Ancora Philipsen, che fa doppietta al Tour

26

E sono due per Jasper Philipsen (Alpecin-Deceuninck). Il belga ha vinto la quarta tappa del Tour de France in volata da Dax a Nogaro. La tappa di 182 km era destinata a essere vinta dai velocisti, con l’arrivo sul circuito Paul-Armagnac a Nogaro. Per il velocista della squadra Alpecin-Deceuninck si tratta della seconda vittoria in questo Tour del 2023 e della quarta nella sua carriera. 

Grazie a questa vittoria di tappa e al primo posto nello sprint intermedio, dove ha preceduto Bryan Coquard (Cofidis) e l’australiano Caleb Ewan (Lotto Dstiny), Philipsen ha conquistato la maglia verde, precedentemente indossata dal francese Victor Lafay (Cofidis).

Lo sprint è stato caratterizzato da diverse cadute nel finale. L’olandese Fabio Jakobsen (Soudal-Quick Step), che era in lizza per la vittoria di tappa, è caduto all’ingresso del circuito Paul-Armagnac. Un’altra caduta si è verificata a poche centinaia di metri dal traguardo tra Jonas Abrahamsen (Uno-X) e Axel Zingle (Cofidis).

Ad avere la peggio per ora Jacopo Guarnieri (Lotto Dstny) e Luis Leon Sanchez (Astana) entrambe con clavicola fratturata.

Prima di raggiungere il circuito di Nogaro, la corsa è stata relativamente tranquilla. Non ci sono state fughe fino allo sprint intermedio di Notre-Dame-des-Cyclistes al chilometro 94, dopo il quale Benoît Cosnefroy (AG2R Citroën) e Bryan Coquard (Arkéa Samsic) hanno attaccato. Usciti dalla fuga a 86 km dall’arrivo i due francesi hanno resistito 61 km prima di essere ripresi, senza mai avere più di un minuto e 30 secondi di vantaggio sul gruppo.

In giallo per il terzo giorno consecutivo Adam Yates (UAE Team Emirates) conserva la maglia di leader. Mentre Jasper Philipsen ha conquistato la maglia verde, le altre due maglie distintive sono rimaste invariate: Tadej Pogacar (UAE Team Emirates) ha conservato la maglia bianca e Neilson Powless (EF Education-EasyPost) quella a pois.

 

Commenti

  1. Doppiomisto:

    Hanno penalizzato MVDP perché la "scorrettezza" l'ha fatta lui.
    ma mdvp opera per una squadra, la cui squadra ha beneficiato di quella scorrettezza.
    oggettivamente senza quella scorrettezza philipsen arrivava come le palle del cane ieri.
  2. longjnes:

    ma mdvp opera per una squadra, la cui squadra ha beneficiato di quella scorrettezza.
    oggettivamente senza quella scorrettezza philipsen arrivava come le palle del cane ieri.
    La squadra è stata penalizzata con la retrocessione di MVDP.
    E' la prima volta che sento chiedere la richiesta di squalifica per X quando il danno lo ha procurato Y.
  3. Doppiomisto:

    La squadra è stata penalizzata con la retrocessione di MVDP.
    E' la prima volta che sento chiedere la richiesta di squalifica per X quando il danno lo ha procurato Y.
    ah beh, allora potrebbe diventare una consuetudine che l'ultimo uomo apre la strada a panzer al velocista. tanto la multa è solo 500 franchi e 13 punti per il gregario.
Articolo precedente

Philipsen il più veloce nella 3^tappa del Tour

Articolo successivo

Il “caos completo” sul circuito Paul-Armagnac al Tour

Gli ultimi articoli in News