basta lavorare sodo ed essere perfezionisti, al più avere buon gusto.
D'altronde in tanti anni da questo laboratorio è uscito un po' di tutto, come precisa, dato che per loro è un lavoro non una missione artistica. E così, oltre ai tandem per cui sono famosi (ma che non fanno più, dato che non trovano più i tubi "giusti"), fatti sopratutto prima della guerra, e le bici (in questa foto il foglio di lavoro della prossima che vedrà la luce, numero 3414
--mancano dai progressivi quelle fatte per i corridori semi-pro, ma non sono tante-- ), per necessità, nei primi anni '50, con pochi soldi in giro dopo la guerra, si misero a montare motori italiani alle loro bici più "grezze" per venire incontro alla necessità montante di mezzi a motore non cari quanto un'automobile, i famosi "mosquito".
Motori che gli venivano consegnati con i vari pezzi corredati da una monetina con un numero da apporre alla casella in cui venivano conservati. Fino ad arrivare alla monetina rossa, che significava dover alzare il telefono ed ordinarli. Oggi restano le monetine, mentre la cassetta è riutilizzata per stoccare i pacchi pignoni "vintage" da montare sulle bici commissionate così
, almeno fino a quando saranno finite pure le monetine rosse...

Il futuro non ci appartiene lancia laconicamente Ernest, "bisogna essere stupidi per dire che da vecchi ci si gode la pensione. Da vecchi non ci si gode niente. La pensione avrei voluta averla a 40 anni, ed avanzare un po' di salute per lavorare ed andare in bici anche adesso". Anche se poi aggiunge: "tutto sommato con mia moglie, in tandem ho girato mezza europa: Germania, Belgio, Italia, Austria, Svizzera...può bastare".
E così si passa al piano di sopra, oggi occupato da magazzino e cucina, a berci una birra e parlare di....bici in carbonio e bici ultraleggere. Ma di questi argomenti poco si può raccontare pubblicamente....:mrgreen:


ps
...o forse almeno una cosa si: che nel 1945 fabbricarono una bici da 6,675 kg, in acciaio, pesata senza copertoni e borse, ma con portapacchi, fanali e parafanghi: "ma oggi la gente guarda solo alla pubblicità ed al campione che usa la tal bici....mah, si, in fondo è sempre stato così..."

 

 

rapportoagile

Moderatoren
20 Agosto 2008
14.369
2.417
59
Settequerce (Bolzano)
Bici
Scapin Dyapason
Ser, continua a visitare questi personaggi e poi raccontacelo....MITICO!



P.S.

Se accetti una "dritta", programmati un visita a REWEL (bici in titanio), presso la sede storica di Bolzano (frazione Rencio), dove il titolare (Werner Pichler, tra l'altro ottimo scalatore) salda i telai, in un "casino costruttivo", dove si respira aria di "passione ciclistica".
Se tu lo desiderassi, potrei farti da contatto
 

TAZ

Novellino
6 Giugno 2006
20
0
Essendo originario di questa zona, conosco molto bene questo negozio. Quando ho cominciato ad andare in bici come cicloturista alla fine degli anni '80, tutti i miei compagni avevano bici Alex Singer. Pochi anni fa, prima di trasferirmi in Belgio, avevo un compagno che aveva dei telai Singer, tra loro una stupenda bici di pista tutta cromata, un gioiello! Mi viene un po lo sfogo quando penso a tutta una tradizione che si sta perdendo in Francia, quando questi compagni me parlavano della loro gioventù negli '50-'60, quando andavano a vedere tutte le fine di settimane le corse al Vel d'Hiv', o al Parc des Princes, mentre giravamo sulla mitica pista della Cipale... Atmosfera che si ritrova nei i film di Michel Audiard, tra cui "Rue des Prairies", in cui ci sono delle scene in tutti i velodromi della zona di Parigi...
 

Ser pecora

Diretur
Membro dello Staff
16 Aprile 2004
16.422
4.883
95
dove capita
Se accetti una "dritta", programmati un visita a REWEL (bici in titanio), presso la sede storica di Bolzano (frazione Rencio), dove il titolare (Werner Pichler, tra l'altro ottimo scalatore) salda i telai, in un "casino costruttivo", dove si respira aria di "passione ciclistica".
Se tu lo desiderassi, potrei farti da contatto
Grazie. Se sarà ti farò sapere.
Sono contento che molti mi scrivano e mi parlino dei telaisti che conoscono stimolati da queste visite.

Grazie a tutti o-o
 

rapportoagile

Moderatoren
20 Agosto 2008
14.369
2.417
59
Settequerce (Bolzano)
Bici
Scapin Dyapason
Grazie. Se sarà ti farò sapere.
Sono contento che molti mi scrivano e mi parlino dei telaisti che conoscono stimolati da queste visite.

