Autore: Piergiorgio Sbrissa

Vittoria alla Freccia Brabante per MVDP

Vittoria di prestigio per Mathieu Van der Poel (Corendon-Circus) alla Freccia Brabante. 34 anni dopo suo padre Adri, anche Mathieu scrive il proprio nome nel libro d’oro di questo corsa di transizione tra campagna fiamminga e Ardenne. Van der Poel, che sta “scoprendo” il mondo del ciclismo pro su strada, non è stato avaro di sforzi, anzi, ha portato scompiglio nel gruppo con almeno tre attacchi. Arrivato con quattro compagni del gruppo di testa all’ultima salita (la 31^) dello Schavei, MVDP è partito in un lungo sprint in testa e non si è fatto rimontare sino al traguardo. Secondo Julian...

Continua a leggere

[Test] Casco Bontrager XXX WaveCell

Bontrager ha presentato recentemente il proprio casco dotato di tecnologia WaveCell, il XXX, sigla che denota i prodotti top di gamma dell’azienda americana. Il XXX WaveCell è un casco che grazie a questa tecnologia viene dichiarato come 48 volte più sicuro rispetto ad un casco “standard” in polistirene espanso (EPS). Nello specifico, queste “48 volte” sono state misurate valutando due caschi, ambedue in EPS, ma aggiungendo la calotta WaveCell in uno dei due, e poi sottoponendoli al test AIS 2 (BrIC), dove BrIC sta per Brain Injury Criteria, ovvero i criteri per stabilire un danno cerebrale da rotazione della testa...

Continua a leggere

Victor Campenaerts nuovo recordman dell’ora

Il record dell’ora detenuto da Bradley Wiggins (54,526km, nel 2015) è caduto oggi ad Aguascalientes, in Messico. Lo ha battuto il belga Victor Campenaerts 27 anni), con la distanza di 55.089km, migliorando di 563mt la prestazione di Wiggins. Grossa differenza di altitudine tra Aguascalientes (1800mt) e Londra, dove era stato ottenuto il vecchio record, ma anche di atmosfera, dato che in Messico erano presenti solo lo staff di Campenaerts ed una quarantina di invitati Vip, mentre per il record di Wiggins c’era il tutto esaurito. Campenaerts, campione europeo a cronometro in carica (e bronzo ai mondiali 2018), si è...

Continua a leggere

Il primo “santone”: Choppy Warburton

Come già scritto a proposito dei pionieri dei primi grandi giri, prendere delle sostanze “eccitanti”, o che non facessero sentire freddo e fatica, era non tanto un modo per avere vantaggi poco onesti, ma un modo per restare vivi, in tappe lunghe mediamente più di 300km, corse anche di notte, vestiti in maglie e calzoni di lana, senza rapporti ed in totale autonomia. Parlare di “doping” in quel contesto probabilmente è una forzatura, ma il ciclismo non era nemmeno all’epoca solo grandi giri, anzi, l’attività più frenetica si aveva in pista. Già nel 1881 si era corsa la prima...

Continua a leggere

Controllo analitico avverso per Jarlinson Pantano

La Trek-Segafredo ha sospeso il proprio corridore Jarlinson Pantano, 30 anni, il quale ha subito un controllo analitico avverso (EPO) fuori competizione il 26/02/2019. Il fatto che si tratti di un AAF (Analytical Adverse Finding) e non di una positività in senso stretto, fa presumere che sia stata riscontrata la sostanza solo su uno di vari campioni prelevati. Precisazioni appena possibile. Si attendono anche le controanalisi sul campione...

Continua a leggere

Il Giro d’Italia 2020 partirà dall’Ungheria

[Comunicato stampa] Budapest, 15 aprile 2019 – L’Ungheria ospiterà la Grande Partenza del Giro d’Italia 2020. Questo pomeriggio a Budapest, presso l’Istituto Italiano di Cultura – alla presenza delCommissario Governativo per l’Ungheria Attiva, Máriusz Révész; del Vice Sindaco di Budapest, Alexandra Szalay-Bobrovniczky; del Ministro dello Sport, Tünde Szabó; delMinistro agli Affari Esteri, Tamás Menczer; dell’Amministratore Delegato di RCS, Sport Paolo Bellino e del Direttore del Giro d’Italia, Mauro Vegni – è stata data l’ufficializzazione. La partenza sarà data dalla Capitale, Budapest, e sarà il preludio per altre due tappe che si svilupperanno sul territorio ungherese. I dettagli del percorso saranno...

Continua a leggere

La Roubaix 2019: curiosità e statistiche

Archiviate anche la regina delle classiche con la vittoria di Philippe Gilbert (Deceuninck-QuickStep) che regala una 700^ vittoria di assoluto prestigio alla sua squadra. La Deceuninck è la sola squadra in un secolo ad essere arrivata per 8 volte consecutive sul podio. Non solo Gilbert 1° e Yves Lampaert 3°, ma anche Senechal 6° e Stybar 8°. Quattro uomini nei primi dieci. Con questa vittoria la Deceuninck arriva a quota 23 in stagione. A Gilbert manca la vittoria nella Milano-Sanremo per avere una vittoria in ogni classica monumento. Exploit che finora è riuscito solo a 3 corridori, tutti belgi:...

Continua a leggere

Ritchey presenta la Swiss Cross 25th Anniversary

[Comunicato stampa] Per celebrare il 25° anniversario della iconica Swiss Cross, Ritchey presenta un’evoluzione dell’originale e una serie limitata del telaio. Mendrisio, Svizzera (12 April, 2019) – Tom Ritchey disegnò e costruì la prima bici da ciclocross Swiss Cross 25 anni fa, fornendo al leggendario ciclista svizzero Thomas Frischknecht la miglior bici possibile per la sua serie di vittorie in ciclocross lungo l’Europa. Frischknecht vinse molte corse e campionati in sella alla leggendaria Swiss Cross, facendola diventare una bici iconica tra gli amanti del CX e tutt’oggi tra quelli dell’acciaio. Oggi Ritchey è orgogliosa di presentare la nuova Swiss...

Continua a leggere

L’emergenza Kittel

Cosa sta succedendo a Marcel Kittel? Lo sprinterone tedesco, una volta imbattibile o quasi in certe volate lunghe (14 tappe al Tour de France, 4 al Giro d’Italia e recordman di vittorie, 5, allo Scheldeprijs, la più vecchia corsa fiamminga) è ormai un caso misterioso. Proprio al recente Scheldeprijs, vinto da Fabio Jakobsen (Decenunick), si è fatto staccare in pianura arrivando 99° a 4’36” dal vincitore. Già l’anno scorso aveva fatto scalpore il suo  essere finito fuori tempo massimo al Tour de France, ma forse, visto che nella disavventura era stato accompagnato anche da Mark Cavendish, la cosa è...

Continua a leggere