Giro: Arredondo vince al Panarotta

Giro: Arredondo vince al Panarotta

29/05/2014
Whatsapp
29/05/2014

Rifugio Panarotta (Valsugana) 29 maggio 2014 – Il colombiano Julian Arrendondo (Trek Factory Racing) ha vinto la diciottesima tappa del Giro d’Italia, Belluno – Rifugio Panarotta, tagliando il tragiardo da solo e a braccia alzate. Sugli altri gradini del podio di tappa sono arrivati rispettivamente Fabio Duarte e Philippe Deignan.

In classifica generale, l’altro colombiano Nairo Quintana ha conservato il primato con 1’41” su Rigoberto Uran e 3’29” su Pierre Rolland, risalito in terza posizione.

Fernando Alonso, oggi ospite del Giro d’Italia, ha premiato la Maglia Rosa dopo il traguardo.

Screen Shot 2014-05-29 at 21.28.04

MAGLIE

Maglia Rosa – Balocco: Nairo Quintana (Team Movistar)

Maglia Rossa – Algida: Nacer Bouhanni (FDJ.fr)

Maglia Bianca – F.lli Orsero: Nairo Quintana (Team Movistar)

Maglia Azzurra – Banca Mediolanum: Julian Arredondo (Trek Factory Racing)

Screen Shot 2014-05-29 at 21.26.12

Julian Arredondo (Trek Factory Racing) – Vincitore di tappa

La vittoria.

“Dedico questa vittoria al mio preparatore Josu Larrazabar: mi diceva continuamente “tranquillo, tranquillo!” io volevo scattare ma lui continuava a dirmi di aspettare. É stato davvero bravissimo. Poi ovviamente la dedica va anche a massaggiatori, meccanici, tutti i compagni, siamo una famiglia e oggi è arrivata una grande vittoria di tappa e un sacco di punti molto importanti per la classifica della Maglia Azzurra.”

 

La salita preferita.

“La salita che mi è piaciuta di più è stata questa ultima perchè mi ha portato alla vittoria, dopo due giorni difficili, ho tenuto duro anche grazie a Josu che mi ha assistito alla grande. Sono 6 anni che sono fuori di casa in Italia, penso che fosse il momento giusto per vincere una tappa al Giro e credo che questo possa essere l’inizio di tante cose belle.”

 

L’obiettivo.

“Il mio principale obiettivo era una tappa al Giro. Sono andato in fuga e ho preso i punti della classifica dei GPM. Oggi pensavo alla classifica dei GPM poi Josu mi ha detto “guarda che possiamo vincere”. Grazie a dio ho avuto la pazienza per aspettare il momento giusto ed eccomi qui finalmente vittorioso sul traguardo.”

 

La liberazione.

“Ho passato momenti davvero difficili e non ricevevo una mano da nessuno. Chiamavo il Team Colombia e mi dicevano che mi avrebbero aiutato mentre poi nessuno mi ha mai chiamato. Poi ho incontrato Andrea Tonti che mi ha dato una grossa mano ad arrivare in questa squadra e essere qui è la ricompensa più grande e importante per tutti gli anni di sacrifici che ho dovuto sopportare.”

 

Nairo Quintana (Team Movistar) – Maglia Rosa

 

La tappa odierna.

“Oggi era una tappa molto importante e difficile dove ho fatto bene e sono contento di questo. Il Giro non è finito perchè finirà solo domenica pomeriggio a Trieste.”

 

La cronoscalata di domani.

“Chiaro che domani la cronoscalata prevede un dislivello molto importante, mi piace molto e credo che possa essere molto adatta alle mie caratteristiche, la cosa importante comunque è di non perdere tempo dai miei rivali e conservare la Maglia Rosa che sto indossando.”

 

Gli avversari.

“Credo di essere in un buono stato di forma, Uran potrà fare bene, Pozzovivo pedala bene in salita e Rolland mi sembra molto forte, credo siano loro i miei principali rivali per la classifica generale.”

 

Uran.

“Siamo amici con Rigoberto perchè ci conosciamo fin da quando eravamo bambini. In corsa però io sono il leader della mia squadra e lui il leader della sua per cui corriamo da avversari, come è giusto che sia.”

 

POTRESTI ESSERTI PERSO