Come alimentarsi quando si va in bici da corsa

186

Barrette, bevande isotoniche, gel, torte della nonna: cosa mangiare quando si pedala? Inauguriamo questa nuova rubrica settimanale con Gaia e Simone, lei biologa nutrizionista, lui ingegnere meccanico. Non esitate a porre le vostre domande nei commenti ma ricordatevi che se volete dei programmi personalizzati dovete andare sul loro sito che trovate qui. Sono presenti sul forum con il nickname Alpinebike.

I prodotti mostrati nel video

Sali isotonici
Sali ipotonici

Barrette energetiche
Barrette Enervit Performance Bar
Prozis Power Crunchy Bar
Aptonia Energy Dates Bar
Energy cake

Barrette proteiche
Chimpanzee Protein Bar

Gel
Named Sport Gel
Aptonia Energy Gel
Pro Action Carbo Sprint Extreme
Chimpanzee Energy Chews

 

Commenti

  1. longjnes:

    no aspetta dicendo ironman non dici nulla nemmeno te. a me "ironman" non dice nulla. come non dice nulla otztaller. come non mi dice nulla super rando millemiglia da 1600km. io parlo di intensità.
    Un esempio di quando semplici parole non vengono comprese.
    Puoi fare un ironman come vuoi....ma non sarà mai come giocare a freccette. Manco se lo fai in 6 mesi. Il paragone mi pareva talmente chiaro che non credevo necessitasse di ulteriori spiegazioni.
    P.s un ironman non è una 9 Colli. Devi essere tosto tosto x concluderlo e il tosto tosto, presuppone una certa preparazione, non tapascionaggini.
  2. ValeXX:

    Attenzione, il glicogeno muscolare NON si reintegra nel durante, ci vogliono ore, 15/20 ore! Questo è il motivo per cui si esaurisce comunque e poi ci si scontra nel famoso muro in maratone da qualche parte dopo i 30km, muro che si impara a gestire e superare.
    I 60gr/h sono quelli che il corpo riesce ad usare, oltre bisogna vedere fin dove ognuno può arrivare, ma già 60 l'ora reali soddisferebbero il 99% degli amatori.
    Tutto questo serve a mantenere il glicogeno epatico, se quello è a posto e se il cervello che si nutre di glucosio ne avverte il reintegro costante c'è un certo quieto vivere che permette la famosa miglior sensazione durante la spinta ai regimi più elevati, allenamento permettendo, non dovrei nemmeno aggiungerlo.
    In più, se mantengo a buoni livelli il glicogeno epatico, nel post sarà più veloce e pratico anche il reintegro efficiente del glicogeno muscolare, per chi fa doppietta il giorno dopo è una cosa fondamentale.

    Ovviamente se parliamo di randonnee o turismo le cose cambiano un pò, anche per questioni di spazio (e di gusto nonchè intenstino!) si andrà anche a proteine e soprattutto grassi oltre ai carbo, ma parliamo di prestazioni dalle 7/8/10 ore in su, dove VAI PIANO, quindi puoi digerire qualunque cosa ed il focus non sono più i carbo, comunque necessari, ma buttar dentro qualsiasi cosa perchè in quei casi il deficit diventa davvero tanto e diventa fondamentale contenerlo un pochino.

    My opinion. ;-)
    per fortuna gli amatori non fanno corse a tappe, se no con le credenze che girano chissà quanti finirebbero al camposanto
  3. golance:

    per fortuna gli amatori non fanno corse a tappe, se no con le credenze che girano chissà quanti finirebbero al camposanto
    Quello magari no, per fortuna, però dopo un po'non vai più nemmeno a spinta :-)xxxx
Articolo precedente

Commenti ai mondiali. Leuven 2021

Articolo successivo

Serenissima Gravel

Gli ultimi articoli in Allenamento e preparazione

Alcool e bici

Alcool e bici: quanti ciclisti riescono a resistere al fascino di una birra in compagnia appena…