[Test] Maglia e calzamaglia Santini Vega 2.0

[Test] Maglia e calzamaglia Santini Vega 2.0

16/11/2017
Whatsapp
16/11/2017

Santini ci ha proposto di provare il completo Vega 2.0, composto da maglia maniche lunghe e calzamaglia.

Questi capi sono realizzati in termofelpa Blizzard, con trattamento impermeabile Acquazero, e sono dati per un range di temperature da +5° a +15°.

Il taglio di queso completo è Slim Fit, quindi molto aderente. Con la parte posteriore della maglia allungata. Sulla parte terminale dei pantaloni e delle maniche, oltre che sulla schiena, ci sono degli inserti gialli fluorescenti. Come vedete nella foto sopra, al sole diventano praticamente riflettenti.

La parte terminale delle maniche è realizzata con un lungo inserto in tessuto Jacquard che si restringe verso la mano. Questa soluzione è ottima, in quanto impedisce che le maniche si “tirino” verso l’alto indipendentemente dai movimenti che si fanno in sella, oltre a fornire un’ottima base per metterci sopra i guanti, senza che questi si spostino lasciando scoperti i polsi.

La parte anteriore della giacca presenta all’interno, lungo la zip, una fascia in tessuto che raddoppia la chiusura. Questo immagino sia fatto per evitare che l’aria fredda entri lungo la cerniera, ma in generale, questa maglia non ha caratteristiche antivento, quindi la protezione è comunque molto limitata.

La parte posteriore della calzamaglia è realizzata in tessuto a rete molto fine, per la traspirazione della schiena, mentre le due bretelle sono di larghezza generosa e mantengono molto ben in posizione senza dar fastidio sul petto, in quanto sono cucite piuttosto esternamente.

Il fondello ha uno spessore che definirei medio, con una densità costante sull’imbottitura. Anche la larghezza nella parte posteriore è nella media, con 20cm.

Per contro, nella parte esterna, quella a contatto con la sella, il tessuto presenta l’inizio di usura da sfregamento (foto sopra). Non saprei indicare con precisione il numero di ore di utilizzo, ma direi circa un mesetto con uscite quasi quotidiane (ma mai molto lunghe). Forse un tessuto più  resistente all’abrasione in questo punto sarebbe auspicabile.

Per quanto riguarda la protezione Aquazero, si tratta di un trattamento che respinge l’acqua, ma non si tratta comunque di un trattamento impermeabilizzante.

Nella foto sopra potete vedere l’acqua trattenuta all’esterno della calzamaglia appena rientrato da un giro sotto una pioggia fine di circa 40′. L’acqua non è entrata né ha impregnato il tessuto, consentendo di rimanere caldo. Credo che oltre questo arco temporale e con una pioggia più fitta la protezione data dall’Aquazero non basterebbe. Quello che è importante tenere a mente è che sia la maglia che la calzamaglia non hanno una protezione antivento, quindi in condizioni ventose, per l’appunto, o in discesa, la situazione cambia radicalmente. Si tratta quindi di un completo per la stagione primavera/autunno, che permette di rimanere asciutti in caso di tempo molto umido o strade bagnate, ma se le condizioni meteorologiche sono peggiori è meglio avere con se un antivento. In particolare per le discese, condizione nella quale la temperatura corporea cala drasticamente.

Le tre classiche tasche posteriori possono contenere agevolmente una mantellina.

Il range di temperature +5°/+15° mi sembra assolutamente corretto. Con temperature inferiori ci si può coprire con una giacca sopra, ma la calzamaglia resta comunque “giusta”.

A complemento ci sono stati forniti anche i guanti ed i coprioscarpe della stessa linea, che ricalcano la stessa formula: protezione idrorepellente, ma non antivento. In giallo riflettente. Ottimo il grip dei guanti grazie ai piccoli puntini siliconici sul palmo della mano. Indice e pollice sono compatibili con touchscreen. I copri scarpe in tessuto stretch si infilano molto agevolmente anche senza l’ausilio di zip.

Nel complesso due capi che fanno efficacemente il loro lavoro per la stagione autunnale/primaverile, con il plus del trattamento idrorepellente (ma non impermeabile, lo ricordo). Gli abbondanti inserti riflettenti li rendono ottimi proprio in condizioni di scarsa luce, come strade in ombra magari nel tardo pomeriggio. Ideali per chi vuole uscire con il minimo di vestiario addosso (a parte un intimo più  meno termico per la parte superiore del corpo) in stagioni intermedie.

Prezzi

Maglia 130eu
Calzamaglia 150eu
Guanti 40eu

Sito Santini

5
Rispondi

Devi fare il Login per commentare
5 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
4 Comment authors
Come vestirsi d’inverno | BDC-MAG.com | Bici da corsaPiergiorgio SbrissaDevastazionefelt2010jacknipper Recent comment authors

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
jacknipper
Guest
jacknipper

davvero strana l’usura … ho 2 salopette invernali santini, diverso modello, e sono come nuove dopo 2 anni

felt2010
Guest
felt2010

Potrebbe essere la sella

Devastazione
Guest
Devastazione

Idem,ho roba della Santini di 5 anni che sembra nuova,solo un pelino scolorita dal sole ovviamente.

Piergiorgio Sbrissa
Guest
Piergiorgio Sbrissa

Potrebbe essere che non sono dello stesso tessuto?

trackback

[…] termici possono fare al caso, magari se trattati in modo idrorepellente, come i Santini Vega 2.0 da noi recentemente testati. Se invece non vi fate mancare niente, anche la randonnée natalizia, meglio andare su prodotti […]

 

POTRESTI ESSERTI PERSO