[Training/strumenti] Speciale Garmin Vector

[Training/strumenti] Speciale Garmin Vector

29/07/2014
Whatsapp
29/07/2014

In questo articolo più tecnico voglio proporre alcuni spunti, indicazioni e informazioni relative al misuratore di potenza Garmin Vector. In molti casi di problemi o problematicità riscontrate penso e reputo sia presente soprattutto una discrepanza tra ciò che s reputa sia corretto svolgere (ed eventualmente non è così) e quanto andrebbe fatto. Le informazioni necessarie sono relativamente poche ed essenziali.

Come primo passaggio propongo la lettura del test e uscite che ho effettuato con questo misuratore dal “giorno” zero. Da tale data (25 ottobre 2013) ho usato prevalentemente questo misuratore (80% uscite allenamenti o gare), abbinandolo in comparazione iniziale con un power2max. Non ho mai riscontrato particolari problemi e di seguito indicherò come controllare se sono facilmente risolvibili. Attualmente mantengo questo misuratore sulla bicicletta da allenamento mentre monto uno Stages powermeter sulla bici “da gara”.

Ecco la recensione e test iniziali a cui, per lunghezza, rimando con un LINK.

Passaggio successivo, che traduco direttamente dal forum Garmin perché reputo essenziale: sono alcuni consigli e accorgimenti utili per la corretta installazione ed utilizzo (tratto e tradotto e “arricchito” con alcuni brevi commenti miei da LINK), ecco il decalogo:

1 Assicurarsi di aver installato l’ultima versione di firmware disponibile (aggiungo io…in quanto spesso in grado di migliorare alcuni problemi principali); al momento per i dispositivi Edge:
-Edge 510 – ver 3.10

-Edge 810 – ver 3.00

-Edge 500 – ver 3.30

-Edge 800 – ver 2.70

2 Assicurarsi di aver installato l’ultima versione software per i Vector (attualmente ver 2.40)

3 Può sembrare banale ma ho riscontrato in alcuni questo errore…assicurarsi di aver impostato correttamente la lunghezza pedivella. Con i Garmin 510/810 tramite dispositivo, con altri modelli via software Vector da pc. La lunghezza pedivella settata è visualizzabile con a)pedali attivati/accesi (sufficiente alcune rivoluzioni pedivelle) e b) pedali collegati/paired al dispositivo

4 Usare un numero appropriato di rondelle/distanziali forniti (spessore 1.2mm) tra pod e pedivella; alcune pedivelle hanno un recesso/leggero incavo per accogliere i pedali una volta avvitati, in questo caso va applicata 1 (o 2) rondelle. Un numero superiore non è generalmente necessario e anzi diviene pericoloso perché non è sufficientemente avvitato il pedale alla filettatura. E’ possibile differenziare il fattore Q tra i due pedali, se necessario, senza influire sulla ripetibilità ed attendibilità, nonché funzionalità corretta, del misuratore. Il pod, nella sua parte piatta non sagomata, non deve toccare la pedivella, una luce minima (ma presente, es. se è possibile infilare un foglio di carta tra pod e pedivella) è necessaria e sufficiente.

5 Usare una chiave dinamometrica (ad ago) per poter applicare una corretta coppia di serraggio. Se la chiusura è insufficiente (su uno o entrambe i pedali) i valori misurati saranno sottostimati. Prima di chiudere con fermezza posizionare il pod con un leggero angolo positivo rispetto a come dovrà essere posizionato correttamente (perpendicolare a pedivella) così da permettere una rotazione in fase di chiusura.

6 La procedura di identificazione degli angoli di installazione deve avvenire pedalando con progressiva e graduale intensità possibilmente su rullo cercando di evitare picchi di pedalata/negli incrementi di cadenza; questo settaggio va fatto effettivamente pedalando ossia non è corretto eseguire a mano rivoluzioni all’indietro.

7 Calibrazione statica/zeroing prima di ogni uscita, possibilmente con pedivella parallele al terreno (n.b. altri modelli di misuratore richiedono spesso altre posizioni, es. Stages con pedivella verticale e rivolta verso il terreno)

8 Effettuare calibrazione dinamica DOPO calibrazione statica ad ogni uscita, su un tratto di strada che permetta di pedalare all’indietro con azione uniforme per 8-10 pedalate.

9 I pedali subiscono un assestamento dopo installazione e spinte più “decise”. E’ consigliabile procedere a nuova impostazione angoli di installazione (di seguito indico come procedere a loro “corretta” verifica se si presentano valori anomali). Questa procedura extra richiede alcuni semplici passaggi: spegnere il dispositivo/console, aprire entrambe i vani batteria dei pod per almeno 10’’ questo resetterà gli angoli di installazione, richiudere (ovviamente con le batterie incluse) i vani batteria, riaccendere il dispositivo/console. Nella fase di ri-chiusura vani batteria fare attenzione che vengano avvitati correttamente ossia che non si vada a lasciare un’intercapedine in cui potrebbe filtrare acqua e umidità e quindi danneggiare il pod.

10 Quando si smontano i Vector non si deve forzare in alcun modo il collegamento tra cavo pod-perno pedale. Tale collegamento si libera automaticamente andando a svitare il pedale

Aggiungo altri due punti:

11 Vanno SEMPRE disattivati tutti i sensori/dispositivi che non si utilizzano (es. fascia cardio, sensore cadenza, Bluetooth).

12 Il protocollo di comunicazione ANT+ (2.4GHz) può entrare in conflitto/avere interferenze con le reti WiFi. E’ consigliabile, se possibile, impostare la rete WiFi sul canale 1 o 6 per evitare interferenze e “cadute” a zero dei valori cadenza e/o potenza e/o fc. Ovviamente questo è particolarmente valido e utile in ambiente casalingo/indoor.