Grazie a tutti o-o
De nada! Ovvio che oltre che da contatto farei da accompagnatore, anche per la successiva visita, al Hopfen-Bozner Bier, una vecchia birreria di Bolzano (tanto per rimanere in tema "vintage"), che qualche anno fa ha ripreso la produzione di birra (naturalmente torbida, ma buonissima)
 

Sergio Servadio

Apprendista Scalatore
23 Marzo 2006
2.341
43
De nada! Ovvio che oltre che da contatto farei da accompagnatore, anche per la successiva visita, al Hopfen-Bozner Bier, una vecchia birreria di Bolzano (tanto per rimanere in tema "vintage"), che qualche anno fa ha ripreso la produzione di birra (naturalmente torbida, ma buonissima)
Beh, sara' bene che me ne ricordi la prima volta che passo da Piazza Walter.

Sergio
Pisa
 

lupo solitario

Ammiraglia
3 Febbraio 2008
20.283
364
Bici
Quelle che testo.
Il fascino antico degli artigiani si incontra con l'antica tradizione francese: fantastico.
Ottimo lavoro.
 

Maurizio®

Apprendista Scalatore
14 Maggio 2008
2.045
29
Grazie. Se sarà ti farò sapere.
Sono contento che molti mi scrivano e mi parlino dei telaisti che conoscono stimolati da queste visite.

Grazie a tutti o-o
Se è lecito posso chiederti a che titolo fai queste favolose puntatine presso questi simboli storici del ciclismo?E' anche per lavoro o semplice passione?Nel secondo caso quando cribbio trovi il tempo ?
 

MaxZebra78

Pedivella
30 Giugno 2008
318
3
Fiumicino (RM)
Complimenti per i reportage.
Vorrei però fare una considerazione, questi maestri non stanno sparendo perchè il mercato è meno ricettivo, in realtà lo è di più di prima se consideriamo la globalizazione commerciale degli ultimi dieci anni che ha aperto molti nuovi mercati, purtoppo non hanno saputo organizzarsi.
Vi cito un esempio: 4 amici di reggio emilia che non hanno nessuna storia come telaisti (vi garantisco avevano tutti altri interessi) hanno fondato tre anni fà una azienda che oggi esporta in tutto il mondo bici vintage con il marchio di abici.
Un pò fortuna un pò investimenti a disposizione ma sopratutto inventiva all' italiana.
 

mich74

Apprendista Velocista
19 Febbraio 2005
1.417
1
46
Arco di Trento
Bici
bici
Ser, continua a visitare questi personaggi e poi raccontacelo....MITICO!



P.S.

Se accetti una "dritta", programmati un visita a REWEL (bici in titanio), presso la sede storica di Bolzano (frazione Rencio), dove il titolare (Werner Pichler, tra l'altro ottimo scalatore) salda i telai, in un "casino costruttivo", dove si respira aria di "passione ciclistica".
Se tu lo desiderassi, potrei farti da contatto
un mio amico ha un telaio Rewel in titanio si trova molto bene, costano un po'.....e sono cose regionali....
 

rapportoagile

Moderatoren
20 Agosto 2008
14.369
2.417
59
Settequerce (Bolzano)
Bici
Scapin Dyapason
un mio amico ha un telaio Rewel in titanio si trova molto bene, costano un po'.....e sono cose regionali....
Beh, rapportati ai più blasonati Litespeed, Merlin etc. direi che non costano molto. Il telaio fatto su misura viene circa 1.800 Euro, quindi con 5.000 Euro puoi farti una biciclettina top. Dicono che il titanio utilizzato da Rewel non sia della migliore qualità, ma non ho mai sentito di problemi. Da qualche tempo hanno aperto un capannone per la produzione a Monte San Pietro, dove abita il socio di Werner, ma lui continua a lavorare nella sede storica. Una decina di anni fa, facevo parte del Rewel Team, pur possedendo una Cannondale (si poteva scrivere chiunque) e in occasione della cronoscalata Sarentino-Passo Pennes Werner partecipò (e vinse la sua categoria) con un prototipo di appena 4,00 kg, spartano, ma funzionale. Ricordo che montava dei pedali che erano come gli M2 racer, che credo che all'epoca non esistessero ancora.
 

lupo solitario

Ammiraglia
3 Febbraio 2008
20.283
364
Bici
Quelle che testo.
Beh, rapportati ai più blasonati Litespeed, Merlin etc. direi che non costano molto. Il telaio fatto su misura viene circa 1.800 Euro, quindi con 5.000 Euro puoi farti una biciclettina top. Dicono che il titanio utilizzato da Rewel non sia della migliore qualità, ma non ho mai sentito di problemi. Da qualche tempo hanno aperto un capannone per la produzione a Monte San Pietro, dove abita il socio di Werner, ma lui continua a lavorare nella sede storica. Una decina di anni fa, facevo parte del Rewel Team, pur possedendo una Cannondale (si poteva scrivere chiunque) e in occasione della cronoscalata Sarentino-Passo Pennes Werner partecipò (e vinse la sua categoria) con un prototipo di appena 4,00 kg, spartano, ma funzionale. Ricordo che montava dei pedali che erano come gli M2 racer, che credo che all'epoca non esistessero ancora.
Caspita 4 kg !!!!!!