Giro: Arredondo vince al Panarotta

Rifugio Panarotta (Valsugana) 29 maggio 2014 – Il colombiano Julian Arrendondo (Trek Factory Racing) ha vinto la diciottesima tappa del Giro d’Italia, Belluno – Rifugio Panarotta, tagliando il tragiardo da solo e a braccia alzate. Sugli altri gradini del podio di tappa sono arrivati rispettivamente Fabio Duarte e Philippe Deignan.

In classifica generale, l’altro colombiano Nairo Quintana ha conservato il primato con 1’41” su Rigoberto Uran e 3’29” su Pierre Rolland, risalito in terza posizione.

Fernando Alonso, oggi ospite del Giro d’Italia, ha premiato la Maglia Rosa dopo il traguardo.

Screen Shot 2014-05-29 at 21.28.04

MAGLIE

Maglia Rosa – Balocco: Nairo Quintana (Team Movistar)

Maglia Rossa – Algida: Nacer Bouhanni (FDJ.fr)

Maglia Bianca – F.lli Orsero: Nairo Quintana (Team Movistar)

Maglia Azzurra – Banca Mediolanum: Julian Arredondo (Trek Factory Racing)

Screen Shot 2014-05-29 at 21.26.12

Julian Arredondo (Trek Factory Racing) – Vincitore di tappa

La vittoria.

“Dedico questa vittoria al mio preparatore Josu Larrazabar: mi diceva continuamente “tranquillo, tranquillo!” io volevo scattare ma lui continuava a dirmi di aspettare. É stato davvero bravissimo. Poi ovviamente la dedica va anche a massaggiatori, meccanici, tutti i compagni, siamo una famiglia e oggi è arrivata una grande vittoria di tappa e un sacco di punti molto importanti per la classifica della Maglia Azzurra.”

 

La salita preferita.

“La salita che mi è piaciuta di più è stata questa ultima perchè mi ha portato alla vittoria, dopo due giorni difficili, ho tenuto duro anche grazie a Josu che mi ha assistito alla grande. Sono 6 anni che sono fuori di casa in Italia, penso che fosse il momento giusto per vincere una tappa al Giro e credo che questo possa essere l’inizio di tante cose belle.”

 

L’obiettivo.

“Il mio principale obiettivo era una tappa al Giro. Sono andato in fuga e ho preso i punti della classifica dei GPM. Oggi pensavo alla classifica dei GPM poi Josu mi ha detto “guarda che possiamo vincere”. Grazie a dio ho avuto la pazienza per aspettare il momento giusto ed eccomi qui finalmente vittorioso sul traguardo.”

 

La liberazione.

“Ho passato momenti davvero difficili e non ricevevo una mano da nessuno. Chiamavo il Team Colombia e mi dicevano che mi avrebbero aiutato mentre poi nessuno mi ha mai chiamato. Poi ho incontrato Andrea Tonti che mi ha dato una grossa mano ad arrivare in questa squadra e essere qui è la ricompensa più grande e importante per tutti gli anni di sacrifici che ho dovuto sopportare.”

 

Nairo Quintana (Team Movistar) – Maglia Rosa

 

La tappa odierna.

“Oggi era una tappa molto importante e difficile dove ho fatto bene e sono contento di questo. Il Giro non è finito perchè finirà solo domenica pomeriggio a Trieste.”

 

La cronoscalata di domani.

“Chiaro che domani la cronoscalata prevede un dislivello molto importante, mi piace molto e credo che possa essere molto adatta alle mie caratteristiche, la cosa importante comunque è di non perdere tempo dai miei rivali e conservare la Maglia Rosa che sto indossando.”

 

Gli avversari.

“Credo di essere in un buono stato di forma, Uran potrà fare bene, Pozzovivo pedala bene in salita e Rolland mi sembra molto forte, credo siano loro i miei principali rivali per la classifica generale.”

 

Uran.

“Siamo amici con Rigoberto perchè ci conosciamo fin da quando eravamo bambini. In corsa però io sono il leader della mia squadra e lui il leader della sua per cui corriamo da avversari, come è giusto che sia.”

Articolo precedente

Nuova Pinarello Dogma F8

Articolo successivo

Giro 2014: Quintana ipoteca la maglia rosa sul Grappa

Gli ultimi articoli in News

Quintana non si ritira

Nairo Quintana non si ritira. Curioso dare questa notizia “all’inverso”, quando di solito si annunciano i…