Autore: Piergiorgio Sbrissa

La Roubaix 2019: curiosità e statistiche

Archiviate anche la regina delle classiche con la vittoria di Philippe Gilbert (Deceuninck-QuickStep) che regala una 700^ vittoria di assoluto prestigio alla sua squadra. La Deceuninck è la sola squadra in un secolo ad essere arrivata per 8 volte consecutive sul podio. Non solo Gilbert 1° e Yves Lampaert 3°, ma anche Senechal 6° e Stybar 8°. Quattro uomini nei primi dieci. Con questa vittoria la Deceuninck arriva a quota 23 in stagione. A Gilbert manca la vittoria nella Milano-Sanremo per avere una vittoria in ogni classica monumento. Exploit che finora è riuscito solo a 3 corridori, tutti belgi:...

Continua a leggere

Ritchey presenta la Swiss Cross 25th Anniversary

[Comunicato stampa] Per celebrare il 25° anniversario della iconica Swiss Cross, Ritchey presenta un’evoluzione dell’originale e una serie limitata del telaio. Mendrisio, Svizzera (12 April, 2019) – Tom Ritchey disegnò e costruì la prima bici da ciclocross Swiss Cross 25 anni fa, fornendo al leggendario ciclista svizzero Thomas Frischknecht la miglior bici possibile per la sua serie di vittorie in ciclocross lungo l’Europa. Frischknecht vinse molte corse e campionati in sella alla leggendaria Swiss Cross, facendola diventare una bici iconica tra gli amanti del CX e tutt’oggi tra quelli dell’acciaio. Oggi Ritchey è orgogliosa di presentare la nuova Swiss...

Continua a leggere

L’emergenza Kittel

Cosa sta succedendo a Marcel Kittel? Lo sprinterone tedesco, una volta imbattibile o quasi in certe volate lunghe (14 tappe al Tour de France, 4 al Giro d’Italia e recordman di vittorie, 5, allo Scheldeprijs, la più vecchia corsa fiamminga) è ormai un caso misterioso. Proprio al recente Scheldeprijs, vinto da Fabio Jakobsen (Decenunick), si è fatto staccare in pianura arrivando 99° a 4’36” dal vincitore. Già l’anno scorso aveva fatto scalpore il suo  essere finito fuori tempo massimo al Tour de France, ma forse, visto che nella disavventura era stato accompagnato anche da Mark Cavendish, la cosa è...

Continua a leggere

Pinarello Dogma FS

[Comunicato stampa] Pinarello è lieta di presentare la nuova Dogma FS: la prima bici da strada full suspended! Quattro anni fa Pinarello introduceva sul mercato il telaio Dogma K8S caratterizzato dal primo sistema di sospensioneultraleggera al mondo per bici da strada (DSS 1.0, Dogma Suspension System) e foderi flessibili in fibra di carbonio. Due anni dopo, in occasione delle Classiche del Nord, Pinarello in collaborazione con HiRide ha presentato l ‘eDSS 2.0 (Electronic Dogma Suspension System), il primo sistema di sospensione intelligente per bici da corsa, direttamente collaudato dai corridori del Team SKY. Adesso è tempo di un ulteriore...

Continua a leggere

Video intervista Rosberg-Froome

L’ex campione del mondo di F1 Nico Rosberg ha un canale YouTube dove fa delle interviste a varie personalità che vivono come lui a Monaco. Nella più recente fa una lunga e bella intervista a Chris Froome. L’intervista dura quasi un’ora, ma è interessante e mette in luce molte cose di Froome e della sua personalità. Ad esempio le difficoltà per passare dal ciclismo sudafricano a quello europeo. Divertente l’aneddoto con cui è arrivato a competere ai mondiali U23 a Salisburgo: il presidente della federazione keniana gli aveva chiesto di tradurgli alcune email dallo Swahili all’inglese, e Froome, una...

Continua a leggere

L’antidoping spagnolo tentò di incastrare Contador

Interessante articolo dello spagnolo El Pais, in cui si riportano le dichiarazioni di Pedro Celaya, medico di US-Postal e Discovery, radiato a vita per il caso Armstrong. Nel 2014, l’agenzia antidoping spagnola, AEPSAD, avrebbe tentato di incastrare Alberto Contador nello stesso modo in cui l’antidoping USA, l’USADA, fece con Armstrong: promettendo generosi sconti di pena a chi avesse testimoniato contro di lui. Celaya, cosi come Michele Ferrari ed il Team Manager Johan Bruyneel, che non cooperarono, sono stati inibiti a vita, mentre i vari corridori che hanno collaborato (Hincapie, Zabriskie, Leipheimer, Barry, Van de Velde e Danielson) hanno avuto pene...

Continua a leggere

Precisazioni sull’operazione Aderlass

L’operazione Puerto 13 anni dopo. Cosi è stata definita l’operazione Aderlass da Michel Audran, direttore del laboratorio dell’antidoping francese e membro della commissione esperti della WADA che analizza i passaporti biologici. L’organizzazione e le tecniche sono simili, confida Audran a L’Équipe. Ci sono però anche delle novità nella metodologia. Intanto, il dottor Mark Schmidt ha commesso alcune imprudenze: faceva alloggiare gli atleti vicino alla propria abitazione di Erfurt, a Seefeld, in appartamenti che affittava a proprio nome. Questa è stata la traccia principale seguita dalla polizia tedesca per arrivare a lui. Schmidt li faceva arrivare, gli praticava la trasfusione...

Continua a leggere

La corsa più dura: Milano-Sanremo 1910

Dire che una corsa sia più dura di un’altra è ovviamente impossibile, per vari motivi, quindi sicuramente la scelta di questo titolo è totalmente arbitraria, ma ci sono buoni motivi per considerare la Milano-Sanremo del 1910 come una delle corse più dure mai disputate, non fosse altro per il numero di corridori arrivati al traguardo: 4 (su 63 partiti). Veniamo alla cronaca. Un numeroso pubblico stazionò tutta la notte dinanzi al ristorante Stabilini* di Porta Genova, luogo fissato per il ritrovo di partenza dei concorrenti di questa quarta corsa ciclistica Milano-Sanremo. Il cielo è coperto e l’aria freddissima non...

Continua a leggere

Il pagellino del Fiandre 2019

Fiandre tutto italiano nel 2019, con la doppia vittoria di Marta Bastianelli e Alberto Bettiol. Alcune considerazioni: Alberto Bettiol/EF Education First: voto 10. Voto più alto non solo per Bettiol, ma per tutta la sua squadra, che se lo merita veramente. La EF Education First, che solo un anno fa sembrava dover chiudere, ha corso alla perfezione con enorme sacrificio di Sebastian Langeveld e Sep Vanmarcke. Poi Bettiol ha messo la ciliegina sulla torta partendo sul vecchio Kwaremont, tenendo sul Paterberg e poi dando prova delle sue qualità da cronoman (che si erano già viste alla Tirreno 2° nella crono...

Continua a leggere