 

PROTOCOLLO DI VERIFICA corretto setup Garmin Vector

La sintetica guida di seguito ha lo scopo di VERIFICARE ed eventualmente correggere possibili errori nel settaggio degli “angoli”, procedura che i Garmin Vector richiedono dopo ogni sostituzione batterie e/o “fresca” installazione. Nelle ultime uscite avevo osservato anomali valori di bilanciamento e sottostime potenza, le due cose sono ovviamente correlate in quanto il prodotto è a tutti gli effetti un doppio misuratore di potenza ed una sottostima su un lato, sinistro o destro, comporta una sottostima nella sommatoria totale.

Strumenti necessari:

  • Garmin Edge 510, 810 o 1000 con ultimo aggiornamento firmware che permetta la visualizzazione dei campi efficienza pedalata sx-dx, bilanciamento sx-dx, uniformità pedalata sx-dx (visualizzabili come da impostazioni “suggerite” in pag. 5 http://www.massarob.info/2013/02/impostazione-garmin.html )
  • Una strada libera da traffico priva di vibrazioni (spiego dopo perché) o rullo, nel primo caso sono sufficienti 50-100m
  • Scarpe da bici e ovviamente i pedali Vector installati

 

Il reset degli angoli può essere effettuato togliendo le batterie dai pod per almeno 10’’. Questo primo passaggio però non mi è stato sufficiente per correggere gli errori osservati e ben evidenti di seguito con uno sbilanciamento estremamente oltre (mia, n=1) media (50 +/-2 sx/dx) quando ad intensità ~FTP e con cadenze auto-scelte in salita.

 

Immagine esemplificativa:

 bal

 

Ho quindi provveduto a smontaggio pedali e pod e rimontaggio. La procedura è relativamente semplice; consiglio di avvitare a mano e compattare pod (ed eventuale/i rondella/e tra questo e pedivella) prima di procedere a chiusura che svolgo PRIMA con chiave tradizionale e poi con controllo dinamometrica. Il pod tende a ruotare nel senso di chiusura quindi prima di utilizzare le chiavi impostate un angolo positivo rispetto all’angolo che dovrà raggiungere una volta installato definitivamente (perpendicolare rispetto alla pedivella).

 

Protocollo di verifica:

L’unica verifica (ho cercato ma non ho trovato nulla a riguardo…quindi ho sperimentato quanto di seguito) per controllare che gli angoli siano impostati correttamente e non vi siano errori e problemi nei dati registrati avviene attraverso una semplice pedalata MONOPODALICA ossia agganciando un piede e pedalando, motivo per cui sono necessarie le scarpe specifiche. Perché la strada dev’essere priva di vibrazioni? Perché il pedale libero, quello non agganciato, tenderà NATURALMENTE a ruotare sul proprio asse e questo può generare normali forze che la sensibilità dello strumento può rilevare.

Come procedere?

 

  1. Calibrazione/zeroing STATICO, ossia la procedura che va svolta SEMPRE prima di ogni uscita. Le pedivelle devono essere in posizione ORIZZONTALE
  2. Pedala poi un breve tratto a velocità e spinta costante pedalando con un singolo arto, i valori bilanciamento, efficienze e uniformità di spinta DEVONO presentare valori SOLAMENTE nel campo sx o dx a seconda dell’arto che stai utilizzando. Generalmente il valore BILANCIAMENTO non presenta errori andando su 100-0 (o viceversa) anche in presenza di angoli non correttamente impostati MA i valori uniformità ed efficienza possono essere errati e presentare valori anche sul lato/arto che non sta pedalando; questo è EVIDENTEMENTE un errore nell’impostazione degli angoli. Nelle fasi iniziali di spinta e/o in presenza di vibrazioni possono essere presenti dei valori anche nel lato non agganciato ma questi devono poi portarsi a zero. Ripeti poi ovviamente pedalando con l’arto che precedentemente non hai utilizzato. Se già in questa fase si presentano valori anomali (es 18-20 su efficienza pedalata e si sta pedalando solamente con l’arto dx!) è necessario provvedere a rimozione batterie (non sempre sufficiente) o ricontrollo (= svitare e ri-avvitare) pedali su corretti valori di coppia di serraggio
  3. Se invece si passa positivamente il punto 2, al punto 3 è opportuno effettuare una calibrazione DINAMICA ovviamente bipodalica ossia utilizzando entrambe gli arti inferiori. Questo punto è importante perché una pedalata disomogenea all’indietro su un arto porterà ad un valore sovrastimato sull’opposto in fase di spinta. E’ quindi anche una buona verifica sulla correttezza esecutiva di questa fase. Se nel punto 2 non vi sono errori e dopo la calibrazione dinamica i valori di efficienza e uniformità sempre in pedalata monopodalica sono errati…qualcosa non va nell’esecuzione della calibrazione dinamica! Tale calibrazione dev’essere il più possibile omogenea (45-60 rpm pedalando all’indietro, la prima calibrazione dopo zeroing statico richiede 8-10 rivoluzioni all’indietro). A questo punto si può ripetere quanto svolto nel punto 2.

 

Breve VIDEO dimostrativo
Campi visualizzati bilanciamento sx:dx, efficienza ed uniformità sempre sx: dx

https://www.youtube.com/watch?v=gQD6ICFzGQo&list

EDIT, per completezza indico anche procedura di valutazione statica (LINK)

Dott. Massa Roberto

operatore sportivo, allenatore, preparatore atletico, coach
Laureato in Scienze Motorie – Sport & personal trainer
website: http://massarob.info

FB: http://www.facebook.com/massarob.info
Email: http://scr.im/massarob

 

POTRESTI ESSERTI PERSO